Green crea Tensioni? Bryant approva

Notte da dimenticare per i Golden State Warriors che, proprio come i Chicago Bulls 1995/96, alla 61esima partita crollano inaspettatamente (Chicago perse di 32 a NY, ndr) allo Staples Center di Los Angeles contro i Lakers, KO indolore per i campioni in carica che negli ultimi giorni hanno avuto particolari attenzioni dai media…e non per la prestazioni del campo.

Al centro dell’attenzione Draymond Green (26 anni), Ethan Sherwood Straus della ESPN riportò che all’interno dello spogliatoio dei Warriors tirava una brutta aria per via del comportamento un po’ fuori dalle righe dell’ex Spartans verso compagni e allenatori, nello specifico Green e coach Steve Kerr hanno avuto un brusco dibattito nell’intervallo del match poi vinto contro gli Oklahoma City Thunder.

Green rispose subito invitò il giornalista a smettere di usare il suo nome per fare visite; sin dai temi di Michigan State Green era l’uomo spogliatoio, l’anima della squadra e il suo furore agonistico spesso e volentieri prende il sopravvento, Kobe Bryant (37 anni) ha commentato così queste voci dando anche un avviso al giovane:

Lui è quello che deve tenere i dito premuto sul nervo di questa squadra per non farla rilassare o allentare la concentrazione e credo che questo provochi dei conflitti/tensioni all’interno dello spogliatoio. Senza questo nei Playoffs rischiano di avere problemi. Lui deve creare questa tensione!

Green ha commentato questi elogi del “Black Mamba” prendendolo come ispirazione:

Lui è stato uno dei migliori nel fare questo, per quello che ha fatto per questo gioco, essendo poi un suo fan, sentire queste parole da lui significa molto ed è una di quelle cose che fa venire voglia farlo ancora. Questo è un ragazzo che è stato sul pezzo, ha vinto 2 titoli consecutivi come quello che vogliamo fare, quindi sa cosa ci vuole, lui sa quello che bisogna fare.

E comunque, anche nella sconfitta, i Warriors restano in corsa per battere il 72-10 dei Bulls e hanno pure registrato un altro record All-Time NBA, per la prima volta una squadra con record sotto il 20% ha battuto una sopra il 90%, metro di valutazione stimato con almeno 50 partite disputate.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B