Ancora James e ancora Cavs sui Raptors, ok Bulls

A Cleveland i Cavs battono ancora i Toronto Raptors con LeBron James da quasi Tripla-Doppia cosa che invece firma Julius Randle nella vittoria casalinga dei Lakers, Atlanta di misura a Miami, Chicago domina Portland infine Kemba Walker trascina in rimonta Charlotte a Minnesota.

REGULAR-SEASON

Cleveland Cavaliers – Toronto Raptors 121-117
CLE: James 28 (14 ass), Love 18 (13 rimb), Thompson 15 (11 rimb), Irving 24, Frye 21
TOR: Powell 12, Valanciunas 14, DeRozan 26, Lowry 28, Ross 18

Davanti agli occhi di Oscar Robertson LeBron James sfiora la Tripla-Doppia (28+8+14) e trascina i Cleveland Cavaliers al secondo successo su due partite contro i Toronto Raptors, altra ottima prestazione uscendo dalla panchina er Channing Frye (21 punti con 5/8 da 3); partita combattuta dall’inizio alla fine, nessuna delle due squadre trova la fuga fino a 78” dalla conclusione, sul +1 Raptors (114-115) ecco la solita tripla di Frye assistita da James che da il via ad un parziale di 7-3 Cavs! Durante il break Toronto non troverà la via del canestro per 1’16, decisivo il layup a 34” di James assistito da Kevin Love.

Miami Heat – Atlanta Hawks 90-93
MIA: Whiteside 19 (25 rimb), nWaiters 11, Richardson 19, T.Johnson 14, J.Johnson 13
ATL: Bazemore 12, Millsap 15, Howard 11 (11 rimb), Schroder 18, Muscala 14, Hardaway Jr. 15

Non basta a Miami la super Doppia-Doppia di Hassan Whiteside (19+25), Atlanta vince di misura alla Triple A; Atlanta conduce sul +6 (83-89) a 2’35” dalla fine ma alza troppo presto le mani dal manubrio, gli Heat non mollano, Tyler Johnson realizza la tripla del -3 ma poi per ben due volte i ragazzi di Spoelstra non riusciranno con Whiteside e Johnson a trovare il canestro del potenziale -1 se non del sorpasso. Il canestro del -1 arriverà con McGruder ma troppo tardi (-13”), Bazemore e Schroder dalla lunetta non tremeranno.

Minnesota Timberwolves – Charlotte Hornets 108-115
MIN: Wiggins 29, Dieng 9 (11 rimb), Towns 21, LaVine 19, Rubio 11
CHA: Zeller 14, Batum 16, Walker 30, Kaminsky 20, Belinelli 12

Italian Job: Belinelli 12 pt (3/6, 2/2 da 3), 1 rimb, 1 ass in 27’

Bella vittoria in trasferta e in rimonta per i Charlotte Hornets di Kemba Walker in quel di Minnesota; grazie ad un 2° periodo da 28-15 i T-Wolves vanno al riposo lungo avanti di 12 (58-46), si torna in campo e gli Hornets si prendono il 3° periodo per 36-17 con 21 punti della coppia Walker-Batum e il 59% dal campo contro il 22% dei padroni di casa, dal -12 al +7 (75-82). Nell’ultimo periodo sarà Frak Kaminsky l’eroe della partita, 6 punti consecutivi a 3’04” dalla conclusione per il +6 (102-108), vantaggio poi difeso fino alla fine.

Portland Trail Blazers – Chicago Bulls 88-113
POR: McCollum 17, Lillard 19, Crabbe 15
CHI: Butler 27 (12 rimb), Gibson 12 (11 rimb), Lopez 13 (11 rimb), Wade 19, Grant 18

Chicago manda tutto il quintetto base (senza Rondo) in doppia-cifra con ben 3 Doppie-Doppie e sbanca il MODA Center di Portland con personalità, serataccia al tiro per il duo Lillard-McCollum (10/31 in due); match segnato e deciso dai primi 12’ che hanno visto gli ospiti fare quello che volevano, 14-35 alla prima sirena con Jimmy Butler autore di 13 dei suoi 27 punti finali e Portland di un desolante 5/24 dal campo.

Los Angeles Lakers – Brooklyn Nets 125-118
LAL: Randle 17 (14 rimb, 10 ass), Mozgov 20, Russell 32, Clarkson 13, Black 12
BKN: Booker 11 (10 rimb), Lopez 30 (10 rimb), Bogdanovic 29, Ferrell 11

Allo Staples Center è la notte dell’asse Russell-Randle, 32 punti per l’uomo col ghiaccio nelle vene ma soprattutto Tripla-Doppia per l’ex Kentucky (17+14+10) nel successo sudato contro Brooklyn; a 2’49” dalla conclusione Nets ancora vivi sul -4 (116-112) ma per due azioni consecutive non troveranno i due possibili del pareggio ed i Lakers non perdoneranno, break di 9-2 tutto dalla lunetta per giallo-viola per portarsi a casa il referto rosa.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Shady

    Bellissima partita tra Raptors e CAVS, con i primi che si vedeva volevano far bene, forse pure troppo, infatti qualche istante di confusione lo hanno subito.
    CLE che d’altra parte non cazzeggia affatto con un james d’annata che è sempre bello vederlo giocare così. Irving sonnecchia per 3 quarti poi nell’ultimo dimostra nuovamente di essere fra i giocatori più clutch della lega.

