Denver ferma Toronto, ok Cavs, Bulls K.O!

Indiana Pacers – Cleveland Cavaliers 106-111 OT
IND: George 11, Turner 14 (10 rimb), J.Hill 17, Ellis 14, G.Hill 23, S.Hill 10
CLE: James 24 (12 rimb), Love 19, Thompson 14 (12 rimb), Smith 19, Irving 25

Quinta vittoria consecutiva per i Cleveland Cavaliers che battono a domicilio gli Indiana Pacers dopo un tempo supplementare; ospiti che agguantano il pareggio a 44” dalla fine dei regolamentari con Kyrie Irving sul 96-96, Indiana negli ultimi 20” avrà ben 2 occasioni per vincere ma prima George Hill e poi Mona Ellis non riusciranno.
Nell’Extra-Time decisivo il rimbalzo offensivo di LeBron a 21” dalla sirena sul +1 Cavs (106-107) dopo un errore di Irving che poi successivamente farà 2/2 dalla lunetta per il +3 a 13”, Hill va per i 2 veloci ma sbaglia il tiro e LBJ chiuderà il discorso dalla lunetta.

Brooklyn Nets – Detroit Pistons 100-105
BKN: Lopez 17, Ellington 11, Bargnani 18, Larkin 8 (14 ass)
DET: Morris 12, Ilyasova 16, Drummond 21 (18 rimb), Caldwell-Pope 16, Jackson 19, Johnson 13

Italian Job: Bargnani 18 pt (7/12, 4/4 tl), 4 rimb, 1 ass in 24’

Detroit esce negli ultimi 2’ di partita grazie al solito Reggie Jackson e Anre Drummond; Nets avanti 95-98 dopo una schiacciata di Lopez a 2’24”, Jackson spara la tripla del pareggio dando il via al break finale di 10-2 Pistons, di questi 10 punti ben 7 poteranno al firma del PG di Detroit.

Atlanta Hawks – Dallas Mavericks 112-97
ATL: Horford 10, Millsap 8 (12 rimb), Korver 16, Teague 32, Schroder 14
DAL: Parsons 19 (11 rimb), Nowitzki 18, Pachulia 4 (13 rimb), Matthews 11, Felton 13, Barea 15

Season-High per Jeff Teague da 32 punti e vittoria Hawks contro Dallas; i texani sbagliano qualunque tiro nel primi 18’ di partita e Atlanta ne approfitta volando sul +16 (36-20) senza più guardarsi indietro anche quando i Mavs proveranno la rimonta.

New Orleans Pelicans – Memphis Grizzlies 95-110
NOP: Davis 23, Cole 23
MEM: Randolph 22 (12 rimb), Gasol 14, Conley 17 (10 ass), J.Green 24, Carter 13

Grazie ad un ottimo 4° periodo i Grizzlies si scrollano di dosso i Pelicans conquistando la vittoria grazie al duo Randolph-Green; le squadre entrano nell’ultima frazione sul 77-75, New Orleans tiene botta fino alla metà (84-86) poi un break di 10-0 Grizzlies gira l’incontro dando il +8 (94-86) a 5’19”, Davis & Co. non riusciranno a rientrare.

Oklahoma City Thunder – Washington Wizards 114-98
OKC: Durant 28, Ibaka 19 (10 rimb), Adams 10, Westbrook 17 (13 rimb, 11 ass), Kanter 14
WAS: Porter 13, Gortat 17, Wall 17, Beal 18

Russell Westbrook spara la 26esima Tripla-Doppia in carriera (17+14+11), Kevin Durant chiude con 28 punti e Oklahoma City domina Washington; KD ne realizza 18 dei suoi 28 nel primo tempo con OKC avanti 64-52, vantaggio mai messo in discussione e ampliato fino al +17 nella ripresa.

San Antonio Spurs – Orlando Magic 107-92
SAS: Leonard 10, Aldridge 28, Ginobili 13, Mills 22
ORL: Harris 11, Gordon 12 (16 rimb), Vucevic 20 (10 rimb), Oladipo 19

Orlando infastidisce San Antonio per 3 quarti prima di cedere il passo per la 26esima vittoria su 26 in casa dei nero-argento; Magic che entrano solo sotto di 5 (75-70) nell’ultimo quarto am San Antonio chiude spegne subito le speranze con Kyle Anderson, 7 punti per lui nel break di 9-2 per il +12 (84-72) che di fatto chiuderà la partita.

