NBA 2015/16, considerazioni finali (F.M.B)

E anche questa stagione è andata concludendosi nella maniera più emozionante e bella che l’NBA possa offrire, Gara7 con i Cleveland Cavaliers che hanno avuto la meglio sui Golden State Warriors dei record, Cavs che entrano nella storia come unica squadra a vincere le Finals rimontando sotto 1-3. Per chi ci segue su Facebook sa che da quest’anno ho introdotto fisse alle 13:30 le “Considerazioni Della Notte” dove commento quello che accade, per le Finals se ne è incaricato lo stoico Doc.Abbati ma mi sembrava giusto chiudere la stagione con un post sul sito coinvolgendo anche voi amici del web sempre presente, tutte le considerazioni di questa stagione 2015/16.

CONSIDERAZIONI 2015/16

WHAT A FINALS
Sono sempre stato molto critico sulle NBA Finals ma quest’anno non ci sono santi che tengano, tra le più belle degli ultimi 10 anni per emozioni, colpi di scena, pathos, giocate, temi, storyline e vi dirò di più, NBA Finals 2016 battono Superbowl 50 10-0! Si, quest’anno l’NBA con queste Finals ha rotto il culo a tutti, i dati degli ascolti sono al conferma con Gara7 la partita più vista di sempre

HISTORY HAS BEEN MADE
La pazzesca stagione regolare dei mille record firmati Golden State Warriors (CLICCA QUI per leggere) è stato un superbo antipasto per quella che poi è stato il più grande colpo di scena della storia dello sport americano, NESSUNO, Cavaliers in primi, ha realizzato quello che è successo domenica notte; una città di eterni perdenti, 52 anni passati a subire umiliaizoni, un ambiente che neanche i ritrovi emo sono così deprimenti è entrato nell’Olimpo dello sport USA…sfondando il portone d’ingresso! Cleveland…

NBA DIETRO LA LAVAGNA
Male, malissimo nella gestione dei Playoffs, arbitri spaesati nei momenti clou, tanti e troppi errori corretti poi il giorno dopo, caso Green-Adams gestito malissimo. Il formato Playoffs va rivisitato perché anche quest’anno l’East è stata una passeggiata, Cleveland nettamente più forte ci sta ma opposizione nulla. Ad un certo punto ho creduto che ci fosse Roger Goodell a capo…❌

KOBE
Lasciate stare l’ultima partita che è stata leggendaria ma non incredibile visto che stiamo sempre parlando di Kobe Bryant, ma parliamo di come è arrivato a quel 13 aprile, di come ha stretto i denti ogni notte, di come ha dovuto combattere contro un fisico logoro che sventolava bandiera bianca ogni notte, delle imbottiture di ghiaccio per conservarlo ogni notte, dello schifo che i Lakers hanno fatto anche quest’anno ogni notte. Si ricorderanno di quei surreali 60 punti contro Utah ma quello è lui, ma la sua grandezza da eterno combattente la ricorderò in quelle notti da 10′ imbottito di ghiaccio pur di non mollare e arrivare al 13/4

BYRON THE PERFECT TANKER
Byron Scott non vende sogni, ma solide realtà: 2 anni di tanking e 2 anni con la 2^ scelta assoluta al Draft, non è da tutti! Poi che non abbia insegnato nulla a Russell-Randle è un altro discorso ✅

THUNDERSUKA
I veri Sukatori (CLICCA QUI per leggere) della stagione rimangono loro, non i Warriors: 3-2, Match-Point in casa, +8 ad inizio 4° e delirio più assoluto non dal supporting-cast…ma dalla coppia Westbrook-Durant!!! Il tutto contro dei Warriors alle corde nelle sole mani di Klay Thompson, poi chiaro che se li dai un’unghia ti prendono il braccio e tac, 3-1 -> 3-4

BOSTON IS BACK
La piazza è tornata a ruggire, le basi solide ci sono, asse GM-Coach di prima classe e tante carte da giocarsi questa estate partendo dal Draft, se sapranno giocarle bene l’anno prossimo ritroveremo in alto i Celtics☘

MINNEFUTURE
Non mettete pressione ai Timberwolves, lasciate Thibodeau lavorare ed instaurare la sua mentalità, questi in 2 anni salgono ma non si limiteranno ad arrivare agli ultimi posti Playoffs…

COLLEGE POWER
Se le Finals hanno battuto il Superbowl, le Final Four NCAA hanno stracciato pure la finalissima del College Football (Arizona-Clemson) con Villanova che sulla sirena batte North Carolina con uno dei finali più pazzeschi di sempre col Buzzer-Beater di Kris Jenkins!

