Wade glaciale contro OKC, colpo Nuggets!

Miami Heat – Oklahoma City Thunder 97-95
MIA: Bosh 16, Whitesode 11, Wade 28, Dragic 14, McRoberts 12
OKC: Durant 25, Westbrook 25, Waiters 13, Kanter 10

WadeMiami batte in volata Oklahoma City grazie ai 28 punti di Dwyane Wade e alla sua freddezza dalla lunetta, vani i 50 punti del duo Durant-Westbrook; finale in volata con Durantc he a92” spara la tripla del sorpasso OKC (93-95), lo stesso KD a 47” ha la chance di uccidere la partita ma sbaglia la bomba e D-Wade non perdona!
Prima segna il floater del pareggio e poi, dopo l’ennesima tripla sbagliata da Durant, si conquista il fallo facendo 2/2 dalla lunetta per il +2 97-95) a 1” dalla fine, stavolta è Westbrook che cerca la tripla della vittoria ma senza fortuna.

Toronto Raptors – Denver Nuggets 105-106
TOR: Carroll 10, DeRozan 34, Lowry 16, Joseph 15
DEN: Gallinari 21, Arthu 19, Lauvergne 14 (10 rimb), Mudiay 12, VBarton 22

Italian Job: Gallinari 21 pt (4/6, 3/7, 4/4), 5 rimb (1 off), 3 ass in 35’

GallinariDopo 8 sconfitte consecutive tornano al successo i Denver Nuggets vincendo niente meno che a Toronto con un ottimo Danilo Gallinari; ospiti che entrano avanti di 6 (96-102) negli ultimi 37”, Toronto prova la rimonta e arriva sul -3 e possesso a 11” ma Lowry sbaglia il layup del possibile -1, Foye e Barton saranno perfetti dalla lunetta e assicureranno la vittoria a Denver.

Utah Jazz – Orlando Magic 94-103
UTA: Hayward 24, Favors 12 (10 rimb), Burke 13, Burks 21
ORL: Harris 17, Vucevic 16, Fournier 14, Payton 14, Oladipo 14, Nicholson 14

Orlando vince a Salt lake City e registra la 5^ vittoria consecutiva mandando 6 giocatori in doppia-cifra; Jazz sul +1 (78-77) ad inizio 4°, Orlando riesce subito a trovare il parziale per capovolgere la situazione e la tripla di Evan Fournier a 5’09” dalla conclusine vale sul +8 (84-92), vantaggio poi difeso fino alla fine.

Memphis Grizzlies – San Antonio Spurs 83-103
MEM: J.Green 10, Gasol 15, Conley 15, Chalmers 15
SAS: Leonard 27, Aldridge 18, Duncan 6 (10 rimb), Parker 17, Ginobili 13

LeonardAlta notte e altro massacro firmato dai San Antonio Spurs di Kawhi Leonard, stavolta le vittime i Memphis Grizzlies; dopo aver chiuso i primi 24’ avanti 36-45 grazie al canestro sulla sirena di Parker, i texani uccidono subito in apertura la partita con 2 triple consecutive di Leonard per il 36-51 senza più girarsi indietro.

Portland Trail Blazers – Indiana Pacers 123-111
POR: Aminu 13, Plumlee 12 (10 rimb), McCollum 21, Lillard 26, Crabbe 18, Leonard 12
IND: Miles 27, George 11, Mahinmi 10, G.Hill 18, Stuckey 17, J.Hill 10, Budinger 10

Paul George non è in serata (4/17 dal campo) e Indiana vede la sua striscia di 6 vittorie consecutive fermarsi in quel di Portland per mano di Damian Lillard; Trail Blazers che rimontano, si portano in vantaggio ma non riescono a dare quel colpo di reni per staccare gli avversari, a 4’13” dalla sirena finale Indiana è sul -4 e qui arriva l’eroe della partita, Allen Crabbe che spara la tripla del +7 (116-109) seguito poi dal layup di Leonard per il +9 che di fatto chiuderà i giochi Crabbe ha realizzato 11 dei suoi 18 punti nel 4° periodo.

Sacramento Kings – Boston Celtics 97-114
SAC: Gay 18, Cousins 16, McLemore 11, Koufos 7 (10 rimb)
BOS: Crwoder 20, Bradley 20, Thomas 21, Olynyk 21

Italian Job: Belinelli 5 pt (1/3, 1/5 da 3), 3 rimb, 2 ass, 1 persa in 25’

NBA Global Game in quel di Mexico City con i Boston Celtics che battono i Sacramento Kings dell’ex Rajon Rondo pure espulso durante la partita; Celtics che si impono subito dopo il 1° quarto sul 17-32 grazie a 7 punti consecutivi di Kelly Olynyk negli ultimi 106”, Sacramento non entrerà mai in partita e finirà anche sul -20 (83-103)

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Ma con quel contratto offerto a Kanter, perchè lo fanno giocare cosi’ poco?

