Davis 50 ma vince il Gallo, Lakers in volata!

Subito fuochi d’artificio alla prima notte di Regular Season NBA, Anthony Davis 50 ma vince Gallinari, Russell Westbrook sfiora per un assist la Tripla-Doppia e OKC batte in volata Phila (Embiid 20), overtime ad Indianapolis con Pacers vincenti, bene Miami, Boston e Raptors con i 72 punti del duo DeRozan-Valanciunas. Festa Lakers che domano James Harden.

REGULAR-SEASON

Orlando Magic – Miami Heat 96-108
ORL: Gordon 12, Ibaka 14, Vucevic 17 (14 rimb), Fournier 20, Payton 16
MIA: Winslow 15, Whiteside 18 (14 rimb), Dragic 16, Johnson 15, J.Johnson 11, Reed 10

Comincia con una vittoria nel derby la stagione dei Miami Heat che escono nel 3° periodo e battono gli Orlando Magic; padroni di casa che vanno al riposo lungo avanti 53-50 ma nella ripresa Miami cambia marcia, tirerà col 50% nella terza frazione contro il 25% degli avversari chiudendo 30-16 i 12’ per il +11 (69-80), Orlando non recupererà.

Indiana Pacers – Dallas Mavericks 130-121 OT
IND: George 24, Turner 25 (16 rimb), Ellis 24, Teague 20
DAL: Barnes 19, Nowitzki 22, Matthews 13, Williams 25, Barea 22

Il primo overtime della stagione si gioca ad Indianapolis dove Paul George e i suoi Pacers superano i Dallas Mavericks; Pacers che si mangiano le ani sul finire dei regolamentari, Jeff Teague va in lunetta sul 114-112 a 13”, l’ex Hawks fa 1/2 e sul capovolgimento Harrison Barnes non perdona con la bomba del 115-115!
Nell’Extra-Time però sarà solo dominio Indiana, 15-6 il parziale dei 5’ col 75% dal campo per i padroni di casa.

Boston Celtics – Brooklyn Nets 122-117
BOS: Crowder 21, Horford 11, Bradley 17, Thomas 25, Zeller 13
BKN: Bogdanovic 21, Lin 18, Harris 16, Hamilton 19, Kilpatrick 13

Boston domina Brooklyn ma nel finale alza un po’ troppo presto le mani dal manubrio rischiando di far rientrare gli ospiti; i ragazzi di coach Stevens escono nel 3° quarto e arrivando a toccare il +22 (105-83) dopo 3’ del 4° con una schiacciata del rookie Joylen Brown, i Nets però non ci stanno e provano la rimonta. Dal -22 i bianco-neri arriveranno fino al -3 (120-117) con 46” da giocare ma prima Bogdanovic e poi Hamilton sbaglieranno il jumper e la tripla del possibile pareggio, Thomas non perdonerà e dalla lunetta farà 2/2 a 11”.

Toronto Raptors – Detroit Pistons 109-91
TOR: Valanciunas 32 (11 rimb), DeRozan 40, Lowry 10
DET: Harris 22, Morris 17, Drummond 16

All’Air Canada Centre è la notte di DeMar DeRozan (40 punti con 17/27 dal campo) e Jonas Valanciunas (32+11) che guidano i Raptors al successo contro i Pistons; DeRozan è scatenato sin dalla palla a due, realizza 15 punti su 33 di squadra nel 1° quarto e 21 nel 1° tempo con i suoi avanti 58-46, Detroit non sprofonderà ma non riuscirà mai a colmare il gap nella ripresa.

