Clippers dominanti a San Antonio, Cavs che rischio!

Note NBA con i Los Angeles Clippers che infliggono l una pesante sconfitta a casa dei San Antonio Spurs, LeBron James fa un altro passo nella storia e Cleveland rimane imbattuta rischiando a Phila, Chicago momento flessione con il 3° KO consecutivo, volano Pistsons e Westbrook.

REGULAR SEASON

Oklahoma City Thunder – Minnesota Timberwolves 112-92
OKC: Adams 14, Oladipo 12, Westbrook 28, Kanter 20 (10 rimb), Christon 10
MIN: Towns 33, Muhammad 15

Russell Westbrook (28+6+8) e gli Oklahoma City Thunder tornano subito alla vittoria battendo in casa i T-Wolves di un super ma solo Karl-Anthony Towns; al riposo lungo partita ancora aperta sul +6 OKC (59-53), nel 3° quarto i padroni di casa cambieranno marcia, Westrbook realizzerà 10 punti nella 3^ frazione con i suoi che tireranno 12/20 dal campo contro il 6/20 degli ospiti, 31-19 il parziale e +18 (90-72) sulla sirena, OKC arriverà a toccare anche il +26.

Philadelphia 76ers – Cleveland Cavaliers 101-102
PHI: Embiid 22, Henderson 11, Rodriguez 7 (11 ass), Ilyasova 21, Okafor 14
CLE: James 25 (14 ass), Love 20 (11 rimb), Thompson 7 (13 rimb), Smith 11, Frye 12

I Philadelphia 76era accarezzano l’idea di essere i primi a battere i campioni in carica ma alla fine Cleveland la spunta di misura nella notta in cui LeBron James entra nella Top 10 All-Time Scoring List; Cavs che dominano la prima frazione (19-34) ma poi smettono di giocare, Embiid e Ilyasova si caricano sulle spalle i Sixers e si entra negli ultimi 12’ sull’82-82!
Phila che sogna davvero quando a 2’37” Ilyasova spara la tripla del sorpasso sul 101-99 ma la gioia dura poco, James scippa Embiid e piazza il suo 14° assist di serata a Channing Frye che da dietro l’arco risponde con la tripla del contro-sorpasso (101-102) a 65”. Cleveland non la chiude e Phila a 7” dalla sirena finale ha la palla per la vittoria, Gerald Henderson si butta dentro ed è J.R Smith l’eroe che sporca la palla forzando l’avversario alla persa!

Orlando Magic – Washington Wizards 88-86
ORL: Ibaka 11, Fournier 13, Green 18, Byiombo 9 (12 rimb)
WAS: Porter 10 (12 rimb), Morris 18, Gortat 8 (14 rimb), Beal 15

Alta vittoria di misura in quel di Orlando dove i Magic hanno avuto la meglio sui Wizards (privi di Wall) in un finale convulso; 90” dal termine Porter porta i suoi sul -2 (86-84), Evan Fournier va in lunetta ma fa 1/2 e sul capovolgimento di fronte arriverà la giocata chiave, stoppata di Jeff Green ai danni di Bradley Beal con recupero della palla a 66” dalla fine. Orlando avrà ancora un momento di suspance quando a 1”, sul +2, Washington avrà l’ultimo tiro ma niente da fare per Markieff Morris.

Detroit Pistons – Denver Nuggets 103-86
DET: Morris 15, Drummond 19 (10 rimb), Caldwell-Pope 13, Smith 11, Leuer 15, Johnson 12
DEN: Gallinari 16, Nurkic 10 (12 rimb), Chandler 21

Italian Job: Gallinari 16 pt (3/7, 2/7, 4/5), 3 rimb (1 off), 2 ass in 29’

Partita n°30 in carriera per Andre Drummond con almeno 20 rimbalzi a referto e vittoria per i Pistons contro i Nuggets, Pistons che tra le mura del Palace sono 4-0; Detroit controlla la partita dall’inizio alla fine e decide di chiuderla ad inizio 4°, dal +10 (77-67) parziale di 17-2 nei primi 7’ per il 94-69, 9 punti per Marcus Morris durante il break.