  • lorenzo tonelli

    1/4 di stagione pressoché andato..a me sembra che i Thunder di Donovan siano purtroppo per loro simili a quelli di Brooks…attacco palla in mano ai soliti due..difesa lasciamo perdere…ai play-off giocando cosi vincono solo a scopone anche quest’anno

  • Massu4

    Ma Durant perché si è messo a fare il bulletto con Dragic? Quest’ultimo nemmeno l’ha sfiorato…
    Bah…

  • Michael Philips

    Hai ragione, ma davvero si pensava che questi due avrebbero giocato in modo diverso? Ma sopratutto, avendo kd e russ e poi il nulla in grado di crearsi un tiro da solo, quale sarebbe l’alternativa? Non sono gli spurs e non sono i warriors che in campo hanno sempre 5 giocatori in grado almeno di passarla bene e difendere.

  • Michael Philips

    Leonard si gode l’oblio in cui i media continuano a tenerlo e nel mentre risulta il miglior giocatore sul lato difensivo e in attacco è ormai elite. Ah, già che aveva qualcosa da sistemare ora sta tirando da 3 con il 50%, così tanto per, n.1 in NBA in un categoria che difficilmente si associa ad un dpoty.

  • michele

    beh tu affermi sempre che Durant è poco considerato dai media ( che poi non è neanche vero, basti vedere il putiferio di inizio stagione dopo che espn lo ha dato per certo ai lakers come FA l’anno prossimo), che si dovrebbe dire appunto di Leonard? :)…..

  • lorenzo tonelli

    Difatti io non sorpreso di come giocano…io sono sorpreso di come vengano considerati papabili al titolo…sono solo 3 le squadre papabili al titolo…warriors cavs e spurs…giocando come i Thunder ai play-off con queste tre sopra al massimo puoi vincere 2/3 partite perché ai un mare di talento offensivo..ma mai una serie..

  • michele

    beh gli heat erano molto simili ai thunder e hanno vinto due titoli…pero’ quelli sapevano difendere, i thunder mi pare abbiano qualche problema in tal senso.

  • Michael Philips

    ahah, si dovrebbe dire quello che ho già scritto sopra e in altri commenti.

    Durant non viene particolarmente considerato dai media per ciò che sa fare in campo(lasciamo stare ciò che succede fuori).
    Quando vinse l’mvp 2014 facendo 32+7+5.5 tirando da dio e piazzando un filotto di vittorie+performance da 37pts di meda(senza westbrook) ne parlarono sì, ma è chiaro che non è un personaggio commerciabile come altri. Su questo c’è poco da dire.
    Lui di hype ne ha ricevuto pochino, sopratutto considerando cosa ha fatto in questa lega fin da quando aveva solo 20 anni.

    Sai, almeno leonard lo ignorano(ingiustamente)anche perché a lui importa meno di zero dell’aspetto mediatico della nba. Ma un durant ha sempre voluto essere quello che è stato kobe, quello che è lebron e ora è diventato curry: il volto della nba, ma non ci è mai riuscito.

  • Michael Philips

    ma lo so, comunque credo che c’è molto tempo prima dei playoffs e se questi riescono a stare sani e ingranano son cazzi. Dico questo perché comunque pure loro hanno un record già viziato dall’assenza del loro go-to-guy.

    Insomma, non ci si fa caso, ma togli curry ai warrios per due settimane, lebron dai cavs, griffn ai clippers, leonard e p.george e vediamo come se la cavano i rispettivi team.

    Credo che il 20-0 dei warriors abbia fatto perdere la percezione del valore di alcune contender. Gli spurs giocando normalmente e senza lottare come dei matti stanno ad un ottimo 16-4. Cavs senza secondo violino e shump stanno a 13-5. Entrambe possono battre i warriors e comunque navigano a ritmi da 60+vittorie stagionali.

    I thunder voglio vederli con 20 gare filate senza assenze pesanti.

  • mad-mel

    Il problema è che neanche gli stessi Westbrook e Durant sanno difendere.
    Io ripeto qst coppia è anticompletare. Alla fine fanno gli stessi movimenti, prendono gli stessi tiri o simili e a grandi linee hanno le stesse soluzioni.
    Stanotte nel finale del quarto quarto è stato durant a prendere i tiri e Russel a gurdare.
    La prossima partita si potranno invertire i ruoli ma la sostanza è quella.
    Cmq a me sembra che Durant abbia subito un involuzione a livello di soluzioni offensive.
    Si intestardisce troppo da tre. Gioca praticamente da guardia. Sarebbe molto ma molto piu letale da vicino.
    La cosa che mi preoccupa è che non sta migliorando di anno. Mi sembra lo stesso di due anni fa.

