NFL Tuesday 19: Recap della Week #17!

Carolina Panthers – Tampa Bay Buccaneers 38-10

Carolina non si distrae e chiude la pratica per la leadership della NFC battendo i Tampa Bay Buccaneers senza particolari problemi, garantendosi il vantaggio del fattore campo per tutti i playoff. A fine primo tempo la truppa di Cam Newton (21 su 23 per 293 yards 2 td e 2 td su corsa) è già sul 24-3 e la seconda metà di gara è pura accademia. Per l’ex fenomeno di Auburn, che si appresta a vincere il primo riconoscimento come MVP della Lega, arriva anche un importante record personale: con 43 touchdown pareggia il record di Steve Young per maggior numero di segnature su corsa per un quarteback. La differenza fra l’ex Niners e Newton sono gli anni in cui necessari per arrivare a tale cifra: quindici per Young e appena cinque per Cam.

Link: Tutto facile per Cam

Miami Dolphins – New England Patriots 20-10

ParkerInsolitamente scarichi e incocludenti, i Patriots cadono in Florida al cospetto dei Dolphins: il team di coach Bill Belichick cede così il primo posto nella AFC ai Broncos, perdendo il fondamentale vantaggio del fattore campo per tutti i playoff. Brady (12 su 21 per 134 yards) viene poco utilizzato nella prima metà di partita, con i Patriots intenti a chiamare solo giochi di corsa (atti anche ad evitare possibili infortuni allo stesso Brady e ai ricevitori). Miami ha così gioco facile nel controllare la partita e, pur non combinando niente di trascendentale, porta a casa la vittoria.

Link: Uno dei pochi lampi dei Patriots

Denver Broncos – San Diego Chargers 27-20

ManningQuando Rivers (21 su 35 per 228 yards 2 td e 1 intercetto) trova Gates per il td 13-7 Chargers a metà del terzo quarto, i Broncos vedono svanire la possibilità di vincere la AFC con conseguente vantaggio del fattore campo per tutti i playoff. Denver ha accumulato qualcosa come cinque turnover fra intercetti e fumble e la giornata sembra volgere al peggio con la citata segnatura di Gates. Coach Kubiak decide di dare una scossa e a metà terzo quarto toglie Osweiler (14 su 22 per 232 yards 1 td e 2 intercetti) dal campo, inserendo il rientrante Peyton Manning. La folla irrompe in un boato e l’ingresso del leggendario quarterback carica la squadra che comincia a macinare drive su drive. Il running game si risveglia improvvisamente (212 yards e 2 td fra Hillman e Anderson) e Manning può portare avanti i Broncos 17-13 con due drive che culminano con la meta di Anderson e il field goal di McManus. Tempo dieci secondi di gioco e Rivers trova Williams per un touchdown da 80 yards (su mega dormita delle secondarie dei padroni di casa) che riporta in vantaggio i Chargers. Manning però non si demoralizza e firma altri due drive che portano alle segnature che consegnano a Denver la vittoria divisionale e della AFC.

Link: Hillman riporta avanti i Broncos!

Buffalo Bills – New York Jets 22-17

Sammy+Watkins+New+York+Jets+v+Buffalo+Bills+EYUF8N3o7mZxI Jets cadono a Buffalo e, nonostante un più che positivo 10-6 di record, dicono addio ad un posto playoff. Che non sia una gran giornata lo si capisce subito con i Bills che, ad inizio match, scappano sul 13-0 grazie alle corse in endzone del quarterback Tylor e del running back Williams. La Gang Green si scuote un po’ ma rimane sempre dietro nel punteggio. Nel quarto quarto, con i Bills che faticano a mettere punti sul tabellone e con l’occasione di compiere il definitivo sorpasso, Ryan Fitzpatrick (16 su 37 per 181 yards 2 td e 3 intercetti) lancia tre intercetti in tre consecutivi drive, condannando i newyorchesi alla sconfitta. Le pessime notizie in arrivo da Cleveland (vittoria degli Steelers) chiudono la giornata nel peggiore dei modi e mandano in vacanza anticipata la squadra di coach Todd Bowles.

Link: Lo scramble di Taylor per il td Bills!