TOYOTA WARRIORS
Volevano riscrivere la storia, si sono impegnati, hanno dato tutto anche quando non erano chiamati, hanno stabilito una valanga di record, l’hanno scampata contro i Thunder, erano 3-1 con Cleveland al tappeto…e poi come la Toyota all’ultima 24h di Le Mans, dominato per 23 ore e 57 minuti, entrata negli ultimi 3 (ossia ultimo giro) il motore non ha più retto, l’ultimo ad alzare bandiera bianca è stato Draymond Green, una figlio di p*****a ma un vero WARRIOR, tra l’altro l’unico a rimanere in campo a rendere omaggio ai Cavaliers

UNANIMOUS HURT
Dopo G7 Stephen Curry ha detto che questa sconfitta se la porterà dietro a lungo, non credo, credo invece che quella stupidaggine di dargli l’MVP “Unanime” invece si che se la porterà dietro per come ha giocato le Finals, demolito da LeBron sotto l’aspetto della personalità e a momenti ridicolizzato in campo da Kyrie Irving, un solo acuto (Gara 4), sono certo che non fosse a posto fisicamente soprattutto con quel ginocchio però questo è lo sport business Americano, come Wall Street; spietato, senza emozioni, senza attenuanti, o vinci o non sei nessuno, Stephen Curry È il miglior giocatore NBA, È qualcosa che non si è mai visto prima ma adesso anche per lui è arrivato il Mortirolo, quello che James dalle Finals 2011 ha dovuto scalare con le unghie e i denti

SPURS
Nulla da aggiungere a quello che scrissi sul SUKA Award (CLICCA QUI per leggere), progetto 2015/16 fallito, si girerà pagina e si andrà avanti a luci ben accese e sulla giusta direzione come sempre

CHOSEN ONE, FOR REAL!
Non so quanti di voi sono appassionati della WWE ma avrei dato tutto per vedere Paul Heyman introdurre LeBron James alla premiazione dopo Gara7 stile discorso post-Wrestlemania 30 dopo che il suo cliente Brock Lesnar aveva interrotto la striscia di 21-0 dell’Undertaker, prima dei Playoffs dissi che avrebbero vinto i Cavs con la motivazione che era arrivato il momento per LeBron James di entrare nell’Olimpo dello sport USA, di scrivere la storia…Gara5, Gara6, la stoppata di Gara7 e quel libero entrato di pura forza d’animo, l’aver battuto la squadra dei record, sotto 1-3 con un peso terrificante sulle spalle…Steph Curry È il miglior giocatore NBA ho scritto prima, LeBron È ANCORA il PADRONE 

IRVING
Kyrie Irving è la cosa più vicina ad Allen Iverson con la mentalità di Kobe Bryant

KEVIN “D.P.O.Y” LOVE
L’ho lasciato per ultimo apposta, dobbiamo chiedere tutti scusa a Kevin Love! Gli abbiamo (anche io, lo ammetto) tirato addosso di tutto in queste Finals, i tifosi dei Cavs erano arrivati a fare una petizione per non farlo scendere in campo per Gara6, sembrava davvero un corpo estraneo, inutile, nocivo, fastidioso e poi ECCOLA!
Non Leonard, non Beverley, non Westbrook, non Lillard ma KEVIN LOVE ha fermato Stephen Curry nel momento cruciale di Gara7 sul +3 Cavs costringendo l’MVP al mattone sul secondo ferro. Poi l’outfit alla Stone Cold Steve Austin con tanto di “Beer Bash”…