Denver Nuggets – Toronto Raptors 112-93
DEN: Gallinari 13, Faried 13, Jokic 27 (14 rimb), Barton 20, Foye 16
TOR: Valanciunas 10, DeRozan 24, Lowry 10, Ross 12

Italian Job: Gallinari 13 pt (3/5, 1/2, 4/5), 4 rimb, 4 ass, 1 rec, 4 perse in 29’

Danilo Gallinari ma soprattutto Nikola Jokic (27+14) fermano la striscia di 11 vittorie consecutive dei Toronto Raptors; dopo essere andati al riposo lungo sul +11 (60-49) i Nuggets hanno incrementato il vantaggio nel 3° quarto grazie anche alla moltitudine di errori dei canadesi, con un break di 12-0 a cavalo tra il 3° e il 4° Denver tocca il +23 (88-65).

Utah Jazz – Chicago Bulls 105-96 OT
UTA: Hayward 27 (12 rimb), Favors 13, Gobert 16 (12 rimb), Hood 19, Neto 14, Burke 10
CHI: Gasol 19, Gibson 7 (11 rimb), Butler 26, Rose 14

Seconda sconfitta consecutiva per i Chicago Bulls che cadono all’overtime in quel di Salt Lake City sotto i colpi del solito Gordon Hayward; a 18” dalla fine bomba del +3 di Derrick Rose (90-93), Hayward va in lunetta, mette il primo, sbaglia il secondo ma c’è il rimbalzo offensivo di Johnson da quale poi arriverà a 4” dalla fine il layup di Hayward per il 93-93. Utah che rischia pure di vincere con Rose che perde palla a 4” ma Hayward non riuscirà nel buzzer-beater.
Bulls alla frutta tanto che non giocheranno il supplementare, 12-3 il parziale per i Jazz co gli ospiti che tireranno 0/5 dal campo.

Sacramento Kings – Milwaukee Bucks 111-104
SAC: Gay 32, Koufos 7 (11 rimb), Cauley-Stein 4 (10 rimb), Belinelli 18, Rondo 19, Casspi 13, Collison 14
MIL: Antetokounmpo 17, Parker 16, Monroe 24 (12 rimb), Middleton 14, Carter-Williams 18 (13 ass)

Italian Job: Belinelli 18 pt (3/7, 2/9, 6/7), 3 rimb (1 off), 6 ass, 1 rec, 2 perse in 36’

Kings ancora senza DeMarcus Cousins ma vincenti con Rudy Gay da 32 punti e un ottimo Marco Belinelli da 18 punti partendo in quintetto; è proprio il Beli che dà il via al break decisivo di 13-5 del 4° con 5 punti consecutivi potando Sacramento dal -1 al +7 (91-84) con 5’31” da giocare, e sarà sempre il Beli a cominciare un altro break di 9-2 (3 triple, Belinelli, Casspi e Rondo) per il +11 (102-91) a 2’43”.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Barone birra

    Per vari motivazioni non leggo e non posto da alcuni giorni ma ora rieccomi qua. Ieri dopo più di una settimana ho letto un post sulle guardie e dintorni e subito ho visto che il grullo ha dato il peggio di sé. Non si sa dove comincia l’ignoranza e inizia la malafede come al solito. Ho letto che secondo il piagnone ai tempi di Jordan l’unica guardia era Miller.;e i vari drexler wilkins e penny dove li mettiamo? Erano tutti centri vero genio? Ho m letto che secondo lui il barba è la migliore guarda attuali e i vari curry e westbrook cosa sarebbero play puri? Ma parliamo di cose serie :ho notato che Leonard è in netta fase calante e cioè mi preoccupa non poco, credo che senza Leonard in modalità superstar per gli spurs ci siano poche speranze. Okc continua a vincere mentre la corazzata bulls continuamente a perdere. Niente paura Toronto fermerà i cavs lol. A proposito da quando le bron scusate lue allena i cavs i giocatori sembrano più sciolti in attacco

  • shaq4ever

    paolino george dopo un inizio scintillante sta regredendo a vista d’occhio. in stagione 41% dal campo e indiana è all’8° posto ora

