Colpo Charlotte a Miami e Lillard-Show!

I Charlotte Hornets formano il colpo della notte vincendo a Aouth Beach di misura e andando a Match-Point grazie a Cortney Lee, Golden State demolisce in 12’ Houston passando il turno mentre Damian Lillard si innesca nel 4° periodo (16 su 22 punti finali) battendo dei coriacei Clippers.

EASTERN CONFERENCE

Miami Heat (#3) – Charlotte Hornets (#6) 88-90 [CHA 2-3]
MIA: Johnson 13, Deng 16, Whiteside 11 (12 rimb), Wade 25, Dragic 10
CHA: Williams 17, Jefferson 14, Walker 14, Lin 11

Colpo di scena alla Triple A di Miami dove i Charlotte Hornets infilano la terza vittoria consecutiva battendo di misura gli Heat e portandosi sul 3-2 nella serie, eroe del match Cortney Lee; partita senza padrone che vive sul punto-a-punto, si entra negli ultimi 2’ con Miami sul +1 (88-87), non segna più nessuna fino a 25” dalla sirena finale quando, dopo una tripla sbagliata da Richardson, arriva quella a segno di Lee per il sorpasso (88-90). Miami ha ancora una chance ma Kemba Walker e Courtney Lee stopperanno rispettivamente Dragic (da 3) a 7” e Wade a 4”.

Gara 6: 29/3 # Charlotte

https://www.youtube.com/watch?v=tv3HW7hd0s8

WESTERN CONFERENCE

Golden State Warriors (#1) – Houston Rockets (#8) 114-81 [W GSW 4-1]
GSW: Green 15, Thompson 27, Livingston 16, Rush 15
HOU: Harden 35, Howard 8 (21 rimb), Beasley 11

No Curry no problema per i Golden State Warriors che accedono al 2° turno dei Playoffs demolendo in 12’ gli Houston Rockets; pronti via Klay Thompson realizza 11 dei suoi 27 punti nel 1° quarto con i suoi che volano sul 37-20 con i Rockets nelle mani del solo Harden (6/12 dal campo lui, 0/15 il resto della squadra), Houston non c’è e al riposo lungo Golden State è sul +22 (59-37) con 3 giocatori in doppia-cifra contro il solo Harden autore di 25 punti su 37 di squadra.

https://www.youtube.com/watch?v=2Sdq0a1eWNA

Los Angeles Clippers (#4) – Portland Trail Blazers (#5) 98-108 [POR 2-3]
LAC: Crawford 17, Jordan 16 (17 rimb), Redick 19, Rivers 13, Aldrich 11, Green 17
POR: Harkless 19 (10 rimb), Plumlee 10 (15 rimb), McCollum 27, Lillard 22, Crabbe 11, Henderson 10

I Los Angeles Clipper buttano in campo tutto quello che hanno ma non possono nulla contro la furia del 4° periodo di Damian Lillard che trascina i suoi al Match-Point nella serie; si entra nell’ultima frazione sul 71-71, L.A ci crede poi ecco il #0! Lillard realizza 16 dei suoi 22 punti nell’ultimo quarto di cui 8 nel break di 16-3 ad inizio frazione per la fuga Trail Blazers sul 77-90! I Clippers torneranno sul -8 (86-94) a 5’46” ma 4 triple consecutive firmate Lillard-McCollum spegneranno i sogni di rimonta.

Gara 6: 29/4 @ Portland

https://www.youtube.com/watch?v=-lLJsUud6lo

TOP 5

https://www.youtube.com/watch?v=yq0VNO59lRs

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Non capisco che tipo di fallo avrebbe voluto vedersi fischiare Wade, uno lo accompagna sul fondo, l’altro salta con le braccia alte…

  • onic

    come previsto e est regna incertezza assoluta (tolti naturalmente i Cavs) mentre a ovest tutto deciso … solo Clippersì/Portland per motivazioni varie resta aperta (convinto che al completo i Clipper la portavano a casa in qualche modo). Cmq onore a Portland che sta andando oltre ogni aspettative (ad inizio anno nessuno la dava ai PO figuriamoci passare il primo turno)

