Irving-Killer, Westbrook 51, vittoria e Tripla-Doppia!

Altra notte di fuoco in NBA con Cleveland che espugna in volata Toronto, Russell Westbrook Tripla-Doppia con 51 punti e vittoria, si sbloccano Nets, Rockets e Jazz, bene Charlotte in rimonta a Miami e infine non basta un super Anthony Davis contro i Warriors di Durant-Curry.

REGULAR SEASON

Toronto Raptors – Cleveland Cavaliers 91-94
TOR: Valanciunas 10 (17 rimb), DeRozan 32, Lowry 17
CLE: James 21, Love 18 (10 rimb), Thompson 11 (10 rimb), Irving 26

Rivincita delle finali della Eastern Conference 2016 che va nelle mani dei Cleveland Cavaliers vincenti di misura in quel di Toronto con Kyrie Irving match winner; partita combattuta con finale in volata, a 91” dalla fine DeRozan pareggia sul 91-91 con una schiacciata, Toronto ha la chance anche di portarsi avanti ma prima Lowry e poi Valanciunas mancheranno il canestro del +2 a 54”. Irving conferma la sua “Mamba Mentality” e realizza a 44” la tripla del 91-94!
Per i Raptors c’è ancora una chance dopo l’errore di LeBron James a 16” ma nienta da fare.

Brooklyn Nets – Indiana Pacers 103-94
BKN: Booker 10 (11 rimb), Lopez 25, Lin 21
IND: George 22, Young 19, Turner 13 (11 rimb), Ellis 11, Miles 15, Kilpatrick

Jeremy Lin e Brook Lopez trascinano i Brooklyn nets al primo successo stagionale battendo i Pacers grazie ad un super 4° periodo; le squadre entrano nell’ultima frazione sul +7 (72-79) per gli ospiti ma i Nets si scateneranno! Indiana crolla al tiro (6/21) mentre Brooklyn sfodererà 10/21 dal campo per 31 punti di cui 10 di Kilpatrick oltre a dominare i tabelloni (17 rimbalzi a 9).

Detroit Pistons – Orlando Magic 108-82
DET: Harris 18, Morris 17, Drummond 12 (20 rimb), Smith 16, Baynes 13, Udrih 13
ORL: Gordon 17, Vucevic 7 (14 rimb), Payton 15, Green 10, Hezonja 13

Ai Detroit Pistons basta un devastante 2° quarto per archiviare la pratica Orlando Magic con Andre Drummond che firma il primo 20ello a rimbalzo; prima frazione equilibrata (24-22) poi gli ospiti spariscono dal campo, 30-9 il parziale del 2° quarto con 4/22 dal campo per i Magic contro il 14/29 dei padroni di casa condito pure da 20 rimbalzi e 10 punti di Marcus Morris, dal +2 al +23 (54-31).

Oklahoma City Thunder – Phoenix Suns 113-110 OT
OKC: Oladipo 21, Roberson 9 (11 rimb), Adams 9 (10 rimb), Westbrook 51 (13 rimb, 10 ass)
PHX: Warren 30, Chandler 5 (10 rimb), Booker 21, Bledsoe 17, Knight 19

Russell Westbrook ci teneva a fare bella figura davanti ai suoi tifosi, non solo 51 punti () 17/44 dal campo) ma anche Tripla-Doppia (13 rimbalzi e 10 assist) e pure referto rosa dopo un tempo supplementare contro i poveri Phoenix Suns; pronti via e Phoenix scappa subito sul +15 (25-40), OKC non demorde accorcia all’intervallo (49-53) e nel 3° Westbrook realizza solo 23 punti su 30 di squadra entrando negli ultimi 12’ a quota 35 punti con i Thunder sotto 77-83.
OKC rimonta e a 2’40” dalla sirena finale conduce le danze sul +4 (102-98) ma da quel momento si incepperà, i Suns accorceranno e troveranno a 1’11” il canestro del pareggio con Devin Booker (102-102), negli ultimi 35” OKC si mangerà per 3 volte consecutive il canestro della vittoria.
Overtime combattuto punto-a-punto e stavolta Westbrook c’è, suo il layup a 7” per il sorpasso Thunder (111-110), Booker non riesce a rispondergli e ancora Russ ma dalla lunetta chiuderà i conti.

