Cavs che batosta a Portland, vittoria Sixers!

Brooklyn Nets – Washington Wizards 96-111
BKN: Young 16 (14 rimb), Lopez 19 (11 rimb), Bogdanovic 14, Jack 15 (11 ass)
WAS: Oubre Jr. 12, Gortat 25, Wall 22 (13 ass), Humphries 10, Eddie 12

Italian Job: Bargnani 2 pt (1/5), 3 rimb (1 off), 1 ass in 12’

Ancora un super John Wall trascina Washington al successo in quel di Brooklyn con un protagonista inaspettato nel 4° periodo, il rookie Jarell Eddie; match equilibrato con le squadre che entrano nell’ultimo periodo sul 77-79 Wizards, la matricola dei capitolini realizza tutti i suoi 12 punti (4/4 da 3!) nell’ultima frazione dominata 19-32 dai suoi.

Milwaukee Bucks – Toronto Raptors 90-111
MIL: Middleton 19, Monroe 19 (11 rimb), Henson 11
TOR: Scola 17 (11 rimb), Byombo 14 (12 rimb), DeRozan 22, Lowry 16, Ross 18

LowryAnche a Milwaukee il 4° quarto è stato fatale per i padroni di casa, sconfitti dai Toronto Raptors alla loro 3^ vittoria consecutiva; Toronto piazza un break di 17-2 nei primi 6’ dell’ultima frazione passando dal -2 al +12 (81-93) realizzando la bellezza di 8 triple nell’arco dei 12’ di cui 7 consecutive negli ultimi 3’39” di partita!

Charlotte Hornets – Memphis Grizzlies 98-92
CHA: Hairston 14, Batum 20 (11 rimb), Walker 22, Lin 13, Kaminsky 10
MEM: Gasol 18, Conley 19, Randolph 18 (12 rimb)

Kemba Walker si accende nell’ultimo quarto realizzando 11 dei suoi 22 punti finali e trascinando gli Hornets alla vittoria su Memphis; proprio Walker gira la partita a 1’55” dalla conclusione con 7 punti consecutivi per il +5 (94-89) Charlotte, nel finale Jeremy Lin non tremerà dalla lunetta e il suo 4/3 spegnerà la rimonta ospite.

Orlando Magic – Miami Heat 101-108
ORL: Harris 13, Vucevic 22 (10 rimb), Fournier 12, Payton 18, Smith 10
MIA: Bosh 24 (10 rimb), Wade 24, Dragic 22, Green 15

WadeDerby della Florida che finisce in rimonta ai Miami Heat del duo Bosh-Wade autore di 48 punti; a 5’ dalla fine dell’incontro il tabellone dll’Amway Arena recita 89-89, D-Wade cambia marcia realizzando 12 dei 19 punti finali dei suoi con anche un assist per la tripla spacca partita di Goran Dragic a 1’37” per il +5 Heat (97-102).

New Orleans Pelicans – Houston Rockets 110-108
NOP: David 24 (13 rimb), Asik 10, Gordon 26, Evans 11 (13 ass), Anderson 16
HOU: Ariza 16, Harden 25, Beverley 16, Jones 13

DavisIl solito Anthony Davis guida New Orleans al successo di misura contro Houston con tanto di brivido finale; un all’alley-oop Evans-To-Davis regala il +2 (110-108) ai Pelicans con 2’14” dalla fine, da quel momento non segnerà più nessuno con Houston che si mangerà ben 3 triple e James Harden subirà pure la stoppata di Tyreke Evans a 31”.

Atlanta Hawks – New York Knicks 117-98
ATL: Millsap 22. Horford 19, Teague 17, Schroder 10, Scott 18
NYK: Anthony 18 (12 rimb), Afflalo 10, Thomas 12, Galloway 11. Williams 12

Atlanta firma la 6^ vittoria consecutiva battendo in casa i New York Knicks del rientrante Carmelo Anthony; dopo il -10 iniziale (22-32) i falchi iniziano la loro partita e grazie ad un break di 13-4 negli ultimi 6’ del 3° quarto si portano sul +12 (87-75), vantaggio poi difeso fino alla fine.

Detroit Pistons – Boston Celtics 93-99
DET: Morris 16, Drummod 22 (22 rimb), Jackson 17, Johnson 12
BOS: Crowder 11, Sullinger 10, Johnson 12, Bradley 18, Thomas 17, Turner 13

Importante vittoria fuori casa dei Boston Celtics che strappano il referto rosa al Palace di Detroit con Jonas Jerebko eroe del match; a 31” dalla sirena finale Reggie Jackson spara la bomba del -2 Detroit ma 21” dopo lo svedese risponderà col jumper del +4 che di fatto ucciderà la partita, Detroit non segnerà più e perderà pure palla a 5”.

