Durant difende OKC: “Non siamo gli Spurs”

Domenica notte gli Oklahoma City hanno visto interrompere la loro striscia di 7 vittorie consecutive a sorpresa in quel di Brooklyn, ancora una volta al centro del mirino c’è stato il gioco troppo “Iso-Dipendente” degli uomini di coach Billy Donovan, Kevin Durant (27 anni) ancora una volta è corso in difesa della sua squadra.

Con due giocatori del calibro di KD e Russell Westbrook (27 anni) è praticamente impossibile non dipendere dalle loro giocate in isolamento, OKC vive e muore con loor e a chi li vorrebbe più squadra di sistema ecco la risposta del #35 a Royce Young della ESPN:

Non siamo i San Antonio Spurs! Non eseguiamo 30 passaggi a possesso, non siamo quello, certamente la gente vorrebbe vederci così che è un grande basket non fraintendetemi, ma non lo siamo. Abbiamo giocatori in grado di segnare, abbiamo due ragazzi che possono segnare, ci saranno momenti in cui dovremo giocare in isolamento e altri momenti dove dovrro essere aggressivi cercando lo scarico per il compagno.

Durant poi non fa drammi e con molta semplicità spiega la differenza tra loro e gli Spurs:

La pallacanestro è semplice, bisogna arrivare nel pitturato e questo quello che fanno gli Spurs, hanno i giusti giocatori che passano, passano, driblano e poi arrivano al ferro, noi abbiamo me, Russ, Cameron e Dion che possiamo battere l’uomo ed entrare nel pitturato per o segnare o scaricare fuori per il compagno.

Gli Oklahoma City Thunder sono l’unico Top Team che non ha ancora affrontato il doloroso test Golden State Warriors, in 7 giorni i campioni in carica ha rifilato 30 punti a Cleveland, Chicago e stanotte ai San Antonio Spurs, 3 squadre con 3 sistemi diversi, il 6 febbraio ad Oakland vedremo sei KD & Co. riusciranno in quella che ormai è un’impresa biblica.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B