Boston stoica: è vittoria a casa Warriors!

Dopo 54 partite cade l’imbattibilità casalinga dei Golden State Warriors battuti in volata dai Boston Celtics, LeBron James gioca una grande partita ad Atlanta con vittoria all’OT dei suoi, gran battaglia per il 3° posto ad East con 3 a pari-record, ad Ovest Memphis adesso suda freddo!

Charlotte Hornets – Philadelphia 76ers 100-91
CHA: Batum 19, Walker 27 (11 rimb), Jefferson 13
PHI: Thompson 17, Grant 17, Landry 16, Covington 6 (10 rimb), Brand 13 (11 rimb)

Charlotte batte Philadelphia e rimane in piena corsa per il 3° posto ad East; dopo aver chiuso il primo tempo avanti 59-50 i padroni di casa sbrigano la pratica Sixers ad inizio 3° con un break di 9-0 scappando sul +16 (70-54) per non girarsi più.

Detroit Pistons – Dallas Mavericks 89-98
DET: Harris 14, Morris 31 (12 rimb), Drummond 12 (17 rimb), Caldwell-Pope 15, Jackson 11 (10 ass)
DAL: Nowitzki 19, Pachulia 6 (11 rimb), Matthews 17, Barea 29, Harris 13

Speranze Playoffs ancora vive per i Dallas Maverick grazie ancora una volta a J.J Barea (29 punti), grande vittoria al Palace di Detroit con i Pistons che tornano a tremare; a 4’56” dalla sirena finale partita in equilibrio con Detroit sul -3 (83-86), entra in scena Wes Matthews che realizza 5 punti nel break di 9-2 Mavs per il +10 (85-95) a 2’05”, vantaggio difeso fino alla fine

New York Knicks – Brooklyn Nets 105-91
NYK: Anthony 13, Williams 16, Grant 14, Galloway 18, Seraphin 12
BKN: Robinson 14 (13 rimb), Lopez 16, Kilpatrick 17. Brown 16

Atlanta Hawks – Cleveland Cavaliers 108-110 OT
ATL: Millsap 29 (12 rimb), Bazemore 7 (12 rimb), Korver 14, Teague 28
CLE: James 29 (16 rimb), Love 15, Smith 12, Irving 20, Thompson 9 (14 rimb), Shumpert 11

Superba notte per LeBron James che sfiora la Tripla-Doppia per 1 assist (29+16+9), sorpassa Big O nella classifica marcatori All-Time all’11° e trascina i Cavaliers ad un’importante vittoria a casa degli Hawks, ma dopo un tempo supplementare; soliti Cavs che delapidano 21 punti di vantaggio e Jeff Teague pareggia i conti a 29” sul 96-96, ultimo tiro per i Cavs nelle mani del #23 che sbaglia però lo step-back lasciando 4” ai falchi, a salvare Cleveland ci pensa Iman Shumpert rubando palla a Teague impedendogli di tirare.
Nell’OT partenza fuoco degli ospiti con 2 triple consecutive di Smith e Irving, proprio Kyrie sarà protagonista realizzando 8 dei suoi 20 punti finale e facendo anche tremare i Cavs, il suo 1/2 a 6” dalla fine vale il +2 (108-110) ma per sua fortuna Al Horford sbaglierà la tripla della vittoria.

https://www.youtube.com/watch?v=vGfE1kppDeQ

Memphis Grizzlies – Toronto Raptors 95-99
MEM: Randolph 16, Allen 10, Farmar 12, Stephenson 12, Green 10, Munford 12, Carter 10
TOR: Powell 14, Valanciunas 11 (14 rimb), DeRozan 27, Lowry 22, Ross 12

DeMar DeRozan e Kyle Lowry combinano per 49 punti e rispondono ai Cavaliers vincendo a Memphis mettendo in seria difficoltà i Grizzlies; finale in volata, a 69” dalla conclusione Jordan Farmar spara la tripla del -2 Grizzlies (91-93), Lowry perde palla ma prima Randolph e poi Carter sbaglieranno le conclusioni di pareggio e sorpasso. Negli ultimi 25” Toronto sarà perfetta dalla lunetta (6/6) e porterà a casa il risultato.