Milwaukee Bucks – Charlotte Hornets 96-107
MIL:Parker 13, Antetokounmpo 31, Dellavedova 11, Monroe 14 (10 rimb)
CHA: Kidd-Gilchrist 23 (14 rimb), Williams 13 (10 rimb), Hibbert 15, Walker 17, Zeller 15

Italian Job: Belinelli 7 pt (3/6, 0/2, 1/1), 4 rimb, 1 ass in 26’

Solida partita per i Charlotte Hornets che si impongono a Milwaukee con le doppie-doppie di Kidd-Gilchrist e Marvin Williams; ospiti padroni del campo dall’inizio alla fine, dopo 3 quarti il tabellone luminoso recita +20 (63-83)!

Memphis Grizzlies – Minnesota Timberwolves 102-98
MEM: Ennis 15, Green 12, Gasol 18, Conley 24, Randolph 19
MIN: Wiggins 25, Dieng 12 (14 rimb), Towns 21, LaVine 19

Memphis comincia col piede giusto domando i giovani terribili di Minnesota sull’asse Conley-Gasol oltre ai 19 punti del neo-6° uomo Zach Randolph; successo arrivato in rimonta e in volata per gli uomini di Fitzdale, a 1’45” dalla sirena finale Towns regala il +2 ai suoi (91-93) ma i Grizzlies risponderanno con un break di 11-5 con decisivi i liberi di Conley a 13” per il +4 (100-96).

New Orleans Pelicans – Denver Nuggets 102-107
NOP: Davis 50 (16 rimb), Moore 10, Frazier 15 (11 ass),
DEN: Gallinari 15, Nurkic 23, Barton 22, Mudiay 11, Chandler 12

Italian Job: Gallinari 15 pt (2/5, 3/6, 2/4), 3 rimb, 2 ass, 1 persa, 3 rec, 1 stop in 37’

Anthony Davis registra una prestazione fuori dal comune da 50 punti (17/34 dal campo), 16 rimbalzi, 7 recuperi, 5 assist e 4 stoppate ma il referto rosa lo portano a casa i Denver Nuggets di Danilo Gallinari; a 57” dalla fine il “Monociglio” realizza il layup del -2 Pelicans (100-102), Mudiay va in lunetta ma non è perfetto per il +3 ma sul capovolgimento di fronte Moore sbaglierà la tripla del possibile pareggio. Nuggets che però non sono cinici, 0/2 dalla lunetta per Faried ma sarà lo stesso Faried a indurre Davis alla palla persa che chiuderà la partita.

Philadelphia 76ers – Oklahoma City Thunder 97-103
PHI: Covington 10, Embiid 20, Rodriguez 12, Stauskas 13, Grant 10
OKC: Adams 16, Oladipo 10, Westbrook 32 (12 rimb), Ilyasova 10, Kanter 17 (12 rimb)

Non poteva che cominciare con una quasi Tripla-Doppia la stagione di Russell Westbrook (32+12+9) che guida i Thunder alla vittoria in quel di Philadelphia rovinando il super esordio di Joel Embiid (20+7); OKC che però è dovuta uscire nel 4° periodo (34-22) e in rimonta con Westbrook autore di 10 punti, decisivo il break di 4-0 a 35” per il +4 (97-101).

Phoenix Suns – Sacramento Kings 94-113
PHX: Warren 14, Booker 18, Bledsoe 16, Bender 10
SAC: Gay 22, Cousins 24, Barnes 14, Temple 12

Nessun problema per i Sacramento Kings del duo Gay-Cousins che impiega i primi 24’ per archiviare la pratica Suns; il punteggio al riposo lungo recita 38-57 Kings con Rudy Gay autore di 10 dei suoi 22 punti finali, il tutto con un buon 50% dal campo.