Minnesota Timberwolves – Indiana Pacers 88-102
MIN: Towns 24, Wiggins 19, Rubio 15
IND: George 18, Mahinmi 11, Ellis 22, J.Hill 12, Budinger 11

Tornano a vincere gli Indiana Pacers e lo fanno sul campo dei Minnesota T-Wolves con un superbo ultimo periodo; Minnesota conduce 68-61 a 70” dalla sirena del 3°, Indiana con Monta Ellis infila 5 punti consecutivi chiudendo sul -2 e nel 4° non ci sarà storia! Il parziale dei 12’ sarà di 20-36 Pacers rei del 71% dal campo contro il 38% dei padroni di casa dominati pure a rimbalzo (10 a 4).

Dallas Mavericks – Chicago Bulls 118-111
DAL: Matthews 10, Nowitzki 16, Pachulia 17 (12 rimb), Barea 26, Felton 13, Parsons 20
CHI: Gibson 12, Mirotic 23, Gasol 18, Butler 17, Rose 25

786_1677504_433009J.J Barea tira 7/8 da 3 e Dallas si impone contro i Chicago Bulls mandando 6 giocatori in doppia-cifra a referto; finale in volata con Chicago che pareggia a quota 108-108 a 2’54”, Dallas reagisce e lo fa con Raymond Felton autore di 6 dei 10 punti finali della squadra, Chicago segnrrà solo la tripla del -3 (114-111) a 34” ma perderà una sanguinosa palla (infrazione di 5” sulla rimessa) a 11” sempre sul -3.

San Antonio Spurs – Denver Nuggets 101-86
SAS: Leonard 20, Aldridge 12, West 10, Parker 13, Diaw 16, Marjanovic 10
DEN: Harris 10, Jokic 22, Barton 16

Italian Job: Gallinari DNP

Basta il primo tempo a San Antonio (senza Ginobili e Duncan) per archiviare la pratica Nuggets per la 26esima vittoria consecutiva tra le mura amiche; all’interballo lungo 56-42 con Tony Parker autore di tutti i suoi 13 punti.

Phoenix Suns – Philadelphia 76ers 104-111
PHX: Tucker 10, Leuer 14, Knight 21, Chandler 10 (10 rimb), Booker 19
PHI: Noel 14, Canaan 22, Smith 14, Landry 16, Stauskas 17

Regalo di Natale per i Philadelphia 76ers che vincono (senza Okafor) la loro 2^ partita stagionale nonché la prima in trasferta, ottimo il contributo del nuovo arrivato Ish Smith e del rientrante Carl Landry; Sixers padroni del campo dall’inizio alla fine tanto da toccare pure il +16 (81-97) a 7’ dalla conclusione del match, Phoenix prova la rimonta ma arriverà massimo fino al -6 (102-108) a 1’27”. Da sottolineare l’infortunio al ginocchio di Eric Bledsoe

Utah Jazz – Los Angeles Clippers 104-109
UTA: Hayward 28, Hood 15, Burks 11, Ingles 14
LAC: Jordan 14 (13 rimb), Redick 25, Paul 19 (11 ass), Pierce 20

Malgrado l’assenza di Blake Griffin (OUT 2 settimane) i Clippers vincono a Salt Lake City col solito Chris Paul e con i 20 punti uscendo dalla panchina di Paul Pierce; a 82” dalla fine Jazz in partita sul -1 (98-99) e L.A risponde con tre triple consecutive firmate Redick (2) e Pierce per il +5 (100-105) a 28”, Utah ci proverà ma lo stesso duo di prima non tremerà dalla lunetta per la vittoria finale.

Portland Trail Blazers – Cleveland Cavaliers 105-76
POR: Aminu 12, Plumlee 11 (14 rimb), Crabbe 26, McCollum 16, Leonard 13
CLE: James 12, Love 13, Dellavedova 10, Thompson 4 (11 rimb), Jefferson 10

mccollumNotte da dimenticare per i Cleveland Cavaliers che perdono la seconda partita consecutiva, questa volta dominati a Portland (priva di Damian Lillard); match finito dopo 12’ con i padroni di casa che volano sul 34-12 con Allen Crabbe reo di 13 punti, Cleveland non abbozzerà mai una rimonta e tirerà col 36% dal campo e la bellezza di 17 palle perse.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Barone birra

    Il capitone è rimasto proprio sullo stomaco ai cavs e a LeBron eh eh. Belle w di Miami con bosh e Wade sempre più in forma e con The truth che per una notte torna il capitano.

