Colpo Gallinari a Houston, festa per Durant e James, Bryant beffato

Orlando Magic – Washington Wizards 88-87
ORL: Harris 15, Vucevic 10, Oladipo 17 (11 rimb), Payton 11 (10 rimb), Gordon 12, Hezonja 11
WAS: Humphries 11, Gortat 10, Beal 24, Wall 22

WallLa “House of Guards” di Washington comincia la stagione con 46 punti più canestro decisivo di John Wall per la vittoria ad Orlando; Magic avanti di 5 (87-82) a 2’ dalla fine dopo una schiacciata di Harris ma sarà anche l’ultimo canestro della loro partita, Washington chiude il match con un break di 6-0 chiuso da un floater di Wall a 12” dalla sirena finale per il +1 (87-88). Ultima chance per Harris che sbaglia il layup della vittoria.


Boston Celtics – Philadelphia 76ers 112-95

BOS: Corder 14, Smart 13, Sullinger 12, Thomas 27
PHI: Noel 14 (12 rimb), Okafor 26, Sampson 13, Canaan 18

Jahlil Okafor esordisce in NBA con 26 punti ma sono i Boston Celtics a vincere grazie ai 27 dalla panchina di Isaiah Thomas; partita decisa dall’ottimo 2° quarto dei Celtics, 30-16 con 10 punti di Thomas per il +11 (51-40) all’intervallo. Philadelphia non riuscirà ad arrivare mai oltre il -9 per il resto della partita.

Brooklyn Nets – Chicago Bulls 100-115
BKN: Johnson 10 (10 rimb), Young 12, Lopez 26, Bargnani 17
CHI: Snell 10, Mirotic 18, Gasol 16, Butler 24, Rose 15, Brooks 12

Italian Job: Bargnani 17 pt (6/12, 0/1, 5/5), 7 rimb (2 off), 1 rec, 1 persa, 1 stop in 22’

Chicago vola sul 2-0 espugnano Brooklyn malgrado un ottimo Andrea Bargnani da 17 punti in 22’; i Nets finiscono subito sotto di 16 (19-35) dopo neanche 14’, grazie ad un 2° quarto da 36 punti realizzati accorciano sul -5 (55-58) all’intervallo lungo ma Chicago è pronta a rispondere! Parziale di 10-2 nei primi 4’ del 3° quarto per tornare sul +11 (57-68) e poi break di 9-0 per il +18 (63-81) con 3’44” da giocare ancore nel 3°.

Detroit Pistons – Utah Jazz 92-87
DET: Morris 14, Drummond 18 (10 rimb), Caldwell-Pope 16, Jackson 19, Johnson 11
UTA: Hayward 13, Favors 26, Gobert 6 (12 rimb), Hood 12, Brukrs 18

Anche Detroit non risente dell’Opening e vince nuovamente stavolta in casa contro Utah, portandosi sul 2-0; finale in volata con i Jazz avanti 87-86 con 23” da giocare dopo il layup di Hayward al quale però risponde subito Reggie Jackson con la stessa moneta dopo 6”, 87-88 Pistons con Utah che non segnerà più. Caldwell-Pope (autore anche della stoppata decisiva) e Jackson chiuderanno la disputa dalla lunetta

Miami Heat – Charlotte Hornets 104-94
MIA: Deng 13, Bosh 21 (10 rimb), Wade 20, Green 19
CHA: Williams 10 (10 rimb), Jefferson 17, Waller 19, Zeller 7 ( 12 rimb), Lin 17

WadeParte bene la stagione dei Miami Heat trascinati dal rientrante Chris Bosh (21+10) contro Charlotte; ad inizio 2° periodo sono gli ospiti a comandare 28-35 e li comincerà la rimonta di Miami che dal -7 arriverà al +13 (54-41) grazie anche alla bellezza di 4 triple realizzate negli ultimi 3’50” di gioco, Charlotte non tornerà più in partita.

Toronto Raptors – Indiana Pacers 106-99
TOR: Carroll 14, Valanciunas 21 (15 rimb), DeRozan 25, Lowry 23
IND: Miles 18, George 17 (12 rimb), Mahinmi 10, Hill 19, Stuckey 16

ValanciunasIl duo DeRozan-Lowry lancia Toronto contro Indiana nel giorno del ritorno di Paul George (17 punti con 4/17 dal campo); anche qui partita decisa negli ultimi minuti,Pacers che trovano il vantaggio sul 93-95 a 2’18” dal giocare grazie a 6 punti filati di Monta Ellis, Toronto prima risponde prima con un Tap-In di Valanciunas e poi con un 2+1 di DeRozan dando vita ad un parziale di 12-2 per il +8 (105-97) a 18” dalla sirena finale.

