Howard domina i Clippers, Chicago a pezzi

Oklahoma City Thunder – Los Angeles Lakers 118-78
OKC: Durant 22, Ibaka 12, Adams 10, Westbrook 13 (11 ass), Waiters 11, Kanter 19 (14 rimb), Morrow 10
LAL: Williams 20, Clarkson 15, Russell 12, Young 14

Ad Oklahoma City Kobe Bryant non scende in campo per un dolore alla spalla e per i Thunder è come uno scrimmage che dura giusto 12’: 35-15 il punteggio dopo il 1° quarto con Kevin Durant autore di 14 punti dei suoi 22 finali, all’intervallo lungo 67-41 dopo aver toccato anche il +32.

Washington Wizards – Charlotte Hornets 109-101
WAS: Dudley 19, Gortat 18, Wall 27 (12 ass), Temple 21
CHA: Hairston 10, Zeller 11, Batum 14, Walker 18, Lin 15

Un super John Wall trascina Washington al successo casalingo contro Charlotte con qualche brivido di troppo; capitolini in controllo della gara sul +15 (93-78) ad inizio 4° periodo, Charlotte non ci sta e rimonta fino al -1 (99-98) a 2’24” dalla conclusione.
Washington non si sgretola ma anzi risponderà per le rime con un parziale di 6-0 con 2 punti e 2 assist di Wall per il +7 (105-98) a 71” dalla sirena.

New York Knicks – Chicago Bulls 107-91
NYK: Anthony 27, Porzingis 10, Afflalo 18, Thomas 13
CHI: Noah 21 (10 rimb), Butler 12, Brooks 11, Portis 20 (11 rimb)

MeloChicago paga cara la maratona contro Detroit, la squadra è arrivata in hotel a NY alle 4:00 di notte e coach Hoiberg ha deciso di mettere a riposo Pau Gasol, per i Knicks è stato un gioco da ragazzi strappare il referto rosa: New York padrona del campo dall’inizio alla fine e il break di 8-0 ad inizio 4° quarto ha chiuso le danze sull’85-68.

Houston Rockets – Los Angeles Clippers 107-97
HOU: Ariza 17, Capela 7 (10 rimb), Howard 22 (14 rimb), Harden 18 (11 ass), Motiejunas 10, Thornton 11
LAC: Griffin 22, Jordan 16 (11 rimb), Redick 19, Paul 12 (10 ass)

HowardDwight Howard risorge (22+14) contro i Los Angeles Clippers che incappano nella seconda sconfitta consecutiva nel Texas; Rockets che si impongono dall’inizio (23-9 dopo 7’ del 1°) alla fine e anche loro hanno trovato la fuga decisiva ad inizio dell’ultima frazione con un parziale di 8-2 per il +18 (91-73). Partita dominata a rimbalzo dai padroni di casa che hanno superato gli ospiti 55-38.

Memphis Grizzlies – Indiana Pacers 96-84
MEM: J.Green 11, Barnes 15 (10 rimb), Gasol 19 (12 rimb), Conley 20, Chalmers 12
IND: George 29, Ellis 13, J.Hill 10 (13 rimb), Stuckey 11

Paul George tira 8/22 dal campo e i suoi 29 punti non bastano agli Indiana Pacers per evitare la sconfitta al FedEx Forum di Memphis; match deciso a cavallo tra il 3° e 4° periodo, Pacers che si portano sul -2 (68-66) a 31” dalla sirena della terza frazione, segna Jeff Green per il +4 dando vita ad un parziale di 13-3 per il +12 (81-69) Grizzlies dopo 4’ dell’ultimo quarto, vantaggio poi gestito fino alla fine.

TOP 5

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Al di là del fatto era contro i Lakers e quindi è un po’ come farlo all’oratorio, mi chiedo quando mai sia esistito un tizio di 2.10m con quel tipo di ball handling

    Clippers che riescono nell’impresa, non facile, di far sembrare Howard un giocatore, comunque sia per loro che per i Bulls back to back davvero “unfair”

    Nota di merito ai Knicks, non per la W ma per essere al 50% di vittorie con una squadra che, sinceramente, ha tanti elementi che forse neanche Popovic riuscirebbe a far giocare decentemente. Questi comunque hanno Calderon in quintetto, e minuti importanti li giocano journeymen tipo Galloway e Thomas, è giusto dare merito al Fish ed a Jackson che pur fallendo i grandi nomi estivi, ha comunque completato la squadra con giocatori adatti e soprattutto affamati

    Il passo successivo è iniziare ad inserire anche talento, perchè tolto Melo ed il Lettone (che ora però, passata la sbronza iniziale, pare aver colpito il Rookie Wall in modo molto duro), gli altri sono degli onesti mestieranti, e con quelli non si va lontano. Peccato per loro gli siano toccati questi miglioramenti nell’anno in cui per andare ai playoff all’Est magari servono 45W, potrebbero non farcela ma dovrebbero quanto meno aver invertito la rotta

  • NY, zitta zitta, sta giocando una dignitosa stagione confermando quello che io e altri sostenevano: giocatori non fenomenali ma di ruolo (Affllalo, Calderon, Lopez) e un asse che sta crescendo(Melo-Porzingis).

