Kansas, Cheick Diallo torna in campo!

La stagione di Kansas è probabilmente cambiata il pomeriggio del 25 Novembre nella sala riunioni del Westin Hotel alle Hawai, una semplice frase da parte dei dirigenti:

Cheik puoi giocare, è tutto risolo

Parliamo di Cheick Diallo, un ragazzone altro più di 2 metri che in pochi minuti torna qual bambino con la passione viscerale per questo sport e crolla fra le braccia di Coach Bills Self che tanto si è battuto per la sua “liberazione” arrivata dopo una battaglia prolungatasi per ben 6 mesi con coach Self impegnato a difendere il suo giocatore difronte alla NCAA che lo aveva sospeso per 5 partite causa violazione del regolamento per aver ricevuto dei benefici economici ($165).

Durante il suo ultimo anno alla Our Savior New American High School ha chiuso con 17,6 punti, 10,5 rimbalzi e 2,5 stoppate, portando a casa il premio di New York Gatorade player of the Year oltre al premio di MVP del McDonald’s All-American Game e al Jordan Brand Classic.

Kansas cosi ritrova un grande giocatore che la fa nuovamente salire nella ristretta cerchia delle candidate al titolo di campione nazionale. Diallo può portare molto atletismo in attacco e ottime skill difensive, lo staff dei JayHawks e tutto noi potremmo cosi iniziare a vedere in campo un giocatore dal grande potenziale.

Il nativo di Centereach ha esordito l’1/12  contro Loyola chiudendo a referto con 13 punti in 16′, invece solo 7′ e 4 punti contro Harvard, in entrambe le partite Kansas ha vinto.

Diallo che comunque era già considerato una sicura prima scelta al prossimo draft vede consolidate le sue prospettive e se la stagione al college sarà importante per lui anche una delle prime tre chiamate potrebbe essere quella in cui sentiremo il suo nome il prossimo giugno.

 

S.Bei

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno!

Nickname: Ste