DeRozan salva Toronto, Bradley i Celtics!

Charlotte Hornets – Indiana Pacers 108-101
CHA: Batum 31, Zeller 4 (11 rimb), Walker 33 (10 ass), Jefferson 13
IND: George 35, Mahinmi 10 (14 rimb), Ellis 15, G-Hill 12

Vittoria pesantissima per i CHarlotte Hornets contro gli Indiana Pacers in chiave Playoffs con ancora una volta Kemba Walker (33+10) protagonista; partita che si decide a 6’ dalla fine, Indiana arriva sul -3 (93-90) ma Charlotte risponderà con un break di 8-0 per il +11 (101-90) a 4’39”.

Orlando Magic – Phoenix Suns 84-102
ORL: Fournier 12, Vuecbic 15 (12 rimb), Hezonja 12, Payton 19 (11 ass), Ilyasova 5 (12 rimb)
PHX: Len 31 (15 rimb), Chandler 10 (12 rimb), Booker 14, Price 14, Goodwin 10

Alex Len (31+15) guida i Suns alla vittoria esterna (dopo 17 perse consecutivamente fuori casa) sul campo dei Magic; Phoenix che costruisce il suo successo a cavallo tra il 2° e 3° quarto, a 55” dall’intervallo lungo Magic sul -5 (50-55), parziale di 19-0 ospiti per il +24 (50-74) a 5’37” dalla sirena del 3°, Orlando non segnerà un canestro per quasi 7’!

Philadelphia 76ers – Miami Heat 102-112
PHI: Thompson 14, Covington 25, Smith 16, Holmes 13
MIA: Johnson 12, Deng 13, Stoudemire 12, Wade 21, Dragic 15 (11 ass), Whitesode 19 (19 rimb), Green 12

Miami passa a Philly con tutto il quintetto base in doppia-cifra e il solito Hassan Whiteside da Doppia-Doppia uscendo dalla panchina; Miami scappa subito sul +11 (29-40) ma Phila non molla tanto che ad inizio 4° si trova solo sul -5 (79-84), sale in cattedra la panchina di Miami che piazza un parziale di 10-4 per il nuovo +11 (83-94) scappando poi fino al +18.

Boston Celtics – New York Knicks 105-104
BOS: Anthony 30, Porzingis 15, Lopez 12 (12 rimb), Afflalo 17, Calerdon 13
NYK: Crowder 20, Sullinger 9 (11 rimb), Thomas 32, Turner 21, Zeller 12

Vittoria all’ultimo respiro per i Boston Celtics nel classico contro i New York Knicks; NY sogna il colpo quando a 21” Melo Anthony realizza il suo classico fade-away per il sorpasso Knicks sul 103-104, tempo 4” arriva però la replica di Avery Bradley che col layuo firma il contro-sorpasso ma ci sono ancora 17” da giocare.
I Knickerbockers vanno di nuovo dalla loro stella che va da 3 per la vittoria ma senza trovare il fondo della retina.

https://www.youtube.com/watch?v=cq-SlszRSBs

Toronto Raptors – Portland Trail Blazers 117-115
TOR: DeRozan 38, Valanciunas 17 (10 rimb), Powell 10, Lowry 28
POR: McCollum 24, Lillard 50

Damian Lillard spara il 2° 50ello della stagione ma non basta ai Portland Trail Blazers che cadono di misura a Toronto sotto i 38 di DeMar DeRozan con 7/19 dal campo e ben 24/25 ai tiri liberi; un DeRozan gelido ma anche furbo nel finale di partita, prima fa 2/2 per il +4 Raptors a 6”, Lillard non ci sta e boom tripla del -1 (116-115) a 2”, di nuovo in lunetta DeRozan che mette il 1° registrando il record per tiri liberi realizzati consecutivamente (24) ma poi, con 9 decimi sul cronometro, sbaglia apposta il secondo impendendo a Lillard di avere un tiro agevole.

