La notte di Nowitzki, bene Cavs e Warriors

Charlotte Hornets – Boston Celtics 89-102
CHA: Batum 17, Zeller 7 (10 rimb), Walker 10, Lin 12, Kaminsky 23, Lamb 12
BOS: Crowder 19 (12 rimb), Olynyk 20, Bradley 18, Thomas 18, Lee 10

Boston vince a Charlotte grazie ai 20 punti di Kelly Olynyk, vana la rimonta disperata dei padroni di casa nel 4° periodo; ospiti che dominano nel 3° quarto tanto da toccare il +20 sul 52-72, Charlotte non si da per vinta e prova a recuperare arrivando fino al -6 (86-92) a 3’17” dalla sirena finale ma Boston chiuderà il match con un break di 10-3

Cleveland Cavaliers – New York Knicks 91-84
CLE: James 24, Love 23 (13 rimb), Thompson 10 (14 rimb)
NYK: Porzingis 23 (23 rimb), Afflalo 16, Calderon 10, Williams 11

JamesCarmelo Anthony viene messo a riposo da coach Fisher ma New York riesce comunque a dare fastidio a Cavaliers, vincenti solo negli ultimi 3’; infatti a 4’07” dalla conclusione sono i Knicks che conducono le danze sull’80-82, LeBron si mette in proprio e realizza 7 degli 11 punti finali di Cleveland nel break di 11-2 che ha sancito il 91-84 finale. Per Kyrie Irving 5 punti (1/7 dal campo) in 18’

Indiana Pacers – Sacramento Kings 106-108
IND: Miles 20, George 12 (10 rimb), Ellis 21, G.Hill 20, J.Hill 14
SAC: Casspi 15 (11 rimb), Gay 19, Cousins 25 (16 rimb), Rondo 13 (16 ass), Collison 24

Italian Job: Belinelli 6 pt (3/3, 0/3 da 3), 2 rimb, 4 ass in 20’

CousinsDeMarcus Cousins scrive 25+16, Rajon Rondo sfiora la tripla-doppia (13+8+16) e Sacramento sbanca di misura Indianapolis; è proprio DMC a 1’05” a fare 2/2 dalla lunetta per il +2 Kings (106-108), Indiana negli ultimi 47” avrà ben 3 chance (2 consecutive) per sorpassare o pareggiare ma Paul George le mancherà tutte e 3!

Orlando Magic – Houston Rockets 104-101
ORL: Harris 19, Frye 10, Vucevic 21, Fournier 17, Payton 12, Gordon 14
HOU: Capela 10, Howard 12, Harden 31, Lawson 11

Non bastano i 31 punti di James Harden a Houston per vincere ad Orlando, ancora una volta è Nikola Vucevic il perno dei Magic anche se Evan Fournier è stato il match-winner; è del francese il canestro a 14” dalla fine che vale il contro-sorpasso sul 102-101, Houston non va da Harden e Ariza sbaglia la tripla del sorpasso a 3” dalla fine, Tobias Harris farà 2/2 dalla lunetta e nulla servirà la preghiera finale di Thornton

Washington Wizards – Memphis Grizzlies 100-91
WAS: Oubre 10, Dudley 11, Gortat 12 (12 rimb), Temple 20, Wall 14 (14 ass), Sessions 16
MEM: J.Green 19 (12 rimb), Gasol 11, Conley 21, Randolph 16

Il nuovo asse Wall-Temple continua a dare buoni risultati tanto che anche i Memphis Grizzlies hanno dovuto arrendersi; grazie ad un parziale di 16-4 ad inizio 3° quarto i capitolini sono volati dal +8 al +22 (77-55) e hanno difeso fino alla fine il vantaggio malgrado i tentativi di rimonta ospite

Brooklyn Nets – Dallas Mavericks 118-119 OT
BKN: Johson 13, Young 29 (10 rimb), Lopez 13, Bogdanovic 17, Jack 13, Bargnani 12
DAL: Matthews 17, Nowitzki 22, Barea 32 (11 ass), Parsons 11, Villanueva 14

Italian Job: Bargnani 12 pt (6/12, 0/1 da 3), 6 rimb (2 off), 4 perse, 1 stop in 19’

NowitzkiNotte da ricordare per Dirk Nowitzki, aiuta Dallas a vincere all’overtime a Brooklyn e sorpassa Shaquille O’Neal prendendosi il 6° posto nella classifica marcatori ogni epoca; texani che vedono lo striscione del traguardo dopo che lo scatenato J.J Barea completa un gioco da 3 punti per il +3 Mavs (105-108) a 12” ma Thaddeus Young non ci sta! Prima spara la bomba del pareggio a 6” e poi stoppa Barea nell’ultima azione.
Nell’overtime sale cin cattedra Nowitzki, realizza solo 2 punti in 5’ ma sono quelli che valgono il sorpasso Dallas sul 118-119 a 19”, ultima chance per i Nets affidata a Jack ma niente da fare.

