Splash Brothers Show, Boston crisi

Orlando Magic – Cleveland Cavaliers 103-109
ORL: Fournier 18, Gordon 7 (10 rimb), Oladipo 45, Smith 10
CLE: James 18, Love 14, Irving 26, Thompson 11 (15 rimb), Frye 14

Cleveland vince ad Orlando e strappa il biglietto per i Playoffs; dopo esser andati al riposo lungo avanti 54-63 i Cavs subiscono la rimonta dei padroni di casa che giocano un super 3° quarto portandosi loro al comando (86-83).
Cleveland torna sui suoi binari e con un break di 14-4 dal -1 vola sul +11 (96-107) co 3’ da giocare.

https://www.youtube.com/watch?v=qV8H1IpyST8

Philadelphia 76ers – Oklahoma City Thunder 97-111
PHI: Thompson 16, Grant 15, Noel 12, Stauskas 23, Canaan 10
OKC: Durant 26 (13 rimb), Adams 12, Westbrook 20 (15 rimb, 10 ass), Kanter 16

Anche i Thunder staccano il biglietto per la Post-Season vincendo a Philadelphia con la 13esima Tripla-Doppia stagionale di Russell Westbrook (20+15+10); Sixers che stanno in scia nel primo tempo (47-53) ma poi devono cedere il passo agli ospiti che giocheranno un 3° quarto da 32-11 tirando col 63% dal campo, +17 (68-85) e partita finita.

Detroit Pistons – Sacramento Kings 115-108
DET: Harris 17, Morris 24, Drummond 14 (11 rimb), Caldwell-Pope 23, Jackson 19
SAC: Gay 19, Cousins 31 (10 rimb), Anderson 10, Rondo 10 (13 ass), Collison 10

Italian Job: Belinelli 2 pt (1/4, 0/2 da 3) in 16’

Detroit batte Sacramento mandando tutto il quintetto base e restando in lotta per i Playoffs; dopo un ottimo 1° quarto chiuso sul +14 (39-25) i padroni di casa subiscono la rimonta di Sacramento e si giocano punto-a-punto l’ultima frazione.
Si scatena quindi Kentavious Caldwell-Pope che realizza 8 punti consecutivi a 5’08” dalla fine portando Detroit sul +9 (107-98) on 3’21” da giocare.

Toronto Raptors – Boston Celtics 105-91
TOR: Powell 10, Scola 17, Biyombo 4 (11 rimb), DeRozan 15, Lowry 32
BOS: Turner 12, Thomas 20

Toronto non molla Cleveland e batte con autorità i Boston Celtics alla loro quarta sconfitta consecutiva, ancora una volta Kyle Lowry sugli scudi; pronti via e Luis Scola domina da solo il 1° quarto realizzando tutti i suoi 17 punti spingendo i Raptors sul 30-14! Boston non molla e dal -19 risale fino al -5 (79-74) grazie al buzzer-beater di Hunter sulla sirena del 3°.
Toronto non si scompone e apre l’ultima frazione co un parziale di 14-2 con Lowry autore di 10 punti per il nuovo +17 (93-76).

https://www.youtube.com/watch?v=3sa0lpP-QV0

Houston Rockets – Minnesota Timberwolves 116-111
HOU: Ariza 15, Mitiejunas 17, Howard 10 (11 rimb), Harden 29 (14 ass), Beverley 18 (10 ass), Capela 17
MIN: Wiggins 21, Diemg 13, Towns 32 (11 rimb), LaVine 15, Rubio 14, Muhammad 12

James Harden (29+14 assist) trascina al successo i Rockets ma non senza faticare contro Minnesota; texani che comandano dall’inizio alla fine ma senza mai riuscire a dare lo strappo per chiudere il match, ci penseranno prima Donatas Motiejuans con la tripla e poi James Harden col floater, 5-0 per il +11 (106-95) a 5’05” dalla fine.

https://www.youtube.com/watch?v=P0PpZvUTix4

New Orleans Pelicans – Portland Trail Blazers 112-117
NOP: Davis 19, Holiday 30, Douglas 12, Anderson 30, Frazier 13
POR: Plumlee 11, McCollum 30, Lillard 33, Davis 10 (10 rimb), Kaman 19

