Porzingis: “Mi piace la pressione di NY”

Siamo al Barclays Center di Brooklyn, 25 giugno 2015, NBA Draft, con la 4^ scelta assoluta i New York Knicks scelgono Kristaps Porzingis (20 anni) e i tifosi della Grande Mela si fanno riconoscere un’altra volta, fischi e cori di disappunto per la scelta fatta dalla dirigenza…oggi è tutt’altra storia!

Stanotte vittoria interna per i Knicks contro gli Hornets con career-high del lettone (29 punti) che ha deliziato il critico pubblico del Madison Square Garden con giocate sontuose come il “Dream-Shake” eseguito ai danni di Frank Kaminsky (22 anni);giocare a New York non è facile ma il lettone ha accolto la sfida ammettendo che giocare in un ambiente così passionale lo stimola molto, queste le sue parole a Michael Lee di NBA On Yahoo:

La notte del Draft avevo percepito la passione con la quale i fans vivono la pallacanestro e che ci sarebbe stata molta pressione, lo sapevo ma io volevo lo stesso giocare per New York perché mi piace giocare sotto pressione, sapevo che qui si possono fare grandi cose nel futuro. I tifosi possono dire quello che vogliono, se tu non dai il tuo massimo e perdi non puoi andare a dirli di smettere. Devi essere concentrato e lottare sul campo, così conquisterai il rispetto dei tifosi.

Infine ha concluso parafrasando, indirettamente, una strofa di Jay-Z in “Empire State Of Mind” con Alicia Keys:

Se hai successo a New York puoi farcela ovunque

Jay-Z cantava “Since I made it here, I can make it anywhere” ma il succo non cambia, Porzingis ad oggi è nettamente il miglior giocatore dei Knicks per rendimento e costanza (12.8 punti e 8.6 rimbalzi), la sua schiacciata in Tap-In è diventato un marchio di fabbrica e i margini di miglioramento sono immensi.

Intanto i media sono già impazziti, dopo la “Linsanity” adesso…

CUEl_XHWoAEu7io.jpg-large

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B