Atlanta Hawks – Detroit Pistons 107-100
ATL: Millsap 18, Horford 15, Teague 23, Splitter 11, Schroder 14
DET: Morris 22, Drummond 25 (12 rimb), Jackson 12, Caldwell-Pope 12

TeagueAtlanta piega Detroit cavalcando l’asse Teague-Millsap in un match deciso nel 1° tempo; i falchi giocano una super seconda frazione da 34-19 tirando col 52% dal campo contro il 27% degli avversari, 61-45 il punteggio all’intervallo e partita in ghiaccio.

Milwaukee Bucks – Philadelphia 76ers 113-100
MIL: Antetoounmpo 22, Pakrer 16, Monroe 11, Middleton 21, Carter-Williams 18, Ennis 10
PHI: Noel 11, Okafor 17, Thompson 16, Canaan 10, Landry 10

Buona la prima per coach Prunty sulla panchina dei Bucks che archiviano senza troppi problemi i Sixers facendoli sprofondare 1-30; partita finita dopo i primi 12’ con Milwaukee avanti 35-18 col 71% dal campo e 9 punti per Khris Middleton.

Minnesota Timberwolves – San Antonio Spurs 83-108
MIN: Towns 10 (11 rimb), Wiggins 10, Dieng 12, LaVine 17, Muhammad 15
SAS: Leonard 19, Aldridge 12, Green 11, Parker 14, West 13, Anderson 10

LeoanrdAltra notte ed altra carneficina da parte dei San Antonio Spurs che firmano la vittoria filata n°7 con il solito Kawhi Leonard incubo degli avversari (Wiggins 2/11 dal campo); dopo essere andati al riposo lungo avanti 38-52, gli Spurs hanno un momento di calo ad inizio ripresa con Minnesota che si fa sotto sul -8 (44-52), sarà solo un momento perché i nero-argento risponderanno con un break di 11-2 per il +17 (46-63) e tanti saluti.

New Orleans Pelicans – Portland Trail Blazers 115-89
NOP: Davis 28 (12 rimb), Gordon 11, Evans 24, Anderson 13, Holiday 19
POR: Aminu 10, Plumlee 8 (12 rimb), Crabbe 12, McCollum 19, Leonard 15, Henderson 11, Davis 5 (12 rimb)

Anthony Davis e Tyreke Evans si caricano sulle spalle i Pelicans e li trascinano alla vittoria contro Portland; partita comandata dall’inizio alla fine da parte dei giocatori di coach Gentry che al riposo lungo sono già sul +17 (56-36) grazie ad un parziale di 15-2 negli ultimi 3’53” della frazione.

Phoenix Suns – Denver Nuggets 96-104
PHX: Leuer 18 810 rimb), Knight 21 (10 ass), Price 10
DEN: Faried 11, Foye 31, Arthur 19 (10 rimb), Jokic 13, Barton 17

Italian Job: Gallinari DNP

In Denver Nuggets vincono in 8 a Phoenix grazie alla super notte di Randy Foye (31 punti) ma anche ai 49 punti combinati dai soli tre in panchina; Nuggets superbi nei primi 18’ di partita tanto che volano sul +22 (28-50) ma Phoenix non molla, rimonta e a 5’44” dalla fine è sul -1 (87-88).
Denver non crolla e piazza il parziale decisivo di 11-2 per il +10 (89-99) a 92”.

Golden State Warriors – Utah Jazz 103-85
GSW: Green 15, Bogut 10 (13 rimb), Thompson 20, Curry 16
UTA: Favors 17, Hood 15, Burke 13, Burks 13

Basta un modesto Steph Curry da 16 (5/14 dal campo) e un buon Klay Thompson ai Warriors per prendersi il referto rosa contro Utah e rimanere imbattuti in casa; match ucciso sul finire del 3° periodo con un break di 8-0 per il +16 (65-49).