  • BigGameJames

    Considerazioni e domande
    -I kings cos’hanno intenzione di fare col Beli? l’altra notte “dnp coach decision” e stanotte titolare.
    -Quant’è il record dei bulls con rose in campo? l’impressione mia, basso. Ma non seguendo i bulls non capisco nemmeno se sia legato a lui.
    -Myles Turner lo seguo da un po e mi fa impazzire.
    -Leonard credo stia rifiatando. Non si può giocare con quell’intensità sui 2 lati tutta la rs+po…
    – Discorso analogo PG13, solo che i pacers non se lo possono permettere

  • In Your Weis

    Complimenti ai Nuggets che hanno scoperto questa piccola gemma, nascosta alla n.41, e che ora è il loro centro titolare. Di solito i lunghi ci mettono un po’ a svilupparsi, e quelli scelti al secondo giro sono progetti di cui i frutti si vedranno in là nel tempo. Jokic invece sta bruciando le tappe, e rivelandosi uno dei migliori rookies della Lega

    Ho visto i Cavs stanotte e mi sono sembrati piuttosto diversi da quelli delle ultime uscite. Il 1° tempo in linea con le ultime quattro, 60 punti a referto e gioco brillante, corale. Nel 2° si sono fermati, mi sono sembrati molto stanchi, al di là della difesa di Indiana, e sono riemersi i soliti problemi, palle perse, isolamenti a go-go, poca lucidità

    Irving assolutamente MVP, mentre tutti gli altri faticavano lui si è preso carico dell’attacco segnando i canestri decisivi nel 4/4 ed overtime, anche JR e TT perfetti o quasi, Love è stato importante nel 1° tempo, LeBron si è spento dopo 7/11 iniziale, giocando un secondo tempo abbastanza orrido. Come orrido è stato l’impatto della panchina

    E’ una partita e ci può stare, viaggiano verso le 60W e le prossime 5 partite non sembrano impossibili, l’importante per loro era vincere, e vincere giocando male comunque aiuta il morale

  • Michael Philips

    ieri malissimo george, un pò per la difesa di lebron ma molti errori li ha fatto per conto suo.
    Alla fine ci sta che chiuda la stagione sulla falsa riga di quella pre-infortunio, con numeri leggermente superiori. Ma l’importante è che sia tornato il giocatore che era fino al 2014.

  • Michael Philips

    Che giocatore fantastico miles turner.

    Questo ha le mani tipo il grande Mario Brega:
    possono esse piuma o possono essere “fero”. Ieri si sono viste le due versioni in azione, sia quando metteva jumper dalla media, e sia quando per 4(quattro, four)volte ha rispedito al mittente i tiri di lebron, e tra questi ha forse piazzato la stoppata dell’anno.

    James così così ieri, benino in difesa, bene in attacco nel primo tempo, poi si spegne e i pacers recuperano trascinati da hill, monta e turner.

    Alla fine l’ha vinta irving pur giocando in modo disordinato.

    Love un pò scomparso nel secondo tempo, ma piazza due giocate ottime quando conta: tripla e stoppata pesante nell’overtime.

  • BigGameJames

    Concordo su Jokic. E Mike Malone è un allenatore che sta lavorando davvero bene, soprattutto nel far crescere i giovani.

  • Barone birra

    Intanto kd fa la42 esima partita con più di 20 per me il migliore della lega dopo curry; anche perché LeBron fa anche l’allenatore ehh ehh

  • Barone birra

    Riguardo Leonard non è che curry e i Warriors hanno un pochino traumatizzato anche lui con la ripassata data agli spurs? Curry meno sparate e più 30 Elli ha già toppato 2 gare di fila.

  • Shady

    troppe palle perse e attacco leggermente più statico, ma naturalmente non si possono vincere tutte le partite come le ultime 3. irving ormai tornato ai livelli pre-infortunio si sta sempre più rivelando la prima scelta negli ultimi possessi delle partite, e devo dire che se la sta cavando benissimo, a difesa schierata è fra i migliori della lega. la stoppata di love nel finale mi fa cominciare a dubitare sul mio ateismo :’)
    comunque è evidente che si è imboccata una strada completamente diversa: contiamo così!

  • sconocchini

    rose è tipo 400simo in nba per real plus/minus.