Los Angeles Lakers – Houston Rockets 120-114
LAL: Randle 18, Mozgov 12, Russell 20, Clarkson 25, Williams 12
HOU: Anderson 14, Capela 16, Gordon 19, Harden 34 (17 ass), McDaniels 11

È festa allo Staples Center con i Los Angeles Lakers che resistono alla quasi Tripla-Doppia di James Harden (34+8+17, career-high di assist) e battono gli Houston Rockets trascinati da D’Angelo Russell ma soprattutto da Jordan Clarkson nell’ultimo periodo; a 95” dalla fine partita aperta con Houston sul -2 (116-114), Nick Young sbaglia il tiro ma ecco Clarkson (12 punti nel 4°). per il Tap-In del +4 e poi con la rubata che consentirà a Randle di mettere a segno il gancio del +6 (120-114) con 45” da giocare.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Hanamichi Sakuragi

    minkia monociglio…certo che se perdi quando il tuo miglior giocatore ne fa 50.. e rifila 4 stoppate.. sei alla frutta

  • Hanamichi Sakuragi

    cazzo vedo dai tabellini che nick young ha tirato 5/21 e ha fatto ben 1 assist.. se il buongiorno si vede dal mattino… preoccupante il numero di assist sui canestri totali specie considerato il tipo di allenatore che abbiamo.
    onestamente sono felice della vittoria, una delle poche, sui rockets di d’antoni

  • E titolare eh!

  • mad-mel

    Quel trio ci sarà mai secondo me.

  • mad-mel

    Beh guarda i titolari dei pelicans e capisci perchè

  • Loco Dice

    Bella partita tra Pacers e Mavs, faranno entrambe un’ottima stagione.
    Turner davvero una bestia, ha mandato fuori di testa bogut, Ellis torna quello di Dallas e Paul George con un attacco che non grava tutto sulle sue spalle gioca molto meglio (e con migliori percentuali).
    Dallas, prego che Williams sia questo almeno per 60 partite… anche se immagino sia chiedere troppo. Matthews aggiusti un pochino la mira.
    Forza Mavs 🙂

  • onic

    Davis si dimostra fenomeno… peccato per il contorno
    I Rox come prevedibile puntano forte sulla difesa….
    RW che parte a marce alte

  • gasp

    Embiid ha i soliti problemi di un rookie (palle perse, brutte percentuali), ma offensivamente ha già un repertorio molto ampio…

    Lakers che sono un cantiere aperto, ma fanno ben sperare… non grandi cose, ma una stagione di crescita rispetto alle ultime (tragiche) stagioni

  • Hanamichi Sakuragi

    minchia almeno quello.. però con tanti ostacoli evitabili.. deng che mangia minuti a ingram e il contratto di moz che è un buon giocatore con un contratto fuori di testa

  • Lorenzo Escriva

    Scambieranno Oka…

  • gasp

    In difesa c’è da lavorare molto…

  • In Your Weis

    La scelta di avere Deng come titolare la vedo solo che saggia, Ingram avrà comunque i suoi minuti, ha 19 anni e serve come il pane un veterano ancora valido da cui imparare, anche solo come si sta al Mondo

    Sul Russo vediamo, io penso che se sta bene comunque è uno da quasi doppia doppia e con una più che discreta impostazione difensiva

  • Max

    come detto prima del’inzio di stagione:secondo me quest’anno l’mvp se lo giocano il numero zero di OKC e il monocoglio(sempre che le squadre li aiutino con un buon numero di vittorie)

  • 8gld

    Pistons iniziano bene poi, come spesso accade, nel momento dell’allungo mancano i punti sui tiri poco contestati. Vengono ripresi nel 2/4 e il loro trend continua. Alla fine brutta partita la loro.
    Wolves buttano la W, ma ci puo’ stare.
    In difesa c’e’ ancora, logicamente, da lavorare.
    Lavine ha sparato i giusti piazzati, Wiggins sbagliato le cose più’ semplici, Dieng interessante, Kat lasciato intravedere sprazzi di alto basket.
    Mem ha messo quei giusti tiri da tre, Conley-GasolZac, d’esperienza che hanno ricucito lo strappo.
    Bel 1/4 da parte Wolves…bell’approccio.