  • mad-mel

    Beh le prime tre sconfitte consecutive di novembre i thunder erano al completo.
    E qui si diceva giustamente, il nuovo coach deve prendere le misure.
    Nelle ultime due sconfitte non avevano assenze.
    Aspettiamo ma a me la situazione sembra ben delineata. Cioè è sempre la solita.

  • michele

    Durant paga un po’ di fattori: gioca in una piazza poco felice ( se va a Boston cambierà tutto eheheh), ha avuto diversi infortuni, ha un compagno che a volte lo oscura, non ha ancora vinto un titolo. Curry un titolo lo ha vinto e sembra avere ancora più fame di prima….poi vedremo ai playoff, una serie tra warriors e thunder puo’ essere uno spettacolo assurdo, Curry e il sistema dei dubs contro due giocatori che sono in grado di prestazioni onnipotenti. A naso pero’ i thunder sembrano per ora un gradino sotto golden state e spurs, che sono due vere squadre e non due fuoriclasse più il resto.

  • Michael Philips

    oddio in attacco che gli manca? Il gioco in post, poi? Eccelle in tutto. Segna in tanti modi e riguardo il suo tirar da 3 ti dico due cose:
    considerato che da 3 tira con il 46% direi che fa bene a continuare, e poi oh, tutti in questa lega stanno esagerando con le triple. Ma fino a quando entrano fanno bene. Non è un davis che avendo più istinti per giocare nel pitturato in una estate ha provato a reinventarsi tiratore da 3. KD è una vita che tira bene dai 7,25.

    Comunque come diceva michele, lebron e wade hanno vinto due anelli giocando più o meno così. L’unica differenza è che westbrook e durant non hanno mai difeso. Lì e solo lì stanno i loro demeriti.

  • Michael Philips

    Altro che durant, se i nets riescono a far schifo abbastanza non è che boston rischia di beccarsi quella roba immonda che è ben simmons?

  • In Your Weis

    Beh proprio simili agli Heat non direi, lì dopo il 1° anno si è capito che ci stavano un n.1 ed un n.2 (ed anche un n.3 piuttosto buono, ben altro attaccante rispetto ad Ibaka), ad OKC si continua con l’idea che Russell e KD siano i vertici di un mostro a due teste, che in teoria danno maggiore imprevedibilità all’attacco

    Io non so se le cose funzionino così, non ricordo squadre vincere senza avere un go to guy delineato, parlo ovviamente di squadre che hanno 2 superstars, non degli Spurs. Perfino i Lakers di inizio millennio avevano in Shaq l’uomo di punta, e questo anche se Kobe ne faceva 30 a partita. Ma il gioco cominciava in post

    Io penso che due esterni così di talento finiscono, volenti o nolenti, a pestarsi i piedi. Per assurdo, forse OKC sarebbe più competitiva scambiando uno dei due per prendere un 2° violino vero, e dando maggiore spazio a Kanter o chi per lui come 3°

  • mad-mel

    Durant in carriera tira con il 40 risicato. Non guardare le stat di qst 13 partite. Non è un campione affidabile.
    Non è curry da tre.
    Appunto eccelle anche in altre cose…se giocasse sui 5 m e magari si con qualche movimento spalle a canestro oltre a essere micidiale lui gioverebbe enormemente anche westbrook. Sarebbero devastanti.
    Immagina un Stockton-malone reinterpretato in qst lega attuale.
    Wade e Lebron oltre a difendere, esisteva anche una gerarchia ben definita e si pestavano molto meno i piedi.

  • michele

    ci vorrebbe una sculata clamorosa tipo spurs 97……i nets credo abbiano le qualità per riemergere, non faranno i playoff ma attorno alle 30 W magari ci arrivano ( a meno che non si rompa brocco lopez), mentre sixers e lakers a stento arriveranno a 20 W.

  • Michael Philips

    Durant negli ultimi 4 anni ha tirato con il 40% da 3, che da come ne parli sembra una % appena dignitosa, quando invece è già sinonimo di eccellenza in materia. Se uno riesce come lui a tirare fuori ritmo da 7 metri in testa alla gente con quelle % si fa dura limitarsi per andare a tirare dalla media.

    Guarda leonard, che sta tirando da 3 con il 50% eppure il meglio lo da dalla media e sopratutto nel pitturato. Ma se ti entrano da lontano, tu continui a tirare.

    Lebron sì che farebbe meglio a limitare i tentativi dalla lunga, che tanto non è molto affidabile già che ti mette i tiri contestati e ti sbaglia i piazzati.

    Vero che negli heat dal 2012 c’è stata una gerarchia chiara, ma questo è stato possibile perché wade si è fatto parte perché lebron era chiaramente superiore, mentre nei thunder non c’è tutta questa differenza ormai(come invece c’era quando arrivarono alle finals proprio contro gli heat) e quindi se da un lato durant sarebbe il leader tecnico, il trascinatore emotivo rimane westbrook.