  • Hanamichi Sakuragi

    non credo ai lakers…

  • ILTG6

    Gran stagione fin ora di Randle, potenzialmente tra fisico e tecnica non gli manca niente e questa tripla doppia non è un caso, la crescita del Lakers si vede da queste partite: se l’avversario è da lottery i giallo viola vincono.

    Bella partita fra Raptors e Cavs, James super, il p’n’r con Frye nelle ultime partite si sta dimostrando indifendibile dato che Frye da 3 è una sentenza in questo momento, bene anche TT che non fa capire niente a Valanciunas nel pick’n’roll.
    Raptors squadra completa, ottimo Lowry, Derozan un po’ in confusione a fine 3 quarto quando ha sbagliato troppi tiri e scelte.
    La forza di questa squadra sta anche nel gruppo di giocatori di rotazione oltre i 2 all star: Pawell, Ross, Ngueira, Joseph, Petterson, Carroll, e pure i rookie di quest’anno, tutta gente che mette intensità e sta facendo una buona stagione.

  • misterwolf

    tutto secondo norma, tranne i bulls che non pensavo cosi facilmente si sarebbero sbarazzati dei blazers..
    lakers che dimostrano di aver scelto bene nei draft
    wolves che di mostra di avere ancora dei problemi nel far quadrare tutto il talento a disposizione

    domanda ma tra il bosh di miami e il love dei cavs chi secondo voi il migliore ?

  • In Your Weis

    Sinceramente mi fido ancora più di Bosh, che difendeva meglio, e tirava sempre sopra al 50%. Domanda più stuzzicante secondo me è chi preferire tra il Wade 2010-2014, e questo Irving…duello tutt’altro che scontato

  • Hanamichi Sakuragi

    wade

  • Shady

    Bosh sicuramente meglio di love: lo 0 forse è più continuo in fase offensiva, però il sauro dava un equilibrio alla squadra e aveva imparato s difendere come difficilmente love può immaginare
    Wade-irving: flash sicuramente rimane più forte (2014 a parte), però probabilmente kyrie è più congeniale a lebron date le due doti da scorer permettendogli così di concentrarsi di più sulla gestione della partita, mentre a Miami era fisso il primo terminale offensivo della squadra cosa che non gli è naturale

  • Hanamichi Sakuragi

    io sta storia che non sia uno scorer naturare non sono proprio d’accordo.
    ha sempre segnato una valanga di punti, ha sempra avuto la palla in mano, e quando era giovanisismo il più delle volte o andava al ferro e tirava o andava al ferro e attirava il raddoppio.
    il problema con wade è che avevano lo stesso tipo di gioco ed erano 2 tra i 3 più forti giocatori in quel momento. ora come ora james tira di meno e irving sa stare al suo posto chiedendo meno palloni di wade. in più james ha l’esperienza frutto proprio degli anni passati a miami.

  • ILTG6

    Love è più forte anche a rimbalzo, cosa che spesso non gli viene riconosciuta o data per “scontata” , forse prenderei Bosh ma non sarebbe una scelta facile. Love ormai è al terzo anno a Cleveland e ha capito come rendersi utile alla squadra, segnare 20 di media giocando con James e Irving non è da tutti

  • misterwolf

    a me sembra che irvingsia piu congeniale per lebron rispetto a wade , senza contare che ha un istinto da killer sorprendente durante le partite, sembra accendersi sempre nei momenti giusti a piacimento.
    su love credo che in difesa migliorera ancora , certo finalmente a bosh dopo anni di critiche e cattiverie gratuite si sta dando il giusto valore in quegli heat e sopratutto si da giusto valore ai suoi miglioramenti in difesa, fondamentali per vincere

  • misterwolf

    love pecca nelle percentuali al tiro rispetto a bosh ma compensa con la capacita di crearsi dei tiri liberi

  • ILTG6

    Sì in generale comunque Love deve prendersi più tiri di Bosh per avere impatto sulla partita e gioca anche di più in isolamento, Bosh in pratica agli Heat tirava solo sugli scarichi o sul taglio dopo che faceva da bloccante

  • Shady

    te lo spiego semplicemente: perchè lebron quando entra in campo non pensa minimamente che la prima cosa da fare sia prendersi tiri e incidere sulla partita attraverso i soli punti, come invece lo è per kobe, il citato irving e oso di più lo era per jordan. questo non lo fa uno scorer naturale, perchè in quelle partite in qui deve entrare e sapere di dover mettere già 30 o più punti, sa di dover modificare il suo stile. poi lui è talmente forte che anche normalmente non è che abbia problemi a metterli ma questo non vuol dire che lui si voglia trovare sempre in quella situazione

  • Michael Philips

    considerato che james appena arrivato nella lega lo si vedeva come un play e non certo un realizzatore. Rimasero tutti sorpresi quando lui passò dai 21 da rookie ai 27 al secondo anno e i 31 al terzo anno. Non era previsto che diventasse un realizzatore di questo livello, ma lui ancora oggi molto spesso sembra poco incline a voler segnare tanto.