https://www.youtube.com/watch?v=U0-D644Pmus

Cleveland Cavaliers – Washington Wizards 108-83
CLE: James 19 (13 rimb), Mozgov 14, Smith 10, Irving 21, Thompson 10, Dellavedova 12
WAS: Morris 13, Gortat 10, Wall 17, Beal 11, Sessions 12

Kevin Love riposa e LeBron James prende il suo posto in quintetto chiudendo con 19+13+7 nella facile vittoria dei Cavs sui Wizards; dopo un 1° quarto equilibrato (27-23) Cleveland chiude la pratica con un 2° da 32-19 (Dellavedova 10) per il 59-42 al riposo lungo.

https://www.youtube.com/watch?v=tFX3CiJuhwE

Memphis Grizzlies – Utah Jazz 94-88
MEM: Randolph 25, Andersen 6 (10 rimb), Conley 12, Chalmers 11, Stephenson 16
UTA: Hayward 18, Favors 14, Goberts 13 (18 rimb), Mack 12

Memphis vince un’importante partita contro gli Utah Jazz con un super Zach Randolph (25+8); grazie ad un 3° quarto da 33-18 i Jazz entrano nell’ultima frazione conducendo le danze sul 67-72, Memphis reagisce prima portandosi avanti sul+3 e poi uccidendo la partita con un mini-break di 5-0 chiuso da una tripla di Z-Bo a 3’23” per il +8 (89-81).

Milwaukee Bucks – Minnesota Timberwolves 116-101
MIL: Antetokounmpo 27 (12 ass), Parker 16, Middleton 32, Mayo 12, Monroe 14
MIN: Wiggins 10, Dieng 14, Towns 21, LavIne 20, Muhammad 17

Giannis Antetkounmpo sfiora per un rimbalzo la tripla-doppia (27-9-12) ma aiuta i Bucks a stare in lotta per i Playoffs; ad inizio 3° quarto Milwaukee decide di far calare il sipario, sul +8 arriva il break di 23-4 per il +23 (62-85) con l greco autore di 8 punti.

Denver Nuggets – Brooklyn Nets 120-121 OT
DEN: Faried 17 (10 rimb), Jokic 15 (12 rimb), Harris 21, Mudiay 25, Lauvergne 14, Augustin 12
BKN: Bogdanovic 17, Young 16, Lopez 20, Brown 21, Kilpatrick 12, Larkin 12

Italian Job: Gallinari DNP

I Nets la scampano all’ultimo a Denver contro i Nuggets grazi ad un delicato tocco di Brook Lopez nell’overtime; Nets che si mangiano le mani sul finire dei regolamentari, sul -2 (112-110) a 3” dalla fine Mudiay commette un ingenuo fallo su Bogdanovic mentre stava tirando da 3, il croato però sbaglierà il 1° dei 3 liberi per pareggiare sul 112-112, niente buzzer-beater per Harris.
Nll’extra-time finale in volata con Mudiay che porta sul 120-119 i suoi a 40”, Will Baton però manca il colpo del KO a 6” lasciando una chance a Brooklyn!
Larkin si butta dentro, sbaglia ma ecco il tap-in a 4 decimi dalla sirena di Lopez che spegne la Pepsi Arena.

https://www.youtube.com/watch?v=BFm4Hiqvq3g

Los Angeles Lakers – Atlanta Hawks 77-106
LAL: Randle 16 (10 rimb), Huertas 10, Bass 12
ATL: Bazemore 10, Millsap 11, Korver 15, Teague 12, Humphries 14, Schroder 16

Infine tutto facile per gli Atlanta Hawks a casa dei Lakers in un match già finito all’intervallo; Hawks avanti 36-54 dopo i primi 24’ tirando col 55% dal campo (50% da 3).

