Olimpiadi 2016 QF, Team USA imbattuto ma…

Si sono conclusi stanotte i turni preliminari del torneo di Pallacanestro dei Giochi Olimpici 2016, domani cominceranno subito i Quarti di Finale (vedi bracket sotto) con Team USA che affronterà l’Aregtina, Stati Uniti che hanno chiuso con 5-0 il proprio gruppo ma mandando un messaggio incoraggiante alle avversarie, la banda di coach Mike Krzyzewski vince ma non domina…e non piace!

STRUGGLE TEAM

Dopo le prime due comode vittorie contro Cina e Venezuela Team USA ha faticato e non poco nelle successive tre subendo prima l’energia dei Boomers e poi l’infine (e sregolata) classe della Serbia per poi battere col minimo sforzo la Francia; contro l’Australia dovette salire in cattedra Carmelo Anthony nella notte che lo portò al 1° posto di sempre nella classifica marcatori di sempre della Nazionale (superato LeBron), con la Serbia si è rischiato l’Overtime con la tripla sbagliata da Bogdan Bogdanovic sulla sirena e con la Francia (priva di Tony Parker) sono stati necessari 30 punti di Klay Thompson oltre le solite giocate di Melo versione “Capitan American“.
Il Team di Londra 2012 non fa testo ma rispetto alla compagine che vinse i Mondiali spagnoli del 2014 c’è una netta differenza dovuta soprattutto agli elementi;
• Il duo Cousins-Jordan non vale Davis-Faried, pochi rimbalzi e praticamente inesistenti nel pitturato
Kyrie Irving è straordinario ma manca un cambio di livello che non è Kyle Lowry (spaesato)
Kevin Durant sta giocando con troppa supponenza prendendo solo tiri da 3 da fermo o forzando
Klay Thompson pare essersi sbloccato ma solo con la Francia hanno iniziato a servirlo come si deve
DeRozan-George non ancora ben identificati
• Inspiegabile utilizzo di due giocatori che nel sistema FIBA potrebbero essere cruciali come Draymond Green e Jimmy Butler

Che sia stato solo per passare il turno preliminare? Molto probabile, vederli impegnarsi subito al massimo per superare il turno non era neanche ipotizzabile, 5-0 col minimo sforzo come da pronostico ma la sensazione è che faticano a giocare bene mettendosi il più delle volte nelle mani dei singoli, inoltre in difesa nelle ultime partite hanno quasi sempre concesso 90 punti di cui più della metà nel pitturato.

QF

Il torneo entra finalmente nel vivo, nei Quarti di Finale Team USA dovrà vedersela con gli storici rivali dell’Argetina della “Golden Age“, un ostacolo sempre tosto per cuore ed esperienza ma il fattore fisico sarà sicuramente determinate a favore dei PRO.
Passata l’Argetina un’altra europea attenderà la compagine stelle/strisce, ormai Spagna-Francia è diventata una classica della pallacanestro e quale miglior teatro di quello olimpico per la resa dei conti tra le due?
Ai Mondiali spagnoli 2014 Boris Diaw guidò i transalpini al clamoroso UPSET a Madrid nei QF, vendetta arrivata poi l’anno dopo agli Europei a Montpellier con un pazzesco Pau Gasol che trascinò da solo le furie rosse alla vittoria in Semifinale contro i galletti e poi al titolo.

Parte sinistra del tabellone non da meno, i Boomers di Matt Dellavedova affronteranno i vice-campioni d’Europa della Lituania mentre sfida a 5 stelle tra la Croazia che ormai ci ha preso gusto ad eliminare i padroni di casa (noi al Pre-Olimpico di Torino e il Brasile alle Olimpiadi) e la Serbia dall’infinito ma sregolato talento, tutti in campo domani dalle 16 ora italiana!