Houston Texans – Jacksonville Jaguars 30-6

WattI Texans sbrigano la pratica Jaguars senza troppi ostacoli e, vincendo al AFC South, conquistano il “lasciapassare” per la postseason. La difesa di Houston fa vedere i sorci verdi a Bortles (che subisce 8 sacks e 8 hits) per tutta la partita e Brian Hoyer (25 su 40 per 249 yards 1 td e 1 intercetto) non ha particolari grattacapi nel guidare l’attacco dei padroni di casa alla vittoria. Il wide receiver dei Texans DeAndre Hopkins diventa solo il secondo giocatore nella storia (Randy Moss l’altro) ad ammassare oltre 3.500 yards in ricezione prima dei ventiquattro anni.

Link: Watt domina i Jaguars da solo!

Cleveland Browns – Pittsburgh Steelers 12-28

BrownGli Steelers riescono ad avere la meglio dei Browns e, nonostante l’infortunio al running back DeAngelo Williams, conquistano la vittoria che, complice il disastro dei Jets a Buffalo, permette al team di Coach Mike Tomlin di accedere alla post-season. Il punteggio sembrerebbe “parlare” di una passeggiata ma in realtà i gialloneri riescono a staccarsi dai padroni di casa solo con il touchdown di Wheaton ad inizio quarto quarto. Antonio Brown fissa a 1834, il numero delle yards ricevute quest’anno (quarta prestazione all-time dopo Calvin Johnson, Julio Jones e Jerry Rice) e corona un’altra stagione da protagonista. Per i Browns si chiude l’ennesima stagione deludente che porta al licenziamento di coach Mike Pettine e del Gm Ray Farmer.

Link: Ben to Heath per il td Steelers!

Cincinnati Bengals – Baltimore Ravens 24-16

AJ McCarron (17 su 27 per 160 yards e 2 td) recupera dall’infortunio patito contro i Broncos e guida l’attacco dei Bengals nel match contro i Ravens. Baltimore da del filo da torcere a Cincinnati per i primi due quarti e chiude in vantaggio 9 a 6. Nel corso della ripresa l’ex Alabama, aiutato dalla buona giornata del running back Jeremy Hill (96 yards su 16 portate e 1 td), trova maggiore concretezza e l’attacco dei Bengals riesce a mettere sul tabellone i punti della vittoria. La squadra di coach Marvin Lewis aspetta Pittsburgh nel primo turno di playoff, in quello che si presenta come il match di “wild card” più infuocato del prossimo weekend.

Link: Hill è già in forma playoff

Kansas City Chiefs – Oakland Raiders 23-17

I Chiefs vincono la decima (!!!) partita consecutiva e si preparano al meglio per i playoff che li vedranno opposti, sabato prossimo, agli Houston Texans. Kansas City parte subito forte e i touchdown di Maclin (ben imbeccato da Alex Smith) e Ware aprono le danze per i padroni di casa; Oakland accorcia le distanze ma nel terzo quarto Smith (14 su 24 per 156 yards 2 td e 2 intercetti) trova Harris per il touchdown che, di fatto, chiude la contesa. Per i Raiders si chiude una stagione positiva che ha visto crescere sia il reparto difensivo che quello offensivo: il prossimo passo per il confermatissimo coach Del Rio sarà dare continuità al gioco di Oakland, spesso protagonista di troppi alti e bassi nel corso della stessa partita.

Green Bay Packers – Minnesota Vikings 13-20

PetersonMinnesota passa in Wisconsin e si assicura un primo turno casalingo di playoff (contro Seattle). Le difese di Packers e Vikings mettono le manette agli attacchi avversari e si assiste, così, ad una battaglia difensiva che termina, a fine primo tempo, sul punteggio di 6-3 per gli ospiti. Il break fa bene a Bridgewater&Co che, nel terzo quarto segnano le due segnature decisive (touchdown su corsa di Adrian Peterson e fumble riportato in endzone da Munnerlyn). Per Aaron Rodgers (28 su 44 per 291 yards 1 td e 1 intercetto) ennesima partita in chiaroscuro condita da un sanguinoso intercetto a fine partita, con Green Bay a poche yards dal pareggio.

Link: Adrian trova la via per il td Vikings

Arizona Cardinals – Seattle Seahawks 6-36

MichaelForse poco convinti della chance di agguantare e superare i Panthers in vetta alla classifica della NFC (sarebbe servita una vittoria dei Buccaneers sul campo di Carolina), i Cardinals scendono in campo relativamente “rilassati” e consegnano sostanzialmente il match ai Seahawks. A fine primo tempo il punteggio sul tabellone recita 30-6 per Wilson&Co e la mente dei giocatori vola subito ai prossimi impegni di post-season.

Link: No Lynch, No Rawls….No problem!

