Super James e altro dominio Cleveland (2-0)!

LeBron James firma la Tripla-Doppia e Cleveland rifila un’altra sonora sconfitta ai Toronto Raptors (prima volta che perdono in Back-To-Back in questi Playoffs) portandosi sul 2-0, non sono bastate le fiammate di DeMar DeRozan ai canadesi per impensierire i padroni di casa che hanno avuto un’ottima partita da parte di Kyrie Irving.

EastFINAL

Cleveland Cavaliers (#1) – Toronto Raptors (#2) 108-89 [CLE 2-0]
CLE: James 23 (11 rimb, 11 ass), Love 19, Thompson 9 (12 rimb), Smith 12, Irving 26, Frye 10
TOR: DeRozan 22, Lowry 10, Ross 11, Joseph 11, Johnson 11

Cleveland non perdona, fa sua con autorità anche Gara2 portandosi sul 2-0 con LeBron James che registra la sua 15esima Tripla-Doppia (23+11+11) nei Playoffs con tanto di sorpasso nella classifica marcatori All-Time Playoffs, grazie ai 23 punti di stanotte il “King” si è portato al 4° posto con 52 (superato Shaquille O’Neal), per i Raptors c’è stato solo DeMar DeRozan, notte da dimenticare per Kyle Lowry (4/14 dal campo); Toronto c’è stavolta, sta in partita grazie alle giocate in isolamento di DeMar DeRozan (16 punti all’intervallo) e il punteggio recita 46-46 a 4’ dalla fine del primo tempo, ma appena calano le percentuali del #10 cala il buio sui canadesi, Cleveland piazza un parziale di 16-2 negli ultimi 4’ andando al riposo lungo avanti 62-48 con Kyrie Irving a quota 12 punti ma soprattutto LeBron con 17 punti, 7 rimbalzi e ben 8 assist (più di tutta Toronto)!
Usciti dagli spogliatoi la musica non cambierà, Toronto abbozzerà qualche rimonta sempre affidandosi alle giocate dei singoli ma Cleveland, soprattutto Kyrie Irving, è padrona del campo arrivando anche a toccare il +22 (91-69) ad inizio 4° periodo dopo una bomba di Channing Frye.
Con questa vittoria i Cavaliers registrano, contando anche la passata edizione, 17 vittorie consecutive nella Post-Season e a James mancano solo 3 assist per scavalcare Jason Kidd nella classifica All-Time Playoffs Assist (1263).

Gara 3: 21/5 @ Toronto

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • gasp

    Eh sfondi una porta aperta…

  • Michael Philips

    i rockets sweeparono i magic, ovvero una serie senza storie, quello era l’esempio.
    Su lebron, quando si ritirerà si ritireranno anche tutti gli haters che lo hanno fedelmente seguito ai cavs, a miami e di nuovo ai cavs.
    L’est diventerà la conference n.1 senza di lui e via dicendo.
    Sul suo posto nella top 10, sempre difficile dire la propria rimanendo imparziali. La sensazione è che ad oggi, vada come vada pochi ma proprio pochi lascerebbero fuori lebron dalla top 10.
    L’antipatia che uno prova per lui o la simpatia per altri giocatori compromette il giudizio.
    Io mi rifiuto proprio di pensare ad una top 10 che includa gente che giocava ad uno sport che non c’entra nulla on il basket di oggi, nel bene e nel male.
    Se vai in base ai trofei personli e di squadra, russell sta in testa con anni luce dal secondo.
    Se vai pensando al potenziale fisico e tecnico hai altri giocatori e comunque si entra nel mondo della soggettività.

    I trofei personali e di squadra sono reali e indiscutibili. Ma mettere russell prima di jordan non esiste, tra i due giocatori a livello di dominio, talento ecc.. per me rimane l’abisso in favore di mj.
    Quindi che fare?
    NON FARE LISTE!

