NFL Tuesday 19: Recap della Week #11!

San Diego Chargers – Kansas City Chiefs 3-33

I Chiefs passano a San Diego massacrando i padroni di casa sotto 33 pesantissimi punti. I Chargers rimangono in partita fino a fine secondo quarto solo perchè Kansas City non riesce a concretizzare alcuni buoni drive con altrettante segnature. Nonostante il grave infortunio che priva i Chiefs di Jamaal Charles, uno dei “back” più forti della Lega, Smith&Co inanellano la loro quarta vittoria di fila e si ripropongono prepotentemente per un posto wild card. La squadra di Coach Reid, che riesce ad imbrigliare Rivers (19 su 30 per 178 yards e 1 intercetto) impedendogli le consuete giocate sul profondo, si toglie anche lo sfizio di segnare una meta con una corsa del defensive tackle Dontari Poe. Poe diventa il giocatore più pesante (156 kg…) ad aver mai segnato un touchdown!!

Link: La prima di Dontari!

Philadelphia Eagles – Tampa Bay Buccaneers 17-45

WinstonIl processo di maturazione di Jameis Winston (19 su 29 per 246 yards e 5 td) continua a suon di buone prestazioni e, in questa domenica, l’ex stella di Florida State guida i suoi Buccaneers ad una pesantissima vittoria in casa degli Eagles. Winston diventa il terzo rookie della storia a firmare 5 td in una partita (Stafford nel 2009 e Buivid nel 1937 gli altri due). Philadelphia parte bene e Mark Sanchez (26 su 41 per 261 yards 2 td e 3 intercetti) trova Josh Huff per il vantaggio dei padroni di casa. Da lì in poi però i Bucs cancellano sostanzialmente dal campo i padroni di casa, fanno venire gli incubi a Sanchez e ammassano 45 punti su quella che veniva considerata una delle difese più solide della Lega. Doug Martin, in giornata di grazia, aiuta Winston correndo per 235 (su 27 corse) e Tampa Bay si issa quindi sul 5-5 di record e, complice la strisciante crisi in casa Atlanta, può anche sognare di fare il colpaccio in chiave wild card.

Link: La gran giornata di Jameis

Carolina Panthers – Washington Redskins 44-16

NewtonI Panthers maltrattano anche i Redskins e mantengono l’imbattibilità portandosi sul 10-0. Il ritorno di kick-off di Andre Roberts in touchdown pareggia lo score sul 14 pari a fine primo quarto e tutto sembra far presagire ad una partita punto a punto. La difesa di Carolina chiude invece la serratura e al resto pensa super Cam Newton (21 su 34 per 246 yards, 5 td ) che, aiutato dall’ottima prestazione del running back Stewart (102 yards su 21 portate), guida l’attacco della franchigia biancoceleste alla vittoria. I Redskins, dopo il citato buon inizio, spariscono offensivamente dal campo e la totale assenza di un running game decente non aiuta Cousins (22 su 30 per 207 yards 1 td e 1 intercetto per l’ex Michigan State).

Link: Newton affonda i Redskins

Baltimore Ravens – St. Louis Rams 16-13

I Ravens si tolgono una delle rare soddisfazioni di questo disgraziato 2015 battendo i Rams con un field goal di Justin Tucker a tempo scaduto. Baltimore entra nel quarto quarto sotto 13-3 ma Flacco (27 su 44 per 299 yards 1 td e 2 intercetti) prima trova Aiken per il td che accorcia le distanze, poi disegna i due drive che portano ai due calci decisivi di Tucker. A fine gara emerge la notizia che Flacco si è rotto il legamento anteriore del ginocchio sinistro (infortunio accaduto in una delle ultimissime azioni della partita). Si ferma quindi a 122 la striscia di partite consecutive giocate dall’ex prodotto di Delaware che, dal suo debutto in NFL nel 2008, non aveva mai saltato una partita. I Rams, che schieravano Case Keenum (12 su 26 per 136 yards 1 td e 1 intercetto) in cabina di regia al posto di Nick Foles, pagano la giornataccia di Todd Gurley (66 yards su 25 portate e 1 td) e vanificano l’ennesima ottima prova della propria difesa.

Seattle Seahawks – San Francisco 49ers 29-13

Seattle ha vita facile contro i bistrattati 49ers e grazie alla prova monstre di Thomas Rawls (209 yards su 30 portate 1 td su corsa e 1 su ricezione) si riporta in linea di galleggiamento per un posto wild card: il running back prodotto di Central Michigan non fa rimpiangere l’assente Marshawn Lynch e fa a fette la difesa di San Francisco per tutta la partita. Russell Wilson (24 su 29 per 260 yards e 3 td) gioca una partita priva di particolari errori e la difesa dei padroni di casa imbriglia lo sterile attacco dei Niners per gran parte del match. A margine della contesa emergono le voci che danno la franchigia della Baia pronta a privarsi, in fase di mercato, del quarterback Colin Kaepernick (che salterà il resto della stagione per un infortunio alla spalla).

