Howard scontento a Houston, via a giugno?

Il cambio di panchina non sta dando i risultati che ci augurava in quel di Houston, nella notte altra sconfitta in trasferta, il record recita tristemente 12-14 e come se non bastasse è emersa pure la grana Dwight Howard (30 anni).

L’ex Lakers è un fantasma in campo, non rende quello che ci si aspettava e adesso pare che oltre ai problemi tecnico/tattici ci siano pure quelli ambientali, quella vecchia volpe di Chris Sheridan ha riportato che Dwight non sarebbe felice di giocare con…James Harden (26 anni)!

Si, quell’Harden col quale condivideva il tavolo durante i pasti, quell’Harden che fu il motivo principale per cui scelse Houston, quell’Harden di cui tesseva le lodi fino all’anno scorso; alla base della frustrazione c’è il fatto che il “Barba” non lo serve come vorrebbe o il più delle volte non gliela passa proprio. Anche Calvin Watkins della ESPN ha riportato che in generale nei Rockets sta regnando la frustrazione per la situazione attuale.

La verità è che ad oggi se Harden non tira fuori dal cilindro una super prestazione il referto rosa non arriva, Howard ha prontamente smentito il tutto a Jonathan Feigen dello Houston Chronicle:

Non ho mai detto niente a nessuno, le persone mentono e mettono in giro le voci, sto solo cercando di aiutare me stesso e questi ragazzi a giocare meglio, le persone possono inventarsi tutte le storie che vogliono.

Momento, ma non erano più o meno le stesse parole che disse ai tempi dei Lakers quando si vociferava che tra lui e Kobe Bryant (37 anni) tirasse una brutta aria?

Comunque Howard non lascerà il Texas per questa stagione, girano già rumors di una trade con Miami che proporrebbe lo stesso pacchetto per Cousins (CLICCA QUI per leggere) più probabile un suo addio a giugno 2016 quando sarà Free-Agent anche perché il sophomore Clint Capela (21 anni) sta crescendo bene e quindi non sarbbe una grave perdita per Houston.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • lorenzo tonelli

    Con quel fisico li e quella testa saresti andato bene a lavorare nei campi…mongolo

  • Shady

    voglio capire che contratto pretenderà e quale coglione se lo prenderà… per fortuna ai lakers ha già dato 😀

  • redbull

    Conferma del fatto che è una testa di cazzo, e che non era colpa dei lakers e di kobe del suo atteggiamento ai lakers, spero non ci sia più gente che lo difende ancora

  • Lorenzo Escriva

    avete già detto tutto, questo proprio non si può più sentire…comunque qualcuno che lo pagherà bene lo troverà sicuramente…

  • In Your Weis

    Io non so se vi rendete conto di quello che state dicendo. State dando del cojone ad un giocatore, sulla base di indiscrezioni che il diretto interessato ha smentito. Howard avrebbe detto…avrebbe fatto…forse si ipotizza che…oh, ma vi sembra normale giudicare così da due righe di vaccate?

    A me non interessa che sia o meno uno che ha tradito il suo talento, personalmente lo trovo un perdente ed uno che non mi ispira alcuna simpatia, ma qui vi state permettendo di esprimere un giudizio su di una persona che non conoscete neanche di striscio, non per qualcosa di cui siete stati testimoni, ma sulla base di illazioni pure

    Io faccio fatica a capirvi…comunque se volete smentirmi fare pure, ditemi quando lo avete incontrato, quando si è confidato con voi, o dove lo avete sentito dire che non si trova bene con Harden

  • L’Ammiraglio Sterling

    Uno da del coglione ad Howard non per queste due righe, poco significative tra l’altro, ma per l’atteggiamento che ha da sempre, e ripeto: da sempre.
    Prima il casino di Orlando, poi era stracontento dei Lakers, “aveva già deciso cosa fare a Giugno”, poi se ne è andato a Houston e adesso ripete le stesse cose dette in passato.
    Se qualcuno di ottima memoria, magari con l’aiuto di internet, scrivesse tutta una sequenza delle dichiarazioni degli anni passati, ci sarebbe da creparci dal ridere, o da creparci e basta.