  • Hanamichi Sakuragi

    premesso che al 99% non è che abbiamo preso lebron eh.. però a lui non è che gli hanno fatto fare panchina.. io penso che in una squadra di giovani i più promettenti li devi far giocare.. ma proprio nel ruolo dove c’è il prospetto più interessante (o il 2° più interessante) prendi un giocatore di esperienza?
    cazzo non potevano prendere una guardia di esperienza? non mi sembra che boozer sia stato un bene per randle

  • In Your Weis

    LeBron era pronto per la NBA dal giorno 1, Ingram, a giudizio del coach, evidentemente non lo è, malgrado i paragoni per ora molto prematuri con Durant

    Anche Kobe ha aspettato due anni per entrare in quintetto, KG aveva davanti Leattner, sono cose normali. I Lakers non debbono vincere ora, al massimo tra un paio di anni, e fanno bene a non bruciare un ragazzo che per ora deve essere nutrito col cucchiaino e non col badile

    Mi fido abbastanza del giudizio di Walton al momento, vedrai che se si accorgeranno che è pronto ci metteranno zero a dargli 30′ a partita

  • Hanamichi Sakuragi

    magari hai ragione tu e spero che sia così

  • In Your Weis

    Certo che tengo ragione io 😉 Capisco l’impazienza, ma ad occhio sembra che finalmente ad L.A. ci sia un progetto vero e proprio, ma dubito i frutti si vedano da subito

  • Shady

    27 min, Ingram 24

  • Shady

    – date una squadra a Davis, mi piange il cuore a vederlo lì
    – questa partita dei razzi secondo me già riassume la stagione che faranno: harden numeri assurdi ma anche tante palle perse. non parlo di cattiva difesa perché lì non esiste proprio
    – russel può diventare un vero crack, però vedere young con più minuti di Ingram è inaccettabile

  • Hanamichi Sakuragi

    io sono molto dubbioso.. walton il progetto ce l’ha in testa.. ma mimì&cocò secondo me sono completamente idioti.. o meglio. il trota è idiota e il chupachupa per non contraddirlo gli va dietro e fa lo yes man

  • misterwolf

    per il monociglio la vedo difficile
    okc magari oltre al buon russel anche il resto della squadra potrebbe superare i propri limiti e sentirsi in missione.

    cmq io penso che Leonard sia il candidato favorito per l’mvp di quest’anno
    poi ci metto Irving

  • gasp

    Demps gm barzelletta dell’ anno

  • In Your Wais

    Nessun giocatore della squadra di LeBron vincerà mai un MVP, perchè sarà sempre il secondo miglior giocatore della squadra, almeno nei prossimi 2-3 anni, a prescindere dai numeri

    Poi Irving è un mostro, ma è fisicamente fragile (già facesse 70 partite sarebbe un miracolo) e vagamente discontinuo, a meno che la mostruosa serie finale non lo abbia sbloccato del tutto

    Ma comunque tra un Irving da, mettiamo 26/27 punti a partita, ed un LeBron da 22+8+8, l’MVP lo danno al 2°, sulla fiducia

    Comunque, a meno di una stagione da almeno 60W, penso che nessuno dei Cavs vedrà quel premio. Vado con uno tra Westbrook (mio favorito), Harden e KD

  • lorenzo tonelli

    Godo d’Antoni…

  • Shady

    harden, come davis, penso saranno impossibilitati dal vincere lMVP casua record di squadra, dopo tutto non lo hanno dato due anni fa a westbrook che raggiunse quasi la tripla doppia di media o non lo diedero a bryant nel 2006 quando fece 35 6 5

  • misterwolf

    io credo che in R.S. lebron si gestira il piu possibile
    mentre Irving credo possa fare un bel salto di qualita anche se non diventera mai un giocatore migliore di L.J.

    cmq è molto piu probabile che il premio non vada a nessun giocatore dei cavs quest’anno.

  • misterwolf

    credo che difficilmente lo vincera un giocatore solo di statistiche