Toronto c’è su San Antonio, pazzesco Barnes!

Boston Celtics – Chicago Bulls 105-100
BOS: Crowder 13, Johnson 12, Sullinger 10 (16 rimb), Bradley 10, Thomas 20, Turner 12, Olynyk 15, Lee 12
CHI: Gasol 16 (15 rimb), Butler 36, Rose 12, McDermott 11, Mirotic 10

Isaiah Thomas si infiamma negli ultimi 3’ e trascina da solo i Celtics ad un’altra importante vittoria, battuti di Bulls di Jimmy Butler; a 2’52” dalla conclusione Chicago si porta sul -3 (91-88) ma il folletto dei verdi entra in azione, Thomas infatti realizzerà 9 dei suoi 20 punti negli ultimi 2’52” di cui 5 consecutivi per il +8 Celtics (96-88)!

Charlotte Hornets – Miami Heat 99-81
CHA: Williams 18, Batum 10 (11 rimb, 11 ass), Walker 18, Lamb 10
MIA: Green 11, Wade 11, Johnson 20

I Charlotte Hornets continuano a cavalcare l’onda di Nicolas Batum e lui non tradisce, Tripla-Doppia (10+11+11) e vittoria netta contro i Miami Heat; match a senso unico dall’inizio alla fine con i padroni di casa già sicuro del risultato finale all’intervallo, 56-36 con 11 punti di Kemba Walker.

Washington Wizards – Houston Rockets 103-109
WAS: Porter 13, Dudley 10, Gortat 18 (13 rimb), Beal 15, Wall 26 (12 ass)
HOU: Brewer 15, Capela 10, Harden 42, Beverley 14

HardenHouston risorge nella capitale e lo fa come sempre sulle spalle di James Harden (42 punti con 13/23 dal campo); finale in volata con Harden protagonista ma in difesa (!) stavolta, sul +3 Houston a 48” Washington ha il possesso per accorciare/pareggiare e il “Barba” intercetta un brutto passaggio di Wall da quale arriverà l’assist per il canestro del +5 di Brewer (101-106) a 40”.

Detroit Pistons – Memphis Grizzlies 92-93
DET: Morris 16, Drummond 18 (19 rimb), Jackson 18, Blake 11
MEM: Randolph 21 (16 rimb), Gasol 19 (12 rimb), Conley 11, Lee 14

Pazzesco finale di partita al Palace di Detroit con i Memphis Grizzlies che vincono sulla sirena con una tripla di Matt Barnes…tirata da centrocampo! A 1’48” dalla conclusione Detroit conduce 92-87 ma smette di giocare, Memphis prova la rimonta, arriva fino al -2 (92-90) a 29” e li i Pistons sbaglieranno ben 3 volte in 23” il canestro del +4…Barnes cattura il rimbalzo con 6” da giocare e senza guardare il cronometro si alza da centro campo sparando la tripla del sorpasso!

Toronto Raptors – San Antonio Spurs 97-94
TOR: Scola 16, Biyombo 10, DeRozan 28, Lowry 19, Patterson 10
SAS: Aldridge 13, West 10, Ginobili 17

DeRozanIl colpo della notte però porta la firma dei Toronto Raptors che battono i San Antonio Spurs (tornati a pieno regime) con il solito duo DeRozan-Lowry; canadesi che comandano per tutta la partita arrivando anche sul +12 (80-68) ad inizio 4°, San Antonio però ci prova e arriva fino al -3 (95-92) con 102” da giocare, sarà DeRozan a togliere le castagne dal fuoco con il floater del +5 a 1’22”, sul capovolgimento gli Spurs segneranno da 2 dopo aver sbagliato 3 conclusioni consecutive, quindi -3 (97-94) con 28” da giocare.
Kyle Lowry vuole chiuderla, si butta dentro, sbaglia il layup ma DeRozan salva la partita col rimbalzo offensivo.

