Finals G6: James fenomenale, è Gara7!

I Cleveland Cavaliers non sbagliano la loro ultima partita stagionale in casa, battono i Golden State Warriors e annullano anche il 2° Match-Point della serie con una partita perfetta ma soprattutto con uno spettacolare LeBron James (41+8+11) nell’ultimo quarto, non bastano gli “Splash Brothers” (Curry espulso) ai Warriors, le NBA Finals 2016 si decideranno venerdì a Gara 7!

Logo Finals

Cleveland Cavaliers (#1) – Golden State Warriors (#1) 115-101 [TIED 3-3]
CLE: Jams 41 (11 ass), Thompson (15 (16 rimb), Smith 14, Irving 23
GSW: Thompson 25, Curry 30, Green 8 (10 rimb), Barbosa 14

Si torna in Ohio ed alla Quicken Loans Arena ci si giocano parecchie cose. L’inizio della partita è previsto pochi minuti dopo le 9.00 P.M. Eastern Time, solo che per ragioni che non si riescono a capire, la squadra in arrivo dalla baia decide di non presentarsi alla partita. Pronti via ed un uragano in maglia Cavs si abbatte si degli spauriti Warriors, che iniziano la partita vestendo il sorprendente ruolo di vittima sacrificale. Sembra il quinto periodo di gara 5. Un’estensione di quella partita perfetta dell’ormai solito duo, Kyrie IrvingLeBron James. Cleveland vola in breve tempo sulle ali di un entusiasmo che si trasforma in idee offensive veloci e dinamismo difensivo. Il 20-9 sul tabellone con 3.53 da giocare sembra anche un punteggio bugiardo vista la differenza di energia in campo tra le due squadre. Ed i Cavs non hanno di certo intenzioni di fare prigionieri. Anzi continuano ad alzare ritmi ed intensità, Al duo #2 & #23 si aggiungono protagonisti vecchi, Tristan Thompson, e nuovi, Mo Williams, mentre l’elettroencefalogramma Warriors è piatto che più piatto non si può, e la faccia di coach Kerr è molto indicativa del momento, con l’unico sussulto, negativo oltretutto, dato dal secondo fallo commesso da Stephen Curry. Il primo quarto si chiude sul 31-11, dando a tutti l’idea che la partita sia bella e che andata.

Il secondo periodo però vede una strana inversione delle abitudini. I Cavs entrano nel periodo lenti, forse si credono già molto belli e decidono di potersi prendere una pausa di riflessione, oltre al fatto che coach Lue si permette James in panchina per tanti minuti. Stephen Curry decide di presentarsi alla partita e lo fa a modo suo, tirando e segnando da distanze incredibili, dalla panchina Barbosa da qualche flebile segnale di vita, ed i Warriors tentano di impostare un abbozzo di rimonta, con la tripla di un Andre Iguodala, con problemi muscolari alla schiena, che fissa il punteggio sul 43-29 con 7.19 sul cronomentro del secondo quarto. Ma James è nel frattempo rientrato e torna a farsi sentire in attacco con una tripla che ridà 17 punti di vantaggio ai Cavs. A quel punto, sorprendentemente, Cleveland decide di prendersi una pausa, Curry torna a segnare da casa sua e quando anche Klay Thompson e Draymond Green decidono di prendere parte alla disfida si guarda il tabellone e si legge 46-38 Cavs a 4.40 dall’intervallo lungo. Ma si capisce che tutto dipende dall’alternanza dell’intensità del gioco Cavs, che non appena alzano il volume riescono sempre ad allungare, ed il finale di quarto sta li a dimostrarlo, con un altro parziale guidato dal duo James-Irving a cui partecipa anche un incredibile Danthay Jones, che manda le squadre negli spogliatoi sul 59-43 CLE.

