George Karl sbotta e risponde alle critiche

Nella notte ai Sacramento Kings è andata di lusso nella vittoria contro i New York Knicks con Carmelo Anthony (30 anni) che ha sbagliato sulla sirena la tripla della vittoria, il record dei viola recita 9-15 e le critiche non sono mancate malgrado le prodezze di Rajon Rondo (29 anni) e il talento di DeMarcus Cousins (25 anni), coach George Karl non ci sta.

I Kings vivono e muoiono con le lune di Cousins il quale in questo inizio stagione ha saltato già 8 partite per via dei problemi alla schiena con tutte e 8 perse, visto la qualità del roster ci si aspettava un inizio diverso, coach Karl si giustifica così:

Su 21 partite 15 sono state contro squadra con record superiore del 50% e 2 di queste contro gli Houston Rockets che l’anno scorso hanno raggiunto le finali della Western Conference. Sono stanco delle critiche, venite nella sala cinema, venite a guardarci noi giocare e ditemi dove il mio gioco è brutto. Non è un brutto basket, è basket NBA dove vincere una partita fuori casa è estremamente difficile e giocarla con rotazioni limitate è estremamente difficile. Dobbiamo imparare che. Dobbiamo imparare che la connessione più la forza mentale sono le basi fondamentali.

Sacramento non sta giocando così male e si se si va ad analizzare partita per partita non ci sono state tante sconfitte eclatanti ma allo stesso modo molte di queste erano vittorie buttate via nel finale, Sacramento è 13esima nel ranking offensivo della Lega ma anche 3^ per la peggior difesa con 108.2 punti concessi agli avversari.

L’impressione è che i Kings siano in un limbo tra il diventare una buona squadra e una incompiuta, contando anche una proprietà non invidiabile.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Io un paio di partite dei Kings le ho viste e secondo me giocano peggio di quello che mi sarei aspettato col materiale a disposizione. Hanno avuto qualche infortunio soprattutto in zona lunghi, e forse sono costretti a tenere sul parquet gente fuori forma tipo Cousins più di quanto vorrebbero coach e giocatore

    Resta il fatto che il linguaggio del corpo di alcuni di loro, in primis DeMarcus, è spesso passivo, in attacco malgrado le invenzioni di Rondo si giocano molti isolamenti, le scelte di tiro non mi sembrano il massimo (voglio Cousins a spaccare culi in post, non a 7 metri dal canestro), gente tipo McLemore si è involuta in modo preoccupante

    Io Karl lo adoro alla follia, dai tempi di Kemp e Payton, ovunque è andato ha fatto bene e lo considero uno dei migliori coaches degli ultimi 30 anni. Ma per ora vedo ancora una squadra poco affamata, molto disunita come gioco ed apparentemente anche come rapporti in campo

    Forse non puoi cambiare la testa di certi giocatori, forse Cousins o Gay anche davanti a Riley non avrebbero disciplina, dico solo che mi sarei aspettato qualcosina di meglio. Niente che non si possa risolvere, per carità, solo non voglio veder sprecare l’occasione di avere un coach così competente

  • L’Ammiraglio Sterling

    Io li ho visti diverse volte e giocano abbastanza da schifo, al di fuori dei risultati.

  • Mi fido delle vostre considerazioni, quest’anno ho visto giocare solo Miami, Cleveland, Warriors, Raptors (ossia 2 partite quando queste si sono sfidate)

  • In Your Weis

    Non so bene perchè ma ho visto giocare i Kings almeno 5-6 volte quest’anno

    La questione è presto detta: se vedi giocare, non so, i Pacers, o magari i Celtics, vedrai delle squadre che possono anche perdere, o faticare in attacco, o non qualificarsi ai playoff, ma vedi sempre ragazzi pronti a frantumarsi contro un muro per il coach o i compagni, che sono dentro un gruppo, che hanno un minimo di coralità, e che buttano il cuore in campo

    Io se guardo i Kings non vedo niente di simile, non vedo un sistema, non vedo condivisione, non vedo gente che vuole vincere ad ogni costo. Sono semplicemente irritanti, e si che avrebbero il talento per fare onde