  • 8gld

    Nella Nba di oggi ci sono bei giocatori, alcuni con vere potenzialità.
    In alcuni casi distribuiti male, in altri la testa non funziona per il verso giusto, altri ancora non supportati per il meglio, figure tecniche non all’altezza o etc.
    Sì, c’è differenza di distribuzione tra una conference e l’altra ma non per mancanza di materiale.
    a) sarà perchè prima Stern e poi Siver hanno raggruppato i vari presidenti delle franchigie dicendogli: “mettiamo James a Est e facciamolo arrivare in finale con tutto il suo seguito di Merchandising e dall’altra parte gli altri, vedrete che verranno fuori belle finali e bel giro di dollari”.
    b) Le altre franchigie hanno tremato e non sono state lucide nelle scelte.
    c) Incompetenza.
    d) se la competitività porta miglioramenti, James c’ha rimesso.
    e) le altre stelle hanno preferito rimanere dalla parte Ovest per evitarlo.
    f) Oggi l’Ovest già muove le sue panchine portando dalla sua parte un gran bel coach che prima allenava dalla parte di James.
    g) sono poche che lasciano intravedere bene un progetto…e non da oggi.
    h) varie ed eventuali.
    Colpa di James?
    Può essere giusto farlo notare ma, come sul discorso fortuna/sfortuna, non è che questo adesso debba essere imputato a James quando ci sono ancora 14 franchigie.
    Diciamo che l’Est con James a Miami fortunatamente ha proposto qualcosa di buono. Senza sarebbe stata una “mattanza”. Come già si vedevano i “presagi” con lui a Cleveland o i Magic (se la memoria aiuta).
    Non credo che il problema sia James (2/6 vuol dire che il massimo che l’Est può proporre ha pur sempre meno del 50%), ma le altre franchigie.
    Ancora oggi se proiettati alla prossima stagione l’Est è indietro…cioè 14 franchigie hanno troppi step da riprendere (intriganti Pistons-Bucks) sui Cavs.
    L’ovest sono anni che si muove, proponendo sempre temi diversi o provandoci. L’Est meno…tutto qui. Poi i perchè sono vari.

    Sui paragoni non sono bravo, capirai tra ere diverse. Certo son convinto che giocatori di ieri potrebbero giocare oggi e viceversa.
    Sulle classifiche non saprei.
    Sul giocatore, come detto più di una volta, uno si può dividere.
    A mio avviso ancora non ha concluso e le somme sempre meglio tirarle all’ultimo e, salvo bestia nera, aspetto con calma quando si prenderà in mano una franchigia da play. Forse non capiterà ma già oggi lascia vedere come si rischi che sia divertente.
    Passi? sì, fastidioso. Esulta da scimmia? sì, haimè. Ha un corpo fuori luogo? anche Shaq e molti, molti altri.
    Ma alla fine, uno lo prenderebbe nella propria franchigia?

  • michele

    credo che IYW ti abbia confuso con l’altro tifoso dubs del sito ( 8gold)

  • michele

    beh sarebbe bastato che nick the brick mettesse almeno un libero su quattro e orlando avrebbe iniziato la serie 1 a 0…credo che quell’episodio li abbia ammazzati ( poi i chiodi nella bara li mise Horry con una delle sue tante triple mortifere in gara 3)

  • brazzz

    mp,non fare il furbino dai..eheh..ho parlato delle finals?non mi pare…ribadisco che diciamo di rado(eufemismo)ho visto una squadra arrivare alle finals trovando sul suo cammino solo mezze squadre…almeno un turno su tre complicato,dai..non chiedevo molto

  • brazzz

    sempre basket è,michael,dai…poi ripetom,il senso è che mi diverto per vedere le reazioni..dai si fa per divertirsi….

  • brazzz

    eheh…

  • brazzz

    11-2 non è 12-0..poi bisogna vedere il lvello delle squadre sweeppate…pistons,hawks e raps..dico,ma scherziamo?la virtus no?

  • brazzz

    io lo portavo,l’orecchino

  • brazzz

    iyw,mi sto solo divertendo un po’,e l’ho anche scritto…per cui forzo qualche opinione…poi se beccate come fagiani,tanto meglio…dai si scherza,madonna che seriosità….e poi,il gioco mi piace sempre meno,gli attori pure,ma resta lo sport più divertente,per cui me lo guardo..a volte,vederlo così maltrattato mi disturba,ma tendo a credere di poter sopravvivere…inoltre,dire che i rap sono indegni di una finale di conf sia come dire che l’acqua calda scotta…ehh.e di ani ne faccio 60 quest’anno,non 70…

  • brazzz

    vorrai dire gli spurs di gilmore,gervin Mitchell and company vero?o i rox di moses vero?perchè se parli di loro è evidente la superiorità dei rap, o degli hawks..come ho fatto a non rendermene conto…grazie,mi hai illuminato…riguardo al discorso su isiah,moses e hakeem,ho scritto “al loro massimo”,precisazione sostanziale,mipare

  • gasp

    Vabbe 11-2 perché c’erano i primi turni al meglio delle 5, comparati oggi sarebbero 12-2 (una persa per un buzzer di Jordan) e 12-0…comunque i Pistons 2016 che sono quelli che li hanno messi più in difficoltà, poi Hawks e Raptors mezze squadre no dai… diciamo buone squadre ma non grandi squadre (e chi lo sono attualmente? Warriors, Cavs, Thunder per farla buona e chi?)