Atlanta Falcons – New Orleans Saints 17-20

Atlanta chiude una seconda parte di stagione deludente perdendo fra le mura amiche contro i rivali divisionali di New Orleans. I Falcons tengono botta ai Saints per tutta la partita ed è solo un field goal di Kai Forbath a tempo scaduto a sancire la vittoria per gli ospiti. Da segnalare che, con quelle accumulate in questa partita, il wide receiver dei Falcons Julio Jones raggiunge l’incredibile totale di 1871 receiving yards stagionali, seconda prestazione all-time dietro le 1964 di Calvin Johnson nel 2012

Link: Il fantastico “gioco di piedi” di Watson!

New York Giants – Philadelphia Eagles 30-35

Eagles e Giants divertono il pubblico del Met Life Stadium dando vita ad una partita dal punteggio alto e dall’esito incerto fino alla fine. A fine match prevalgono gli ospiti che capitalizzano alcuni errori dei padroni di casa (su tutti l’intercetto riportato in endzone dal cornerback di Philly, Walter Thurmond) e tengono duro sul disperato tentativo di rimonta finale dei Giants. Con Chip Kelly silurato nel corso della settimana scorsa, anche Tom Coughlin rischia di veder “saltare” la propria panchina: la dirigenza dei Giants non è affatto soddisfatta del recente andamento della squadra e un cambio al vertice tecnico del team appare più che probabile. Da segnalare che Odell Beckham Jr. diventa il giocatore con più “receiving yards” in NFL nelle prime due stagioni da professionista nel corso della storia NFL, battendo il record che apparteneva al futuro Hall of Famer Randy Moss. Il tutto avendo saltato cinque partite in questo periodo di tempo!

Link: La giocata che spacca la partita

San Francisco 49ers – St. Louis Rams 19-16

La risicata vittoria contro i Rams non riscatta la disastrosa stagione dei 49ers e non salva la panchina di coach Jim Tomsula che, dopo solo un anno alla guida della gloriosa franchigia californiania, deve dire al ruolo di Head Coach. Diverso il destino per Jeff Fisher che, nonostante un’ennesima stagione sottotono di St.Louis dovrebbe mantenere il ruolo di capo allenatore anche per la prossima stagione.

Dallas Cowboys – Washington Redskins 23-34

I Redskins schierano i titolari solo per parte dei primi due quarti, ma ciò basta a Kirk Cousins (12 su 15 per 176 yards e 3 td) per guidare i drive che portano avanti gli ospiti sul 24-0. La partita finisce qui e Washington può concentrarsi sul prossimo impegno di playoff. Per i Cowboys si chiude una stagione disgraziata caratterizzata dai pesantissimi infortuni di Bryant e Romo.

Link: Kirk apre le danze!

Chicago Bears – Detroit Lions 20-24

I Lions chiudono in crescendo la stagione e completano una seconda metà di stagione da 6-2 di record. Peccato che il terribile inizio di stagione (1-7) avesse già rovinato tutto. A Chicago, Matt Stafford (28 su 39 per 298 yards e 3 td) gioca un’ottima partita e riesce a coinvolgere tutti i suoi ricevitori, mettendo Detroit nella posizione di vincere con il lancio che trova Ebron in endzone per il vantaggio Lions a meno di nove minuti dalla fine. Cutler avrebbe anche la chance di vincere la partita, ma il drive del possibile successo viene interrotto dall’intercetto della safety dei Lions Glover Quin che consegna quindi il match agli ospiti. Per Detroit rimane il dubbio su che fare con coach Caldwell dopo una stagione simile: tragica all’inizio (anche se con un calendario tremendo) e più che positiva dopo il bye di metù novembre.

Link: Matt to Calvin…per l’ultima volta!?

Indianapolis Colts – Tennessee Titans 30-24

In una partita dallo scarso valore di classifica (i Colts avevano una teorica possibilità di accedere ai playoff tramite una combinazione di risultati irreale), Indy e Tennessee danno vita ad un match che anima il pomeriggio del Lucas Oil Stadium. La vittoria non cancella però la delusione per una stagione che molti avevano giudicato, ad inizio stagione, come potenzialmente trionfale (alcuni davano i Colts favoriti per l’accesso al Superbowl) e che invece termina prima del previsto. Nel momento in cui scrivo è ancora in dubbio il futuro di Coach Chuck Pagano alla guida della franchigia dell’Indiana

Link: Freeman-Fleener per il td Colts!

Tabellone Playoffs 2016
(venerdì alle 16 analisi delle Wild Card)

Playoffs

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G