  • Hanamichi Sakuragi

    a me sembra uno a cui riesce tutto naturale e che i suoi tiri se li prende, appunto, naturalmente. i 2 o 3 record che ha nelle G7 sono li a dimostrarlo. proprio non capisco pare che non voglia tirare a canestro secondo voi.. eppure il gioco consiste proprio in questo. tra l’altro se gli fosse così innaturale non farebbe tutte quelle taut che fa dopo schiacciate e affini

  • Michael Philips

    Il gioco consiste in questo eppure magic johnson preferiva passarla, ma quando serviva sapeva segnare a piacimento. Non grande classe, un jumper orrido da vedere, ma se ne servivano 30 magic li metteva e spesso con ottime % dal campo.

    Lebron è un giocatore a cavallo tra jordan e magic. Jordan voleva metterne 30-40 a sera, mentre a magic bastavano 19-21pts ma con tanti assist a referto.

    Il punto è che ci sono giocatori che sono scorer puri perché entrano in campo solo per far quello, vedi melo, altri sanno segnare ma non vivono solo di punti. Pure Bird che segnava un casino, non era aggressivo in attacco come altri molto meno forti di lui, vedi un wilkins che sapeva fare solo quello e poi però spostava pochino.

  • Hanamichi Sakuragi

    mi trovi assolutamente d’accordo con te.
    la differenza su magic è che lui non era il top scorer della squadra tranne dopo l’abbandono di jabbar, e comunque non sempre (worthy). james lo è sempre stato, è sempre stato quello che prendeva più tiri di tutti e questo fa di lui uno scorer puro che fa benissimo altro.
    poi se mi dici che durant se non segna non serve ad un cazzo, mentre james se non segna fa altro e magari ti fa vincere le partite lo stesso sono d’accordo, ancora, con te

  • 8gld

    Non grande classe?

  • 8gld

    Partita piacevole nel Minnesota.
    Charlotte trova i giusti e utili tiri da tre, tiene botta con Walker ed esce all’ultimo vittoriosa con una tripla del Belinelli non semplice da mettere e Kaminsky.
    Wolves bene fino a sette dalla fine del terzo quarto dove erano avanti di dieci. Poi…blackout, non entrava in canestro, si sono persi e Payne e Aldrich hanno creato il panico. Nel quarto quarto si sono riavvicinati ma Charlotte è’ stata cinica nel momento giusto.

  • Michael Philips

    sì magic aveva un tiro orripilante da vedere.

  • misterwolf

    io per scorer puro penso a gente che ha un certo tipo di mentalita , cosa che lebron non ha, penso a come a miami cercasse spesso nel primo anno di dare quel ruolo principalmente a wade, e poi qualche settimana fa ne parlava anche lui in una intervista come gli piacerebbe concentrarsi piu su tutti le componenti del gioco oltre a mettere dei punti

  • Michael Philips

    Piccola curiosità statistica.
    Ieri lebron contro toronto ha sfiorato la tripla doppia ok, ma quante altre volte gli è capitato di finire ad un passo da questo traguardo?

    55 volte tra playoffs e regular season!

    In 26 gare ha registrato almeno 10pts 10reb e 9 assist
    18 gare invece le ha chiuse con almeno 10pts 9 reb e 10 assist
    e altre 11 le ha chiuse con almeno 10pts 9 reb e 9 assist.

    in sostanza questo “pirla” ha registato 59 triple doppie in carriera(regular season & playoffs) e ne ha mancate quasi altrettante per un nulla.

  • 8gld

    È’ la virgola che mi ha fuorviato tra il non di grande classe e il tiro. “orrido?”…ok.

  • Michael Philips

    no è che ho proprio scritto male!

  • sconocchini

    io prendo irving su wade, mentre su bosh-love sono indeciso. la difesa orrenda di love mi farebbe pendere dalla parte del dinosauro, ma love e irving sono perfetti per james in attacco, al contrario di wade e bosh, per un semplide dettaglio. la mettono da tre. lebron ha bisogno di gente che oltre a sapersi creare il suo tiro (e questo non è così importante) possa punire i raddoppi. wade non ha mai avuto un tiro da tre. bosh se l’è costruito ma non era così naturale come quello di love. se love e irving difendessero in modo appena decente secondo me i cavs sarebbero quasi imbattibili.

  • sconocchini

    questo va a suo onore, perché significa che quando ci arriva vicino non ha alcun interesse a forzare per ottenere l’ultimo assist o l’ultimo rimbalzo.