  • michele

    avevi anche il chiodo da metallaro? idolo!

  • brazzz

    no,taglio new wave,ovviamente…e spille e spilline…

  • brazzz

    consapevolmente,giuro…anzi,proprio fatto apposta..ahah

  • michele

    eh ma moses poi ando’ nell’altra conference caro brazz…negli anni 80 la eastern dettava legge, è indiscutibile eheheh

  • Michael Philips

    Ho scritto anche “Nei 90’s i bulls affrontavano spesso dei team ridicoli nei primi due turni ed erano serie che nemmeno iniziavano.”

    hai idea di quanti sweep ci sono stati lungo il cammino dei bulls nei primi 2 turni? Dai uno sguardo se non ti ricordi.
    O dei non avversari che i lakers i ritrovarono per un decennio?
    Nessuno ne ha mai fatto una colp a a magic, o ha usato questo per sminuire le sue 9 finali e 5 anelli. Quanti sanno che lui e kareem si sono beccati ben due sweep in finale? Pochi perché si guarda sempre nel complesso.
    Da quanto è arrivato lebron è iniziata questa caccia al dettaglio, qualunque cosa pur di sminuire la carriera.

  • Michael Philips

    che casino oggi oh!

  • Michael Philips

    ad oggi nei playoff della western abbiamo visto dallas rotti, memphis rotti senza 3/4 del quintetto, houston peggiore team di tutta la post-season e clippers che sul 2-0 hanno perso in colpo solo paul e griffin, lasciando ai blazers il compito di affrontare i warrior senza curry, perdendo uguale.

    Cioè a me non sembra che lì abbiano affrontato sfide più serie, sti cazzi il risultato e gli sweep.

  • DrDre

    Per adesso niente che non abbia già fatto Blatt.
    Idem per Donovan di la, niente che non abbia già fatto Brooks. Sti cazzi del gioco o delle iso…

  • 8gld

    Come giustamente dice Michele non credo ce l’abbia con te (non sono tifoso Warriors, ma non nego che li seguo da un pò). Si parlava di infortuni e, per fartela breve, ho detto che l’assenza di Bogut qualche stagione fa ai p.o. è stata, il quel momento anche dato dalle risorse che la franchigia aveva, più determinante e deleteria di quella di Griffini oggi. Senza tirare in ballo numeri etc. già solo per come erano strutturati e per i due diversi ruoli. Ma il concetto non partiva dal dire uno meglio dell’altro, casomai, utile fermando la pellicola nei due momenti. Solo che alcune volte capita che a qualcuno quando gli si ingrossa la vena dal nervoso gli si offuscano vista e ricordi. We Believe.

  • tommy23285

    Si esatto e condividevo in toto analisi su Bogut. Ma si certi elementi vanno solo ignorati.. Speriamo in bene x i dubs x ora sono ancora molto positivo x buon esito playoff

  • Michael Philips

    Intanto Larry Bird, probabilmente dopo aver letto i commenti di Brazzz, commenta così riguardo questa epoca NBA (riassumendo, per lui potrebbe essere la migliore di sempre):

    “It’s funny how the game has changed. And my thinking about
    it. I was really worried—back sixteen, seventeen years ago—that the
    little guy didn’t have a spot in the N.B.A. anymore: it was just going
    to be the big guards like Magic Johnson. But then players started
    shooting more threes and spacing the court, and everyone wants small
    guards now. Watching these kids play now, I’m like everybody else: Wow, man. They can really shoot! They
    have more freedom to get to the basket. The ball moves a little better.
    These kids are shooting from farther, with more accuracy. Now some
    teams shoot up around thirty threes a game. My era, you always think
    that’s the greatest era. But I’m not so sure anymore.”

    BOOOM!

  • michele

    beh larry fa il GM, deve restare sempre sul pezzo, non puo’ permettersi di guardare solo al passato eheheheh

  • mad-mel

    quello che dice larry e l opposto che dice chuck…lol…

  • michele

    beh se non gli piacesse il basket attuale non farebbe quel mestiere, immagino che soldi ne abbia parecchi no? evidentemente si diverte ancora, il basket è la sua vita.

  • Michael Philips

    Essendo un GM guarda le gare e il gioco con maggiore attenzione. Vede quanto vanno preparate le singole partite e tutti gli accorgimenti da fare. Ha fatto il coach e ora il GM, qualcosa avrà capito.

    Larry disse anche che si sentiva fortunato a non aver dovuto affrontare lebron e durant.