Los Angeles Lakers – Oklahoma City Thunder 85-120
LAL: Bryant 19, Williams 10, Clarkson 10, Sacre 10, Russell 18, Kelly 12
OKC: Durant 21, Ibaka 17, Roberson 15, Westbrook 23, Kanter 16 (11 rimb)

Oklahoma City è troppo per i Lakers con Kevin Durant che non arriva neanche a 7 tiri presi dal campo e Russell Westbrook che sfiora la tripla-doppia (23+8+8); OKC va negli spogliatoi sul +11 (46-57), nel 3° quarto i Lakers tireranno 4/24 dal campo, Durant 4/4 per 12 punti col il parziale dei 12’ che reciterà 15-35 Thunder.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • BigGameJames

    I dubs,simpatici o antipatici, hanno sicuramente il merito di aver alzato l’asticella della RS e gli Spurs hanno raccolto la sfida. Stanno giocando in maniera mostruosa nonostante ad iniziò stagione non fosse scontato l’inserimento di lma. Mi fa piacere vedere squadre che giocano così già a dicembre.
    Ah giusto, auguri a tutti!

  • In Your Weis

    Spurs all’ottava W con almeno 20 punti di scarto nelle ultime 14 partite, e Leonard scientificamente annichilisce i 3 avversari, con l’aiuto di una difesa di squadra comunque spaventosa. Ad ora sembrano i migliori Spurs degli ultimi anni, e si che dal 2012 ad oggi di belle squadrette ne hanno messe su

    Su Wiggins mi ritornano in mente i toni trionfali di qualche settimana fa, i giudizi definitivi su “furto” Wolves nei confronti dei Cavs…la realtà è che il ragazzo è ancora tanto acerbo, i miglioramenti rispetto allo scorso anno si vedono, ma non è ancora un go to guy ed i TWolves sono ancora un paio d’anni lontani dall’andare ai playoff

    Cavs molto deconcentrati contro dei tignosissimi Knicks, alla fine sono stati 2′ minuti di difesa alla fine e LeBron che esce dall’encefalite letargica per portarla a casa, d’altronde senza Melo i Knicks faticavano tremendamente a mettere su un tiro, quel poveraccio di Afflalo lo hanno investito del ruolo di salvatore e non poteva farcela

  • redbull

    Se non danno il miglior difensore a leonard è una bella truffa

  • In Your Weis

    Comunque stanotte Larry Nance Jr ha avuto -45 di plus/minus, una cosa da videogioco…

  • Barone birra

    Tantissimi complimenti al grande Dirk per l’ennesimo risultato di una grande carriera ;gli auguro di raggiungere almeno 30k kawhi è natale non essere così cattivo con quei pischelli che ti capitano sotto. Adesso tutti pronti per la disfida di natale io dico che vincono i cavs. A proposito in your whore non fare il gradasso con wiggins che le bron farà la stessa fine con Leonard . Tanti auguri a tutti.

  • Lorenzo Escriva

    quoto e soprattutto wiggo è al secondo anno e gioca comunque da paura…cosa avete preso voi iyw? Love? va bè io dico che c’hanno guadagnato in ogni caso a Minnesota..

  • L’Ammiraglio Sterling

    Visti gli Spurs; e ti credo che Aldridge è andato lì preferondoli ai Lakers, sono uno spettacolo autentico.

  • Shady

    ci hanno guadagnato tutte e due: i cavs si sono presi un All Star per vincere subito, MIN probabilmente si ritroverà con un top 3 fra 5 anni… quindi penso che saranno tutti felici e contenti

  • michele

    anche Durant è esploso come all star al terzo anno, vediamo se Wigg farà altrettanto..per adesso comunque è un po’ sotto il livello di Kevin nel suo anno da sophomore. La famosa trade è inutile commentarla, fu intelligente da parte di entrambe, ai cavs serviva un big da affiancare subito a lebron, non potevano certo aspettare che un rookie sbocciasse subito.

  • michele

    impressionante, quel canestro dopo una elaboratissima ragnatela di passaggi è da antologia del basket…..low profile, torna a glorificare i tuoi spurs!

  • michele

    Buon Natale a tutti!

  • L’Ammiraglio Sterling

    Io non penso che Cleveland c’ha perso; dovevano vincere subito e per farlo dovevano dar via i giovani; poi hanno preso un all star, non capisco dove c’è da lamentarsi.

  • L’Ammiraglio Sterling

    Una roba esteticamente impressionante, altro che i bombaroli di golden state.