Milwaukee Bucks – Los Angeles Clippers 95-109
MIL: Antetokounmpo 15, Parker 10, Monroe 16 (10 rimb), Mayo 14, Carter-Williams 20 (11 ass)
LAC: Griffin 21 (14 rimb), Jordan 9 (19 rimb), Redick 31, Paul 18 (18 ass)

J.J Redick dice 31 punti, Chris Paul 18 assist e Blake Griffin firma la doppia-doppia nel bel successo esterno de Clippers in quel di Milwaukee; il match gira ad inizio 3° quarto, sotto 56-52 L.A piazza un break di 11-0 con 8 punti di Redick per il +7 (56-63), da quel momento i Clippers non si gireranno più indietro andando a toccare anche il +14.

Minnesota Timberwolves – Los Angeles Lakers 123-122 OT
MIN: Wiggins 19, Towns 26 (14 rimb), Martin 37, Rubio 5 (12 ass), Muhammad 15
LAL: Bryant 11, Williams 19, Clarkson 14, Russell 23, Young 13, Randle 20 (12 rimb)

MartinVittoria di misura in casa dopo un tempo supplementare con tanto di brivido per i Minnesota T-Wolves di un super Kevin Martin (37 punti) contro i Lakers di Kobe Bryant (11 con 5/13); a salvare i giallo-viola nei regolamentari è stato il rookie D’Angelo Russell, suo l’appoggio al vetro per il 114-114 con Wiggins ce mancherà il tiro della vittoria. Minnesota era a +4 con 39” da giocare.
Nell’overtime Minnie conduce 123-121 a 33” quando Julius Randle va in lunetta, il sophomore fa 1/2 ma non è finita perché i padroni di casa commetteranno infrazione di 24” lasciando così 9” ai giallo-viola per provare a vincere.
Si va ancora da Russell che sbaglia, c’è il rimbalzo offensivo di Hibbert che prova lui sulla sirena ma senza fortuna.
Per chi se lo stesse chiedendo è stato lo stesso Kobe a togliersi dalla partita sollecitando Scott a far giocare i giovani.

Phoenix Suns – Orlando Magic 104-107
PHX: Tucker 11, Leuer 15, Len 20 (14 rimb), Knight 21, Bledsoe 21, Teletovic 15
ORL: Harris 16, Vucevic 21 (11 rimb), Fournier 14, Payton 12 (10 ass), Oladipo 14

I Phoenix Suns tornano a casa e battono di misura gli Orlando Magic con brivido finale; a 1’11” Bledsoe firma il sorpasso sul 106-104 Orlando non segna più e a 17” sempre Bledsoe va in lunetta per chiudere ma fa 1/2, per il +3 (107-104) lasciando un’ultima chance agli ospiti. I Magic vanno da Oladipo che sbaglia la tripla, rimbalzo offensivo sempre di Orlando e Alex Len stoppa Fournier sulla sirena con questi che tirava per il pareggio.

Utah Jazz – New York Knicks 106-85
UTA: Hayward 24, Lyles 6 (10 rimb), Favors 20, Burks 10, Burke 15
NYK: Anthony 12, Vujacic 10, Amundson 10

A Salt Lake City dura 24’ la partita tra Jazz e Knicks con Utah dominante dall’inizio alla fine; all’intervallo lungo 60-35 per i Jazz con Gordon Hayward autore di 18 dei suoi 24 punti finali.

Dallas Mavericks – Atlanta Hawks 95-98
DAL: Matthews 17, Nowitzki 13, Pachulia 11 (17 rimb), Williams 18, Felton 11, Powell 14
ATL: Millsap 20 (11 rimb), Horford 14, Teague 14, Bazemore 12, Schroder 11