Il terzo quarto non fa vedere all’inizio niente di nuovo. Una squadra sola entra in campo motivata e concentrata ed hanno ancora la maglia bianca, la tripla di JR Smith con 10.00 da giocare porta i Cavs sul +22, facendo capire che solo qualcosa di strano potrebbe consentire a Golden State di rientrare in partita. Solo che quel qualcosa di strano, in parte succede. I Cavs tentano di trasformarsi nella famosa mucca del mitico Aza Nikolic, consentendo ai Warriors di ritrovare a tratti il loro basket offensivo, rallentando il loro gioco con un Irving che dimostra di essere umano. Gli splash brothers entrano più decisamente in partita e quando anche James sul finale di quarto decide di riposarsi, ma lo fa in campo, il parziale pro Warriors si materializza e l’80-71 con cui si chiude il periodo sembra davvero assurdo per quello che si è visto fino ad ora.

Il quarto periodo inizia con dei Cavs che, #23 a parte, sembrano timorosi rispetto all’idea di vincere e consentono a Golden State di restare in partita. Curry segna da tre, Barbosa, unica altra nota positiva dei ragazzi della baia, lo imita e con 8.06 da giocare i Cavs sono solo a +7, 86-79. Solo che a questo punto entra in scena il solito noto in maglia bianca che decide che questa partita la si può vincere. Il dominio di LeBron James è impressionante. Segna forzando, in avvicinamento, fa segnare Thompson nel pitturato e Smith dall’arco e, così per non farsi mancare niente, da anche un paio si stoppate a Green e Curry, soprattutto, che mettono i titoli di coda alla partita. Il finale di periodo verrà ricordato per l’espulsione di Curry per reiterate proteste, con Green che rischia ancora problemi disciplinari perdendo ancora lucidità, dopo aver giocato una partita incolore.

La partita finsice 115-101 CLE, che si guadagnano una meritata gara 7 dove, se non si giocasse in California, entrerebbero con tutti i favori tecnici, fisici e morali del pronostico. Riusciranno i Warriors a ritrovare loro stessi misteriosamente scomparsi non si sa dove? A domenica notte l’ultima e decisiva risposta.

HIGHLIGHTS

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati

  • gasp

    Beh Curry overrated non è proprio così sbagliato secondo me…

  • sconocchini

    non è colpa sua però. lui è un mostro, sono altri che hanno voluto a tutti costi farlo sembrare dio in terra, giustificandolo per le partite toppate ed esaltandolo oltre ogni limite. trattasi di un grandissimo campione, per me il 3-4 miglior giocatore della lega. questo non significa che sia una mezza pippa, ma da lì a parlare di top 10 all time GIA’ ADESSO il passo è enorme.

  • michele

    che non sia al livello di bryant o di lebron è abbastanza assodato, la forza dei warriors è il collettivo…poi come dice sconochini effettivamente c’è stato molto hype su di lui, ma è un altro paio di maniche ( per me cmq dire che ha fatto playoff penosi è eccessivo, direi casomai altanenanti, ad esempio nella serie contro i thunder si è ripreso alla grande dopo un pessimo inizio).

  • gasp

    Finals penose forse…

  • Massu4

    Credo che in molti dovranno fare pace col cervello riguardo a lebron. Continuo a non sopportarlo ma questo sta spostando come nessun altro nella storia e vincendo gara 7 può entrare nella leggenda.

    Vero… peccato però che alla fine si giudichi sempre il risultato… se vince, possibilmente con un altro 40ello… diventerà leggenda… se perde o se vince, ma gioca male… ci saranno sempre gli appigli per considerarlo un incompiuto o debole mentalmente, ecc…

    La verità è che già l’anno passato con 4 scappati di casa ha messo in difficoltà i Warriors… quest’anno ha almeno un Irving in più (Love fin qui è più dannoso che altro)…

    Per me resta un grande giocatore in ogni caso… non dei più simpatici… come lo era Bryant… come lo fu a suo tempo MJ e via dicendo…

    Il segno l’ha lasciato, questo è evidente… Quando si avvicinerà a fine carriera e si sarà ritirato…l’aura di mito del gioco gli verrà attribuita senza dubbio… proprio come sta accadendo e accadrà con Bryant nei prossimi anni.

