EuroBasket 2015: Italia, amarezza ma fiducia

Finisce con la qualificazione per il torneo preolimpico in vista di Rio 2016 l’Eurobasket degli azzurri, tra amarezza per un’occasione mancata e fiducia per il futuro.

Gallo-Gentile

Un Europeo che doveva e poteva dare qualcosa in più ma che comunque porta a delle solide basi, come trampolino di lancio, per la Nazionale e per tutto il movimento cestistico italiano.

Girone B assai complesso che ci vede contrapposti Turchia, Islanda (avversario rivelatosi molto ostile e pericoloso), Spagna, Germania e Serbia. Alla fine un terzo posto nel girone super meritato che per la differenza punti quasi ci vede secondi, dietro solamente a una solidissima Serbia.

Il nostro cammino inizia subito male con una sconfitta (87-89) contro la Turchia. I turchi giocano alla grande con uno stratosferico Erden da 22 punti (67% dal campo) e 8 rimbalzi. Dopo essere stati sotto anche di 16 punti gli azzurri provano una super rimonta che per un libero sbagliato e per una tripla da metà campo di Belinelli non viene portata a termine.

Il giorno dopo è subito game day contro l’Islanda. Vittoria 71-64. Partita a dir poco impensabile, gli islandesi sparano subito 5 triple consecutive e per gli azzurri si preannuncia un’altra giornata negativa ma piano piano andando in lunetta, facendo girare la palla e andando a rimbalzo è proprio la squadra di coach Simone Pianigiani a dettare le regole del match. MVP della serata Alessandro Gentile che chiude i conti con 21 punti, 5 rimbalzi e 4 assist. Tegola per gli azzurri che colpisce dove fa più male: Gigi Datome nella partita si infortuna all’adduttore destro e per lui gli europei finiscono qua.

{AC96593C-2BDE-401E-985D-C7FA5EE30828}flexibleCon una partita vinta e una persa l’Italia si appresta a sfidare gli spagnoli, reduci da un +27 rifilato alla Turchia. Partita magistrale degli azzurri, tutti giocano col cuore per dedicare la vittoria a capitan Datome. Un monumentale Gasol da 34 punti, 10 rimbalzi e 5 assist non negano infatti la sconfitta agli spagnoli.
Dalla panchina Pietro Aradori porta 11 punti e tanta grinta a rimbalzo e in difesa. Migliore in campo Marco Belinelli che nel secondo tempo realizza 7 triple consecutive e rompe gli equilibri del match, raggiungendo un bottino finale di 27 punti.

{40629247-E36F-40F8-B706-94B2252B9093}flexibleGermania-Italia ha sempre il suo fascino e anche questa partita rispetta le attese aspettative. I tedeschi partono alla grande vuoi per la rivalità con gli azzurri o vuoi perché giocano in casa, chiudono il primo quarto sopra di 5. Dennis Schroder, playmaker degli Atlanta Hawks, matta la difesa italiana, Cinciarini ed Hackett non riescono a contenerlo e il tedesco detta i ritmi del match. Un Bargnani molto positivo (17 punti  col 78% da 2) aiuta la squadra ad avvicinarsi ad una Germania determinata come non mai. Il vero protagonista però a tenere in piedi e in partita gli azzurri è Gallinari, Danilo infatti “alza la cresta” e oltre a farsi 15 viaggi in lunetta (13/15) con un canestro tutt’altro che facile regala gli overtime agli azzurri. Negli ultimi 5 minuti di gioco il prodotto di Sant’Angelo Lodigiano e la nuova guardia dei Sacramento Kings, Marco Stefano Belinelli, chiudono la questione Germania.

Con la qualificazione alla fase finale di EuroBasket 2015 ormai in pugno l’Italia si appresta ad affrontare la Serbia di Sasha Djorcevic. Teodosic e Bjelica spiegano la pallacanestro e con i loro 26 e 19 punti portano facilmente al successo la Serbia su un Italia stremata dalla battaglia vinta il giorno prima contro la Germania. L’unico positivo, percentualmente parlando, rimane Gallinari che tira 272 da 2, 2/3 da 3 e 4/5 ai liberi. Finisce 101-82 per la Serbia che chiude il girone come prima indiscussa con 5 vittorie e 0 sconfitte, l’Italia passa il girone come terza con 3 vittorie e 2 sconfitte.
Negli ottavi di finale si ritrova l’Israele che 4 anni prima ci fece dire addio ad EuroBasket 2011. Stavolta però la musica cambia e l’Italia domina dando 30 punti di scarto, risultato finale 52-82. Il migliore in campo è senza dubbio ancora una volta Alessandro Gentile, che come contro l’Islanda è l’MVP indiscusso, 27 punti in 30 minuti sul parquet e tanta leadership.