  • 8gld

    Terminato il 4° anno della decisione Harden, 4 anni come l’offerta da parte di Presti. Offerta che lo metteva, a livello economico, sotto Durant, poco sotto West e alla pari di Ibaka potendo rimanere in un gruppo consolidato, lottare per l’anello e poi, eventualmente, cercare gloria altrove.
    I suoi compagni lo scorso anno hanno combattuto contro gli infortuni, si sono leccati le ferite e si giocheranno una semifinali carichi; con Presti che continua, a mio avviso, a proporre roster interessanti.
    Houston dovrà risolvere molte incognite e Harden potrebbe ritrovarsi una franchigia in difficoltà. Non penso sia il massimo costruire una franchigia su Harden. Per farlo meglio mettergli intorno un contesto che ruoti sui suoi pregi e difetti più di cercare una seconda stella. Poi chissà, il prossimo termina il contratto e le cose potrebbero andare diversamente.
    I Thunder si giocheranno la semifinale contro gli Spurs. Per quelli che vorrebbero vedere i Warriors (sempre se questi arrivano in finale) fuori, oltre gli Spurs non sottovaluterei i Thunder. Forse perdono un pò in gioco ma quanto ad energia, roster e possibilità non li vedo sotto a nessuno. Per assurdo e sbagliando oggi meglio Spurs che questi Thunder per i Warriors.

    L’Est conferma un primo turno più intrigante.
    Miami in difficoltà e con l’acqua alla gola.

    Bene Warriors e Livingston

    Portland sfrutta le sfortune Clippers e si porta sul 2-3.
    Portland avrà la possibilità di chiudere i giochi in casa propria.
    Portland avrà la possibilità di andarsi a giocare una semifinale contro i Warriors. La franchigia dell’Oregon è stata una delle poche che durante la r.s. da 73-9 ha messo in difficoltà la squadra della Baia.
    Pensare che non li davo nemmeno ai p.o. Complimenti.

  • Hanamichi Sakuragi

    mi sbaglaierò ma questi heat con un altro allenatore secondo me avevano già passato il 1° turno…

  • michele

    beh Wade è stato abituato fin troppo bene nella sua carriera….purtroppo per lui oggi Miami non conta piu’ come una volta e i grigi si adeguano eheheheh

  • Rui85

    Resto senza parole per il risultato di Miami…non capisco come possano giocare così male a livello offensivo. Tolto Wade e JJ sono 3 partite che non si vede nessuno dall’altra parte del campo. Spo ha le sue colpese perdi 3 partite si seguito in quel modo.
    Certo che gli Hornets a 5 minuti dalla fine non hanno più sbagliato una tripla…e hanno chiuso con il 50 % da 3.
    Dragic in pachina negli ultimi minuti non ha aiutato visto i tiri improvvisati dell’acerbo Richarson.
    Wade chiama il fallo perchè è l’unica cosa che può fare visto il risultato dell’azione, per la serie MAGARI CE CASCA!
    Cmq ora serve una super prestazione per ribaltare la partita.

  • ILTG6

    Secondo me si sottovaluta troppo l’assenza di Bosh, la coppia Spoestra Riley e’ ottima. Con Whiteside alla prima esperienza PO e Stoudmire come unici lughi veri e’ normale facciano fatica. Charlotte e’ comunque una buona squadra ben allenata.

  • ILTG6

    L’anno scorso conference finals comunque….quest’anno si era capito subito che l’annata sarebbe stata negativa. Huston deve ricostruire ed avra’ spazio in FA anche se Harden non penso sia il compagno di squadra superstar che tutti vorrebbero avere.

  • Rui85

    Completamente d’accordo ieri sera si è vista la mancanza di Bosh come alternativa offensiva nei minuti che contano.

  • DrDre

    Alla fine tornando sulle fantomatiche sfortune Clippers: ogni anno Paul e Griffin hanno infortuni, ogni anno. Ogni anno hanno acciacchi ai playoff, ogni anno. Quella non è sfortuna, quella è fragilità fisica, alla T-Mac per dire. È sfortuna se si fa male James o Westbrook, non se si fa male Irving o Rose. Basta guardare alle loro carriere.