Miami Heat – Charlotte Hornets 91-97
MIA: Winslow 10, Whitesode 20 (15 rimb), Waiters 13, Dragic 14, Johnson 12
CHA: Batum 12, Walker 24, Zeller 10, Belinelli 12, Lamb 16, Hawes 10

Italian Job: Belinelli 12 pt (2/6, 2/3, 2/2), 1 rimb, 2 ass, 1 rec in 28’

Vittoria in rimonta per i Charlotte Hornets di Kemba Walker a South Beach contro gli Heat; Miami domina la prima parte di gara arrivando a toccare anche il +19 (65-46) ad inizio 3° quarto, da quel momento però calerà il sipario per i padroni di casa, Charlotte rimonta, si mette in scia e sferra il break decisivo a 8’ dalla fine, 13-3 per il +10 (84-94) con 2’49” da giocare.

Dallas Mavericks – Houston Rockets 98-106
DAL: Barnes 31, Matthews 13, Bogut 4 (12 rimb), Barea 10, Williams 14
HOU: Ariza 27, Gordon 18, Harden 26

Primo derby texano della stagione agli Houston Rockets di James Harden che anche questa notte ha flirtato con la Tripla-Doppia (26+6+7), vani i 31 punti per Harrison Barnes sulla sponda Mavs (Nowitzki a riposo); match deciso sul finale di 3° quarto quando il “Barba” si è messo in proprio, 7 punti nel break di 9-2 col quale Houston è volata sul +10 (67-77) alla sirena, vantaggio poi amministrato nell’ultimo periodo.

Utah Jazz – Los Angeles Lakers 96-89
UTA: Johnson 11, Gobert 13 (13 rimb), Hood 15, Hayward 23, Favors 15
LAL: Deng 12 (12 rimb), Young 13, Williams 17

Prima vittoria in stagione anche per gli Utah Jazz che battono i Lakers guidati da Gordon Hayward, male D’Angelo Russell (3/14 dal campo); Lakers che rimontano dal -11 e si portando pure avanti di 4 (72-76) ad inizio del 4° periodo, i Jazz rispondo e lo fanno con George Hill, sua la tripla che darà vita al break di 11-0 col quale i Jazz 83-76 con 5’18” sul cronometro

New Orleans Pelicans – Golden State Warriors 114-122
NOP: Davis 45 (17 rimb), Frazier 21, Cunningham 15, Stephenson 15
GSW: Durant 30 (17 rimb), Thompson 28, Curry 23, Green 8 (11 rimb), Pachulia 10 (11 rimb)

Anthony Davis registra un’altra prestazione mostruosa ma anche stavolta deve inchinarsi perché i referto rosa va ai Golden State Warriors di un super Kevin Durant da 30+17; match deciso da un momento on-fire di Steph Curry il quale, con i suoi sotto di 1 (73-74) nel3°, si infiamma realizzando 8 punti consecutivi per il +7 (74-81). I Warriors non si gireranno più indietro arrivando anche sul +16, nel finale New Orleans ci proverà arrivando sul -4 (116-120) e possesso ma KD stopperà Davis segnando in contropiede il layp che farà calare il sipario.
Inoltre Anthony Davis ha realizzato 95 punti nelle prime due partite, negli ultimi 50 solo Michael Jordan era riuscito ad andare oltre i 90!

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • misterwolf

    ho visto i Cavs e devo dire che K.love non sembra piu una porta girevole in difesa. molto presente
    naturalmente i suoi limiti rimangono in questo fondamentale ma l’anello sicuramente male non gli ha fatto
    la panca dei cavs da rivedere,

    A.Davis ne avevo dati 50 si è fermato a 45 ben conditi

    come prevedibile westbrook mette cifre da capogiro ma spero per lui che il resto della squadra inizi a dargli una mano

  • In Your Weis

    Ma OKC è così di merda in attacco da dover far prendere 44 tiri a Westbrook? A me non sembra così pessima, immagino che Russell stia godendo come un porco alla possibilità di mettere certe cifre ed avere carta bianca totale, solo mi sfugge quanto possa durare tutto questo