NBA-EVOLUTION
Che dire, non la stagione che volevo, tutto l’anno a rattoppare falle a destra e a manca per tenere la barca a galla, colpa mia al 110% però alla fine ce l’ho e abbiamo fatta, come annunciato sui social NBA-Evolution ci sarà anche l’anno prossimo con un piano editoria totalmente diverso (lo scoprirete martedì prossimo!), volevo ringraziare: Adrien Ortone perché il suo rientro stile Dito Corto in soccorso a Jon Snow durante la “Battaglia dei Bastardi” è stato fondamentale nell’economia Playoffs e non solo, Niccolò Strocchi ossia il mio Eric Snow, Fabio Gabrielli per come ha gestito l’NFL alla sua prima esperienza, Stefano Bei che non è riuscito a dare il suo solito super contributo per problemi ma con le unghie e con i denti ha fatto quello che poteva, infine il DOC!
Gli chiesi se poteva seguire tutte le Finals perché io ero allo stremo, ha accettato malgrado il lavoro e impegni famigliari, ha svolto un lavoro stupendo, a volte ha scazzato con qualche follower cosa che non mi ha fatto piacere però quando la posta in palio si alza sono incidenti che possono succedere ma quel che succede in quei 48′ rimane in quei 48′, questo è lui dopo Gara7: legamenti due dita, forte contusione trauma osseo senza fratture fortunatamente causa incidente domestico prima degli ultimi minuti #Devotion

13507216_10153528767221260_9009375837568683124_n

Voi ne avete altre? Commentate!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • BigGameJames

    Grazie di cuore per la mole e la qualità del lavoro svolto! Soprattutto ho apprezzato la continua ricerca di un dibattito costruttivo e apparentemente “provocatorio” (es. Il pronostico dei thunder sui warriors) che serve ad evitare di seguire come pecoroni i trend cavalcati dai media e a garantire un analisi più oggettiva e critica.

    Sull analisi della stagione concordo su tutto tranne la continua retorica dell mvp unanime visto che è iniziata con la serie vs Okc e continuata in finale. Ma davvero per quel che si è visto in stagione non lo meritava? E parere personale, finalmente c’è stata una squadra che ha onorato la RS…. che normalmente da dopo l asg stiamo tutti a sbuffare annoiati in attesa dei po. Che poi i playoff di curry siano stati fallimentari non ci piove. Ma l mvp unanime della stagione è sacrosanto come l mvp unanime di james alle finals. Quando Dirk vinse l mvp e uscí al primo turno?

    Vi aspetto per il draft e il mercato, aspettando al varco i lakers senza la “scusa” Kobe…

  • shaq4ever

    belle considerazioni e ottimi spunti

    due cose su cui non sono d’accordo:

    1) SUKA awards. secondo me tutta la vita i warriors rispetto a OKC.
    guardiamo i fatti: hanno perso entrambe dopo essere stati sopra 3-1
    OKC però era l’underdog (veramente pochi avrebbero scommesso sulla loro vittoria a inizio serie) che contro ogni pronostico è andata in vantaggio. poi però il fatto di giocare in 2 si è fatto sentire (tra le altre cose) e comunque i warriors erano più forti e alla lunga sono venuti fuori, grazie anche alle 2 partite in casa

    i warriors invece contro cleveland si trovavano favoriti, sei davanti 3-1 pur senza acuti delle tue scelte (mentre per okc il magic duo aveva dovuto sfornare super prestazioni per vincere), cosa che lascia presagire che basta una super partita di curry/thomson per vincerne un’altra. giochi 2 partite su 3 in casa e… SBAM

    non dimenticherei nemmeno san antonio che dopo la sua miglior stagione della storia perde malamente contro una squadra tutt’altro che perfetta. cioè se non ci fosse stata la super stagione dei warriors saremmo stati lì a osannare la stagione quasi perfetta dei texani. per loro è andata bene che le luci della ribalta erano orientate verso la baia..

  • shaq4ever

    2) a me sinceramente sto paragone iverson-irving non piace troppo, irving ha un tiro da 3 solido e un’azione più perimetrale che scavano un bel solco tra i due.

    sul valore complessivo il paragone è un po’ forzato finora

  • Michael Philips

    Stagione storica con due team in grado di portare a casa 140 vittorie su 164 gare giocate ed è incredibile che nessuna delle due abbia vinto l’anello.

    L’MVP unanime come già detto a suo tempo poteva anche starci(io ho sempre detto che l’mvp curry lo ha messo in cassaforte dopo aver demolito lebron e i cavs a gennaio), mentre i dubbi(o certezze) li ho sempre avuti riguardo il valore complessivo del giocatore, fortissimo sì ma con alle spalle dei compagni che per mesi gli hanno permesso gare da 25-30 minuti vinte di 20pts.