STANDINGS

Schermata 2016-03-05 alle 08.39.58

TOP 10

https://www.youtube.com/watch?v=rct-vvuWi_0

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Il locustre

    Ormai un’altra stagione è andata per i miei lakers,e sinceramente abbiamo ottenuto quello che ci serviva per rinascere…un’altra scelta alta al draft,semmai dovessimo pescare SIMMONS ci ritroveremo con un nucleo di giovani pieni di talento…D’ANGELO CLARKSON SIMMONS E RANDLE,se prendiamo un coach di livello (magari TT)ed un lungo intimidatorio (WHITESIDE) abbiamo tutte le carte in regola per ripartire ed essere una contendere nell’arco di un paio di anni…anche perché allora i top free agenti vorranno venire da noi,dubito che questa estate K.D accetti un progetto a medio lunga scadenza,ha 28 anni ed è arrivato il momento di vincere subito per lui…

  • In Your Weis

    L’assenza di Love ha permesso a Lue di varare ufficialmente la sua personale versione della small ball, James da 4, il Russo unico lungo. E’ solo una partita ma direi che i Cavs hanno risposto bene, gli Wizards venivano da un ottimo momento, e sono stati seppelliti con facilità

    Sarà meglio che si ricordino questo momento e approfittino delle ultime 20 partite per sperimentare un 10-15′ a partita questa modalità, perchè se arrivano in finale contro i Warriors dovranno usarla molto spesso. E Love a quel punto dovrà fare buon viso a cattivo gioco

    JR non è Thompson e Shumpert non è Barnes, quindi inutile pensare che si possa tenere quella line-up 40′ a partita, ma sicuramente è una variante tattica che dovrà essere sperimentata se le cose vanno in un certo modo. E James da 4 tattico è totalmente inarrestabile

    I Grizzlies sono 7-2 da quando si è rotto Gasol, calendario facile ma comunque hanno reagito bene ed hanno trovato apporto da una serie di Renegades non facili da pronosticare…Chalmers, Barnes, Carter, persino Lance che è tornato ad essere un giocatore

  • michele

    io i Lakers li vedo benissimo, D’Angelo ha le stimmate del fuoriclasse, poi chiaramente dovrà aspettare un paio d’anni per essere al top nel suo ruolo, ma direi che ci siamo, la ricostruzione dei Lakers è già iniziata e con una scelta tra le prime 3 a giugno aggiungerà un altro tassello.

  • michele

    Vittoria un po’ fortunosa di Boston, di puro cuore e pride. D’altronde Porzi e Melo hanno giocato benissimo, e due talenti così i Celtics non ce li hanno…quindi tanta sofferenza, organizzazione, difesa e la magata decisiva di Bradley…..i Celtics v sono a 12 vittorie di fila in casa, vincere le partite che sono alla loro portata è la principale differenza rispetto all’inizio stagione, con diverse sconfitte casalinghe sanguinose, tipo contro Lakers o contro Brooklyn. A proposito, i Nets continuano a vincerne, di questo passo è a rischio pure una scelta tra la quarta e la sesta uff….ma Brook Lopez che è stato sempre mezzo rotto in carriera non puo’ prendersi qualche raffreddore quest’anno? eheheheh

  • Il locustre

    Michele…beh me lo auguro,di certo i tuoi celtici stanno avanti anni luce rispetto a noi,e sinceramente invidio un casino la vostra organizzazione. ..credo che siate ad un K.D dal poter ambire alle finals. ..

  • Lorenzo Escriva

    il locustre pensiamo le stesse cose e tifiamo la stessa squadra… 😉

  • Lorenzo Escriva

    Secondo me hai ragione, però con i Warriors devi cambiare tattica…secondo me…perchè se vai a giocare lo small ball come loro non li batterai mai, non avrai mai gli stessi risultati dal loro sistema…secondo me (lo scrivo molto perchè sono solo un appassionato e non voglio essere aggredito perchè penso cose diverse da altri ehehehe) dovresti imporgli un gioco più fisico in area…se vanno in post con Lebron, Love e mozgov, magari saranno più lenti, però i Warriors non hanno difensori per marcare tutti questi in post, l’eventuale raddoppio libererebbe irving, jr, shumpert etc…ovviamente questa tattica dovrebbe essere impostata in base a come giocano gli altri…se vanno small ball giochi così (post e fisico in area) se giocano in area per rispondere al tuo gioco fisico (bogut e green in campo)

    allora vai small ball con lebron 4…io credo che potrebbe essere una soluzione…comunque se c’è una squadra che può battere i Warriors in 7 gare, questa squadra sono i cavs o al massimo gli spurs