    3/5 del quintetto New Orleans non dovrebbe giocare nella NBA, Davis spero se ne vada il prima possibile

    Bella W dei Cavs, si sono un po’ fermati nel secondo tempo ma l’avversario era tosto e loro hanno retto alla rimonta. Su Irving poco da dire, ha sempre avuto le palle ma ora che ha vinto un titolo, non lo fermi più, ha una confidenza difficile da trovare persino nelle superstar

  • Barone birra

    Buon campionato a tutti. Mi dispiace per le lebronette ma anche quest’anno sarò ben presente o non scappo quando le cose non girano per il verso giusto. Charlotte continua a sorprendere ben felice per beli e Jordan. I favoriti per il titolo cioè i cavs vincono come al solito grazie a Irving, ma di sicuro il protagonista della notte è Russ che riesce in quello che il presunto prescelto non riesce a fare da mille partite e più. Mostruoso lui durant e il monociglio

  • Shady

    Ma westbrook e Davis che stanno combinando? Soprattutto AD non lo credevo capace di mettere in campo tanta cattiveria (agonistica), invece pare che l’essere tanto in ombra dopo l’anno scorso gli stia facendo bene. Poi sicuramente il fatto che NOLA abbia capito di avere il giocatore più futuribile della lega in squadra aiuta ma peccato che continui a giocare da solo…
    Westbrook fa allenamento per il 3, certo falle salire ste percentuali,
    Irving nell’ultimo minuto è il giocatore più letale della lega al pari di lillard

  • gasp

    Nola senza Davis sarebbe il peggior gulag della NBA… però ci sono delle scusanti, si ritrovano senza il secondo e il terzo violino

  • gasp

    A nessuno probabilmente interesserà ma a Brooklyn si cerca di giocare a basket anche se il materiale umano è quel che è, faranno si e no 20-25 W ma dalle prime uscite Atkinson sembra un bravo allenatore

  • Loco Dice

    Fenomeno Westbrook eh, prima tripla doppia con 50 punti dai tempi di Jabbar, ecc…
    Ma 44 tiri in 45 minuti sono, a mio parere, una follia.
    Come giustamente dice IYW, non è che giochi nella Philadelfia degli anni scorsi, non sei nel vuoto assoluto, così mandi un messaggio sbagliato a tifosi e compagni.
    Sembra che pensi più ai numeri che alle prestazioni della squadra, che secondo me rimane un ottimo team da playoff.
    Sinceramente questa prestazione non mi impressiona più di molto.
    Davis secondo me ha fatto un’impresa ben più notevole

  • Max

    quest’anno tra Westbrook ed il Monociglio ci saraà da divertirsi.
    Certo il numero 0 di OKC deve inziare ad avere % un pò migliori ma quando fai 50 punti ed un tripla doppia e la tua squadra vince tutto passa in secondo piano.

  • Max

    favoriti per il titolo ha detta del 90% degli adetti ai lavoroi sono i Warrios sopratutto dopo l’arrivo di KD!!

  • misterwolf

    se questo è il westbrook che serve a okc per arrivare ai p.o. non credo duri piu di 30 partite…

    credo dovranno darsi una regolata

  • Michael Philips

    la tripla doppia con 50ello al di là dei 44 tiri presi resta una performance assurda considerato che i thunder guidati da westbrook hanno fatto una grande rimonta e lui di fatto a segnato gli ultimi punti decisivi.

    17/44 dal campo(44 su 96 tiri totali dei thunder)…ecco uno che utilizza la mamba mentality per davvero.

    Davis 45 pts e con un inizio del genere lo scoring title può accompagnare solo.
    Durant super con 30+17+6.
    Warriors passano dal peggior avversario possibile ad uno davvero abbordabile eppure il quintetto segna 99 su 122 totali. La panca non c’è più.

    Cavs che soffrono più del dovuto ma alla fine la chiudono con irving, che è una bestia in questi casi, ma c’è anche da dire che james si è trascinato via tre difensori così da concedere a kyrie un piazzato. James in modalità riposo mentre Love pare un giocatore diverso. Molto più mobile in difesa e in attacco meno legato alle sole triple.

