Ancora James e ancora Cavs sui Raptors, ok Bulls

A Cleveland i Cavs battono ancora i Toronto Raptors con LeBron James da quasi Tripla-Doppia cosa che invece firma Julius Randle nella vittoria casalinga dei Lakers, Atlanta di misura a Miami, Chicago domina Portland infine Kemba Walker trascina in rimonta Charlotte a Minnesota.

REGULAR-SEASON

Cleveland Cavaliers – Toronto Raptors 121-117
CLE: James 28 (14 ass), Love 18 (13 rimb), Thompson 15 (11 rimb), Irving 24, Frye 21
TOR: Powell 12, Valanciunas 14, DeRozan 26, Lowry 28, Ross 18

Davanti agli occhi di Oscar Robertson LeBron James sfiora la Tripla-Doppia (28+8+14) e trascina i Cleveland Cavaliers al secondo successo su due partite contro i Toronto Raptors, altra ottima prestazione uscendo dalla panchina er Channing Frye (21 punti con 5/8 da 3); partita combattuta dall’inizio alla fine, nessuna delle due squadre trova la fuga fino a 78” dalla conclusione, sul +1 Raptors (114-115) ecco la solita tripla di Frye assistita da James che da il via ad un parziale di 7-3 Cavs! Durante il break Toronto non troverà la via del canestro per 1’16, decisivo il layup a 34” di James assistito da Kevin Love.

Miami Heat – Atlanta Hawks 90-93
MIA: Whiteside 19 (25 rimb), nWaiters 11, Richardson 19, T.Johnson 14, J.Johnson 13
ATL: Bazemore 12, Millsap 15, Howard 11 (11 rimb), Schroder 18, Muscala 14, Hardaway Jr. 15

Non basta a Miami la super Doppia-Doppia di Hassan Whiteside (19+25), Atlanta vince di misura alla Triple A; Atlanta conduce sul +6 (83-89) a 2’35” dalla fine ma alza troppo presto le mani dal manubrio, gli Heat non mollano, Tyler Johnson realizza la tripla del -3 ma poi per ben due volte i ragazzi di Spoelstra non riusciranno con Whiteside e Johnson a trovare il canestro del potenziale -1 se non del sorpasso. Il canestro del -1 arriverà con McGruder ma troppo tardi (-13”), Bazemore e Schroder dalla lunetta non tremeranno.

Minnesota Timberwolves – Charlotte Hornets 108-115
MIN: Wiggins 29, Dieng 9 (11 rimb), Towns 21, LaVine 19, Rubio 11
CHA: Zeller 14, Batum 16, Walker 30, Kaminsky 20, Belinelli 12

Italian Job: Belinelli 12 pt (3/6, 2/2 da 3), 1 rimb, 1 ass in 27’

Bella vittoria in trasferta e in rimonta per i Charlotte Hornets di Kemba Walker in quel di Minnesota; grazie ad un 2° periodo da 28-15 i T-Wolves vanno al riposo lungo avanti di 12 (58-46), si torna in campo e gli Hornets si prendono il 3° periodo per 36-17 con 21 punti della coppia Walker-Batum e il 59% dal campo contro il 22% dei padroni di casa, dal -12 al +7 (75-82). Nell’ultimo periodo sarà Frak Kaminsky l’eroe della partita, 6 punti consecutivi a 3’04” dalla conclusione per il +6 (102-108), vantaggio poi difeso fino alla fine.

Portland Trail Blazers – Chicago Bulls 88-113
POR: McCollum 17, Lillard 19, Crabbe 15
CHI: Butler 27 (12 rimb), Gibson 12 (11 rimb), Lopez 13 (11 rimb), Wade 19, Grant 18

Chicago manda tutto il quintetto base (senza Rondo) in doppia-cifra con ben 3 Doppie-Doppie e sbanca il MODA Center di Portland con personalità, serataccia al tiro per il duo Lillard-McCollum (10/31 in due); match segnato e deciso dai primi 12’ che hanno visto gli ospiti fare quello che volevano, 14-35 alla prima sirena con Jimmy Butler autore di 13 dei suoi 27 punti finali e Portland di un desolante 5/24 dal campo.

Los Angeles Lakers – Brooklyn Nets 125-118
LAL: Randle 17 (14 rimb, 10 ass), Mozgov 20, Russell 32, Clarkson 13, Black 12
BKN: Booker 11 (10 rimb), Lopez 30 (10 rimb), Bogdanovic 29, Ferrell 11

Allo Staples Center è la notte dell’asse Russell-Randle, 32 punti per l’uomo col ghiaccio nelle vene ma soprattutto Tripla-Doppia per l’ex Kentucky (17+14+10) nel successo sudato contro Brooklyn; a 2’49” dalla conclusione Nets ancora vivi sul -4 (116-112) ma per due azioni consecutive non troveranno i due possibili del pareggio ed i Lakers non perdoneranno, break di 9-2 tutto dalla lunetta per giallo-viola per portarsi a casa il referto rosa.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B