  • Jurassic_Park

    Si ma giocavano contro i Clippers (lo so, non c’entra nulla, ma è sempre bello sfotterli)

  • Jurassic_Park

    La cosa più bella di tutto ciò è che Harden (e i suoi lovers, se ne sono rimasti) non può nemmeno lamentarsi di non avere una squadra competitiva attorno come quella che ha Curry. Tecnicamente ce l’aveva e se n’è allontanato da solo!

  • 8gld

    Sono rimasti più coesi e Howard non ha fatto le bizze, o non troppe e hanno fatto basket di squadra o almeno si vedeva l’intento. Se crei una squadra così allora sopperisci alla non difesa di Harden (cosa che poi devi vedere se a tutti va bene, funziona solo quando viene accettato). Preferirei basarla sul play tipo come Thomas, Rose etc. etc. che sul 2.
    Quest’anno mi è sembrato tutto l’inverso con sfaldatura intravista anche con i Warriors. McHale non era proprio uno stupido.
    Howard lo trovo peggiorato a livello di energia, voglia…un’incognita. Ieri era giusto puntare su di lui, oggi non saprei.
    Se devi puntare ancora su Harden non vedo alternativa di mettergli energia intorno in difesa…effettivamente in attacco gioca. Però, anche la sua mente e comportamenti, ad oggi non mi fanno impazzire. Sempre se lui avrà voglia di continuare…non semplice come storia.

  • michele

    paul quando ha avuto acciacchi,a livello playoff? nel 2012…poi 2013, 2014 e 2015 era sano. Griffin ha saltato il primo anno da rookie, poi sempre sano fino a quest’anno….tra l’altro l’infortunio di Paul è di una casualità assurda, poteva capitare a chiunque. E Westbrook dal 2013 al 2015 infortuni ne ha avuti parecchi….

  • 8gld

    Ci potrebbe stare, anche se poi non è proprio l’ultimo come coach. Non mi è sembrato e lo devi sempre sostituire. Ma non sottovaluterei l’assenza Bosh per loro.

  • sconocchini

    no, michele, l’anno scorso non era affatto sano. problemi al quadricipite per tutti i playoff.

  • Loco Dice

    Da quando è esploso Richarson è completamente sparito dalle rotazioni Geraldone Green (che tra le altre fino a quel momento stava facendo una buonissima stagione).
    Date le difficoltà offensive come dici tu, non sarebbe il caso di rispolverarlo?

  • 8gld

    Charlotte sta facendo i suoi p.o. (non ho seguito bene la serie). Dovresti esser pronto e poi hai Deng-Jhonson-Wade e altro, da qui il ci può stare a Hanamichi sul coach.
    Nello specifico,però, la coppia Bosh-Whiteside mi intrigava già dall’inizio r.s. e possono giocare bene insieme.
    Alla fine devi andare a Charlotte e vincere.

  • DrDre

    Ogni anno uno dei due salta delle decine di partite in regular season e l’altro deve fare gli straordinari. Griffin anche nel 2013 quando hanno preso il cappotto dagli Spurs se non sbaglio, non stava bene. Ormai sono recidivi, Paul anche per l’età che avanza, Griffin è sempre stato un pó fragile. Mi sembrano dei continui deja vù.

  • michele

    sì ma li ha giocati tutti , e anche piuttosto bene direi.

  • michele

    era il 2012 quando hanno preso il cappotto dagli spurs, non avevano comunque speramza. regular season è un conto, playoff un altro.

  • ILTG6

    Green non credo possa essere la soluzione, se non e’ on-fire la sua presenza la paghi in negativo e in una gara da dentro fuori ce poco da sperimentare. Magari se entra e mette i primi tiri puo’ avere un discreto mintaggio, se li sbaglia di tempo per farlo entrare in ritmo non ce ne.
    Se non entra il tiro da 3 gli Heat hanno poche soluzioni senza Bosh.