  • Barone birra

    L’anno scorso i soliti lebroniani celebravano il flop di Miami dicendo che il loro eroe aveva portato in finale una squadra che poi non era andata neanche ai playoffs. Omettendo il piccolo particolare che Miami aveva giocato in pratica senza bosh e Wade tutto l’anno. Quest’anno Wade e bosh ci sono eccome e Miami è in pratica la seconda forza ad est. Disonestà intellettuale rules per certi soggetti

  • mad-mel

    Ultime 5 partite di Kristpas: 12 6 2 2 col 30 dal campo, se non è rookie wall qst.
    Queste cifre sono un pò condizionate dal periodo di forma dei knicks. Usando un eufemismo non sono molto esaltanti.
    Cmq avrei firmato anche con qst stat a inizio stagione.
    Credo che il roy andrà senza storie a Towns.
    Okafor che tipo di infortunio ha?

  • Lorenzo Escriva

    Mel ma ti hanno scambiato Ish…ma che storia è? li hai chiamati? ps: ora tornerà a fare i suoi punti…ahahhahahah

  • mad-mel

    sssssssssss…profilo basso

  • ILoveThisGame

    La squadra degli Heat dell’anno scorso e’ diversa da quella di quest’anno, inoltre erano in record negativo anche prima dell’infortuneo di Bosh

  • michele

    Proprio un bel Natale….boston vince sul campo di una delle tante rivali nella tonnara orientale e i nets crollano in casa contro washington….avanti cosi……cleveland crolla ma in b2b dopo una gara così fisicamente intensa come quella di oakland ci sta.

  • Max

    partita dei cavs finita dopo il primo quarto….i cavs dovrebbero iniziare a giocare di squadra invece che giocare in isolamento o 1 cpntro 5 come sta capitando spesso.ad est rimangono i più forti ma si devono dare una svegliata.

  • Michael Philips

    no, perdere di 30 contro i blazers senza lillard, manco con la second unit sarebbe accettabile. Altro che scusanti del b2b.

  • Michael Philips

    L’anno scorso si sapeva che per l’assenza prolungata di bosh le cose comunque non sarebbero andate bene, erano un cantiere.
    Quest’anno non sono gli stessi che iniziarono la stagione 2014-15 perché c’è un dragic e un whiteside, green e winslow che mancavano al team del dopo lebron.

    Ma te queste cose non le sai, e poi tanto per fare il pirla del blog bastano le basi che hai. Sembri meno ignorante quando scrivi commenti random con “lebronette” ogni 3×2, e scemenze simili.

    Per la cronaca, anche con wade e bosh assieme in campo, quegli heat stavano comunque con un risultato negativo: 28 gare, e 13-15 di record.

    Continua ad abbuffarti di babà.

  • Michael Philips

    Spurs passeggiano, cavs caduta imbarazzante e meritata visto l’atteggiamento del gruppo e di lebron, fin dalla gara contro i knicks privi di melo. Sixers vincono la seconda, ergo in arrivo la seconda sconfitta dai warriors?

    Houston nonsense come pochi. Vincono contro questi spurs, e perdono contro i pelicans. Bulls non da meno, vincono nettamente contro i thunder e perdono contro dallas.

  • Barone birra

    È vero che con LeBron non c’erano né dragic né White Side ma l’anno scorso gli heat non avevano bosh e un Wade ai minimi termini mentre quest ‘anno i due suddetti stanno rendendo eccome. Quindi è sbagliato dire che con LeBron erano il massimo e senza di lui dei pipponi. Come al solito in media stat virtus

  • Barone birra

    I Warrors la settima prossima avranno dallas e Houston in btb forse ne perdono una. Alla fine i record sono fatti per essere battuti e molte volte li battono atleti e squadre non degne di fare la storia.

  • Shady

    la sconfitta poteva essere messa in preventivo dopo questo particolare b2b ma non doveva assolutamente arrivare così… spero che comuqnue questa sia la scoppola che mi auspicavo per i cavs, è da inizio hanno che non mi piacciono (anche nelle partite vinte) per la mentalità con cui giocano, come se ti dovessero fare un favore. capisco il giocare a marce basse, ma comunque l’impegno deve esserci sempre… spero che si facciano u esame di coscienza

  • Barone birra

    E struffoli non dimenticare caro il mio latente razzistello toscano

  • michele

    sono partite che non contano nulla..quante volte le squadre di lebron hanno fatto figuracce in regular season e poi andavano comunque in finale ?

  • Barone birra

    Sì ma con bosh e wade decenti avrebbero Fatto I play offs nessun dubbio .

