NFL Off-Season 2016, ecco gli appuntamenti!

Comincia la lunghissima offseason NFL che, come sempre, prende ben sette mesi dell’anno (uno dei break più lunghi dello sport mondiale) e porta gli appassionati di questa palla ovale ad aspettare fino a Settembre prima di rivedere una partita con qualcosa in palio.

Ho sempre pensato che questo break così lungo non aiuti molto l’appassionato occasionale (italiano ed europeo in genere) a diventare..non occasionale: molti si avvicinano a questo sport nelle fasi dei playoff (se non del Superbowl) e proprio quando si potrebbe battere il ferro finchè è caldo, arrivano sette mesi di “inverno footballistico”. L’attenzione degli appassionati si sposta quindi ad alcuni appuntamenti che riempiono (si fa per dire) l’attesa della nuova stagione

NFL_Free-agency

La free agency scatterà ufficialmente il 9 Marzo e, come sempre, i primi due o tre giorni di mercato saranno i più febbrili con tutte le franchigie NFL alla ricerca del giocatore che possa far fare il salto di qualità alla squadra. Solitamente i prezzi del mercato in questi primi giorni di scambi sono “esagerati” per il valore dei giocatori in questione e può anche accadere che i migliori free-agent in circolazione vengano “bloccati” dalle loro squadre tramite lo strumento del franchise-tag

NFL-Draft-Logo

Il 28 Aprile si svolgerà a New York il draft 2016. “Forte” del record peggiore della NFL, i Tennessee Titans potranno scegliere per primi e, potendo già contare su un quarterback come Marcus Mariota (su cui si è spesa una pesante “prima scelta” lo scorso anno) potrebbe decidere di scambiare il proprio pick con qualche altra franchigia desiderosa di scegliere per prima. In alternativa la franchigia biancoceleste potrebbe virare sul talento del defensive end Joey Bosa (in uscita da Ohio State) o su un offensive lineman che possa proteggere Mariota. Con il secondo pick i Cleveland Browns andranno, quasi sicuramente, su un quarterback: Jared Goff da Cal e Carson Wentz da North Dakota State i candidati a guidare l’attacco di Coach Hue Jackson.

HofF_thumbnail_2

Ad inizio Agosto, a Canton, Ohio, verranno incoronati i membri della classe Hall of Fame del 2016. La votazione, tenutasi, in questi giorni pre-Superbowl ha visto emergere il quarterback Brett Favre (campione nel Superbowl XXXI con i Green Bay Packers e su cui potremmo scrivere un romanzo), il wide receiver Marvin Harrison (per anni bersaglio preferito di Peyton Manning a Indianapolis e campione del superbowl XLI), l’offensive tackle Orlando Pace (pietra angolare della linea offensiva dei St. Louis Rams campioni del Superbowl XXXIV), il linebacker Kevin Greene (che con 160 sacks è terzo nella speciale classifca all-time), l’ex coach Tony Dungy (il primo coach Afro-americano a guidare una squadra alla vittoria del Superbow, in questo caso gli Indianapolis Colts guidati da Peyton Manning), Ken Stabler (quarterback degli Oakland Raiders campioni nel XI e recenemente scomparso), Eddie de Bartolo (proprietario dei San Francisco 49ers che vinsero tutto negli anni ’80) e Dick Stanfel (guardia dei Detroit Lions, due volte campioni NFL negli anni ’50).
Un po’ di sorpresa ha destato l’esclusione, dai selezionati di questo anno, di Terrell Owens (CLICCA QUI per leggere): considerato fra i top 3 wide receiver della storia (con Jerry Rice e Randy Moss), l’ex 49er paga forse l’atteggiamento “eclettico” (diciamo così…) che ha tenuto per tutta la carriera e che lo ha portato spesso in rotta di collisione con compagni di squadra e coaching staff delle franchigie in cui ha militato.
Detto questo T.O. (protagonista anche in Ogni Maledetta Domenica dove, fra l’altro, segnava anche un touchdown nella partita playoff) ha numeri impressionanti in carriera (secondo per yards ricevute dietro Rice e terzo per td segnati su ricezione dietro Rice e Moss) e il suo arrivo a Canton è rimandato al prossimo anno.

Seguiremo questi appuntamenti con degli speciali ad hoc e vi invitiamo a rimanere sintonizzati sulle frequenze di NBA-Evolution!!!

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL.

Nickname: Fabio G