  • DrDre

    Non è diverso RS o playoff, se si fanno sempre male non è sfortuna, è recidività per un motivo o per l’altro. Non possono fare su 6-7 anni assieme solo un paio al 100% senza infortuni, altrimenti vuol dire che c’è qualcosa che non va.

  • ILTG6

    Secondo me dipende tutto dal coach, se arriva qualcuno in grado di portare avanti un progetto serio magari Harden non sara’ costretto a gestire e inventre qualcosa ad ogni singolo possesso offensivo e potra’ dedicarsi un po’ di piu’ alla def.
    Lo spogliatio quest’anno sembrava alla deriva ma solo un anno fa, con gli stessi uomini, avevano appena eliminato Dallas, difficile capire da fuori cosa sia successo.

  • 8gld

    Prima di Lawson vedevo TT a Houston (bene Minnesota), con Lawson coach McHale…tanti limiti ma bravo a far squadra. Poi mandi via il coach e poi Lawson? (mi sembra così)…mah.
    Non conosco il coach e non li ho seguiti, tranne p.o., ma se questo è l’andazzo metti mani. Chi c’è? non mi viene in mente nulla. Senza coach, staff, organizzazione non vai da nessuna parte. Per me il roster non è male ma c’è sicuramente da metter mani. Devono fare un bel lavoro. Cmq vedevo che ha ancora due anni Harden…punti su lui muovendo mercato (proverei di tenere Harden/Motiejunas e il resto può esser mosso)..
    Devi mettere in ordine…si devono concatenare un pò di cose. Non semplice.
    Beh, le cose son due: o domani inizia a difendere o devi chiudere il buco (a me il suo atteggiamento difensivo non piace affatto…qualche tirata d’orecchia). Se chiudi il buco devi trovare persone forti in difesa…non è una situazione che risolvi con un atleta, un 1 difensivo
    ps: Howard che accetta il ruolo difensivo come prima opzione e quello di secondo/terzo in attacco andrebbe bene ma ad oggi non ci punterei (con lui il “se mette la testa a posto” si è invecchiato).
    Meglio che restava ai Thunder…a mio avviso ha sbagliato (nulla a togliere Houston e la loro scelta).
    Poi se cambiano le cose meglio per tutti, ci sarà un’altra franchigia che gioca bene.

  • 8gld

    inteso che il meglio che restava ai Thunder è riferito ad Harden.

  • In Your Weis

    Ho visto una istantanea del contatto Wade-Lin, sentire i pianti dei tifosi Heat su FB è davvero patetico. Oh, il contatto c’è, foto non mente, ma si tratta di una scorreggina, non si è sempre detto che l’ultimo tiro gli arbitri lasciano correre? Ed allora, vale solo per gli avversari?

    Senza contare che Lin ha si il braccio quasi orizzontale, ma rimane così tutta l’azione, è Wade a cercare il contatto, come fa da anni Harden con tutti che si lamentano chiamandolo vile e tutto il resto

    A proposito di Harden, ancora gli stessi discorsi? James voleva essere il n.1, non il 3° violino, e questo è il principale motivo per cui se ne è andato, lo sanno anche i sassi, al di là delle dichiarazioni di facciata. Ci mancherebbe pure che a 23 anni e dopo una finale NBA un paio di milioni annui facessero la differenza

    Ed a dire il vero, decisione giusta o meno, non mi pare che OKC abbia poi fatto molta più strada senza il Barba. Ha fatto bene? Cazzi suoi, io dissi all’epoca e ribadisco come a 23 anni poteva permettersi di aspettare 2-3 anni, cercare di vincere come 6° uomo (da 20 punti a partita però), e poi passare alla cassa e chiedere un altro ruolo o uno scambio, che l’occasione di giocare con 2 dei migliori 10 giocatori della Lega non capita sempre

    Ha voluto bruciare le tappe a va bene così, comunque è diventato uno dei migliori della Lega, un “quasi” MVP, il leader tecnico-caratteriale di una franchigia NBA. Che poi questo si stia traducendo in zero vittorie mi pare palese, ma neanche riesco a dargli chissà quali colpe se il suo management fa cagare

    Poi lui non difende, sarà un compagno rompicazzo e tutto, ma rimane un giocatore eccellente, circondato da dementi assortiti

  • Loco Dice

    Quello che dici è vero. Però appunto visto che è in grado di produrre molto in poco tempo lo si può provare nei primi minuti di un secondo quarto e vedere come va.
    Capisco che le gare dentro-fuori non sia il caso di fare espermenti, ma è innegabile che l’infortunio di Batum ha spostato gli equilibri pro-hornets, e delle contromisure vanno ricercate.