 

Houston Rockets – Denver Nuggets 85-105
HOU: Jones 15, Harden 22, Lawson 12
DEN: Gallinari 23, Faried 18, Lauvergne 11, Mudiay 17 (11 perse), Nelson 10, Barton 11

Italian Job: Gallinari 23 pt (4/10, 3/5, 6/6), 8 rimb (1 off), 3 ass, 1 rec, 3 stop in 35’

GallinariColpo della notte firmato Denver Nuggets ma soprattutto Danilo Gallinari che con i suoi 23 punti ha trascinato alla vittoria i suoi sul campo degli Houston Rockets (privi di Howard); dopo 5’ di partita Nuggets avanti 1-12, Houston comincia la rimonta e arriva fino al -6 (63-69) a 1’50” dalla sirena della terza frazione ma li gli ospiti uccideranno la partita con un break di 7-0 per il +13 (63-76) alla sirena.


Memphis Grizzlies – Cleveland Cavaliers 76-106

MEM: Randolph 12, Gasol 12
CLE: James 12, Love 17 (13 rimb), Williams 14, Dellavedova 12, Cunningham 12

Cleveland spazza via Memphis con un LeBron James sornione e un Kevin Love in grande spolvero (17+13); match già finito dopo i primi 12’ con gli ospiti avanti 10-26 che poi toccheranno in un ameno il +20 (10-30) in apertura di 2° quarto.


Milwaukee Bucks – New York Knicks 97-122

MIL: Middleton 11, Monroe 22 (14 rimb), Carter-Williams 20, Vasquez 15, Vaughn 10
NYK: Anthony 11, Porzingiz 16, Vujacic 11, Williams 24, Galloway 16, Grant 10, Thomas 13

Carmelo Anthony spara 4/16 dal campo ma New York espugna senza difficoltà Milwaukee grazie ai 23 punti di Derrick Williams e ai 16 del rookie Porzingis; New York gioca bene il primo tempo avanti di 12 (51-63) e chiude nella ripresa le ostilità volando sul +22 (55-77)

Oklahoma City Thunder – San Antonio Spurs 112-106
OKC: Durant 22, Ibaka 10, Westbrook 33 (10 ass), Kanter 15 (16 rimb)
SAS: Aldridge 11, Leonard 32, Parker 10, Ginobili 11

DurantKevin Durant & Russell Westrbook tornano a ruggire sul parquet, combinano 55 punti nella vittoria casalinga dei Thunder contro gli Spurs dove non sono bastati i 32 di Kawhi Leonard; partita calda che logicamente non poteva non avere un finale punto-a-punto, Leonard porta San Antonio sul -2 (108-106) dopo un gioco da 3 punti a 42” e qui arriva il momento clou, Steven Adams sbaglia il layup del potenziale +3 ma si riscatta andando a stoppare Danny Green mentre stava tirando da 3 recuperando anche la sfera! Sul capovolgimento di fronte KD verrà mandato in lunetta chiudendo di fatto la partita.


Phoenix Suns – Dallas Mavericks 95-111

PHX: Knight 15, Bledsoe 13, Leuer 14, Goodwin 12, Booker 14
DAL: Nowitzki 11, Pachulia 10 (10 rimb), Felton 18, Williams 12, Powell 12, Harris 10, Barea 10, Villanueva 10

Dallas manda ben 8 giocatori in doppia-cifra a referto nella successo esterno a Phoenix; partita sotto controllo per i texani che vanno al riposo lungo sul +9 (45-54) e poi calano il sipario finale con un 3° periodo da 21-34 per il +22 (66-88). Da sottolineare l’infortunio di Deron Williams costretto a lasciare il campo.

Portland Trail Blazers – New Orleans Pelicans 112-94
POR: Leonard 12, McCollum 37, Lillard 21 (11 ass), Davis 12 (11 rimb)
NOP: Davis 25 (10 rimb), Gordon 20, Holiday 12, Anderson 21

La sorpresa della notte invece arriva da Portland dove uno scatenato C.J McCollum chiude con 37 punti trascinando insieme a Damian Lillard (21+11 assist) i Trail Blazers al successo su New Orleans; partita decisa dal superbo 1° quarto dei locali, 43-18 con McCollum autore di 22 dei suoi 37 finali con la squadra rea del 53% dal campo contro l’impietoso 25% degli ospiti!