{8E84A597-92DB-4D5C-8576-3DB372EB106B}flexibleQuarti di finale: Lituania. La stessa Lituania che nella scorsa edizione ci mandò a casa senza il pass per i Mondiali di Spagna 2015. Neanche stavolta l’Italia riesce a superare questo scoglio. Partita super equilibrata con continui cambi di fronte, le squadre per 40 minuti lottano, Gentile ha la palla per la vittoria ma la difesa lituana con un abile raddoppio infrangono i sogni di gioia azzurri. Scossi dall’opportunità svanita i ragazzi di Pianigiani non incidono più e nell’overtime i Lituani vincono con un parziale di 16-6.

La penultima chiamata, si perché l’ultimissima sarebbe stata oggi contro la Lettonia, per il torneo preolimpico di Rio 2016 si chiama Repubblica Ceca.
Dopo la sconfitta contro la Lituania Gallinari ai microfoni dichiara: “Mi sono rotto le palle di perdere”. Detto fatto, l’ala dei Denver Nuggets incide e non poco nel match sia in attacco (15 punti) che in difesa (8 rimbalzi difensivi). Andrea Bargnani si leva parecchi sassolini dalla scarpa andando a referto con 21 punti grazie a 3 triple su altrettanti tentativi.

Game, set and match l’Italia supera la Repubblica Ceca 85 a 70 e il cammino azzurro prosegue.

Dal 5 al 10 luglio 2016 gli Azzurri faranno parte delle 18 squadre (3 gironi da 6 squadre, le prime staccano il biglietto per i Giochi) che si giocheranno gli ultimi 3 posti liberi per Rio 2016.
Tra le partecipanti il Canada di Andrew Wiggins e la Francia di Tony Parker aspettando la sconfitta della semifinale tra Serbia e Lituania.

Noi di NBA-Evolution abbiamo deciso di premiare Danilo Gallinari come MVP Azzurro della manifestazione viste le solide cifre messe per la squadra in ogni singola partita in cui è stato messo in campo. 18 punti, 7 rimbalzi, 3 assist e un overtime decisivo, contro la Germania, per il proseguimento in questo campionato Europeo della Nazionale italiana.

Il Mago

Il Mago

Responsabile Comunicazione e Marketing della Gagà OrziBasket. Sono uno studente di Scienze Motorie, super appassionato di pallacanestro passando dalla Serie A della mia amata Vanoli Cremona fino alla NBA dei miei New York Knicks. Già, tifo i Knicks perchè nella vita per le cose belle bisogna saper aspettare.

Nickname: Il Mago

  • Lore

    Bello tutto, dispiace per come è finita ma l’anno prossimo saremo di nuovo qua come sempre a tifare questi ragazzi!!

  • hanamichi sakuragi

    io vado controcorrente…
    ovviamente ho tifato la nazionale ed i ragazzi ma io onestamente nelle prime 4 non ci vedo.
    non c’è talento a sufficienza e manca un centro vero.
    l’italia ha dimostrato la sua forza in attacco anche se ha dipeso tanto dalle giocate individuali.
    in difesa tanto da rivedere soprattutto da parte di gallo e belinelli sul perimetro.
    ci hanno dato dentro quelli del ns campioanto.. ma secondo me se beli agli spurs avesse difeso come in nazionale col cavolo che il pop gli faceva vedere il campo.
    eccetto la prima partita ottimo il gelato… ha dato tutto impegnandosi anche in difesa.

    2 considerazioni sugli ultimi minuti con la lituania:
    sulla vaccata di gentile più che grande difesa lituania mi sembra che si sia imbucato da solo.. non credevo ai miei occhi
    sull’ot… sono rimasto stupito dal coach che non ha chiamato time out dopo 2 minuti.. si vedeva che l’inerzia era tutta dalla loro e si dovevano fermare in qualche modo.

  • Bj Elder

    Da arresto l’ultimo possesso di gentile, ci ha condannato… C’erano otto secondi abbondanti per costruire l’ultima azione e nel basket sono tanti. Comunque arrivare in semifinale anche se oltre era improbabile male non sarebbe stato… Ah complimenti a pianigiani per le rotazioni inesistenti durante tutto il secondo tempo, poi ci si chiede perché siamo arrivati cotti all’over time…

  • kaepernick

    Pianigiani non ha vinto perché non c’era stonerook e in più non ha potuto far giocare la squadra contro nessuno…

  • Su ITA-LIT per me non ci ha affossato l’ultimo possesso di Gentile ma il fatto che Gallinari è stato escluso dal gioco per 8′ del 4° periodo mentre era marcato da Kuzminkas.

    Su Facebook ho avuto uno sfogo abbastanza eccessivo e brusco ma NON contro i ragazzi e NON contro Pianigiani ma contro la Lega Basket e il suo regolamento; non stiamo più tirando su giocatori, Sassari ha meritato lo scudetto, giù il cappello dinanzi Meo Sacchetti, ma erano 7 stranieri!