SCHEDULE

📆Mercoledì 17
🏀Australia-Lituania ⏰ 16:00
🏀Spagna-Francia ⏰ 19:30
🏀USA-Aregtnia ⏰ 23:45
🏀Croazia-Serbia ⏰ 03:15

BRACKET

Bracket - Basketball - Rio- Olimpiadi - 2016

*Le partite le potete vedere sui canali RAI Sport (226, 227, 228 del decoder di SKY) o tutte in Streaming tramite il sito o scaricando (Android & iTunes) App ufficiale della RAI per le Olimpiadi.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Shady

    mancanza di un leader all’interno dello spogliatoio: anthony con tutta l’esperienza e la faccia che sta mettendo non è un trascinatore alla lebron o kobe… irving probabilmente ha più palle di tutti ma non riesce a imporsi nello spogliatoio, comunque penso che l’oro dipenda tutto da loro due, se nonostante tutto riusciranno a caricarsi la squadra sulle spalle, arriveranno tranquillamente all’oro
    (p.s. se fossi in GS comincerei a preoccuparmi di thompson, anche da altre voci uscite non sembra aver preso affatto bene l’arrivo di durant in squadra)

  • Michael Philips

    2008: Kobe – Lebron – Wade nel ruolo di leaders
    2012: Kobe & Lebron
    2016: ???

    Non c’è leader, ci sono 3 giocatori a cui si lasciano in mano i possessi tosti: melo, durant e irving, ma nessuno di questi agisce da vero leader. Nessuno di loro lo è. Squadra assemblata male, pur ricchissima di talento offensivo ha troppi giocatori inutili o comunque doppioni scarsi dei titolai:

    lawry – irving
    Derozan – Melo
    George – Durant
    Barnes poi non so cosa ci faccia lì.

    Nessun giocatore solido, duro mentalmente e magari meno talentuoso. Hanno proprio fatto un mucchio di gente messa un pò a caso. Wall sarebbe servito ben più di barnes e lawry messi assieme.
    Un Robin Lopez sarebbe andato benissimo.

    Fino a qui comunque i due pivot ne escono davvero male, sia tecnicamnte che a livello di IQ, perché davvero, cousins sta rasentando livelli di demenza preoccupanti. Poi non è un giocatore da P&R quindi non lo puoi sfruttare bene. A lui servono lo stesso numero di possessi di un melo o di un durant.
    Il pallone è uno solo..

    Curry e Kerr staranno prendendo appunti, perché loro rischiano problemi di leadership molto simili a quelli del team usa attuale. E nel mentre si staranno mangiando le mani pensando a bogut ai mavs…

  • gasp

    Wall è sempre clamorosamente poco considerato…

  • Troppe assenze pesanti, ai Mondiali c’era comunque una gerarchia e il quintetto base era più forte di questo, ognuno aveva dei ruoli chiari
    • Curry
    • Thompson
    • Harden
    • Faried
    • Davis

    Questa (2016) è una squadra di realizzatori, nessuno detta i tempi e poi giocano senza lunghi, il MIO quintetto ideale sarebbe
    • Irving
    • Thompson
    • Butler
    • Durant
    • Anthony

  • Michael Philips

    il tuo quintetto è sensato in attacco, ma in difesa poi butler dovrebbe sputare l’anima perché gli altri non è che ti spostano molto. Già il thompson di quest’anno non è stato assolutamente ai livelli dell’anno scorso difensivamente parlando. Gli altri, vabbè…

    Nel 2014 le stelle erano 2-3, curry non aveva ancora lo status attuale, irving idem, klay idem. Equilibrio con un faried e davis troppo fisici per gli avversari fiba. Fisici ma non idioti come cousins e jordan.

    L’ideale oggi sarebbe, per me:

    – Irving
    – Butler
    – Durant
    – Melo
    – Green

    Almeno tra butler e green c’è un pò di continuità difensiva e fisicità.

  • Michael Philips

    appartiene alla generazioni dei pg fenomeni, quindi ci sta, ma proprio in questo contesto, lui sarebbe stato perfetto. Un vero assistman con questo materiale umano è la combinazione perfetta.

  • gasp

    Ma hanno portato Lowry che, per quanto possa essere forte non è un fenomeno ed è una/due spanne sotto Wall… se Washington faceva i PO era al posto del play di Toronto