Top 5 giocatori che mancano ai Playoffs

Mancano ancora dei Top-Players da vedere nella Post-Season, uno su tutti ma altri molto intriganti, che la prossima stagione possa essere quella giusta?

O perché giocano nella Conference sbagliata o perché le loro squadre non riescono a fare lo step in più, sta di fatto che ai Playoffs NBA mancano ancora dei Top-Player in azione; nell’ultima edizione hanno fatto il loro esordio 2 dei più attesi ossia Kyrie Irving (22 anni) e Kevin Love (26 anni) anche se la fortuna non li ha assistiti.

Andiamo a vedere quali sono i Top 5 Players che devono timbrare la loro presenza nella Post-Season, criterio di valutazione almeno 4 anni d’esperienza nei PRO;

Numero 5: Brandon Knight (PHX)
Eppure il buon Brandon era davvero vicino dall’andare ai Playoffs quando a febbraio 2015 vestiva i colori dei Milwaukee Bucks, poi alla Dead-Line è finito a Phoenix salutando tobias-harris-orlando-magicil sogno; in Arizona ha appena firmato un signor rinnovo da 5 anni per $70 milioni anche se i Suns hanno mancato il big-prize della Free-Agent, contando la Conference di ferro e una squadra non attrezzatissima mi sa che dovrà rimandare l’appuntamento.

Numero 4: Tobias Harris (ORL)
Nessuno ne parla mai ma il buon Tobias e tutt’altro che un brutto giocatore anzi, questa estate si è guadagnato un rinnovo da 4 anni per $64 milioni e gli Orlando Magic potranno dire la loro; Payton si è rivelato un’ottima scelta all’ultimo Draft come lo sfortunato Aaron Gordon, da questo è arrivato un promettente esterno come Mario Hezojna, più il solito Victor Oladipo e in panchina una vecchia volpe come Scott Skiles. I Playoffs potrebbero non essere un miraggio

NBA: Detroit Pistons at Denver NuggetsNumero 3: Andre Drummond (DET)
Via Monroe il pitturato in casa Pistons è tutto dello spilungone di Georgetown, ancora grezzo in certe situazioni ma fisicamente/atleticamente ha pochi eguali nella Lega, i Pistons hanno mostrato segni incoraggianti nella seconda parte di stagione con Reggie Jackson in regia, dal Draft è arrivato Stanley Johnson e, come con i Magic, si giocheranno le loro carte durante la Regular-Season

Numero 2: Greg Monroe (MIL)
Di tutti e 5 è quello che ha nettamente maggiori chance di staccare il biglietto Playoffs nella prossima stagione, ha sposato il progetto tecnico dei Bucks che proprio in quel ruolo avevano bisogno, lui è motivato e il suo valore in campo non si discute. Milwaukee, sulla carta, mina vagante dell’East!

635706126108442652-USATSI-8523676Numero 1: DeMarcus Cousins (SAC)
Da dove cominciamo? Ogni anno ci ritroviamo qui e diciamo sempre la stessa cosa “Se Cousins fa quello step in più cambia la musica a Sacramento”, la Division è di ferro con i campioni in carica dei Golden State Warriors e i Los Angeles Clippers, la Conference la conosciamo e i Kings ahimè li conosciamo pure noi; Rondo, Belinelli, Butler, Koufos sono arrivati dal mercato, dal Draft è arrivato Willie Cauley-Stein, Rudy “Mangia palloni” Gay è rimasto e in panchina c’è quel George Karl col quale DMC pare non aver legato e un Cousins NON motivato è deleterio sotto tutti i punti di vista. Sulla carta possono stare tra le prime 8 dell’Ovest…sulla carta

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • sp

    su quale carta i kings sono tra le prime 8 ad ovest? sulla gazzetta da quando belinelli è andato la? ditemi un attimo quali di queste squadre fate fuori tra spurs warriors clippers thunder rockets (1 fascia) memphis pelicans (2 fascia) jazz suns dallas (3 fascia) e ne ho messe 10 considerando sotto denver lakers portland e minnie (sulle prima tra l’altro si può discutere). i kings sono ad ovest! per i playoff ci vuole un miracolo.
    Una squadra con un rondo che l’anno scorso ha distrutto il miglior attacco della lega (cosa che dallas era prima del suo arrivo) e che con belinelli e mclemore si accoppia malissimo in difesa (per limiti personali il beli e per scarsa applicazione l’altro): in attacco sono spaziati malissimo con gay/cauley-stein/cousins/koufos che si spartiranno i minuti dei lunghi + rondo nella lega appena vinta con i 5 piccoli da golden state… cioè contro di loro fai zona 48 minuti e vinci.
    Poi vabbè il biennale a butler che ormai è fritto si commenta da solo

  • Geppetto

    A me McLemorre invece sembra proprio un buon difensore, ho visto qualche partita dei Kings anno scorso e si prendeva sempre l’esterno migliore degli avversari, con esiti tutt’altro che deludenti, anzi…

  • Geppetto

    Piuttosto il 4 chi lo fa? Gay e vanno di small ball feroce (conoscendo Karl ipotesi nemmeno da scartare…)
    Cauley-Stein? E ce la fa a tenere il campo per più di 20 minuti?