    Ma disse anche che sceglieva kobe per vincere e lebron per divertirsi, quindi come vedi, non sempre ha ragione!!

  • Michael Philips

    charles ha detto tutto e il contrario di tutto.

  • mad-mel

    cmq qst discorsi nn mi dispiacciono. Servono a niente ma sono sempre divertenti e ogni tanto esce qualche chicca…battuta o episodi di basket che ignoravo.
    cmq dai…stanotte finalmente gara 3

  • Michael Philips

    Ma tipo il discorso che fece oscar robertson fu molto superficiale, di uno che guarda le gare di sfuggita e non sta più nell’ambiente, altrimenti non dici quelle cagate, sopratutto riguardo ai coach odierni.

    Big O appartiene ad un basket tutto istinto e zero tattica, dove se eri talentuoso(lui) o se eri fisicamente dominante(wilt) i coach non ci facevano niente e non esistevano accorgimenti tattici e via dicendo.
    Wilt oggi forse segnerebbe 23-24 pts, ma starebbe tutta la gara a tirar liberi, forzando il suo coach a panchinarlo nei momenti clou o comunque per larghi tratti di gara.

    Detto mille volte, io vedo il basket 80’s, libero di espreimere i talenti, si correva si segnava dopo 8-9 secondi, non c’era il tempo materiale di assestare una difesa, quindi se eri bravo vincevi e basta.
    Oggi troppe triple, troppo gioco off the ball(per me non spettacolare) ma per mettere in scena queste cose serve allenamento, discilplina, oggi hanno mille tattiche difensive e offensive a seconda dell’aversario, mille accorgimenti a gara iniziata. Molto più difficile star dietro a tutto.

    Riguardo la gara di oggi, io da un lato spero nello sweep dei cavs, ma cavolo poi se anche tra warriors e thunder finisce presto, si rimane senza gare fino al 3 giugno…

  • IlvicinodiErba

    Povero lebron.

  • IlvicinodiErba

    Eheheh. Cit. Michele

  • IlvicinodiErba

    Ahahahahah

  • IlvicinodiErba

    Brazzville villa arzilla

  • Michael Philips

    Naa, ho letto che è ricco. Poi non so eh.

  • IlvicinodiErba

    E già, è pieno di sè. Ricchissimo

  • Michael Philips

    Sì, lebron ha la tendenza a dire troppo “If we win”, “If I play better”, “If I can made the damn free throws”. Troppi if.

    Comunque uno non pieno di sè cosa sarebbe poi? Sarebbe pieno d’aria, come un pallone gonfiato?
    Bello sto paradosso no?

    Dai, fai una cosa, torna pure ad infinocchiare il sistema giuridico del new mexico.

  • Barone birra

    Naturalmente la mia era una domanda retorica so benissimo che Magic era un fenomeno è probabilmente dopo il solito Jordan il più grande di sempre. Per me il vero all around Player di sempre. Con 19 punti 7 rimbalzi e 12,4 assist di media. Altro che LeBron terzo assist man di sempre. Jason Kidd che sta per superare ha 8 assist del media e LeBron 6,7 .è sotto come media sia curry che West Brook. .I soliti fenomeni che tifano LeBron dimenticano il piccolo particolare che Mr ‘2 su 6 oppure un’altra statistica ha giocato giardino 188 partite molte più di tanto altri. Un ‘ ultima cos’altro LeBron ha solo un assist di media in più di Jordan ma 5 punti in meno. Questi sono fatti iyw

  • Barone birra

    È vero da quando gioca LeBron si attaccano a ogni piccolo particolare : le 4 sconfitte su 6 finali il 17 di media contro i mavs il tiro di Ray Allen. Edgar ehhh

  • Barone birra

    Io prendo ancora Larry come ala piccola . sapete com’è mi piacciono i giocatori che sanno tirare specialmente in Liberi lol

  • In Your Weis

    Al suo massimo Walton è stato uno dei primi 5 giocatori di sempre. Di solito quando si stila una classifica all time si mette tutta la carriera. Precisazione sostanziale, mi pare

  • IlvicinodiErba

    Bel paradosso linguistico, ma nella realtà il significato è identico . . questo è divertente

  • brazzz

    parliamo dei 2 sweep..il primo nel 1983,contro quella votata la più forte squadra di sempre in singolo anno,e affrontata senza worthy e nixon..secondo sweep con i pistoni nell’89..magic si infortunò a metà di gara 2,a Detroit,e in quel momento i Lakers erano sopra di un 10/15 punti..cercò di rientrare in gara3,gicò tipo 2 minuti ma niente da fare(stiramento retto femorale)..così,per la precisione eh