San Antonio inviolabile, Raptors di forza!

Dallas Mavericks – Indiana Pacers 105-112
DAL: Parsons 12, Nowitzki 30, Matthews 15, Williams 13, Lee 10, Barea 10
IND: George 20 (10 rimb), Turner 15, Mahinmi 10, Ellis 17, G.Hill 16, Stuckey 10, J.Hill 11

Indiana manda tutto il quintetto base in doppia-cifra nell’importante vittoria in trasferta in quel di Dallas; a 3019” dalla conclusione Mavs in partita sul -3 (97-100) ma Indiana risponde subito con una tripla di George Hill dando vita ad un break di 8-2 per il +9 (99-108) a 1’51” dalla sirena fine.

Charlotte Hornets – Houston Rockets 125-109
CHA: Batum 14, Williams 25, Lee 12, Walker 26, Jefferson 10 (10 rimb), Lin 16
HOU: Howard 16 (13 rimb), Harden 12 (10 ass), Beasely 15, Terry 11, Brewer 21

James Harden tira 2/14 dal campo e per i Charlotte Hornets è un gioco da ragazzi vincere la 7ima partita consecutiva; dopo un 1° quarto dominante (34-19) gli Hornets alzano le mani da manubrio entrano nell’ultima frazione avanti solo 90-87, ma un break di 17-2 nei primi 4’ di gioco richiuderà la partita sul 107-89. Con questa vittoria Charlotte si è portata a 0.5 gare dai Miami Heat e a 1.5 dai Boston Celtics terzi!

Philadelphia 76ers – Detroit Pistons 111-125
PHI: Landry 18, Noel 12, Canaan 22, Smith 16, Brand 10, Stauskas 15
DET: Harris 21, Morris 19, Drummond 19 (15 rimb), Caldwell-Pope 23, Jackson 24 (10 ass)

Philadelphia regge 3 quarti ai Pistons prima di lasciarli strada libera per il successo; dopo la sirena del 3° quarto Sixers ancora in partita sotto solo 87-90, Canaan porterà i suoi sul -1 (89-90) ma Detroit risponderà con un break di 10-0 per il +11 senza più girarsi indietro.

Toronto Raptors – Miami Heat 112-104 OT
TOR: Johnson 10, Valanciunas 20 (10 rimb), DeRozan 38 (10 rimb), Lowry 16
MIA: Winslow 11, Deng 20, Johnson 28, Dragic 13, Whiteside 13 (11 rimb)

Toronto batte Miami (priva di Wade, inguine) all’overtime grazie ai 38 punti di DeMar DeRozan e per 24 ore è a sole 2.0 gare dai Cavaliers per il 1° posto ad East; a portare il match all’extra-time ci ha pensato Luol Deng con la bomba del 97-97 a 3” dalla fine con DeRozan che non troverà l’appuntamento col Buzzer-Beater.
Miami si porta subito avanti nel supplementare (97-99) ma poi subirà un parziale di 12-2 per il +8 Raptors (109-101) a 42”.

Atlanta Hawks – Memphis Grizzlies 95-83
ATL: Millsap 21, Horford 19, Korver 15, Teague 18, Sefolosha 13 (11 rimb)
MEM: Allen 15, Martin 10, McCallum 13, Stephenson 18

Atlanta batte la stoica Memphis (Conley OUT per le prossime 3/4 settimane) con il solito Paul Millsap; match sostanzialmente deciso dal 2° quarto da 31-19 con Al Horford autore di 13 dei suoi 19 punti finali per il +8 (49-41) falchi al riposo lungo, Memphis non riusciurà più a recuperare.

Milwaukee Bucks – New Orleans Pelicans 103-92
MIL: Antetokounmpo 18, Parker 15, Monroe 16 (11 rimb), Middleton 19 (10 rimb), Bayless 17, Ennis 10
NOP: Davis 29 (11 rimb), Babbitt 16, Gee 10, Anderson 13

Buona vittoria dei Milwaukee Bucks ai danni dei New Orleans Pelicans con tutto il quintetto base in doppia-cifra; i Pelicans inseguono per tutto il match, ad inizio 4° periodo si portano fino al -3 (83-80) ma i padroni di casa risponderanno con un parziale 14-2 con Bayless autore di 7 punti, 95-82 a 5’ dalla fine giù il sipario.

San Antonio Spurs – Oklahoma City Thunder 93-85
SAS: Leoanrd 26, Aldridge 24, Duncan 11
OKC: Durant 28, Ibaka 7 (12 rimb), Adams 10, Westrbook 19, Kanter 11 (17 rimb)

Leonard e Aldridge combinano per 50 punti mentre Durant-Westbrook sparano a salve (16/41 in due) e San Antonio rimane inviolata, 41esima vittoria consecutiva (comprese le 9 dell’anno scorso) in casa per gli Spurs, la terza striscia più lunga di sempre (32-0 quest’anno); match equilibrato tanto che si entra negli ultimi 12’ sul 66-68 OKC, a 7’32” dalla fine arriva la svolta, tripla di Green, seguita da tripla di Leonard seguita da gioco da 3 punti di Aldridge, 9-2 di break Spurs per il +7 (85-78) a 5’56”!
I Thunder si porteranno sul -4 a 3’53” ma un destro-sinistro sferrati da Kawhi daranno il +8 (89-81) a 2’46”. I Thunder adesso hanno solo 1.0 gare di vantaggio sui Clippers.