  • Barone birra

    Sei nervoso per chi hai capito che anche quest’anno si perde .povero fattene una Ragione

  • Barone birra

    E grazie battere atlanta e i raptors sai che impresa eh ehh

  • Michael Philips

    razzista può essere in effetti, sono decisamente intollerante nei confronti di una razza, quella dei pirla, a cui tu appartieni.

    Questo di darmi del razzista comunque sta diventando banale eh, ogni volta che faccio riferimenti a napoli(senza mai offendere la città e i suoi abitanti comunque)si vede che la prendi sul personale all’istante.

    Se per caso iniziassi a dire a mad mel cose riguardanti il veneto(se non ricordo male) non credo partirebbe con le tue lagne o delle ridicole accuse di razzismo, o se consigliassi a iyw e altri romani di magnà a matriciana, non credo si offenderebbero.
    Se uno mi dice di star zitto e mangiare la fiorentina o la ribollita, gli rispondo per le rime, invece che piagnucolare come fai te.
    Sei il primo che in questo blog bazzica per fare il buffone, e provocare, e poi non appena ti si risponde(raramente)per le rime, ti offendi?
    Povero guaglione!

  • gasp

    Phoenix deve fare due cose: o fare una trade per un big o smantellare tutto. Sono ormai 5 anni che non arrivano ai PO e anche con Bledsoe e Knight non hanno cambiato niente, sono nel classico limbo…

  • Michael Philips

    con dragic c’erano le premesse per crescere, poi hanno rovinato il giochino mettendo nel roster altre 456789 point guard da affiancare a goran, e poi lo hanno dato via e da lì non si sono ancora ripresi. In più hanno un cancro da spogliatoio come il gemello morris che ne sta facendo di ogni per farsi cacciare da phoenix.

  • trizio81

    sono 3 partite consecutive che i Cavs tirano malissimo e fanno girare male la palla,sono 3 partite dove Lebron è imbarazzante sui 2 lati del campo,la sconfitta di stanotte è l’apice di quello che sta succedendo ultimamente…Apriamo il capitolo James:dalla media e lunga distanza men che mediocre avrà messo una tripla nelle ultime 5-6 gare,per non parlare dell’inesistente tiro dalla media….Mozgov un ex giocatore,Love moscio come il cazzo di un vecchio di 120 anni il resto della truppa va dove vanno i leader

  • gasp

    Ma credo proprio sia quella stagione e mezza in cui sembravano un team in crescita e con potenziale che li ha portati a come sono ora…perché la dirigenza ha pensato bene di migliorare la squadra per puntare in alto e lì ha sbagliato tutti i movimenti

  • Rui85

    I Miami vanno ch è una bellezza! Wade è veramente in salute…grande soddisfazione visto che parecchi lo davano per morto!mv3

  • Michael Philips

    lbj gioca ogni gara in modo differente(a parte le ultime 3, giocate demmerda facendo tris)e rispetto al periodo con miami, tira più da tre(e tira male male)prende più tiri forzati, più isolamenti e in post e dalla media agisce poco.

    Il bello è che sta scartando a priori le opzioni che gli hanno fatto portare a casa gli anelli. Quindi un blatt magari incidera un 15% sulle sue scelte in campo, ma tutto il resto è sulle sue spalle. La scelta di riprendere a fare il play, di voler puntare l’avversario come faceva fino al 2010(a miami difficilmente faceva isolamenti così prolungati)senza però avere le gambe del 2010, il fatto di aver abbandonato il post fatto come si deve, limitandosi a ricevere, e aspettare infiniti secondi prima di agire, concedendo al difensore tutto il tempo per poter ragionare.

    Dalla media non sta tirando, mai, dico mai. O va da 3, spesso fuori ritmo(ma sbaglia pure i piazzati) o si butta al ferro, dove però ricordo non riceve che pochissime chiamate in relazione alle botte prese. Ma questo è un dettaglio che in questo discorso non c’entra.

    Se prendi botte e non fischiano non puoi rimanere a protestare ogni volta, per poi tornare in difesa con tutta calma. Capisco la rabbia, ma è deleterio per il team un atteggiamento simile.

    In difesa in realtà sta facendo molto meglio rispetto agli ultimi due anni, ma come si è visto è l’attacco che ha tante cose da sistemare, al più presto.

    Gli scorsi playoffs è stato il master of nefficiency in attacco, e tutti a parlare di iguodala come suo stopper, quando questo ha tirato malissimo contro tutti i team affrontati e qualsiasi difensore che si è trovato di fronte. Molto spesso errori suoi. Deve rimettere il culo in carreggiata e magari mostrare un pò della fame da lupi che fino a quì hanno avuto i warriors, che sul 28-1, e con barnes out da 12 gare, avrbbero pure potuto prendersi qualche pausa.