  • gasp

    Poi mettiamoci che l’anno scorso era quasi vicino a prenderselo, sto anno non vedo chi possa toglierlo… per fugare ogni dubbio meglio che domenica vincano i Cavs eheheh

  • gasp

    Poi mettiamoci che l’anno scorso era quasi vicino a prenderselo, sto anno non vedo chi possa toglierlo… per fugare ogni dubbio meglio che domenica vincano i Cavs eheheh

  • sconocchini

    si intendevo quello. e l’anno scorso ha toppato le prime 3 gare. avesse fatto lo stesso durant (che nel 2012 giocò finals ottime da esordiente) lo avrebbero massacrato. che per caso possiamo dire che curry nel momento di massima tensione finora non ha dimostrato molto? tutto qui. paragonare quello che ha fatto lui in due regular season a quello che ha fatto lebron in carriera o bryant è da folli.

  • michele

    deludenti decisamente, ma aspettiamo gara 7…ricordiamo che dopo gara 4 contor i thunder qua dentro ci fu un effluvio di commenti che parlavano di stagione fallimentare, curry osceno etc etc….già questo tra l’altro dovrebbe far riflettere su che stagione massacrante abbiano fatto i dubs, dopo una regular season con 73 W arrivano due serie finite a gara 7. In ogni caso basta basket per oggi, adesso si pensa solo all’Italia..svezia merda!

  • 8gld

    L’inguardabile e sbagliata rimane la 3°.
    Questa notte malissimo la difesa nel 1/4 (se Curry più di una volta si ritrova a marcare James e Tt vuol dire che c’è qualcosa che non funziona) e l’approccio è rivedibile (fastidioso, quando poi si ripete più di una volta anche nel 3 in questi p.o.). Dopo la difesa passa dal malissimo al male (si riprende un pò nel 2° con 5Varejao 4Green…ma va nel dimenticatoio).
    L’attacco cozza contro due realtà: a) cerchi un tiro subito quando non c’è bisogno? giusto che lo sbagli e paghi pegno. b) gioca bene, libera l’uomo ma questa notte la mira è stata troppo ondivaga. Non ha preoccupato l’attacco quanto la difesa e l’impatto a una gara 6°.

    Cavs operai, tosti, decisi…tre torri e gli altri che lavorano. La base è Irving-James-Tt(belle finali).

    L’inerzia passa ai Cavs e il peso ai Warriors.
    Prossima: Warriors 49,5% – Cavs 50,5%.

    Warriors: mettere da qui alla prossima su un lettino per massaggi o coperto, salvo testa, dalla sabbia calda Iguo.
    Decidersi ad entrare in campo con la testa e non solo con il corpo, riassettare la difesa inguardabile e riprendere ritmo al tiro.
    Cavs: non devono scomporsi dopo queste belle prestazioni.

  • gasp

    Anche peggio.. come top 3 all time davanti a Magic e Bird

  • gasp

    Finisce proprio all’ora del thè e biscotti…

  • Michael Philips

    Tutto molto bello, ma io sinceramente ero in modalità bestemmia notturna considerato che i cavs potevano chiudere la gara a fine primo tempo. Si sono rilassati e quegli altri sono usciti a galla.

    Love limitato dai falli, ma per quanto mi roda ammetterlo è sembrato ancora un giocatore fuori contesto.

    Ci sono momenti in una gara in cui puoi chiuderla o rischiare di farti fottere.
    Ad un certo punto nel 3 quarto sul +11 i cavs hanno preso 5 orridi tiri da 3, sbagliandoli tutti e i warriors sono arrivati a tipo -5 o -6. Lì un pò per disperazione i cavs sono poi riusciti a riprendersi ma con grandi sofferenze.

    Lebron avrà ricordato troppe volte queste situazioni con i cavs, sopratutto nei playoffs 2009 contro i magic, e ha preso in mano la gara, totalmente.
    L’ovvia conferma è che se a lui entrano i jumper, in un modo o nell’altro ti distrugge.

    A monte, due cose:
    – curry in conferenza stampa non si è scusato per il gesto.(e ardidaje, pensate lebron che scaglia quell’affare contro un fan dei warriors alla oracle, e pensate alla reazione di media e internet)

    – kerr non solo non si è scusato per il gesto ma ha pure detto che curry ha fatto bene e che 3 dei 6 falli non c’erano e che lebron ha floppato.