  • Michael Philips

    il problema è chiaro: rose anche nelle gare in cui gioca bene, attacca il ferro e tutto il resto, sembra essere nocivo per i suoi e per butler sopratutto, che con il n.1 in campo è costretto a trattenersi in modo evidente.

    Non sono più il team di derrick ma a lui chi glielo dice?

  • trizio81

    meraviglioso Myles Turner,unico neo nella notte il mancato blocco alla fine dei regolamentari sul tiro di Ellis….Thunder che iniziano a far sul serio

  • trizio81

    ricordiamoci che i Cavs se nn sbaglio erano alla 4 partita in 5 notti

  • Michael Philips

    Nikola Jokic 2nd round (11th pick, 41st overall)…ehm, steal di proporzioni bibliche?
    Quindi ricapitolando:

    Towns, Okafor, Porzingis, Mudjay, Booker, Jokic, Turner, S. Johnson, d’angelo, Winslow.
    Tutti 19-20 anni e potenziale enorme come non si vedeva non dal draft 2003, ma da quello del 1996.
    A questi si devono aggiungere i due rookies per ora deludenti come kaminsky e hezonja, e pure questi potrebbero uscirne bene l’anno prossimo, e portis dei bulls.

  • Shady

    intanto love posta sulla sua pagina fb il video della stoppata… con la scritta “la difesa vince la partita”, mi farebbe lo stesso effetto vedere salvini che pubblica la foto di un bambino di colore con scritto “dona un euro al piccolo”

  • mad-mel

    Beh winslow johnson d’angelo rimandati al prox anno. Ancora non si può capire che impatto avranno.
    Mudiay mi sembra un’altro pseudo Mcw.
    Su Turner mi esprimo a fine stagione.

  • Michael Philips

    Stanley Johnson gioca poco ed è bloccato da KCP, ma sta crescendo. Russell si è ritrovato nel mezzo del farewell tour di kobe misto al tanking quindi che ci può fare?
    Mudiay mette numeri brutti rispetto a carter-willliams rookie, ma pare più un play che un’ala piccola come ogni tanto pare cancer-williams.
    Winslow non è male come difensore e pure lui è bloccato da deng.
    Turner sembra serio e mi parve serio da subito durante la summer league.
    Diciamo che tolti i 4 che partono titolari nei rispettivi team, gli altri rookies non hanno trovato molto spazio. Pensa a tank kamisky che pur giocando in quell’infermeria che sono gli hornets non trova minuti e non ha certo 19 anni come altri.

    Poi a monte, chiaro per giudicare per bene serve tempo e bisogna vederli giocare sotto pressione e con minutaggio adeguato.
    Towns come testa+mezzi fisici+fondamentali, pare il miglior lungo dai tempi di duncan, o se vogliamo da 1998 con dirk o 2001 con gasol, ma KAT credo già dall’anno prossimo farà un balzo di qualità pauroso.
    Okafor mi pare uno alla al jefferson o alrdidge, poco spettacolo, zero esplosività ma grande tecnica e grandi doti di scorer. Va visto in un progetto serio.
    Porzingis è un’incognita. Lui può rimanere più o meno com’è oggi, o diventare qualcosa di mai visto prima.

  • Michael Philips

    eh vabbè, ma quando gli ricapiterà di fare una stoppata decisiva?

  • matteomidnight

    Belinelli (mi sembra) non ha giocato contro Memphis perché influenzato.

  • Lorenzo Escriva

    tipo mai? esatto ho risposto bene..mai…ahahahahha

  • Michael Philips

    La notizia del giorno è che se Durant dovesse lasciare i Thunder, in pole position ci sarebbero i warriors!
    Mi sa di balla colossale, ma fosse vero…

  • Shady

    Finals, Gara 7, 5” sul cronometro, +1 CLE, rimessa warriors: curry riceve palla, finta la tripla manda all’aria irving e si butta dentro, crossover su lebron, lo spiazza allora alza un campanile pronto a emettere il gong della gloria eterna… ma non ha fatto i conti con lui, il sorprendete DPOY 2016, che con LA stoppata decisiva regala il primo titolo della storia a Cleveland: proprio lui, canotta #0, the boy from Santa Monica, California… KEVIN LOVE!!!

  • Lorenzo Escriva

    AH AH AH grosse risate…