Sacramento Kings – Los Angeles Clippers 104-11

SAC: Gay 16, Cousins 32 (13 rimb), Koufos 10, Collison 13
LAC: Griffin 33, Jordan 8 (12 rimb), Paul 18 (11 ass), Crawford 11, Pierce 12

Italian Job: Belinelli 9 pt (0/5, 3/7 da 3), 2 rimb, 7 ass, 1 rec in 31’

WigginsI soliti Clippers del duo Paul-Griffin sbancano Sacramento malgrado la doppia-doppia da 32+13 di DeMarcus Cousins; sul +13 Clippers (76-89) DeAndre Jordan commette il 5° fallo, i Kings sfruttano l’assenza e grazie alle triple di Marco Belinelli rimontano e si portano avanti sul 93-92 a metà del 4° periodo.La partita vive sul botta-e-risposta che alla fine darà ragione agli uomini di Rivers grazie a CP3 e alla freddezza di J.J Redick dalla lunetta.

Los Angeles Lakers – Minnesota Timberwolves 111-112
LAL: Bryant 24, Randle 15 (11 rimb), Hibbert 12 (10 rimb), Clarkson 14, Williams 21, Young 14
MIN: Towns 14 (12 rimb), Rubio 28 (14 ass), Martin 23, Muhammad 10

I Minnesota Timberwolves rovinano il ritorno di Kobe Bryant (24 punti con 8/24 dal campo) vincendo allo Staples Center trascinati da…Ricky Rubio! Lo spagnolo chiude con 28 punti e 14 assist l’ultimo decisivo per la vittoria dei suoi. Infatti a 3’22” L.A è sul -2 (102-104), Rubio segna col tiro dalla media, seguito da 2 liberi di Wiggins e poi l’assist per la tripla di Bjelica per il +9 T-Wolves (102-111) a 2’13” dalla sirena finale.
I Lakers non mollano, arrivano fino al -1 (111-12) e palla in mano negli ultimi 7”, Lou Williams si prenderà l’ultimo tiro ma senza fortuna.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • redbull

    Domanda, perché far prendere l ultimo tiro a lou williams?

  • WeCrediamoInKobe

    Vista la gara dei Lakers, siamo decisamente più forti dello scorso anno, ma non abbiamo gioco e non ci sono idee, rispetto Byron, non vorrei però che non sia allenatore giusto per noi. Comunque è ancora molto presto, vediamo…
    ps. Ma avete notato anche voi che Kobe ha cambiato stile di tiro , ora separa le gambe , una molto più avanti rispetto all’altra in fase di spinta, preferivo prima :p.

  • L’Ammiraglio Sterling

    E oggi, quelli che gioivano ieri, già hanno smesso…

  • lorenzo tonelli

    Peccato…speravo che almeno la prima in casa con Minnesota l’avremmo vinta…se non altro altro splendido record per Kobe…forse il più bello…20 stagioni nba con la stessa maglia…una in più di stockton..

  • Hanamichi Sakuragi

    non ho visto la partita ma quello che salta all’occhio è: pochissimi assist di squadra…
    % orribili per tutti..
    kobe.. perchè 13 triple? perchè??

  • Mell Mell

    La domada è perchè Bryant deve prendere 24 tiri?

  • Mell Mell

    Partita sui Knicks: finalmente c’è gente che si danna e mettono un pò di coglioni.
    A fare la differenza è stata la panchina.
    Derrick Williams e O’quinn creano lo strappo decisivo. Punti il primo e il secondo tanta legna.
    Galloway con le sue triple tiene al sicuro il risultato nel terzo quarto.
    Altra nota positiva Porzi, si fa sentire in difesa e anche in attacco ha mostrato ottime cose.
    Per adesso Phil ci ha visto giusto.
    Note negative: Calderon, giocatore finito e strafinito. E incredibilmente Anthony. Corpo estraneo e continua con le sue solite pecche.

    Sui Bucks: Monroe assurdo, Carter-Williams nn sa giocare a basket.
    Probabilmente sono rimasti sorpresi dalla voglia e dall’intensità dei knicks.

  • Doctor J

    Considerazioni sparse

    Miami quest’anno mi darà grandi soddisfazioni e il nostro rookie è forte forte.