  • Il locustre

    Lorenzo….noi locusti nonostante gli anni bui che stiamo vivendo non ci nascondiamo mai….sempre presenti 😉

  • Hanamichi Sakuragi

    Io non condivido il vostro entusiasmo…i ns giovani non sono testati in contesti vincenti e mi chiedo cosa gli abbia lasciato quest’anno..fare la fine di minnie mi sembra molto semplice

  • Lorenzo Escriva

    si vero…però perchè dobbiamo vedere il bicchiere mezzo vuoto? cioè per adesso stiamo facendo cose giuste…vediamo…se rimane scott, vediamo se prendono qualcuno, vediamo cosa succede…per ora mi sembra che non stiamo sbagliando troppo…ps: Minnie ha i migliori giovani della lega….

  • michele

    c’è bisogno di molta pazienza a LA, e non è facile perchè parliamo di una piazza che da tre anni non fa i playoff, che per i loro standard sono un’enormità….intanto non dovrete sbagliare la scelta dell’allenatore. Già l’anno prossimo sarà un altro anno di transizione col nuovo coach, la scelta di giugno, il primo anno post Kobe, il nuovo nucleo che dovrà trovare l’amalgama e la giusta crescita….pero’ la differenza principale tra philadelphia/minnesota e i lakers e che voi appunto siete lakers, sapete come si fa a vincere ( anche se non ci sono piu’ jerry west e buss)…insomma, io fossi un tifoso lakers sarei abbastanza tranquillo, anche se un po’ “attapirato” per un periodo di magra cui non ero abituato.

  • ILoveThisGame

    Lillard e’ la cosa piu’ simile a Curry nella lega, Portland che giocano alla Golden State, ho visto il 1 tempo vs i Raptors e i Blazers utilizzavano doppie uscite per Lillard e McCollum identiche a quelle di Curry e Thompson, poi ovvio interpreti e difesa sono un altra cosa.
    Raptors che si dimostrano comunque solidi, sopravvivono al 50ello e aspettano il rientro di Carrol per essere al top, si puo’ dire quello che si vuole ma quest’anno ad est i PO bisogna sudarseli e se questi sono 2 nella conference significa che hanno una buona combinazione di talento, gioco e fisicita’.

  • Il locustre

    HANAMICHI SAKURAGI
    La fine di Minnesota una volta che avremmo tutto quel talento non credo la faremmo mai,come dice michele siamo i LAKERS non i TWOLVES,
    Sappiamo come si fa a vincere ed una volta portato a casa tutto quel talento sapremmo come trasformarlo in una squadra che possa aprire un nuovo ciclo…io ci credo

  • gasp

    Ritornando al discorso Russell ieri era ancora tutto nei piani del tanking? Huertas che gioca più di lui secondo te è tanking o idiozie di Scott? Secondo me è la seconda…

  • gasp

    Io se fossi la dirigenza Cavs due domande tra chi tenere tra Irving e Love m le farei…si vede che non possono stare insieme in campo

  • Shady

    un insulto al basket guarda

  • michele

    beh considerando che la gara prima aveva fatto il career high chiunque avrebbe cavalcato questo momento di d’angelo….non penso che sia per stupidità di scott, altrimenti il front office interverrebbe…a loro va bene cosi.

  • gasp

    Certamente che al front office gli va bene,ma il problema è a monte…. Kupchak mi starebbe anche simpatico e lo credo più furbo di quello che pensano molti ma il problema è più in alto….