Milwaukee Bucks – Orlando Magic 113-100
MIL: Antetokounmpo 18 (11 rimb, 11 ass), Parker 26, Monroe 18, Middleton 18, Ennis 15, Plumlee 12
ORL: Fournier 14, Gordon 14, Oladipo 18, Vucevic 22, Hezonja 11, Nicholson 13

Utah Jazz – Minnesota Timberwolves 98-85
UTA: Hayward 22, Lules 18, Gobert 10 (14 rimb), Hood 17, Mack 16
MIN: Wiggins 24, Towsn 17 (11 rimb), Bjelica 15, Muhammad 10

Utah risponde a Dallas e batte i T-Wolves a domicilio col solito Gordon Hayward protagonista; match deciso a cavallo tra il 3° e 4° periodo, a 2’22” dalla sirena della terza frazione Minnesota si porta sul -3 (68-71) ma da quel momento break di 14-2 Jazz per il +14 (80-84) dopo 3’ di gioco del 4°.

Sacramento Kings – Miami Heat 106-112
SAC: Gay 20 (13 rimb), Curry 21, Rondo 5 (10 ass), Collison 26, Koufos 12
MIA: Johnson 14, Deng 17, Green 30, Dragic 18, Winslow 12, Whiteside 6 (13 rimb)

Italian Job: Belinelli DNP

Miami (senza Wade) sfrutta il regalo dei Cavaliers e vince a Sacramento trascinata dai 30 punti di Gerald Green; Heat che dominano il primo tempo sul 48-66, toccano il +21 ma poi vanno in corto circuito e a 94” dalla fine Sacramento è sul -1 (104-105)!
A togliere le castagne dal fuoco ci pensano prima Joe Johnson e poi Luol Deng con la tripla del +6 (104-110) a 45”, adesso Miami è 3^ a pari-record con Charlotte e Hawks.

https://www.youtube.com/watch?v=Z2F_3zoaVao

Golden State Warriors – Boston Celtics 109-106
GSW: Barnes 14, Green 16, Thompson 15, Curry 29, Barbosa 10
BOS: Turner 21, Sullinger 20 (12 rimb), Bradley 15, Thomas 22

Colpo esterno dell’anno firmato Boston Celtics che fermano a 54 la striscia di vittorie casalinghe dei Golden State Warriors che cadono tra le mura amiche dopo più di un anno; Boston che ad inizio 4° tocca il +10 (85-95), i Warriors non demordono, rimontano e stanno in scia senza riuscire però a superare gli avversari. Harrison Barnes infiamma l’Oracle Arena a 10” con la bomba del nuovo -1 (106-107) ma non aveva fatto i conti col #4 Celtics!
L’eroe della partita infatti è Isaiah Thomas, a 8” dalla fine realizza il layup del 106-109, Golden State ha l’ultima chance ma Curry prima e Barnes dopo non troveranno il canestro del pareggio! Boston al momento rimane al 6° posto ma a 0.5 gare dal trio Miami-Charlotte-Atlanta.

https://www.youtube.com/watch?v=0JqeRJmDwrw

Phoenix Suns – Washington Wizards 99-106
PHX: Tucker 18 (10 rimb), Chandler 11 (15 rimb), Booker 14, Teletovic 24 (12 rimb)
WAS: Porter 11, Morris 21, Gprtat 11 (11 rimb), Beal 21, Wall 22 (10 ass)

I Washington Wizards tengono acceso il lumicino della speranza Playoffs vincendo a Phoenix con 21 punti dell’ex di giornata Markieff Morris; ad inizio ultima frazione i capitolini mettono la freccia e con un parziale di 8-0 prendono le redini dell’incontro sull’86-91, sarà poi deciso un 5-0 tutto firmato Sessions per il +9 (87-96) a 4’51”.
Washington può ancorare sperare distante 2.5 gare dall’8° posto.