    Il gallo è un fenomeno.

    Rubio da quando ha imparato a tirare?? Towns ha un potenziale enorme.

    Randle mi fa impazzire.

    Love molto meglio quest’anno, molto più coinvolto e sicuro.

    Griffin migliora di anno in anno.

    Lillard farà una stagione dalle grandi statistiche.

    Il monociglio parte in difficoltà.

    Ho dubbi su Lamarcus.

    Chiedo, come avete visto Kobe? A livello fisico e di scelte.

  • Fabio Massimo Stoppani

    Doctor J ma se proprio tu?? Direttamente da East Meadow? Dovrei quotarti punto per punto solo perché sei il Dottore 😀 Comunque concordo praticamente su tutto. Anche su Rubio…. Ieri l’ho visto incredibilmente sicuro di se al tiro. Se ha lavorato tutta l’estate su questo aspetto, forse Minnie ha trovato un giocatore che può finalmente presentare in campo. Towns davvero impressionante. Conoscevo pochissimo ma in preseason mi ha davvero sbalordito. Anthony Davis 2.0?

  • Rui85

    Ottimo avvio di stagione per i MIAMI!!!
    Bella difesa e buona distribuzione in attacco!!

  • Barone birra

    Anche quest’anno l’amico Russ sembra pronto a fare fuoco e fiamme. I clippers come al solito nella rs sembrano una corazzata ma ormai non ci credo più. Portland potrebbe essere la sorpresa dell’anno. E Kobe dopo i buoni propositi comincia a fare il Kobe; 13 tirò da a 37 anni : per la serie io penso alla squadra non a me stesso

  • Barone birra

    Cmq ad ovest ci sarà veramente da divertirsi. Ho visto che curry e Russ sono on palla come l’anno scorso. Sono i miei favoriti per l’mvp

  • gasp

    Okafor potenziale Duncan…il tocco e i movimento sono già sopraffini.
    Kobe 2014 style

  • Mettetevi una foto profilo per commentare, grazie

  • Mettetevi una foto profilo per commentare

  • Mettetevi una foto profilo

  • BigGameJames

    Ho visto 3/4 della partita dei Lakers e vi faccio la mia analisi:
    Kobe sta bene fisicamente ma ad alto livello ha solo 20 min. Nel senso che se ne gioca 30 a partita deve gestirsi per i restanti 10. Purtroppo nel 4/4 ha sbagliato molti tiri smarcato ed in ritmo, ma era evidente come fosse poco lucido.
    Russel è talentuoso ma acerbo e non difende nemmeno per sbaglio (non un caso il career high x rubio). Randle invece nell’ economia del gioco è fondamentale.
    Scott si vede che è una brava persona ma gestisce tatticamente la partita in maniera imbarazzante: il break tra il terzo e il quarto periodo è figlio di cambi scellerati e quintetti improbabili. Hibbert non è stato malvagio, ma towns giocava ad un’altra velocità e il buon Roy non l’ha nemmeno visto passare. Questo rischia veramente di essere un top player tra 2 anni. Tutto sommato i Lakers sono quello che mi aspettavo, una jump shoting team molto giovane che non difende. Ci sono delle basi per il futuro, ma per il momento possono solo far divertire in attacco perché il talento comunque c’è.

  • Hanamichi Sakuragi

    speriamo… riguardo i pochi assist sono dovuti ad egoismi o al fatto che non entravano i tiri?

  • BigGameJames

    Entrambi. Ha preso molti tiri ma rispetto allo scorso anno ha tenuto meno ferma la palla. almeno un paio se li sono fumati i compagni. Gli ultimi 2 minuti son stati gestiti bene da parte di tutta la squadra e diciamo che siamo stati anche molto ingenui (randle) e sfortunati (lou Williams).

  • BigGameJames

    Riguardo agli assist di squadra (ho capito adesso) diciamo che sono frutto di “egoismi”. Clarkson, kobe, Williams, Randle e Young non si fanno pregare…

  • Hanamichi Sakuragi

    che ppppalle cazzo…

  • L’Ammiraglio Sterling

    Regà, capisco le impressioni ed i facili entusiasmi, ma calma coi giudizi, qua già sparate sentenze a vita.

  • Doctor J

    Vedo giocatori molto interessanti usciti dall’ultimo draft.. secondo me nei prossimi anni si parlerà del draft 2015