MillsapChiude la notte NBA la vittoria in rimonta nel finale degli Atlanta Hawks sul campo dei Dallas Maverick col solito Paul Millap (20+11) protagonista; a 3’07” dalla sirena finale Dallas consuce 93-89, break di 7-0 Hawks per il +3 (93-96) con 101” da giocare.
Nessuna delle due segna più fino ai 2 liberi di Felton a 30” per il -1, Teague risponde con la stessa moneta ed +3 Atlanta (95-98) ma con 11” da giocare. Deron Williams si incarica della tripla del pareggio ma non andrà a segno.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Cercasi un nuovo Marimba per Carmelo Anthony.
    Giocatore che invece di migliorare nella sua carriera è sempre rimasto a campare di isolamenti e a 32 anni e con quel fisico la paghi molto cara.
    Il ragazzo è ormai alla frutta.
    Aggiungi che ha detto che è frustrato per le non chiamate arbitrali e il quadro e completo.
    E’ stata pura follia quel contratto. Se phil riesce a sbolognarlo finchè vale qualcosa forse finalmente si potrebbe veramente ricostruire altrimenti si rischia di rovinare tutto compreso Porzi.

  • Shady

    che belle partite sta notte e che carine CHI e MIA che subito fanno recuperare il primo posto ai Cavs, Bosh e Wade partita orrenda, continuo a dire che gli heat hanno dei limiti evidentissimi, in attacco certo volte fanno proprio fatica a costruire l’azione e se wade non si accende sono cazzi… bosh ormai non sembra tornare più quello di toronto e la panchina continua a creare poco o niente
    CHI secondo me ha margini di miglioramenti più ampi (specie se rose ai PO innalzerà il livello di gioco come l’anno scorso) li continuo a vedere come la principale antagonista di CLE ad est

  • redbull

    Vorrei sapere cosa si fuma barnes, evidentemente è roba di primissima qualità

  • Hanamichi Sakuragi

    negli heat la più grande delusione, dall’arrivo a oggi, è dragic.. specie visto il contratto.

  • Quaqquo

    @ MP e Michele

    ci sono ci sono, semplicemente avevo perso le PWord di tutti i miei account e un poì per pigrizia e un po’ per mancanza di tempo le ho recuperate solo oggi.

    P.S. si sono simpatifoso dei Lakers, e anche io ho notato che dal passaggio al nuovo blog i commenti sono di meno, ma essendo ancora inizio stagione può essere anche normale. Sto scrivendo poco perchè vedo davvero poche partite in questo periodo, e poi perchè all’inizio ho avuto paura della politica “NO OT” del boss 😉

  • Michael Philips

    Melo deve ancora recuperare dall’infortunio, e ci vorrà del tempo per carburare.
    Poi lui che ormai ha perso un pò quel primo passo letale(il più veloce tra tutte le sf)deve fare a sportellate come una pf, ed è assolutamente vero che i grigi non lo cagano manco di striscio. Se penso a quante botte prende lui e quanti liberi tira….guarda harden 11.4 liberi a sera. Melo credo la metà o anche meno.
    Nella lega di oggi pare che se sei un carro armato ti possono menare come un pungiball(melo, lebron, griffin, e pure leonard), ed è play on sempre e comunque.

    Tu pensa ai jordan e malone 34-35 enni di fine 90’s. Giocavano attaccando molto meno il ferro e segnando caterve di punti dalla media, eppure 9-10 liberi a sera non glieli toglieva nessuno.

    Oggi quelli che tirano più liberi non sono i giocatori che giocano nel pitturato, facendo a sportellate, ma gli esterni. Poi uno si chiede come mai i nuovi lunghi non vogliano più stare lì in mezzo a prendere le botte.

  • Michael Philips

    Ciao quaqquo,

    tecnicamente il tuo commento è di fatto un OT. Così come questo mio commento di risposta. Ora ti segnalo, così FMB ti banna, e banna anche me per l’OT di risposta all’OT.

    Così impariamo!

  • Michael Philips

    dragic deve convivere con wade, che occupa gli stessi spazi e ha di fatto lo stesso ruolo. Non so come potranno mai convivere. Ma sopratutto, perché cazzo spoelstra tiene whiteside così tanto in panchina? Davvero assurdo. In attacco è efficace e potrebbe metterne 18-20 a sera se servito con continuità. In difesa sposta come pochi altri(non è deandre jordan, questo fa davvero paura nel pitturato)eppure lo vedo con 24-26 minuti a referto. Quindi controllo i falli, perché di solito è quella la ragione(vedere cousins) e niente, hassan fa pure pochi falli.

