Butler punge Hoiberg: “Non è duro con noi!”

La maratona di 4 overtime persa ieri contro i Deteoit Pistons si è fatta sentire stanotte al Madison Square Garden per i Chicago Bulls, la squadra ha messo piede in hotel solo verso le 4:00 del mattino con la palla a due alle 19:30, sconfitta inevitabile per i ragazzi di coach Fred Hoiberg che alla fine è stato pure punzecchiato dal suo leader.

Jimmy Butler (26 anni) è stato il migliore dei Bulls contro Detroit tanto da registrare il suo career-high con 43 punti, stanotte anche uno tosto come lui non è riuscito a resistete alla stanchezza chiudendo con 12 punti (4/11 dal campo) ma nel post-partita non ha voluto trovare scuse anzi, ha mandato pure un messaggio al suo head-coach dicendo che non è abbastanza duro con i suoi giocatori, queste le se parole rilasciate a Joe Cowley del “Chicago Sun Times

Io credo nei ragazzi in questo spogliatoio, ma a volte credo che dovremmo essere allenati più duramente, mi dispiace, so che Fred è un ragazzo rilassato (ha usato l’espressione “laid-back“, ndr)e ho davvero lo rispetto per questo. Ma quando i ragazzi non stanno facendo quello che dovrebbero fare, devi andare a prenderli, me compreso!

Concludendo:

È una cosa che riguarda tutti ma penso che quando verrà dal coach sarà molto diverso, è diverso quando un giocatore dice un altro giocatore, e un allenatore dice ad un giocatore. Io so che lui non è proprio di quel modo, ma credo che a volte questo è quello che ci serve.

Con la sconfitta di oggi il record dei Bulls è di 15-0 al 5° posto assoluto della Eastern Conference con Butler che ogni notte deve dare il masssimo per portare a casa il referto rosa e lo dicono i numeri:è il leader per minuti giocati (37.7), punti (21.8), rubate (1.83) e tiri liberi (6.4) oltre a doversi occupare ogni notte della stella della squadra avversaria.

Quelli che sostenevano che l’addio di coach Tom Thibodeau e della sua cinghia avrebbero giovato alla squadra forse si sbagliavano…

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B