I “Super Mario Bros” della Lega combinano per 63 punti espugnando New Orleans negli ultimi 60” di partita; ad 1’ dalla conclusione i Pelicans mettono il naso avanti sul 109-108 ma per 56” non vedrnno più il canestro, Portland ne approfitterà segnano 7 punti (Tripla di McCollum e 4 liberi di Lillard) per il +6 (109-115) a 15” dalla sirena, Lillard poi chiuderà il discorso col suo 2/2 a 1”.

https://www.youtube.com/watch?v=MtvY6qdTfR8

Dallas Mavericks – Golden State Warriors 112-130
DAL: Parsons 14, Nowitzki 24, Williams 11, Felton 13, Lee 16 (16 rimb), Barea 16
GSW: Barnes 20, Green 15, Thompson 39, Curry 31 (10 ass), Speights 13

A Dallas invece lo show lo mettono in piedi gli “Splash Brothers”, 70 punti (Thompson 39 e Curry 31) tirando 16/27 da 3 in due; Mavericks che tengono botta fino a 9’13” dalla conclusione sul -1 (97-98) poi Klay!
Thompson si infiamma realizzando 11 punti consecutivi spingendo Golden State sul +10 (99-109) a metà frazione senza più girarsi indietro, per Thompson 17 dei suoi 39 nell’ultima frazione.

https://www.youtube.com/watch?v=hu3ML0vLxG0

Los Angeles Lakers – Phoenix Suns 90-95
LAL: Williams 30, Huertas 5 (10 ass), Bass 10
PHX: Tucker 13, Chandler 12 (17 rimb), Booker 21, Knight 22

Devin Booker e Brandon Knight trascinano i Phoenix Suns al successo sul campo dei Lakers; Suns che dominano il primo tempo (32-47) ma poi alzano le mani dal manubrio e i Lakers, sulle spalle di Lou Williams, arrivano fino al -1(88-89) con 100” da giocare.
Ryan Kelly però commette 0/2 a 1’18” e Brandon Knight punirà i giallo-viola con 4 punti consecutivi per il +5 a 15”.

STANDINGS

Schermata 2016-03-19 alle 07.51.37

TOP 10

https://www.youtube.com/watch?v=AedWwcsHYNE

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Lakers – Suns deve essere stata una delle partite piu` da incubo della storia, immagino la fatica dei telecronisti nel commentare una partita in cui due squadre gia` di per se ridicole facevano di tutto per perdere

    Stanotte e` stato un assaggino, partite tutto sommato poco interessanti, anche si stanno delineando un po` meglio alcuni rapporti di forza in vista dei playoff, ma parliamoci chiaramente, Miami-Cavs e Spurs-Warriors sono due partite di playoff fatte e finite, e quella sara` l`atmosfera in campo

    Miami e` in piena lotta per il terzo posto, come sempre giochera` con piena energia contro un ex forse rispettato ma poco amato. I Cavs sono in un ottimo momento, debbono cercare di tenere i Raptors alla giusta distanza. Ritengo Miami un pelo favorita, sono quelli che hanno piu` da perdere, mentre i Cavs sono in back to back (e quest`anno mi pare li abbiano sofferti abbastanza) ed anche una sconfitta, per quanto dolorosa, non sarebbe irreparabile

    Aspetto ancora LeBron avere la faccia cattiva in Florida, da quando e` tornato ai Cavs non ha giocato mezza partita decente contro Wade e soci nella sua ex arena

    Spurs-Warriors e` la partita del secolo. Una squadra che e`34-0 in casa contro una avviata al miglior record di sempre, 120-16 di record combinato, e direi che sia il migliore di sempre a questo punto della stagione, e non solo. I Warriors in back to back, dove non hanno mai perso, gli Splash Brothers ed il miglior attacco della Lega contro Leonard, Aldridge, e la miglior difesa

    Spero non sia la solita montagna che partorisce un topolino, spero un due partita stellari e giocate bene, bel gioco ed alti punteggi

  • Ho come l’impressione che LeBron, in questo finale di stagione, stia lasciando il timone ad Irving.