Link: L’allievo sta imparando

Houston Texans – New York Jets 24-17

Schermata 2015-11-24 alle 14.27.18I Texans, guidati dal terzo quarterback stagionale T.J. Yates, trovano la terza vittoria consecutiva e rimangono incollati ai Colts in vetta alla AFC South. A farne le spese sono i New York Jets che, alla quarta sconfitta nelle ultime cinque, vedono seriamente in pericolo la possibilità di competere per una wild card. Il touchdown di Brandon Marshall ben imbeccato da un discontinuo Ryan Fitzpatrick (19 su 39 per 216 yards, 1 td e 2 intercetti) riporta in parità la franchigia biancoverde. Houston però reagisce alla grande, nel giro di quattro minuti si porta avanti di due segnature (Blue e il solito Hopkins) e tiene ai tentavi di rimonta dei Jets nel finale.

Link: Il trick play che non ti aspetti

Detroit Lions – Oakland Raiders 18-13

In maniera simile ai Jets, anche i Raiders si stanno sciogliendo piano piano e in casa dei Lions incassano la loro terza sconfitta consecutiva. Derek Carr (13 su 25 per 169 yards) non gioca la sua partita più brillante ma, complici i consueti problemi dell’attacco dei Lions, riesce ad issare Oakland al vantaggio 13-9 a fine terzo quarto. Nel drive successivo Matthew Stafford (22 su 35 per 282 yards e 1 td su corsa) riesce però a riportare i Lions davanti con una corsa in endzone. Al resto pensa poi la difesa dei padroni di casa che non deve faticare troppo per contere Carr&Co

Link: Il td su corsa di Stafford

Jacksonville Jaguars – Tennessee Titans 19-13

BortlesJacksonville riesce a mantenere vive le speranze playoff con una sofferta vittoria sui rivali divisionali di Tennessee. La partita è oggettivamente brutta e non si vede un touchdown fino a fine terzo quarto quando Marcus Mariota (22 su 35 per 231 yards e 1 td su corsa) buca la difesa dei Jaguars e firma il td che da il vantaggio ai Titans. La partita sembra infilata sui binari di Tennessee ma un punt return di Rashad Greene (63 yards) regala una posizione di campo invidiabile ai Jaguars che, nell’azione seguente, trovano la meta con la combo Blake Bortles-Julius Thomas per il definitivo vantaggio-Jacksonville.

Link: Mariota versione Oregon

Atlanta Falcons – Indianapolis Colts 21-24

BradshawAdesso in Georgia c’è un problema. I Falcons subiscono la quarta sconfitta in cinque partite e si fanno rimontare dai Colts che, sul 21-7 per i padroni, sembravano realmente spacciati. Matt Ryan (25 su 46 per 280 yards 3 td e 3 intercetti per l’ex Boston College) si fa intercettare due volte nel quarto quarto e favorisce la rimonta dei Colts che, guidati dal veterano Matt Hasselbeck (23 su 32 per 213 yards 2 td e 2 intercetti), passano con un calcio del solito Adam Vinatieri a meno di un minuto dal termine della partita. Nelle file di Atlanta si registrano l’uscita per infortunio di Devonta Freeman e la consueta partita monstre di Julio Jones (160 yards su 9 ricezioni).

Link: La doppietta di DiMarco

Chicago Bears – Denver Broncos 15-17

AndersonCon Peyton Manning fuori uso, Brock Osweiler (draftato nello stesso anno dell’arrivo in Colorado del leggendario n. 18) ha finalmente la chance di poter partire titolare in una partita delicatissima. I Bears vengono da alcuni risultati positivi puntano a consolidare i recenti successi fra le mura amiche. Quello che ne esce è, sostanzialmente, una partita dominata dalle due difese (Osweiler viene “sackato” ben cinque volte) che viene decisa da una singola e ultima giocata. Jeremy Langford trova la meta del -2 a meno di trenta secondi dalla fine ma i Bears falliscono la conversione da due punti e la partita si chiude con la vittoria degli ospiti. Jay Cutler (18 su 32 per 256 yards e 1 intercetto) non brilla particolarmente mentre Osweiler (20 su 27 per 250 yards e 2 td), aiutato da una buona giornata dei suoi running backs (Hillman in particolare), gioca una partita di sostanza non commettendo errori e mettendo la propria squadra nella possibilità di vincere