    Come detto già più volte non parlerò dei falli se c’erano o no, ma kerr è lontano anni luce da ciò che è sempre stato: un coach corretto, tranquillo e incredibilmente rilassato.
    Curry ha letterlmente perso la testa, klay credo sia fuggito dal campo prima della fine della partita, la moglie di curry ha scritto idiozie su twitter per poi cancellarle, e in generale l’umore del gruppo non è lo stesso che si è visto contro i thunder.

  • ILTG6

    Per chi volesse le cifre di James nell serie: 30 11 8,5 2,5stl 2blc 4to fg>50%, il tutto con qualche garbage di e qua e la, nella notte 18 punti in fila per i Cavs, mostruoso.
    Curry sta volta a giocato bene, l’unica sua colpa sono stati i 2 falli nel primo quarto, per il resto sta volta e’ mancato a lui il supporto dei compagni: Barnes ha perso fiducia compltamente, Iguodala ha mal di schiena e Green non e’ entrato in partita offensivamente. Sara’ fondamentale che Iguo e Green tornino ai loro livelli.

    Per gara 7 Warriors ancora favoriti, giocano in casa e pensare che ne perdano 3 di fila e’ difficile, i Cavs per vincere hanno bisogno dei 40 delle star, farne 3 di fila per James sarebbe clamoroso, Irving sara’ fondamentale se i Cavs vogliono giocarsela..
    Come al solito nelle gare 7 i comprimari faranno la differenza, vedremo chi ne avra’ di piu’, essere in casa aiuta certamente i Dubs..

  • Michael Philips

    Il piano contro curry è parso chiaro fin dai primi possessi: forzare i cambi difensivi per metterlo in condizione di vedersela con lebron o love o anche thompson.

    4 dei 6 falli li ha commessi contro i lunghi dei cavs, il che rende l’idea.

    Se si vanno a rivedere le azioni, quante volte curry si è trovato nel posto sbagliato contro la persona sbagliata? Troppe direi.

  • michele

    il biscotto del 2004 non mi va ancora giu’, fu una delle mie prime delusioni sportive, avevo 10 anni.

  • gasp

    Nello sport, specialmente in quello americano, il secondo posto vale il trentesimo… è un limite atroce ma essere così tante volte lì a giocartela significa anche essere un grandissimo

  • gasp

    Biscotto o no biscotto l’Italia quella volta poteva vincere tranquillamente il girone non irresistibile in cui si trovava senza sperare in favori di altre squadre… porcata fatta dalle due squadre che nascose anche i demeriti dell’Italia, in USA robe del genere sarebbero dimenticate presto…

  • michele

    ma se in america ancora parlano della gara 7 rubata dai tuoi lakers ai pistons nel 1988 ahahahah ( per non parlare delle olimpiadi 72)…dai basta con questa storia che solo in italia si parla di queste cose, tutto il mondo è paese.

  • 8gld

    “Se si vanno a rivedere le azioni, quante volte curry si è trovato nel posto sbagliato contro la persona sbagliata?”…appunto. Può essere inizialmente merito Cavs, dopo diviene demerito…sempre 5vs5 si gioca.

  • 8gld

    concordo con la prima parte.

  • gasp

    Mah… saranno ipocriti al massimo ma non mettono come capro espiatorio una porcata (perché lo è) ricamandoci sopra storie come “eh ma senza quella cosa potevamo amdar lontano…” io sono più scottato per il 2002 che per il 2004

  • ILTG6

    Su questo ďiscorso spezzerei una lancia a favore di coach Lue, ha capito che contro una difesa come quella dei GSW che cambia su tutti i blocchi non servono molti giochi o far girare la palla, servono isolamenti, in questo modo se i singoli sono ispirati puoi fare male alla difesa…in pratica i Cavs sono all in su James-Irving, strategia rischiosa ma che puo’ pagare, se i due non fanno super prestazioni pero’ per i Cavs non ce speranza

  • Michael Philips

    Sono mancati gli accorgimenti per evitare quelle situazioni.

  • 8gld

    concordo…solo che nel primo hanno fatto girare la palla e i cambi Warriors portavano Curry a difendere male. Qualcosa sicuramente non ha funzionato. Poi hanno rimesso un pò le cose in ordine, ma l’hanno pagata.