Denver Nuggets – Washington Wizards 116-100
DEN: Faroed 10, Jokic 17, Harris 10, Mudiay 10, Barton 14 (10 rimb), Arthur 17, Augustin 17 (10 rimb), Nurkic17
WAS: Porter 23, Temple 12, Wall 19 (11 ass), Hickson 10

Italian Job: Gallinari DNP

Con un pazzesco 4° periodo Denver rimonta e batte i Washington Wizards con D.J Augustin protagonista; dopo 3 quarti capitolini al comando delle operazioni sul 7-83, ma nell’ultima frazione la situazione si ribalta! Washington tirerà 4/14 dal campo,1 assist con ben 9 palle perse contro il 14/21 dei padroni di casa che domineranno il quarto 41-17, Augustin autore di 11 dei suoi 17 punti finali.

Golden State Warriors – Phoenix Suns 123-116
GSW: Green 19, Thompson 20, Curry 35, Speights 25
PHX: Len 26 (13 rimb), Chandler 12 (12 rimb), Booker 18 (11 ass), Knight 30, Teletovic 14

Anche i Golden State Warriors hanno avuto bisogno dell’ultimo quarto e del solito stupendo Steph Curry per aver la meglio sui Suns di un ritrovato Brandon Knight; alla sirena del 3° quarto è Phoenix che conduce sul +9 (86-95) ma dall’altra parte c’è il #30…Curry realizza 15 dei suoi 35 punti nell’ultimo quarto dominato 37-21 dai Warriros con 15/26 al tiro contro il 7/22 degli avversari.

Portland Trail Blazers – Orlando Magic 121-84
POR: Aminu 11, Plumlee 18 (11 rimb), McCollum 18, Lillard 13 (10 ass), Crabbe 18, Henderson 11
ORL: Fournier 15, Gordon 17, Oladipo 18, Hezonja 11

Infine passeggiata per i Portland Trail Blazers che dominano dall’inizio alla fine gli Orlando Magic; all’intervallo partita già finita sul +21 (63-42) con C.J McCollum autore di 11 dei suoi 18 punti finale e Lillard di 9 dei suoi 10 assist.

STANDINGS

Schermata 2016-03-13 alle 08.30.55

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Il cammino dei Warriors e di Curry sta facendo passare passare sotto traccia un sacco di prestazioni interessanti in giro per la Lega, di cui si parla zero per via di quello che accade nella Baia

    Gli Hornets (e qui va fatto un plauso a Jordan per la scelta del coach e quelle del roster) sono a 7W di fila, con un attacco che gira a 1000 attorno ad una delle stelle piu` snobbate della Lega, Kemba Walker, uno che gia` dai tempi di UConn aveva fatto capire di che pasta era fatto

    Un altro giocatore di cui si parlando pochissimo rispetto alle prestazioni secondo me e` Aldridge, non sbaglia una partita da settimane, e` il piu` costante degli Spurs, tira con le migliori percentuali in carriera, gioca solo 30` a partita e con Leonard sta tenendo in piedi la baracca mentre Green, Parker e qualche altro tira il fiato e si riposa per i playoff

    In direzione opposta, direi game over per i WIzard, e se lo meritano, al di la` degli infortuni. Ad Ovest ci stanno provando anche i Mavs ad uscire dal giro, ma date le cattive prestazioni dei Jazz dietro, dovrebbero farcela. Peccato perche` stanno sprecando una grande annata di Dirk, forse l`ultima

  • Lorenzo Escriva

    spurs con 3.5 partite dietro…pauroso, cioè questi warriors fanno passare inosservati gli altri dal grande pubblico, però gli altri ci sono!! ahahahah speriamo in playoff interessanti….

  • Loco Dice

    Quoto tutto, soprattutto su Aldridge. Sarebbe interessante vedere le sue statistiche post ASG.

    Washington alza bandiera bianca. Però penso sia tutto dipeso dalla stagione sfortunata di Beal. Sarebbe come immaginarsi la stagione di Toronto senza DeRozan (per quanto sia più forte) oppure Indiana senza Ellis.
    La presenza di un secondo violino è fondamentale, specialmente per squadre che basano il loro gioco su 2 superstar e tanti, seppur buoni, mestieranti.

    Dallas scende, ma a parte un inizio super, oltre le più rosee aspettative, è tutta la stagione che zoppica. Diciamo che tiene il ritmo previsto nel pre-season.