Link: Osweiler rompe il ghiaccio grazie a Demaryus

Miami Dolphins – Dallas Cowboys 14-24

CowboysTony Romo (18 su 28 per 227 yards 2 td e 2 intercetti) torna dopo due mesi a guidare i Cowboys e, nonostante qualche errorino, la differenza si vede subito. La leadership dell’ex Eastern Illinois conduce i texani alla vittoria dopo ben sette sconfitte e, complice lo stentare dei rivali divisionali, ri-propone i ‘Boys come temibili avversari per la conquista di un posto playoff. In Florida, Dallas scappa subito sul 14-0 ma viene riacciffata dai Dolphins quando Tannehill (13 su 24 per 188 yards 2 td e 1 intercetto) trova Kenny Stills per la segnatura del pareggio-Miami. A differenza delle precedenti domeniche, Dallas non si scompone e fa quadrato intorno al suo quarterback che, trovando in endzone Dez Bryant, acquisisce quello che sarà il vantaggio definitivo per i texani. A fine partita arrivano anche le buone notizie “dagli altri campi” (sconfitte di Eagles e Redskins) a rendere ancora più dolce la trasferta in Florida per gli uomini di Coach Garrett.

Link: Sono tornati

Minnesota Vikings – Green Bay Packers 13-30

RodgersIn Minnesota aspettavano questa partita con la concreta speranza di schiantare i Packers e ribadire il cambio della guardia ai vertici della NFC North. E invece l’inaspettata giornataccia del running back Adrian Peterson complica i piani dei padroni di casa che, nonostante una buona prova del quarterback Teddy Bridgewater (25 su 37 per 296 e 1 td), affondano di fronte ai Packers. Aaron Rodgers (16 su 34 per 212 yards e 2 td) non mette su cifre monstre ma trova, dopo qualche settimana, l’aiuto sia del running game (in evidenza Eddie Lacy) che della difesa (che mette sotto costante pressione Bridgewater). I Packers possono così raggiungere i Vikings in vetta alla NFC North per una lotta che si preannuncia serrata fino a Natale.

Link: Rodgers va sul sicuro

Arizona Cardinals – Cincinnati Bengals 34– 31

PalmerDopo la sorprendente sconfitta contro i Texans, i Bengals cadono anche in Arizona. A differenza della deludente prestazione della scorsa settimana, Andy Dalton (22 su 39 per 315 yards 2 td) guida i suoi ad una sostanziosa rimonta che riporta in parità un match che, sul 28-14 per i padroni di casa a fine terzo quarto, sembrava concluso. Ma l’ex TCU guida i drive che portano i Bengals a segnare due mete che, assieme ad un field goal di Nugent a poco più di un minuto dalla fine, impattano il risultato sul 31 pari. Carson Palmer (20 su 31 per 317 yards 4 td e 2 intercetti) però fa marciare l’attacco dei Cardinals per tutto il campo e, complice una ridicola penalità sul defensive tackle dei Bengals Domata Peko, riescono a trovarsi in posizione per consentire a Chandler Catanzaro di calciare l’ovale fra i pali portando a casa la W. Da sottolineare la prova stellare del rookie wide receiver J.J. Nelson, prodotto di UAB, che mette in fila 142 yards su 4 ricezioni e un touchdown: l’ennesima freccia all’arco di coach Bruce Arians.

Link: Carson per J.J. per il touchdown Cardinals

New England Patriots – Buffalo Bills 20-13

WhiteA Rex Ryan non riesce lo sgambetto ai Patriots che riescono ad avere la meglio dei Bills con una prova di sostanza in cui, per una volta, non è Tom Brady (20 su 39 per 277 yards 1 td e 1 intercetto) a fare la differenza per i padroni di casa. La difesa di Coach Belichick tiene infatti in scacco l’attacco dei Bills concedendo il minimo a Tyrod Taylor (20 su 36 per 233 yards) e imbottigliando LeSean McCoy che, al di là di una corsa da trenta yards, non riesce a fare la differenza. Peccato per gli ospiti perchè la difesa era riuscita a tenere i Patriots al minimo di punti stagionale e a limitare Gronkowski come nessun altro in questa stagione. Ad emergere fra i Patriots sono James White (che sigla due touchdown al debutto) e Danny Amendola (117 yards su 9 ricezioni per il prodotto di Texas Tech) che deve però lasciare per infortunio nel corso del terzo quarto.

Link: James White a qualsiasi costo

Next Week

Detroit-Philadelphia
Dallas-Carolina
Green Bay-Chicago
Houston-New Orleans
Cincinnati-St. Louis
Atlanta-Minnesota
Washington-New York Giants
Indianapolis-Tampa Bay
Kansas City-Buffalo
Tennessee-Oakland
Jacksonville-San Diego
New York Jets-Miami
San Francisco-Arizona
Pittsburgh-Seattle
Denver-New England
Cleveland-Baltimore

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G