James niente prigionieri: meeting di squadra!

Stanotte i Cleveland Cavaliers dovranno affrontare un test molto importante viste le loro difficoltà in trasferta in questo inizio stagione (3-4), la banda di coach David Blatt giocherà in quel di Charlotte dove gli Hornets sono 7-1 tra le mura della Time Warner Cable Arena, LeBron James (30 anni) si aspetta una reazione dai suoi.

La sconfitta a Toronto non è andata giù al “King” che, insieme a James Jones (35 anni), ha convocato subito dopo il resto della squadra per parlare della mentalità con la quale si affrontano le partite; è abbastanza evidenza che James vuole tenere molto alta la concentrazione della squadra ogni singola notte e anche le sue parole nel post-partita hanno dimostrato la sua volontà:

È tutta una questione di mentalità, è un qualcosa che non si può insegnare in questo momento, è una cosa che viene da dentro. Io sono stato sempre educato a dare il massimo e a mettercela tutta nella vita, o ce l’hai non non ce l’hai.

Già dopo la sconfitta contro Milwaukee LeBron aveva bacchettato la squadra (CLICCA QUI per leggere) per l’atteggiamento in campo compreso lui stesso, anche il veterano Jones ha espresso la sua in merito:

La sconfitta contro i Raptors ha rappresentato il come abbiamo giocato tutte le partite fino adesso, non siamo abbastanza concreti, non stiamo giocando con il giusto livello di fisicità e quindi i risultati di squadra non arrivano.

I Cavs sono ancora primi nella Eastern Conference con 11-4 (8-0 in casa) con un calendario non impossibile fino al 17/12 quando alla Quicken Loans Arenas arriverà la “Premiata Ditta” di Oklahoma City, James fa bene a tenere tutti sull’attenti ma dovrebbe prendere ispirazione dal QB dei Green Bay Packers Aaron Rodgers quando, ad inizio della passata stagione con i suoi partiti 1-2, disse facendo lo spelling: “R-E-L-A-X

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B