    Non capirò mai spoelstra, un coach eternamente mediocre.

  • mad-mel

    23.1 tiri tentati a partita e dalla lunetta 8.8 Jordan (33-34 anni)
    19.2 tiri tentati a partita e dalla lunetta 8.4 Malone (33-34 anni)
    18.5 tiri tentati a partita e dalla lunetta 7.7 James (lo scorso anno)
    18.1 tiri tentati a partita e dalla lunetta 5.7 Melo (in qst stagione)
    17,1 tiri tentati a partita e dalla lunetta 6.4 Griffin (lo scorso anno)

    A naso non mi sembra di vedere qst anomalia tra presente e passato anzi una volta penetravano di piu’ visto che si giocava a uomo e non a zona. Il play on di oggi che continui a spacciare non esiste oppure era come negli anni 90.

    Anzi forse erano meno tutelati nel passato se rapportiamo Mj con harden.
    Sua maestà nella stagione dove tirava 27.8 volte a partita!!!! Andava in lunetta 11.9 volte.
    Harden lo scorso anno 18.1 tentivi 10.2 dalla lunetta.
    In matematica visto che abusi di stat una proporzione saprai farla.

    Su Melo effettivamente fa un giro dalla lunetta in meno, però bisogna ammettere anche che quest’anno non penetra molto. Sparacchia.

  • Michael Philips

    “forse erano meno tutelati nel passato se rapportiamo Mj con harden.”

    jordan meno tutelato di chi nella storia degli sport di squadra?

    Lo ricordi che mj l’ultimo anno con i bulls non attaccava il ferro e comunque non lo potevi toccare? Se è anche questa una mia fantasia, credo che con te non sia proprio possibile discutere di basket. Stessa cosa Karl malone, a cui bastava andare sotto canestro, prendere botte e liberi. Lo facevano quasi a comando, nei finali di partita. Oggi lo fai in modo sistematico e spesso in modo sistematico fanno correre.

    Guarda com’è cambiato il rapporto tra Durant e i grigi. Ora pure lui sta prendendo botte assurde senza ricevere la chiamata. Due anni fa non lo potevi toccare, in nessun modo.

    Harden riceve chiamate perché molte le cerca, ma in generale è tutelato come pochi altri. Lo vedi quando alcuni giocatori nel corso degli anni continuano a giocare nello stesso modo, ricevendo un trattamento diverso dagli arbitri, per ragioni inspiegabili. Se lebron andasse al ferro come ci andava a 21 anni, col cazzo che oggi lo manderebbero 10 volte in lunetta. Melo idem, griffin anche quando stava sempre e solo nel pitturato prendeva legnate come pochi, eppure mai lo hai visto in lunetta come altri.

    Due pesi, due misure.

  • mad-mel

    Le tue sono senzazioni le mie sono stat che cantano.
    Poi le legante e le botte, tutti questi non fischi li vedi solo tu.
    Io vedo non vedo nessuna anomalia, come le stesse stat lo dimostrano.

  • michele

    ma dici che low non scrive piu’ dopo il fattaccio dei post cancellati? spero di no, premesso che è stata una cosa veramente “antipatica” ( come direbbe moratti), bastava che FMB dicesse “siete off topic, se continuate cancello”.. cancellare così senza avviso è stata una mancanza di rispetto verso utenti che hanno scritto centinaia e centinaia di post ( tutti sul basket) e che concorrono a produrre i contenuti del sito. @quaqquo bentornato!!!!

  • Michael Philips

    ma lo capisci che tirare 20 volte dalla media di solito impedisce di avere troppe chiamate rispetto a chi gioca nel pitturato? Metti stats che non sai contestualizzare.