Indiana Pacers – Chicago Bulls 111-94
IND: George 13, Young 12, Turner 16, Teague 21, Brooks 10, Miles 20
CHI: Butler 16, Gibson 9 (12 rimb), McDermott 12, Portsi 16

Partita senza storia anche ad Indianapolis dove i Pacers rifilano la 3^ sconfitta consecutiva ai Chicago Bulls in una serataccia al tirio per Dwyane Wade (1/9); Indiana domina subito la 1^ frazione 31-15 con 10 punti di Paul George e il 58% dal campo dei suoi (contro il 30% degli avversari) per non girarsi più, alla sirena del 3° quarto il tabellone luminoso 88-64!
Tra l’altro espulso Paul George durante il 3° quarto per aver dato un calcio alla palla in tribuna facendola finire sulla faccia di una tifosa.

Atlanta Hawks – Houston Rockets 112-97
ATL: Bazemore 20, Millsap 23 (11 rimb), Howard 20 (14 rimb), Korver 10, Schroder 17 (12 rimb)
HOU: Ariza 10, Anderson 12, Capela 12 (10 rimb), Harden 30 (12 ass), McDaniels 13

James Harden sfiora per un rimbalzo la Tripla-Doppia (30+9+12) ma non basta ai Rockets, il trio portate di Atlanta Schroder-Howard-Millsap chiude con una Doppia-Doppia a testa e gli Hawks strappano il referto rosa per la 6^ volta consecutiva contro i texani; Harden tiene a galla da solo i Rockets nel 1° tempo (65-59) realizzando 24 dei suoi 30 punti finali, Atlanta conduce le danze ma tenendo sempre in vita gli avverarsi (+9 alla fine del 3°), lo strappo decisivo arriva ad inizio ultima frazione, l’alley-oop Hardaway-To-Howard scaturisce un break di 8-2 Hawks per il +15 (101-86) dopo 4’ di gioco, Houston non recupererà più.

Milwaukee Bucks – Sacramento Kings 117-91
MIL: Antetokounmpo 17, Parker 19, Dellavedova 10, Teletovic 22, Vaughn 14, Beasley 10
SAC: Cousins 15, Temple 19

Milwaukee batte Sacramento grazie all’ormai consolidato duo Antetokounmpo-Parker ma grazie soprattutto al 7/9 da 3 di Mirza Teletovic; Bucks padroni del campo dalla palla a due fino alla fine, dopo i primi 3 quarti match già in cassaforte sul 90-63 con Teletovic a 19 punti (6/8 da 3).

San Antonio Spurs – Los Angeles Clippers 92-116
SAS: Leonard 14, Aldridge 19, Gasol 11, Laprovittola 11
LAC: Mbah a Moute 13, Griffin 28, Redick 14, Paul 9 (10 ass), Crawford 16, Speights 15

Era dal 2014 che i San Antonio Spurs non perdevano due partite consecutive tra le mura dell’AT&T Center, nella notte sfolgorante vittoria dei Los Angeles Clippers di Blake Griffin (28 punti con 13/19 dal campo), il più ampio margine in 160 partite; pronti via e Griffin è devastante, realizza nei primi 12’ 16 dei suoi 28 punti, coadiuvato dai 10 di J.J Redick e dai 6 assist di CP3 porta i Clips sul 24-39 alla prima sirena, all’intervallo i punti di Blake saranno 26 e i vantaggio dei Clippers di 18 punti (55-73).

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Massu4

    Che succede agli Spurs?

  • Michael Philips

    aldridge come rim protector, ecco cosa.

  • 8gld

    Okc-Wolves:
    Bella partita nei primi due quarti. Poi nel terzo Okc mette la freccia e si abbassa il sipario. 4/4 spazio alle panchine o qualche prova.
    Bene Donovan. Adams-Kanter-Sabonis(altra bella partita), non male.
    Oladipo sembra adattarsi a West.
    Cavallo pazzo bene, la chiude lui nel terzo.
    Wolves male al tiro bene le plance.
    Towns partita di sostanza, completa. Mancano i punti dalle guardie. Male al tiro Dunn (ma ci puo’ stare), Lavine-Wiggings
    1w – 4l 101,6 fatti 100,4 subiti / +1,2
    Se migliorano la difesa e alzano la percentuale realizzative,sopratutto le guardie, dovrebbero arrivare delle W.

  • Michael Philips
  • Massu4

    In effetti…

  • sconocchini

    per lebron, l’unica vera statistica individuale che conta alla fine di quest’anno dirà che è terzo ogni epoca per punti e terzo ogni epoca per assist nei play off.

  • mad-mel

    E da ora c’è solo un dpoy se ci pensi.

  • In Your Weis

    Se i Cavs arriveranno in finale, è molto probabile che LeBron a Giugno sia al 1° posto come punti segnati nella storia dei playoff. Non male per uno accusato di essere un perdente ed uno che si caca sotto quando le partite contano