    Non è mai stato realmente il miglior giocatore della lega e i playoffs lo hanno appurato, mettendo in luce anche clamorosi limiti difensivi e mentali. Se andate a rivedere i falli che ha commesso in questi playoffs c’è da mettersi le mani nei capelli. Siamo ai livelli di westbrook quando perde la testa. Metà dei falli che ha commesso era evitabili.

    Una cosa è successa ed è incredibile: l’iso ball si è rivelato vincente. Incredibilmente vincente ed era dal threepeat dei lakers che un team non vinceva l’anello grazie ad un duo da quasi 60pts a gara. Ma già i thunder, contro spurs e warriors, avevano messo in evidenza questo ritorno al passato.

    Il gioco democratico non ha pagato quest’anno. Quest’anno isolamenti e super prestazioni hanno vinto.

  • Attenzione, NON ho scritto “Irving come Iverson” ma che è la cosa PIÙ VICINA. Come A.I nessuno ne ieri, ne oggi, ne domani

  • michele

    Grazie a FMB e al suo staff per ospitarci e per lo sbattimento. Grazie a tutti gli utenti per l etante chiacchierate. Buone vacanze a tutti, ci vediamo a ottobre ( salvo clamorosi colpi di mercato dei Celtics).

  • michele

    in certe cose ha ricordato anche Isiah Thomas ( quello vero, non quello dei celtics eheheh)

  • shaq4ever

    chiaro, solo vedo irving più perimetrale.
    come gioco offensivo mi sembra forse più simile westbrook di irving (russel più di potenza, iverson di velocità e crossover, ma con stesso concetto di più penetrazioni che altro e un po’ di assist grazie agli scarichi)

  • Shady

    irving sicuramente è la cosa che si avvicina più ad A.I. vista su un campo da basket, soprattutto per quel ball-handing ai limiti dell’impossibile e il 2-3 crossover che mette a partita, però non si limita a questo Kyrie, per il gioco perimetrale, il tiro dalla media e l’uso fantastico del piede perno che fa ricorda molto (anche per movenze) kobe. da aggiungere anche dopo queste finals e le dichiarazioni che ha fatto (“mamba mentality” stima per lui!) che a livello di maroni e tenacia mentale ricorda molto bryant, anche nelle situazioni più negative quanto talvolta si intestardisce troppo e si dimentica dei compagni… comunque va benissimo così ha una crescita potenziale ancora assurda, non mi stupirei di vederlo MVP fra 2-3 anni

  • E il Draft? Hai la 3^ scelta eh!

  • trizio81

    super prestazioni che a mio parere fanno sempre + audience dei sistemi vincenti tipo Spurs del 2014….e fanno anche + romanticismo

  • shaq4ever

    ah ecco, il terzo punto che non mi trova d’accordo è “Stephen Curry È il miglior giocatore NBA”

    posto che secondo me lebron era comunque più forte (leggasi nel complesso e considerando anche la difesa), questi playoff hanno evidenziato ancora di più la differenza e minato seriamente l’immagine di curry

    i numeri non diranno tutto ma basta guardare:
    regular season: 30p (50% dal campo, 45% da tre) + 6.7 ass e 5.4 rimb
    playoff: 25p (44% dal campo, 40% da tre) + 5.2 ass e 5.5 rimb
    finali: 22.5p (40% dal campo, 40% da tre) + 3.7 ass e 4.9 rimb

    un tracollo totale insomma, sia a livello di punti, che di percentuali che di assist

    sul fatto dell’MVP sacrosanto, quindi è perfetto dire “nessuno ha giocato una stagione come la sua”
    l’unanimità ci sta eccome per quest’anno ma solo se l’avessero data a suo tempo anche a jordan, shaq, lebron etc
    obiettivamente, chi mai potrebbe votare leonard o durant quest’anno? warriors che fanno il record della storia, curry che ne fa 30 col 45% da tre (e con quale difficoltà!)
    però a maggior ragione, quei jordan e lebron avevano giocato nettamente meglio di chiunque altro e non avevano nemmeno la pecca della non difesa

  • Loco Dice

    Grazie a Tutti, null’altro da aggiungere.

    Unica cosa che vorrei chiedere a F.M.B. è che lui un po’ di tempo fa scrisse (se non ricordo male) che collaborava anche con un blog di F1.