  • gasp

    Lakers imbarazzanti, va bene che erano contro i Thunder però giocare così con un atteggiamento del genere non è accettabile…i Sixers fanno schifo perché sono scarsi, i Lakers fanno schifo perché Scott è incompetente e ancora peggio la dirigenza non dice niente

  • Michael Philips

    Clippers persi chissà dove.
    Non avrei mai pensato ad un inizio di stagione simile. Li vedevo forti e con un roster ampio. Invece si sono presi due tumori cestistici come lance e josh smith e un pierce che non è quello dei wizards. Jamal crawford è invecchiato tutto assieme, e a 35 anni sta facendo una stagione peggiore di quella di kobe. Jordan non ha fatto nulla per giustificare i soldi presi, nessun miglioramento e forse rivers ha definitivamente perso le redini del gruppo(tipo thibodeau l’anno scorso).

    Bulls, al di là del tremendo btb, hanno un problema con il coach. Butler si è lamentato che hoiberg ci va fin troppo leggero con il gruppo.

    Ad est wizards senza il secondo violino(beal) e raptors senza due titolari come carroll e valanciunas, stanno procedendo bene. I primi sono in recupero rispetto ad un inizio orrido, i secondi stanno cavalcando uno scola ringiovanito e un ross tornato a livelli decenti.

  • Michael Philips

    I bulls dovrebbero usare di più portis che pare buono buono. Noah lo userei per arrivare a qualche pezzo mancante, con il rischio però di perdere quello che porta più energia di tutti, cosa di cui hanno estremo bisogno.

  • gasp

    I Wizards ieri hanno giocato in 8, se si fa male qualcun’altro chiamano i magazzinieri del Verizon

  • Michael Philips

    Già, Beal comunque preoccupante con tutti questi infortuni, è un classe ’93… Comunque pare che i wizs abbiano subito molto la perdita di the truth, perché non possono certo sperare che otto porter si trasformi in clutch player. Ad oggi gli manca un closer, o comunque un giocatore di esperienza.

  • Michael Philips

    Su Porzingis, io a ottobre speravo riuscisse a conquistarsi un pò di spazio e poi magari lo starting five. Un pò di esperienza e poi dal 2016-17 titolare. Invece questo fin dalla prima gara ha sorpreso tutti.
    Pareva proprio il classico talento non ancora pronto per giocarsela con starter avversari(hezonja docet)e invece questo sta mostrando un carattere e una grinta che per esempio sono sempre mancati ad un bargnani, che a livello di talento non aveva niente da invidiare a questo.
    Il lituano poi ha subito un duro colpo durante la notte del draft, ma ne è uscito ben più forte e deciso. Ottimo segnale pensando al futuro.

  • ILoveThisGame

    Wall giocatore sottovalutato, dopo un inizio di stagione difficile ora si e’ ripreso e sta tenendo a galla un gruppo martoriato dagli infortunei e pieno di mezzi giocatori.

  • Michael Philips

    Bleacher report top 10 superstar rankings:

    10 – D. Green
    9 – D. Cousins
    8 – J. Harden
    7 – B. Griffin
    6 – P. George
    5 – K. Leonard
    4 – K. Durant
    3 – R. Westbrook
    2 – L. James
    1 – S. Curry

    …trovate l’intruso…tanto valeva mettere un Butler, che non è una superstar come non lo è certo draymond, ma almeno è più abituato a trascinare il proprio team, o un lowry leader dei raptors. Pure un Drummond che sta dominando come pivot e gioca in un team che sta sorprendendo.

  • gasp

    Già mettere Westbrook prima di Durant mi fa sorgere dubbi sulla credibilità di questa classifica, però con Green alla 10 possiamo tranquillamente farci quattro risate e passare avanti…

  • Michael Philips

    oh, del resto l’hype che hanno dato ai warriors si vede anche da queste cose.
    L’ultima è che Klay thomspon alla domanda “chi è la miglior sg della lega” ha risposto “I’m going to go with myself.” Meno male che almeno ha menzionato anche hardene e butler come “scelte alternattive”.
    A breve d. green sarà più forte di lbj. Mi aspetto di tutto ormai.

  • trizio81

    la gara degli hack a Houston è stata abominevole

  • gasp

    Diciamo che si stanno montando un pò troppo la testa, non vorrei che fino ad ora abbiano recitato la parte degli umili…