  • gasp

    Dovrebbero fare un viaggio a Lourdes, però prima devono spostare la franchigia a San Diego eheheh

  • michele

    mi pare salto’ le prime due partite contro i rockets, giusto?

  • Hanamichi Sakuragi

    harden ha detto chiaramente che se ne è andato per soldi.
    faceva più bella figura a dire volevo essere il n1 e non il n3 invece che andare via x 5 mln in 4 anni. è così. l’ha detto lui personalmente. se non credi alle dichiarazioni del diretto interessato pure a suo svantaggio.. non so che dire.

    poi sul fatto che harden fosse 6° uomo bisogna dare solo merito a scott…

  • gasp

    Il problema non credo sia Harden, ma Howard… in campo è irritante come pochi e non accetta di fare il secondo

  • sconocchini

    chiamalo niente, ed era menomato per il resto della serie.

  • sconocchini

    sono d’accordo, trattasi di scorreggia. se fischiassero questo fallo all’ultimo secondo non se ne uscirebbe più. allora i thunder che dovrebbero dire per il contatto james-durant in gara 2 del 2012? per me non si fischiano. punto.

  • sconocchini

    ammiragli, ricopio qui “à la 8gold” quello che ho scritto nell’altro post, perché per me è importante fare i dovuti distinguo:

    anche tu con eheheh? ti devo ricordare quando gli spurs fecero trovare un pitone nello spogliatoio degli avversari? o il parquet del garden volutamente traballante in alcune zone per mettere in difficoltà gli avversari? queste cose ci sono sempre state. all’epoca me la sono presa, sbagliando. invece ci sta, è il vantaggio di giocare in casa. palla a due e non ci si pensa. sono contento di essere il tiuo eroe personale, è quasi un onore. quasi. (in linea di massima non vorrei fare polemica con te, ti rispetto come utente e a volte condivido le cose che dici, penso sia importante separare le discussioni con quelli come te e tenerle su un piano di rispetto e tranquillità dalle surreali conversazioni con i deficienti. poi fai tu, se non la pensi così mi dispiace ma me ne farò una ragione.

  • gasp

    Beh dipende dai punti di vista… se restava ai Thunder difficilmente sarebbe stato All-Star come adesso, ma solo un grande sesto uomo o massimo un ottimo giocatore ma avrebbe sicuramente vinto di più… decisione non facile se ti metti nei panni dell’interessato

  • 8gld

    Il pitone degli Spurs non lo conoscevo, al garden ricordavo lo spogliatoio meno il parquet. Meglio il “quasi”…agli eroi rimane una statua per i piccioni.

  • 8gld

    Giusto, il tuo punto di vista si può’ dire che sia, bene o male, quello di Harden ( a mio avviso ci sono sempre minimo due prospettive o più’, che una ). Ma a quell’età’ questa poteva esser “rimandata”. Più’ accettabile quei casi che hanno lasciato perché’ non via d’uscita, o più’ difficolta’, o età’. Il mio rimarcarlo è’ perché’ allora ho avuto questa sensazione…prova a metterti in tasca l’anello, l’età’ ancora ti può’ offrire varianti. Poi 5 milioni….uummmm.
    Poteva andare diversamente ma se vuoi esser All-Star difficile che ti ricapita di poter giocare con Durant, West e Ibaka. Difficile che ricapiti così’, potendo giostrare i contratti perché’ i primi rinnovi seri.

  • sconocchini

    ma tu tipo sparire no? ancora qua stai? dai, non fa più ridere, ora è solo triste.