    3° posto ad East non è pronosticabile

  • Il locustre

    Solo un rosicone incallito può definire una franchigia con 16 TITOLI,e che annovera i migliori giocatori della storia unaturale squadra ridicola…gli anni di transizione capitano a tutti…ma nonostante ciò pur essendo al momento ed in generale negli ultimi anni sul fondo della classifica rimane ancora la squadra che suscita più interesse a livello mediatico e vanta il maggior numero di appassionati…
    Vabbé vallo a spiegare a chi tifa i giocatori come fanno i bambini…forse pretendo troppo,
    Ah nessuno si senta toccato mi raccomando…

  • michele

    Non penso sia crisi per i Celtics, sono solo periodi di fisiologici alti e bassi in una stagione, tante gare prima le si erano vinte di pochi punti, contro houston e indiana sono arrivate due L sul filo di lana, poi perdere contro OKC e a Toronto invece ci sta….l’importante è recuperare Crowder per i playoff, è un giocatore troppo importante per Boston perché non c’è un ricambio in quel ruolo ( Turner è troppo basso per fare l’ala piccola).

  • Io ribatto dicendo che con OKC si può perdere, ma non li vedo così sotto ai Raptors. Con Houston va bè, Harden, con Indiana invece non ci stava perché Boston ha un organico migliore.
    In un’East così equilibrata (sotto Cleveland) avere il fattore campo conta, 1.0 gare sembrano poche però è una notte

  • ILoveThisGame

    Crowder e’ diventato un giocatore soldssimo, alla grande difesa ha aggiunto tanti punti con buone %, se non sbaglio ha un contratto da 6 mln a salire x 5 anni( Carrol 14) che e’ ottimo.

  • ILoveThisGame

    Guardando il calendario facile di Phoenix i Nets rischiano di avere il terzo peggior record e di conseguenza, con un po’ di fortuna, di regalare un scelta top 2 ai Celtics.
    Boston il prossimo anno, dopo una stagione da 47 -48 W, avra’ spazio salariale altissimo( anche grazie ai contratti a lungo termine di Thomas, Bradley e Crowder tutti tra i 6 e gli 8 mln per giocatori che con il nuovo salary sarebbero tranquillamente oltre i 10 mln), un super coach e troppe scelte, se Ainge, come sta facendo, se la gioca bene i Celtici torneranno al top ad Est dopo 3 anni di ricostruzione.

  • michele

    Il punto è che in una stagione ci sono periodi di alti e bassi, tutto qui…hai dei momenti in cui vinci a cleveland con una tripla impossibile allo scadere e altri in cui stai sotto di 20 contro i thunder senza mai entrare in partita, amen…l’obiettivo dei celtics a inizio stagione era tornare ai playoff e per adesso c’è ancora una distanza di sicurezza sulla nona, ricordiamoci che fino a gennaio boston stessa fluttuava in ottava-nona posizione..poi c’è stato quel lungo periodo dorato in cui la squadra si è issata fino al terzo posto e mantenendolo anche per un po’, adesso c’è stato un “scarico” che mi auguro sia terminato. Riguardo a Indiana, non penso Boston abbia un organico migliore, due giocatori come George e ellis non ci sono ai celtics eheheh

  • michele

    è un giocatore a dir poco fondamentale per gli equilibri dei celtics, non a caso questo periodo di 4 L è coinciso col suo infortunio. Un’altra delle magate di Ainge, dato che è arrivato a Boston nell’ambito della trade Rondo ( a sua volta sostituito con Thomas preso per due tozzi di pane dai Suns).

  • michele

    non dico niente per scaramanzia….Ainge sa fare il suo lavoro e mi fido di lui, speriamo anche in una botta di fortuna, che non guasta eheheheh

  • Shady

    penso che questo sia il piano, anche perchè irving offensivamente parlando è una macchina che rasenta la perfezione, sarebbe da stupidi non approfittarne, e pure lebron (che non è mai stato un scorer) adesso che sente l’età avanzare preferisce concentrarsi più sul creare/gestire il gioco che sul dover mettere a forza 25/30 punti a partita
    poi oh, diciamo pure che difensivamente quando vuole non è assolutamente scarso, se difendesse sempre come fa negli ultimi possessi diventerebbe pure una bella rogna in difesa

  • ILoveThisGame

    Nell’NBA di oggi giocatori com lui sono fondamentali