STANDINGS

Standings 1/04/2015

TOP 10

https://www.youtube.com/watch?v=pCwVxfklRrM

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Sarei ipocrita se non ammettessi di essere stra-felice la sconfitta Warriors. Mi piacciono un sacco come giocano e come squadra, ma non ci tengo a vederli battere il record di Jordan e co, o in generale batterne altri. E pure stanotte hanno provato comunque a fargliela pareggiare, a Green per vedergli fischiare un blocco illegale deve entrare in campo con la pistola

  • Giasone

    i Celtics leggono nba evolution

  • michele

    Sullinger si è arrabbiato perchè ho tolto il suo avatar per fare spazio al dio Waters, e ha fatto un partitone infatti eheheheh

  • Green sarebbe la fortuna di tutti i QB in NFL, come “blocca” lui nessuno

  • Le mie provocazioni allora hanno uno scopo! Davvero contento per Brad Stevens, grande allenatore

  • michele

    A me invece farebbe piacere se i Warriors battessero il record, con la stagione che hanno fatto a questo punto sarebbe un peccato trovarsi con un pugno di mosche in mano. Impossibile non stimare Golden State, anche perché si trovano su un crinale molto complicato, hanno un record storico a portata di mano ma allo stesso tempo c’è la necessità di non arrivare cotti ai playoff, mentre le loro rivali possono tirare il fiato. Tra l’altro occhio alla semifinale di conference perchè i Clippers sono in grande spolvero, e avranno di nuovo Griffin fresco come una rosa. Per quanto riguarda Boston, è una W di grande prestigio, c’è una TONNARA per il terzo posto, come ho sempre detto non è fondamentale quell’obiettivo, si perde e si vince, come fanno le altre, poi si tireranno le somme. Non si era in crisi dopo una L a Portland come non si è eroi dopo aver violato l’Oracle.

  • Shady

    CLE in una partita: primo tempo quasi perfetto, con Love che riesce pure a difendere, secondo tempo boh
    alla fine è una buona vittoria, certo per come si era iniziato ti fa rosicare vedere sputtanati 20p di vantaggio però si è capito che so questi (almeno in RS)… continuo a sperare in una migliore concentrazione ai PO e che lebron si contenga nell’ammazzare qualcuno

  • Shady

    complimenti a lebron, penso che hakeem non lo supererà entro la fine dell’anno ma ci riuscirà a inizio anno prossimo, che probabilmente lo concluderà scavalcando shaq…
    a quel punto in 2/3 scavalcherà dirk, kobe e jordan…e poi il grande dilemma riuscirà nell’impresa di raggiungere quei due? senza gravi infortuni a mantenendo da qua a fine carriera una media sui 22ppp ce la potrebbe fare
    secondo me karl lo supera sicuro, kareem vedremo

  • lorenzo tonelli

    Be…però per Roger penso che potrebbe fare un eccezione sullinger

  • ILTG6

    Turner, Smart, Thmas, Bradley e Crowder ( anche se sta notte non c’era) sono un pacchetto di 1 2 3 che va non va sotto quasi con nessuno.
    Sono completissimi sui due lati del campo, intercambiabili e con la cura Stevens hanno assunto una mentalita’ vincente di squadra.
    Thomas e’ alto 1,75, credo basti solo questo per descirverlo, 3 mastini difensivi come Crowder, Smart ( attenzione se migliora da 3) e Bradley nell’NBA di oggi valgono oro.

  • gasp

    Secondo me dipende ancora quanto giocherà, se arriva ai 35 ancora sui 20 punti di media molto probabile che arrivi ai 35 mila e anche superi Malone..comunque quasi certamente finirà 2/3 nella classifica all time dei migliori marcatori

  • trizio81

    questa notte nn era questione di concentrazione…i Cavs erano in btb hanno dilapidato il vantaggio perchè nel terzo han tirato male sopratutto Irving,ma ci può stare contro una squadra da alti ritmi come Atlanta….vittoria importante c’è stata applicazione per tutta la partita,Atlanta tra l’altro era in formissima in questo periodo