Green Bay, Rodgers-McCarthy è la chiave!

Stagione quasi da dimenticare per i Green Bay Packers eliminati all’overtime dagli Arizona Cardinals ai Divisionals, malgrado il solito stratosferico Aaron Rodgers (32 anni) la franchigia del Wisconsin ancora una volta ha dovuto dire addio ai sogni di gloria e adesso si trova a dover fare delle riflessioni.

Annata fortemente condizionata dall’infortunio (in Pre-Season!) al ginocchio di Jordy Nelson (30 anni) nonché l’alfiere di A-Rod, il ritorno di James Jones (31 anni) ha messo qualche toppa ma complessivamente i Packers hanno avuto difficoltà, soprattutto in attacco, per tutta l’annata; record di 10-6, persa la Division con tanto di sweep casalingo (0-3), biglietto Playoffs strappato attraverso una strategica Wild-Card per avere i Redskins e poi quello che è successo a Glendale lo hanno visto tutti.

La domanda che in molti si stanno ponendo è: sono ancora una squadra da titolo o è arrivato il momento di girare pagina?

Il roster c’é, dal 2008 ad oggi sono i New England Patriots hanno registrato un record migliore (96-32) contro il l’83-44 delle “teste di formaggio”, l’unico reparto su cui bisognerebbe mettere mano è la tasca che troppe volte ha lasciato il suo QB alla mercé dei pass-rushers avversari, il pacchetto WR è di prima fascia (Nelson, Jones, Cobb, Richards), il RB Eddie Lacy (25 anni) è in grado di rompere le partite e se poi perdesse un po’ di peso male non gli farebbe, la difesa tutto sommato non è da buttare, ma il vero problema non sono i 33 che scendono in campo…ma la relazione tra Rodgers e l’Head-Coach Mike McCarthy!

Da tempo si percepiva l’apice è stato raggiunto dopo il tragico KO ai Championship degli scorsi Playoffs, il rapporto tra Rodgers e McCarthy si è bruscamente incrinato e per spiegarlo bisogna fare un salto indietro; Rodgers era molto legato all’Offensive Cordinator che lo ha lanciato Joe Philbin, dopo la partenza di Philbin (2011) l’attacco dei Packers è andato sempre più nella direzione di McCarthy e quest’anno si è arrivati al limite.

Il fidanzato di Olivia Munn è consapevole di avere un super attacco e che il passing-game dei Packers sia tra i migliori della Lega, di conseguenza predilige lanciare che giocare conservativo come spesso fa McCarthy affidandosi alle corse del duo Lacy-Starks. In poche parole il QB vede il suo attacco sprecato e non sfruttato a pieno.

L’ultimo Superbowl targato Packers risale al 2011, sulla carta la squadra può giocarsela con tutti soprattutto finché il suo #12 scenderà in campo, però è arrivato il momento di fare chiarezza all’interno.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B