Bucks, il curioso caso Antetokounmpo-Parker

Se ogni giorno alle 13:30 passate sulla pagina Facebook di NBA-Evolution troverete le mie “Considerazioni della notte” e nelle ultime settimane ho espresso il mio disappunto sui Milwaukee Bucks, squadra dal notevole potenziale che molto probabilmente non giocherà la Post-Season.

Ad oggi le gara di distanza iniziano ad essere importanti, i Bucks distano 7.0 gare dai Chicago Bulls attualmente all’8° posto, il roster esplode per talento ma per tutto l’anno non ha trovato quella continuità di rendimento ecumenico per stare nelle zone che contano dell’East, ho detto ecumenico di proposito perché c’è un duo che invece timbra il referto ogni notte e che sta mettendo in difficoltà il front office della franchigia, Giannis Antetokounmpo (21 anni) & Jabari Parker (20 anni)!

Queste le cifre combinate dei due nelle ultime 10 partite:
Punti: 40,6
FG%: 48.9%
Rimbalzi: 17,7
Assist: 10,5
Stoppate: 2.4
Recuperi: 3.1
Col greco che ha pure firmato ben 3 Triple-Doppie e l’ex Duke il Career-High a quota 36 punti

Grandi numeri ma il record Bucks recita (nelle ultime 10) 4-6!

In questo momento una delle coppie più pericolose dopo Durant-Westbrook, Lillard-McCollum e ovviamente gli “Splash Brothers“, Parker sta mostrando tutto il suo talento non espresso la passata stagione per l’infortunio al ginocchio di inizio stagione, mentre il “Greak Freak” ha fatto passi da gigante in ogni reparto del gioco diventando un giocatore a 360°.

Un duo da sogno su cui poter costruire un interessante futuro per la franchigia del Wisconsin, coach Jason Kidd ha fatto un paragone importante ma anche pericoloso

Se guardate i veterani (Durant-Westbrook) di Oklahoma City vedrete che hanno passato proprio quello che stanno passando adesso Giannis e Jabari, siamo in grado di intraprendere questa strada, perché quei due hanno abbastanza talento. Credo Giannis e Jabari possono farlo

Ecco, i Bucks vogliono diventare i Thunder 2.0 che girano attorno a due giocatori che tra l’altro occupano più o meno lo stesso ruolo? Magari lo vorrebbero anche ma a differenza di OKC ci sono alcuni giocatori nel roster che a fare i gregari non sono così disponibili visti anche i contratti, vedi Khris Middleton (24 anni) rinnovato in estate 5 anni per $70 milioni o l’enigmatico Greg Monroe (25 anni) che non sta dando il contributo sperato.

La fortuna dei Bucks sono contratti, entrambi sono nel “Rookie Contract” e l’anno prossimo costeranno $7 milioni alla franchigia che quindi non avrà l’ansia dei rinnovi, però l’ansia sarà anche quella di capire che strada percorrere: puntare sul duo tenendo questo assetto? Puntare sul duo con asseto nuovo? Puntare solo uno dei due costruendogli la squadra intorno?

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • ILoveThisGame

    Piu’ che sulla coppia i Bucks dovrebbero puntare sul trio Middleton (piu’ del 40% da 3, fondamentale per la squadra) Parker, Giannis.
    Nell’NBA odierna queste ali in grado di ricoprire piu’ ruoli possono stare benissimo in campo assieme, Giannis inoltre lo vedo in grado di adattarsi a qualsiasi compagno di squadra data la sua intelligenza e versatilita’. Serve un play 3eD alla George Hill e un centro che sia uno specialista difensivo atletico( Henson, che pero’ puo’ stsre in campo sui 20 25 min a mio avviso) oppure un lungo che apra l’area ( giocatore rarissimo da trovare, un Bosh ad esempio sarebbe perfetto cosi’ come Porzingis o Turner di Indiana), a meno di pescate clamorse al draft o di firme in FA che pero’ sotto l’aspetto dei lunghi non so cosa offra quest’estate, i Bucks forse saranno costretti a cedere uno dei propri talenti per arrivare ad un giocatre funzionale. Io sinceramente aspetterei l’occasione giusta e mi terrei questi 3 giocatori atletici, intelligenti e giovani.

  • Ci sta, però chi metti in regia? MCW non l’ho visto bene onestamente, adesso che è rotto il vero PG è Antetokounmpo..giochi con Giannis alla “LeBron a Miami” e 2 SG con?

  • ILoveThisGame

    Il la soluzione la vedrei proprio cosi’…Antetokounmpo da “play” anche perche’ senza palla in mano rende veramente poco, praticamete solo sui tagli ad attaccare il ferro, mentre palla in mano ha dimostrato di essere un gran passatore e un rebus per le difese perche’ ha cartteristiche fisco tecniche uniche e sa andare al ferro, tira gia’ con piu’ del 50%, da play puoi mettere o un 3eD oppure qualcuno con un minimo di capacita’ di creare gioco e sempre con un buon tiro da 3( con Knight l’anno scorso sono andati bene anche se la conference era di livello piu’ basso) .
    MCW a me non dispiace ma non puo’ fare lo starter in questa squadra, il ruolo perfetto per lui sarebbe quello alla Livingston, tanta difesa e sfruttare i miss-match in qualche modo contro gli altri play dato che da fuori non la mette mai praticamente, dalla panca lo terrei a meno di offerte alte quando diventa FA che io non andrei a pareggiare.

  • Pingback: Kidd scioglie i dubbi: Antetokounmpo è il PG! - NBA-Evolution - NBA-Evolution()