Parsons spara su Jordan: “Ha avuto paura!”

L’ala dei Mavericks non ha mandato giù il dietrofront del lungo dei Clippers di restare a Los Angeles e non gliele ha mandate a dire.

Parsons

Di fatto la Free-Agency 2015 è finita visto che tutti i Top-Player o hanno rinnovato o hanno trovato una nuova casa in poco tempo, il colpo di scena che verrà ricordato sarà sicuramente il dietrofront di DeAndre Jordan (26 anni), prima l’accordo verbale con Dallas e poi il rinnovo con i Clippers.

Certo non ci ha fatto una bella figura ma era nei suoi diritti, il 1° di luglio si apre la Free-Agency ma solo dal 9 del medesimo mese si può mettere nero su bianco l’accordo preso nei giorni precedenti, il blitz dei Clippers in quel di Houston per convincerlo a cambiare idea ha scatenato un putiferio mediatico; il proprietario dei Mavs Mark Cuban ha rivelato che DJ per 48 ore era sparito senza rispondergli a telefonate e messaggi ma, per ora, ha glissato pensando al futuro pungendosi via Twitter col reporter Chris Broussard.

Il tutto però è nato su Twitter con la divertente guerra di emoji cominciata da J.J Redick (31 anni) e Chandler Parsons (26 anni), proprio quest’ultimo ha voluto dire la sua dopo quello accaduto negli ultimi giorni, scoccando una frecciata velenosa al lungo:

Lui non era pronto a diventare un franchise player, ha avuto paura, ha avuto paura di fare quello step. Non vedo altre motivazioni per aver deciso di cambiare idea ma questo non è una questione che spetta a me. Non credo abbia fatto un errore, credo che farà bene a Los Angeles, hanno una buona squadra, un grande playmaker, Blake, ma credo che sarebbe potuto essere una superstar qui a Dallas

Ribadendo i concetti che lo stesso Jordan aveva espresso entrando nella Free-Agency:

Continuava a ripetere che non era quello che voleva, che voleva salire di livello e diventare l’uomo più importante di una franchigia. Ripeteva di essere stanco di vivere nell’ombra, di volersi prendere l’attenzione che meritava.

A livello personale Parsons non fa drammi però difende la sua franchigia:

Non ce l’ho con lui, resteremo amici ma io non riesco a superare il modo in cui ha messo il nostro franchising in pericolo. È normale che ci siano ripensamenti, ma non puoi farlo con un impegno di questa portata. Adesso non c’è praticamente più nessuno sul mercato. Con la sua scelta DeAndre ha messo nei guai la mia squadra e un’intera città

Nella notte i Mavericks sono corsi ai ripari instaurando una trade con i Milwaukee Bucks per Zaza Pachulia (31 anni) e adesso aspettano che si risolva la situazione di Deron Williams (31 anni) con i Brooklyn Nets, in caso di riuscita i Mavs avrebbero un quintetto molto interessante ma con l’amaro in bocca per quel ruolo da 5.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Loco Dice

    Cuban si sta comportando da vero signore, pare abbia chiamato Matthews per dirgli che, dato che la situazione con DJ era cambiata, poteva tirarsi indietro anche lui.
    Jordan invece ha dimostrato di avere un intelligenza fuori dal campo pari a quella cestistica.
    Se ne vedranno delle belle al prossimo Mavs-Clips

  • mad-mel

    Salgono i brividi accostare Jordan al termine franchise player

  • 8gld

    “Adesso non c’è praticamente più nessuno sul mercato. Con la sua scelta DeAndre ha messo nei guai la mia squadra”…