  • Michael Philips

    Sì però questo ragionamento lo farei più nel caso in cui leonard venisse considerato il n.1. Kawhi non ha mai fatto dichiarazioni forti o prese di posizione, avrebbe potuto cavalcare l’onda dell’hype ma non lo ha fatto.

    Curry invece non è che è stato gettato nel calderone dell’hype ed è rimasto sobrio e tranquillo come avrebbe fatto tim duncan o kawhi, no, lui ha fatto dichiarazioni su se stesso(“sono il migliore”) o sulla death lineup, e su quanto fosse impossibile da battere e altre frasi e atteggiamenti che nemmeno un rose mvp ha mai fatto.

    Nel 2005 nash è stato probabilmente il più forte delle lega, con mvp, team dominante e spettacolare e lo si è visto alzare il suo livello di gioco in modo assurdo durante i playoffs. Non credo abbia mai detto mezza frase arrogante, eppure cazzo se aveva alle spalle un desiderio di rivalsa, lui sì che era meno di un underdog dopo tanti anni in cui venne trattato come un play mediocre, eppure niente. Mai frasi da esaltato.

    Poi che i media abbiano alzato un bel pò l’asticella su curry riguardo il suo impatto e valore assoluto siamo d’accordo, ma lui non è stato lì a guardare.

  • Michael Philips

    Intanto Ric Bucher (b/r) è impazzito nelle ultime 24 ore su twitter, e si sta rendendo ridicolo per via di una lunghissima serie di attacchi a lebron. Roba che anche skip bayless dopo un pò avrebbe mollato la presa.
    https://twitter.com/ricbucher

  • Giasone

    Finita di vedere adesso. Dopo il primo quarto pensavo di essermi sbagliato e di aver caricato reggio emilia – milano..
    GS lascia a bocca aperta per l’incapacità di cambiare spartito offensivamente, emblematica in questo senso l’azione di Klay che invece di un comodo appoggio a canestro arretra fino alla linea da tre per subire la pressione del difensore e sbagliare. Barnes imbarazzante, in generale hanno sbagliato tanto e non solo per merito (tanto) dei cavs, anche alcuni piazzati in solitaria. Difensivamente hanno sofferto molto l’assenza di Bogut sotto canestro. Ora, non sarà un Griffin come sosteneva qualcuno, ma l’australiano conta eccome nell’economia della sua squadra, anche quando gioca poco.
    E qui veniamo a gara 7: con questo gioco hanno vinto un anello e fatto il record, in teoria hanno ancora ragione loro anche se certe prestazioni sono orride. Se recuperano anche solo un poco di percentuale realizzativa sono lì a giocarsela punto-punto, basta vedere i due parziali di 9a0 realizzati in un amen stanotte. Se addirittura tirano fuori una prestazione “vintage” (sembrano passati anni dalla regular) allora possono anche vincere in carrozza. Io però li vedo davvero stanchi sotto tutti i punti di vista.

    Capitolo curry: non sta nella stessa frase con Durant (presi singolarmente) figuriamoci di James (piaccia o meno, dominatore di un’epoca). Di base gli manca il fisico, che intendiamoci non è da buttare (è pur sempre un atleta) ma non ha niente a che vedere con tantissimi altri. la Lega lo cavalca per ovvi motivi, lui ci sta e non ha neanche torto, perché comunque riesce in cose che solo lui. Specialista, splendido finché si vuole ma pur sempre specialista. Riguardo ai falli: più che il sesto, il quinto su rubata a Irving. abbastanza grave perché GS stava rientrando.

    Avevo pronosticato 4a3 cavs…inerzia dalla loro, forma anche. e Lebron quando è spalle al muro ragiona un pizzico di meno, e rende di più. Penso che se gli avessero chiesto di mettere una firma su questa situazione non ci avrebbe pensato un attimo. Speriamo in una bella partita perché finora sono rimasto sempre contento di non aver fatto nottata..

  • mad-mel

    ma fare gara 7 il sabato notte no? Cazzo rischio di nn vedere nemmeno la partita dell anno…