Debate Of The Week: Regular Season

E’ arrivata ineluttabile la fine di questa Regular Season 2015-16, finalmente si passa alle cose serie, ma prima togliamoci due sassi dalle scarpe andando a commentare quello che è successo da ottobre fino a ieri notte.

I WARRIORS

CurryPRO– Miglior record di sempre, 400 triple in una stagione, you name it. Quante volte nella vita può capitare di essere testimoni oculari di un evento storico come questo? L’impresa dei Warriors è già scolpita nella pietra per i decenni a venire. Una squadra in grado di rivoluzionare il gioco, definendo con almeno 5 anni di anticipo l’estetica del gioco di domani. La Regular Season 2015-16 verrà ricordata come il giro di boa verso il nuovo basket.
CONTRO– Fastidiosa somatizzazione di un regolamento concepito da zelanti professionisti dei bilanci finanziari in positivo, i Warriors hanno effettivamente il merito di essere arrivati lì dove era inevitabile arrivare, grazie ad un team costruito a misura (perfezionabile se si trova un sostituto per Bogut in grado di tirare da 3) e ad un coach che, nonostante le dichiarazioni fatte in precedenza, ha preso le chiavi del bandwagon e ha raggiunto le 88 miglia orarie.
Preghiamo che la NBA introduca una regola che livelli questo scempio, come fece a suo tempo per Mikan, Jordan, Miller, Barkley ecc ecc

IL RITIRO DI KOBE BRYANT

PRO – Piezz’e core, lacrime da sceneggiato napoletano e momenti di laceranti emozioni per il ritiro di questo simbolo della lega. Alla fine anche gli haters si sono arresi ed hanno omaggiato Bryant con il rispetto che merita. Regular Season 2015-16 all’insegna dell’amarcord con i momenti migliori della carriera del Mamba proiettati sugli schermi di tutti i palazzetti NBA.
CONTRO – Piezz’emmer… va bene tutto, ma anche all’egocentrismo bisogna mettere dei limiti. L’annuncio in piena stagione è stata una bieca mossa per centrare nuovamente l’attenzione su se stesso, in una stagione che altrimenti sarebbe stata a dir poco trascurabile per il 24. Questo è puro esibizionismo al limite dell’onanismo. Senza contare che il periodo pessimo nel quale si trovano i Lakers è un concorso di colpa tra lui e quel fulmine di Buss Jr. Il farewell tour con i saluti e gli highlights aveva rotto le scatole già alla terza tappa.
Alla fine è anche riuscito a piazzarne 60 nella sua ultima partita, giusto per rubare la scena un’altra volta.

786_1759321_639635

BELLE SORPRESEKyle Lowry - Toronto Raptors

PRO– I Blazers dopo aver svenduto il loro quintetto in estate riescono a guadagnarsi un 5° posto ad Ovest, i Jazz quasi ce la fanno, i Raptors dominano e i Celtics sono una delle squadre più divertenti della lega. Nessuno avrebbe saputo fare queste predizioni all’inizio di questa Regular Season 2015-16.
CONTRO – Salvo poi tornare al solito punto: in questa lega contano solo le corazzate di star, possibilmente messe insieme facendo molto chiasso mediatico. L’anno scorso erano gli Hawks e abbiamo visto come sono finiti. Volete la news interessante? Prossimamente McGyver, L’Uomo Tigre e La Pimpa firmati da Dallas (predizione che potrebbe seriamente avverarsi).

LEBRON SOAP OPERA

PRO– Se non ci fosse lui i media non saprebbero quasi di cosa parlare, giocatore straordinario sul campo che con il tempo ha imparato a gestire anche gli aspetti mediatici. I Tweet misteriosi con i sottointesi da dare in pasto ai giornalisti, le foto burlone, il rapporto di amore ed odio per stimolare i compagni …
CONTRO– … i coach licenziati sotto sua palese richiesta mentre lui nasconde la mano e finge di fischiettare, l’umore altalenante degno di una femmina con il mestruo, il bipolarismo e le manie di grandezza che faticano a rimanere sotto la maschera. Ho in mente un’idea per una lega migliore: facciamo che da domani ignoriamo qualsiasi cosa avvenga fuori dalle linee che delimitano il campo?
Sounds cool to me.
E nuclearizziamo Twitter, in generale per il bene dell’umanità.

Adrien

Adrien

Il basket dei playground milanesi gli regala esclusivamente infortuni, relegandolo ad una vita di solo NBA League Pass e cibo del discount. Cuore giallo-viola con Bargnani sempre in cima ai suoi pensieri…ma non quelli nobili

Nickname: Adrien

  • michele

    le mie pagelle sulla regular season

    Cleveland 7 il minimo indispensabile con 110 milioni di payroll
    Toronto 8.5 sono pronti per superare la sindrome primo turno playoff
    Miami 7.5 rinati
    Atlanta 7.5 si sono confermati nell’ élite della EC
    Boston 8+ 48 W con un roster operaio
    Charlotte 8.5 finalmente Jordan ne azzecca una
    Indiana 7 non era scontato tornare ai playoff
    Detroit 7.5 (idem)

    Washington 4.5 dopo due semifinali non centrare i playoff è uno smacco
    Chicago 4 ripartire da zero e tagliare tutti i rami secchi
    New York 5 l’eterna transizione
    Milwaukee 4.5 ripartire dal greco e da parker
    Orlando 6- le brave formichine della EC
    Brooklyn 3 Stagione surreale
    Philadelphia 1 in realtà sarebbero da 10 perchè hanno centrato l’obiettivo di inizio stagione

    Golden State 10 Per la lode a giugno.
    San Antonio 9.5 Mostruosi.
    OKC 8.5 Hanno i due piu’ forti, ma tutto il resto è scadente.
    Clippers 7.5 Senza Griffin non hanno sofferto, possibile mina vagante
    Portland 9 Immensi
    Dallas 7 Eterni
    Memphis 7.5 Stoici
    Houston 6 Miracolati
    Utah 6.5 Cornuti e mazziati
    Sacramento 4 Case study per corsi di mismanagement e psicologia
    New Orleans 4 Disastro totale, a partire dal licenziamento di Williams
    Minnesota 5 In rampa di lancio con Wiggins e KAT, ma devono azzeccare la scelta del coach
    Phoenix 4 Un passo indietro con la speranza di farne due in avanti a giugno.
    Lakers s.v. Stesso discorso di Philly :hanno ottenuto tutto quello che volevano, la prima fila alla lottery, la passerella infinita per Bryant con relativi incassi da favola. sarebbero da 10 per questo.

  • Makahuna

    non ho capito il contro dei warriors

  • Hanamichi Sakuragi

    Neanche io

  • mad-mel

    Utah visto il finale non merita il 6, se i nets sono da 3 anche new orleans lo merita.

  • Lorenzo Escriva

    quoto, Utah poteva andare tranquillamente ai PO ma si è giocata diversi jolly….secondo me 5.5 quasi 6 ma ancora insufficienti….per il resto sono d’accordo con te michele

  • michele

    secondo me Utah è stata un po’ sfortunata, ha avuto una buona dose di infortuni ad esmepio. E a differenza di squadre come New Orleans, Washington, Chicago, Houston o Sacramento partiva come outsider senza avere stelle in formazione.

  • Lorenzo Escriva

    si vero, ma 5.5 perchè nel finale di stagione l’ha buttata al vento….cioè hanno perso la partita coi clips sanguinosissima e non giocava un titolare di la….quindi ok quello che dici te è vero però potevano andarci ai Play-off