  • Michael Philips

    comunque un inizio del genere credo di non averlo mai visto, parlo a livello di prestazioni individuali da urlo.
    Potrebbe essere una di quelle stagioni con più giocatori con 30 pts a sera e numeri in generale folli.
    Nel 2005-06 accadde qualcosa del genere con un Arenas quarto miglior marcatore delle lega pur segnando 29.3pts e un elton brand solo 11th con ben 24.7pts.
    i primi 3?
    1) Kobe 35.4
    2) Iverson 33.0
    3) LeBron 31.4

    robe da matti.

  • gasp

    ” Warriors passano dal peggior avversario possibile ad uno davvero abbordabile eppure il quintetto segna 99 su 122 totali. La panca non c’è più.”

    Due partite sono un campione non affidabile, però spero per loro che non siano passati dalla panchina più talentuosa e profonda della lega (vera loro marcia in più) a una mediocre…

  • Max

    il rischio vedendo queste due partite è quello ma è ancora troppo ma troppo presto per fare un’analisi sulla panchina dei Warriors!

  • gasp

    E queste cose ai PO le paghi… vedremo se il gioco vale veramente la candela

  • misterwolf

    direi che su davis ,westbrook e lilard
    per caoacita e per principale macchina da punti delle rispettive squadre la vedo molto probabile
    ma per altri ci sono anche i compagni

  • Loco Dice

    Il punto è proprio questo, io non credo che abbiano bisogno di questo west per arrivare ai p.o. Sono una buona squadra con un ottimo coach.
    È che ho come l’impressione che Russ adesso pensi di essere solo contro il mondo e quindi autorizzato a fare quello che vuole, ma non è così.

    Poi la sua tenuta fisica è la cosa che preoccupa meno visto che sembra progettato in laboratorio 🙂

  • misterwolf

    *capacita

  • misterwolf

    è inizio stagione ci sono meccanismi da oliare e assenze da rimpiazzare e anche normale che in certe squadre ci siano situazioni da faccio tutto io, momentanee spero e credo per OKC per i pelicans invece vedremo quanto durera Davis

  • michele

    io l’ho detto fin da questa estate che la panchina e’ ridicola…hanno fatto l’all in sul quintetto base ma non hanno un piano b

  • michele

    a me interessa, devo gufarli per via della scelta di boston per il 2017….sono una squadra dignitosa, se non avranno infortuni possono anche arrivare alle 30 W, quindi non faranno i playoff ma non sono nemmeno un armata brancaleone…oltretutto non hanno interesse a tankare ( come i tuoi lakers negli ultimi 3 anni eheheheh)

  • gasp

    Che poi avranno lo stesso problema a fine anno: Curry scade e sicuramente vorrà un salario degno di un due volte MVP, KD può uscire dal contratto per prendere di più ma se lo fa GS non ha i Bird e quindi lo spazio di manovra sarà limitato… o va via qualcuno tra i quattro via trade o FA oppure non so…

  • gasp

    Allora 35-40 W e passa la paura eheheheh

  • Michael Philips

    io è dall’estate che dico che la panchina non c’è più!

  • Michael Philips

    eh appunto, il piano A è segnare più delle avversarie senza badare troppo alla difesa. Come fanno gli houston rockets ma decisamente meglio.
    Se però il team si abitua a giocare con quei 3 a fare e disfare allora ogni volta che uno di loro topperà avranno grossi problemi a segnare.
    L’anno scorso la panchina è riuscita a giocarsela contro molti quintetti titolari delle avversarie e spesso curry, klay e green potevano restare tutto il 4/4 in panca perché finivano il 3 periodo sul +20 e le riserve invece di perdere il vantaggio chiudevano le gare sul +25.

  • mad-mel

    E io è dall’inizio anno che sostengo chel’acquisizione Durant la pagheranno cara.
    I warriors erano una macchina perfetta da 73 vittorie.
    Dovevano semplicemente confemare tutti o fare qualche acquisizione miratissima e arrivare ad una condizione fisica buona a maggio.
    Invece si sono fatti ingolosire.
    E oltre avere una panca discutibile li aspetto anche in fase difensiva soprattutto contro team che attaccano il pitturato.