    Le mie “senzazioni”(cit) sono confermate proprio dalle stats dei giocatori citati. Gente che da una stagione all’altra ha visto mutare nei propri confronti l’atteggiamento degli arbitri.

    Tu prendi un derozan, buon giocatore ma non una star, lui riceve più chiamate di tanti altri big che prendono il doppio dei falli. Dietro non ci potrà certo essere una scelta della leg di favorire una guardia come lui rispetto ad altre stelle. Dico solo che succede e basta.

    Pensa ad un kevin martin, giocatore pessimo che però in carriera è sempre stato tutelato senza alcun motivo, rispetto ad altri big.

    Non parlo di complotti, ma di un metro di giudizio che non riesco proprio a capire.

  • Hanamichi Sakuragi

    penso proprio che il motivo sia quello. ha salutato. in effetti mi adeguo ma non mi piace questa politica.

  • trizio81

    cosa ha fatto Barnes?!il compagno chiama time-out e lui tira da centrocampo e solo per una questione di culo segna….fossi tifoso di Detroit starei rosicando abbbbestia….Heat che danno il meglio nelle partite di cartello,la continuità nella stagione però è un’altra cosa

  • Michael Philips

    Avendo letto i deliri di molti ignoranti che parlano senza
    informarsi(non mi riferisco al blog, ma a cose lette da altre
    parti)riguardo le altezze dei giocatori, dobbiamo chiarire le cose.

    Ora una volta per tutte: spesso le altezze che vengono tenute in modo ufficiale fanno riferimento alle misurazioni fatte quando i giocatori hanno 18-20 anni(pre draft, draft combine), e spesso capita che questi continuino a crescere fino ai 21
    anni. Vedere un durant che ufficialmene è dato 6-9(206cm) invece che
    i 6-11(211cm)attuali, e come lui tanti altri.

    Altra cosa, durante le misurazioni pre-draft vengono prese le altezze prima senza scarpe e poi con le scarpe, e c’è sempre una bella differenza, ma ciò che conta è l’altezza che si avrà in campo, non quella da scalzi.

    Ora Iverson era dato 6-0(183cm)ma bastava guardarlo a fianco ad un chris paul per capire che fosse più basso, e senza paura di sbagliare credo che the answer fosse identico a damon stoudamire 5-11(178cm). Infatti il suo fasullo 183 non venne registrato durante il pre-draft, ma fu un dato uscito fuori non si sa dove.

    Westbrook nel 2008 era con le scarpe 192cm e ci sta sia arrivato a 193.
    Curry nel 2008 aveva praticamente la stessa altezza di russ, 192cm.

    Wall 190 scalzo e 193 con le scarpe, e pure lui ci sta sia cresciuto a vederlo a fianco ad altri play.

    Harden era dato 196cm con le scarpe e ma oggi pare decisamente 198cm come kobe.
    Chris paul 180cm scalzo, e 184 con le scarpe.
    Wade 192 scalzo e 195 con le scarpe.

    Oggi rispetto a 30 anni fa, i giocatori non possono più millantare altezze fasulle, sopratutto pensando a quante volte vengono controllati in fase pre-draft e nei vari camp organizzati dalle stelle nba.

  • Fabio Massimo Stoppani

    Guarda tutto giusto sulle altezze ma su Iverson mi trovi proprio a riguardo perché su FB si parlava di lui con la storiella dell’altra volta che “AI prendeva botte da tutte le parti, vuoi mettere con questo Curry che si limita a sparare da 3….” vabbé… mi piacerebbe anche un confronto a riguardo su questo argomento con colui che gestisce l’account FB…
    Detto questo Iverson 1.78 mai mai. Magari nemmeno 1.83 (dato ufficiale) ma siamo praticamente molto più in la che sotto. Ti porto una foto di Michael Curry (altezza ufficiale 1.96), onestamente da questa foto non vedo una differenza di 20 cm ma di 15 cm al massimo. Scrivo più per le cose dette su Iverson oggi su FB che altro.