    Vorrei sapere se fosse possibile il nome di questo blog, dato che la F1 (Kimi) é la mia seconda passione dopo NBA (ovviamente).

    Grazie di nuovo e un saluto a tutti 🙂

  • michele

    ho anche due esami a luglio e sono indietro sulla tabella di marcia..troppe nottate per questi playoff, devo recuperare 🙂

  • ILTG6

    Concordo, il Suka dei Warriors batte sia Clippers che OKC

  • gasp

    Solo che è meno bastardo

  • gasp

    Ahahaha ma che foto del profilo eh?

  • gasp

    Che bello potrò sparlare dei Celtics in santa pace per tutta l’estate eheheheh

  • Michael Philips

    dopo queste finals non bastava una sola troll face di lebron, ne servivano diverse. Ed ecco fatto!

  • In Your Weis

    Mia opinione personale

    1-le Finals sono state enormi per quello che riguarda gli attori coinvolti, il livello delle squadre, le sotto-storie (la caccia al titolo di LeBron, il dualismo Curry-LBJ, Green e le sue mattate, l’impatto di Love ed Irving, etc), ma tolta G7, scarse come equilibrio e quindi come spettacolo effettivo in campo

    2-Est più debole, ma è così da 25 anni ormai, dai tempi dei Bulls. Se i GM non sanno creare contenders è colpa loro. A livello di squadre “medie” c’è ormai equilibrio, Rockets o Portland non valgono una 6a o 7a della Eastern, ma al momento non esiste una valida alternativa ai Cavs

    3-Curry non è mai stato il miglior giocatore della Lega, mai, neanche per 30″. E’ stato il giusto ed indiscusso MVP, ha avuto un’annata folle dal punto di vista numerico. Ma nei playoff si è visto come i Warriors siano una macchina capace di fare strada anche senza di lui. Togli LBJ dai Cavs, e se ne ritornano in lotteria. E come detto 1000 volte, io Curry non lo ritengo al livello di un KD

    4-Irving è un Iverson meno forte individualmente, ma più disciplinato tatticamente. Non credevo realmente in lui, invece è stato l’equivalente del Kobe 2000-2002, ed ha reso meno fondamentale avere un 3° polo offensivo

    5-Love va analizzato nel complesso. Io continuerò sempre ad odiarlo, specie in virtù dei soldi che costa, ma la serie coi Warriors fa storia a sé. Semplicemente era troppo per lui tatticamente. Ma se fosse arrivata in finale un’avversaria “tradizionale”, con due lunghi e che non usa così tanto il tiro da 3, almeno in attacco si sarebbe fatto sentire

    6-Sbaglio o il DOC va per i 50 facili?

    7-Grazie FMB, uno dei pochi non squilibrati qua in mezzo

  • lorenzo tonelli

    Grazie per il lavoro svolto…anche per l nfl che adoro…stagione difficile dal punto di vista emotivo visto il ritiro di colui che e stato il mio basket per 20 anni…ci manca solo che smetta ginobili poi sono a pezzi…ora sotto col draft sperando in poche cazzate del management lakers e di tornare competitivi perché lakers e celtics sono la storia Dell NBA

  • Hanamichi Sakuragi

    Doc e Fmb i ringraziamente anche da parte mia.
    sulle vostre considerazioni

    suka award: anche per me va ai warrioriors per i motivi scritti da shaq4ever. e devono sukare un calippone più grande di quello del Rocco nazionale.

    mvp unanime: sacrosanto, non è il giocatore più forte della lega ma è stato il più bravo. nei PO purtroppo per lui oltre che da irving ha perso nettamente il confronto anche con westbrook.

    finals: sono state brutte gare fino a G6 compresa. assolutamente non le più belle degli ultimi 10, lakers celtics manco si possono accostare ed anche le prime tra spurs e miami, vinte da quest’ultima, sono state decisamente meglio.

  • trizio81

    grazie per il lavoro svolto,essendo un grande appassionato NFL spero che l’angolo dedicato si ampli sempre +

  • DrDre

    Sull’est penoso:
    dai 25 anni non esagerare, facciamo dal 99′.

  • mad-mel

    Sono sempre stato molto critico sulle NBA Finals ma quest’anno non ci sono santi che tengano, tra le più belle degli ultimi 10 anni per emozioni, colpi di scena, pathos, giocate, temi,…..mi fermo qua con la lettura