  • In Your Weis

    KD era acerbo ma ne faceva comunque 25 a partita, con una completezza offensiva che io in Wiggins non vedo neanche da lontano. Fermo restando che mi piace molto e spero diventi una superstella, ma al momento rimane molto distante dall’èlite della Lega

  • Michael Philips

    Mentre paul george, dopo la gara pessima contro leonard, si è giustificato dicendo di non star bene(la gara di ieri forse conferma questa tesi) Kawhi riguardo la sua tecnica difensiva, si è limitato a dire: “cerco solo di star dietro l’avversario il più possibile, poi semplicemente spero che sbagli il tiro. Non faccio altro, spero che sbagli lui”. Duncaniano convinto il ragazzo.

    Cavs vs Knicks gara che è durata per lo più grazie agli errori di cleveland. Peccato l’assenza di melo. Bene Porzingis nel primo tempo, poi ci ha provato afflalo. Irving completamente fuori ritmo e mi è parso molto poco concentrato su questa gara. Sappiamo che roba ci sarà domani sera. Peccato per l’assenza di barnes.

    Thunder che ultimamente stanno vincendo senza spremere i due fenomeni e senza che questi siano costretti a mettere prestazioni da urlo. Questo è un buon segnale.

    Rondo è chiaramente tornato ai livelli di boston. Kings in rimonta e fino a quì molto penalizzati dalle assenze di cousins. 12-17 come record, 11-10 con demarcus, quindi starebbero in zona playoffs.
    Wizards in rimonta e forse anche i bucks.

  • michele

    beh io ricordo che su Durant nei primi due anni c’erano comunque dubbi…molti pensavano fosse solo uno scorer che faceva 25 a sera perchè nel nulla assoluto aveva sempre la palla in mano ( a seattle soprattutto)….insomma, io per Wigg aspetterei l’anno prossimo per dare un giudizio definitivo, posto che per arrivare al livello di Kevin ce ne vuole.

  • michele

    beh ma ti pare che contro i lakers abbiano bisogno di spremere quei due? avrebbero potuto pure richiamare scott brooks in versione portaborracce di olajuwon eheheheh…io credo che nella rinascita di Rondo ci sia molto di Karl, uno che ha allenato un altra point guard dal carattere impossibile, ossia Payton…ricordiamo che appena un anno fa Rondo ‘ando’ a rovinare il giocattolo dei Mavs.

  • Michael Philips

    Beh contro di loro no, ma in generale guarda quanto poco sta spingendo durant e quando sia diventato meno confusionario westbrook. Potrebbero prendersi 25 tiri a testa, considerati i compagni, eppure stanno facendo un bel pò di assist a testa ogni gara. E a monte di ciò, i thunder sono a 20-9 giocando 2 settimane senza kd.
    Ad oggi avrebbero potuto avere forse lo stesso record degli spurs, o giù di lì.

  • Michael Philips

    Fino a quì tra Wiggins e Durant c’è un abisso pensando al livello dei due a 20 anni. Durant metteva 25pts(e mise uno storico filotto di 30elli)a 20 anni, e divenne scoring champion a 21(30.1pts di media). Cioè meglio di lui alla stesa età ricordo solo lebron, che tra i 20-21 anni chiuse a 31.4pts. Wiggins pare forte così, eppure potendo disporre dell’attacco dei wolves ne mette 21, e letteralmente quando prende palla, non la passa, MAI.

  • redbull

    Beh, ho visto golden qualche partita e non sono per niente male da vedere

  • gasp

    Wiggins nel peggiore dei casi potrà diventare un nuovo Rudy Gay

  • In Your Weis

    Mah, io aspetto anche 7-8 anni, i giudizi definitivi si danno a fine carriera, a me piace ma ammetto che quando lo vidi per la prima volta all’high school pensavo fosse “the next big thing”, ed invece finora ha, secondo me, reso meno di quanto speravo

    Poi ovvio che a 20 anni ha tutto il tempo per diventare una superstella

  • Michael Philips

    anche John Wall all’epoca dell’HS pareva una roba illegale. Un wade versione playmaker, esplosivo e spettacolare, poi invece, siamo alla sesta stagione, eppure di davvero fenomenale ha fatto poco.
    Ottimo giocatore, ma non è anocra entrato nella stretta cerchia dei big della lega e non so se mai ci riuscirà.

  • L’Ammiraglio Sterling

    Io non gradisco troppo i bombaroli, gusto personale. E comunque trovo san antonio molto più impressionante.