    Torniamo a giocare con 2/3 stranieri per roster, diamo spazio ai giovani e nel giro di 2 anni ritiriamo su una super Nazionale come quella del 1999 o di Atene 2004.
    La scuola è una causa persa, ma se la Serie A inizia a mandare dei forti messaggi poi qualcosa si muove.

    Tolti gli NBA, Datome e Gentile, Pianigiani NON aveva rotazioni perché sono giocatori bravi ma che non sono abituati a questi palcoscenici, il campionato italiano non è più formativo come una volta e poi è chiaro che Pianigiani deve spremere il nucleo forte.

  • Bj Elder

    Fmb solito discorso che puzza di retorica, Melli e cusin avevano fatto benissimo il primo tempo e misteriosamente nella ripresa non hanno visto il campo, nessuno può dire che facendo diversamente avremmo vinto ma quantomeno arrivavano con un po’ di benzina alla fine…

  • Michael Philips

    Hanno perso perché praticamente nessuno degli azzurri sa difendere per davvero.

    I big sono stati bravi in attacco(gallinari, gentile e belinelli nella top 10 dei realizzatori del torneo) ma sono gli stessi che hanno cronici problemi dall’altra parte del campo.
    Bargnani non è stato il peggiore in fase difensiva e questo dovrebbe rendere l’idea.

    Il problema delle giovanili inesistenti è talmente ovvio che non capisco come mai non venga sviluppato. Ok, del basket non frega un cazzo a nessuno in italia, ma tanto non lo fanno nemmeno con il calcio, quindi proprio mission impossible.

    Oh e gli ultimi veri talenti usciti fuori in italia(il gallo classe ’88 e gentile classe ’92) sono figli d’arte, quindi gente che in un certo non doveva essere scoperta dal nulla. Per gli altri talentuosi, beh, la gavetta di anni e anni di panchina è servita, anche se non serve e sono già pronti.

    Su gentile: ora, mettendo da parte l’ultima giocata, voi lo vedete bene in NBA?
    Io lo vedo più pronto sia fisicamente che tatticamente di quanto lo fossero belinelli e bargnani all’epoca del draft.

  • low profile

    La nazionale più forte di sempre…diceva uno che s’è costruito una carriera da top manager a forza di cazzate.
    No dai, sono un bel gruppo e se non avessero buttato via anni tra infortuni e rinunce vigliacche magari con un pò più di chimica un risultato ad effetto lo avrebbero colto già quest’anno ma chimica a parte margini di miglioramento non ne vedo. La Serbia la Grcia la Lituania la Spagna il modo di costruire una selezione vincente lo troveranno sempre noi, boh?
    Detto questo a me sa tanto di occasione sprecata, questa Lituania non era manco vicina al massimo potenziale e dovevamo batterla. La colpa? di giocatori forti in attacco che non difendono, di specialisti difensivi (pochi) che non sanno giocare a basket e soprattutto di un allenatore sopravvalutato che non ha saputo dare un gioco ai suoi, un sistema difensivo decente e colpa più grave di tutte le partite le guarda, non le allena.
    Ci hanno ammazzato di p&r centrali, tutti nessuno escluso. La lituania che un allenatore ce l’ha e pure bravo con dei carneadi ci ha tenuto in scacco per 40’…primo p&r penetrazione , lato ribaltato seconda penetrazione uomo libero dall’arco o Val da sotto, bum canestro..noi che già facciamo schifo continuavamo a difendere a uomo, senza specialisti e senza un sistema al secondo passaggio già andavamo a zonzo per il campo. Ma cribbio fai una zona ogni tanto!!!! voglio vedere se gli chiudi le penetrazioni se lo trovano l’uomo dall’arco e comunque meglio nda fuori che fargli fare canestri facili da sotto dove Valanciunas è stato incontenibile!!

    Ma poi vogliamo parlare delle rotazioni?
    a 7 uomini nel quarto dopo 7 partite in 10 gg!?!?!?!? ma che siamo pazzi? e ci sorprendiamo che è mancata la lucidità in quell’ultimo possesso? Io mi sono stupito si, ma del fatto che ancora camminassero.

    Che poi ricapitoliamo, zero difesa, rotazioni al minimo almeno corri, non sarà un basket vincente ma con quegli uomini almeno corri…no, il mix ideale.. non difesa e possessi di 24′.. senza mai muovere palla e uomini, sempre e solo azioni col talento individuale.

    Ok si è capito, ce l’ho con Piangi-giani.

    Ah se c’era Sasha!!!!!

    Occasione persa e come dicevo sopra chimica a parte margini di miglioramento nemmeno tanti e gli altri possono solo diventare più forti, visto le tante assenze dei top players.