  • In Your Weis

    “sono una squadra dignitosa” no dai…fanno cacare pesante, tolti Lopez, Lin (sic) e Bogdanovic (sic), restano gli scarti degli scarti, gente che farebbe fatica a trovare posto in Eurolega

  • 8gld

    Barnes-Durant = migliorano in difesa e attacco.
    Bogut-Pachulia = peggiorano in difesa, peggiorano in attacco
    Speights-West = migliorano nelle due fasi.
    Ezeli-McGee = peggiorano nelle due fasi. Ma bisogna attendere il nuovo chip. Almeno provarlo.
    Rimangono fuori Barbosa-Rush.

    Quindi il buco si crea giustamente a 5. Anche se un po’ si dovrebbe equilibrare con l’arrivo di Durant.
    Se mettiamo il quintetto diverso non c’è’ storia, hanno solo acquisito:
    Curry-Thompson-Iguodala-Durant-Green.
    Su questa base tendo a pensare che hanno perso in difesa ma non in un modo tragico.
    Forse più’ giusto il discorso di riposo, cambi.
    Pachulia soffre perché’ non alto e con braccia non lunghe. Alcune volte sembra un 4 contro un 5. Con alcuni soffre.
    Su Bogut c’e’ poco da dire, sempre affermato.
    Per questo i Warriors devo sempre stare sul pezzo in qualsiasi finestra di mercato.

    Curry-Livingston
    Thompson-Livingston-McCaw-Clark
    Iguodala-Durant-Livingston-McAdoo-Looney
    Durant-Green-West-McAdoo-Looney
    Green-Pachulia-Varejao-McGee-Jones

    Si’ l’assenza di Bogut c’e’ ma anche materiale. Devono trovare apporto da almeno uno tra McAdoo-Looney, meglio entrambi e il primo ha fatto vedere che ci puo’ stare.
    Possono far difesa, ci vorrà’ un attimo. Ma possono farla.
    Diversamente credo che sia giusto in questi anni la verdura pronta per esser lanciata.
    L’importante è’ che Kerr trovi il bandolo della matassa. Il 5 Green di base.

  • In Your Weis

    Ai Warriors non serve una panchina forte, serve una panchina funzionale, come l’ha avuta Miami 2010-2014, o i Cavs dell’ultima stagione

    Iguodala, Livingston e West ci stanno tutta la vita, il problema è che servono almeno un altro paio di giocatori per allungarla, nessun fenomeno, bastano i Barbosa o gli Ezeli di turno. Non dico sia facile trovarli, dico che da qui a fine anno le possibilità di trovare qualche buon veterano a prezzo scontato, o di prendere qualche buyout/scarto altrui, ci sono, basta gente che dia 10′ dignitosi

    Certo se rimangono così, la coperta, specie nel settore lunghi, è corta, non hanno mezzo difensore d’area, uno che in qualche modo sconsigli le penetrazioni altrui. Quindi o ne fanno 130, o se debbono vincerla a metà campo, potrebbero aver fatto male i loro calcoli

  • ILTG6

    West è un giocatore finito già dall’anno scorso, in attacco sicuramente è meglio Speights, in difesa meglio David solo che un 4 poco mobile nell’NBA odierna serve a poco comunque…se non viene fuori qualche giovane la pan china dei Dubs si ferma a Iguo e Livingston.
    Il quintetto piccolo sicuramente è più forte con KD, solo che non puoi giocarci una partita intera, in quei 20 25′ Bogut molto più funzionale di Pachulia

  • 8gld

    McAdoo o finestra di mercato. Estremizzando il concetto. Entri ai p.o….quindi hai la finestra di mercato è tutta la r.s. per assestarti. In questo modo trovano difficolta’ con franchigie chiuse, sotto il ferro toste o in post.
    Oggi soffrono con chi non gli lascia ritmo, chi mette un 5 alla Whiteside o chi gioca bene in post.
    Salta la finestra?
    Quante ne incontro con quelle caratteristiche? In quei casi, passate le 82 partite, posso sopperire a 20 minuti?
    Per assurdo per loro, a oggi, non arrivare per forza primi ma trovare le giuste contromisure. Per assurdo dopo il trambusto di mercato a loro manca un Ezeli.