    Salvo il mago.
    Mi son sempre divertito a prenderlo in giro ma in questo europeo è stato encomiabile. Bravo Barg

  • white mamba

    gentile è già pronto per houston, sta perdendo solo tempo

  • mad-mel

    Andate tranquilli…questa e’ solo la punta dell’iceberg.
    L’italia e un paese allo sfascio e completamente allo sbando. E anche nello sport si vede
    Gia’ nel calcio, religione in Italia, la nazionale e’ penosa, e ‘ priva di campioni assoluti e le giovanili sono piene di stranieri e giovani italiani in serie a ce ne sono pochi.
    Ai mondiali di atletica dicesi zero medaglie.
    A tiro lo schioppo, che di solito l’Italia e’ maestra nn e stata penosa.
    Sul basket avete detto gia tutto voi.
    Eccetera

    Vedrete alle olimpiadi l’anno prox come sara’ il medagliere.
    Poi si faranno mille processi urla…come se tutti venissero dal paese delle favole.

    Detto da una che della nazionale Italiana nn gliene sbatte una mazza.

  • Shady

    gentile in nba non lo vedo… passo troppo lento per fare la guardia, fisico troppo piccolo per fare la SF… secondo me lui farebbe bene a restare in europa dato che si adatta perfettamente agli standard FIBA e rischia seriamente di essere un top5 europeo per molti anni…
    alla fine per andare in NBA o sei uno specialista come belinelli ma se non trasudi talento come il gallo (che come giocatore non ha nulla di “europeo”) rischi di fare la fine di datome… ottimo in europa e manco cagato in america (anche perche li sono “razzisti” però oggettivamente non sarebbe stato nulla più di un giocatore da rotazione…)
    quindi perchè andare a fare scarso minutaggio oltreoceano se puoi dominare in europa fra i prossimi dieci anni?

    sulla nazionale poco da dire ci mancano due pedine fondamentali per poter essere una contender: play e centro
    1)hackett è (manco troppo)genio e (troppa) sregolatezza, cinciarini per quanto bravo ha evidenti limiti
    2)il vuoto
    alla fine non puoi pensare di competere con le altre nazionali se ti mancano pedine così importanti, peccato dato che negli altri ruoli fra titolari e riserve siamo forse i più completi d’europa

  • Michael Philips

    Shady

    ” fisico troppo piccolo per fare la SF…”

    ma no dai, gentile è una bestia, 201cm per 103kg, un armadio, ecco lui sì che fisicamente può tenere botta in america. Gli altri si sono dovuti sfondare di palestra, lui invece è già così. Da sf il suo lo può dire anche nella nba. Non ha la classe di altri, ma è terriilmente pragmatico e sa combattere. Datome in nba lo davano come fallimentare già prima che la cosa iniziasse.

    “quindi perchè andare a fare scarso minutaggio oltreoceano se puoi dominare in europa fra i prossimi dieci anni?”

    questo è quello che penso fermò bodiroga, lui aveva il talento per starci come un ginobili(forse pure meglio) ma non ha avuto le palle di mettersi in gioco. Si è tenuto il suo status in europa, dove ovviamente non aveva veri rivali. Ma non ha giocati ai tempi di danilovic che pur essendo un mostro siccome era europeo quindi non lo cagavano a prescindere, no, dejan avrebbe potuto avere la stessa considerazione che diedero a gente come stojakovic ad esempio.

    Questa rimane la pecca più grossa della carriera di bodiroga.

  • zed

    Nazionale iper sopravvalutata. Quelli che dicevano la miglior nazionale di sempre sono da denuncia penale. Meneghin Dino valeva quanto tutti i ragazzi di oggi insieme. Il talento c’era ma tutto concentrato negli stessi ruoli.;cioè sulle ali grandi o piccole. Zero difesa e poco playmaking non portano lontano e con Serbia e Francia al preolimpico vedo poche chance per rio. Mel riguardo al tuo discorso sullo sport italiano sono f’accordo. La salute sportiva di una nazione si pesa sugli sport di squadra e siamo stati n crisi. Nonostante i trionfalismi per l’impresa della pennetta non ricordo un periodo peggiore per il nostro sport

  • Shady

    MP
    non che sia minuto per carità, ma rimane un giocatore a metà fra una G e una SF cosa che in america pagherebbe tantissimo, rimane troppo poco atletico per la SF, ruolo che in questo momento in america è rappresentato (mostri sacri a parte) o da guardie “evolute” ma dotate di grande tecnica o da veri e propri bisonti… inoltre gentile deve ancora imparare a mettersi su un tiro affidabile e non a sparare un airball un tiro su tre, per questo secondo me se adesso andasse in america topperebbe di brutto, e anche per il futuro non vedo così tante speranze… per me per il suo fisico starebbe quasi perfetto da 2, ma se il passo rimane quello e non smette di tirare mattoni la vedo dura