Monster-Davis contro Portland, ok tutte le big

Nessuna sorpresa nella notte NBA che vede tutte le big vincere di autorità com Cleveland contro Detroit, Golden State a Boston, San Antonio a L.A contro i Lakers e il solito Russell Westbrook da Tripla-Doppia. Superbo Anthony Davis (38+9+6+4) contro Portland!

REGULAR SEASON

Charlotte Hornets – Atlanta Hawks 100-96
CHA: Zeller 23, Williams 8 (11 rimb), Batum 24 (10 rimb), Walker 21
ATL: Bazemore 19, Millsap 22 (13 rimb), Howard 10 (18 rimb), Schroder 11, Muscala 11

Italian Job: Belinelli 6 pt (1/3, 1(4, 1/2), 1 rimb, 3 ass, 1 persa, 1 rec in 26’

I Charlotte Hornets escono nell’ultimo quarto e battono in rimonta gli Atlanta Hawks confermano di essere una delle squadre più in palla dell’East; ospiti che dopo 3’ del 4° toccano il +10 (75-85), Charlotte non demorde, rimonta, si porta al comando ed è punto-a-punto fino a 61” dalla sirena quando Mike Kidd-Gilchrist porta a casa il 2+1 che vale il +4 (98-94)! A chiudere le danze ci penserà Cody Zeller a 38” con la schiacciata del 100-96.

Indiana Pacers – Phoenix Suns 96-116
IND: Turner 22, Teague 21
PHX: Len 10 (10 rimb), Booker 13, Williams 15 (15 rimb), Knight 17, Dudley 16, Tucker 7 810 rimb), Barbosa 13, Ulis 10

Senza Paul George gli Indiana Pacers crollano in casa contro Phoenix che manda ben 7 giocatori in doppia-cifra a referto; Indiana sta in scia per 3 quarti (82-89) ma nell’ultima frazione non ne ha più, Phoenix giocherà con solo 5 giocatori per tutto l’ultimo quarto, 11/23 al tiro per 27 punti di cui 9 con la firma di Alan Williams contro i 14 dei Pacers.

Cleveland Cavaliers – Detroit Pistons 104-81
CLE: James 21, Love 12 (13 rimb), Thompson 8 (14 rimb), Irving 25 (11 ass),
DET: Drummond 8 (10 rimb), Leuer 15

Torna LeBron James e i Cavs demoliscono in casa i Detroit Pistons concedendo al quintetto base solo 37 punti; match sempre in mano ai campioni in carica che al riposo lungo sono già sul +17 (56-39) con il trio James-Love-Irving autore di 34 punti, il tutto con un ottimo 51% dal campo di squadra contro il 30% degli avversari.

New Orleans Pelicans – Portland Trail Blazers 113-101
NOP: Davis 38, Moore 11, Frazier 12, Jones 15, Holiday 21
POR: Harkless 10, Davis 2 (11 rimb), McCollum 24, Lillard 27

Nel giorno del ritorno/esordio stagionale di Jrue Holiday (21 punti in 23’) Anthony Davis si scatena contro i Portland Trail Blazers con 38 punti, 9 rimbalzi, 6 assist e 4 stoppate portando al successo i Pelicans; Davis è già a quota 16 punti all’intervallo con i suoi avanti 64-51, Portland conferma il momento di difficoltà perché nella ripresa non riuscirà a rimontare finendo anche sotto di 18!

Oklahoma City Thunder – Brooklyn Nets 124-105
OKC: Adams 15, Oladipo 26, Westbrook 30 (11 rimb, 13 ass), Kanter 13, Abrines 10
BKN: Hollis-Jefferson 13, Lopez 22, Bogdanovic 13, Hamilton 10, Kilpatrick 10, Bennett 12

Russell Westbrook risponde subito a James Harden, 4^ Tripla-Doppia (30+11+13) in stagione e vittoria Thunder sui Nets; dopo aver concesso 40 punti a Brooklyn nel 2° quarto OKC comincia la sua partita, prima va al riposo lungo sul +3 (64-61) e poi nel 3° scava il solco definitivo senza bisogno di super Westbrook, infatti nel 3° quarto i Thunder giocheranno più di squadra (13/25 dal campo) e scapperanno sul +14 (96-82).

Boston Celtics – Golden State Warriors 88-104
BOS: Smart 10, Bradley 17 (10 rimb), Thomas 18, Brown 11, Rozier 11
GSW: Durant 23, Green 11, Oachulia 4 (12 rimb), Thompson 28, Curry 16

Altra devastante vittoria in trasferta per i Golden State Warriors che dopo Toronto espugnano pure Boston con un 3° quarto superbo, soprattutto in difesa; Boston sta in scia nei primi 24’ tornando negli spogliatoi sul -7 (48-55) poi però non ne uscirà più, i Warriors limiteranno i Celtics a soli 9 punti in tutto il 3° quarto (2/17 dal campo) rifilandogliene 31! Da + 7 a +29 (57-86) e partita in ghiaccio.

Dallas Mavericks – Memphis Grizzlies 60-84
DAL: Barnes 15, Bogut 2 (10 rimb), Curry 11, Gibson 11
MEM: Parsons 12, Green 6 (12 rimb), Randpolph 10, Allen 11

Tutto facile per i Memphis Grizzlies in quel di Dallas ne giorno del ritorno da ex di Chandler Parsons; ospiti sempre al comando delle operazioni, Dallas ha un sussulto d’orgoglio e riesce a portarsi sul -10 (41.51) a 1’39” dalla sirena del 3°, Memphis risponderà con un break di 12-3 per il +19 (44-63) dopo 2’ dall’inizio del 4°. Da sottolineare un primo tempo finito 29-36…

Denver Nuggets – Toronto Raptors 111-113 OT
DEN: Gallinari 21, Faried 7 811 rimb), Nurkic 14, Mudiay 25, Chandler 25, Jokic 8 (12 rimb)
TOR: Carroll 11, Valanciunas 15, DeRozan 30, Lowry 18 (13 rimb), Ross 16

Italian Job: Gallinari 21 pt (4/8, 0/5, 13/13), 9 rimb, 1 ass, 4 perse, 1 rec in 42’

Partita al cardio-palma al Pepsi Center di Denver dove i Raptors in volata e all’Overtime sono riuscii ad avere la meglio sui Nuggets del Gallo, Terrence Ross l’eroe della notte; Nuggets che si mangiano le mani sul finire dei regolamentari sul -1 (101-102) fallo di Powell su Wilson Chandler, l’ex Knicks mette il primo ma sbaglia il secondo e sulla sirena DeRozan non troverà il canestro della vittoria.
Overtime combattuto, Nelson porta avanti i suoi col jumper del 108-107 a 47”, 10” dopo arriverà però il canestro che segnerà l’incontro ossia la tripla di Terrence Ross per il 108-110 Raptors! Ad aiutare i Raptors ci penserà Mudiay con la sanguinosa persa a 33” e 2 liberi di Lowry metteranno la parola fine.

Los Angeles Lakers – San Antonio Spurs 107-116
LAL: Deng 10, Randle 13, Young 22, Williams 24, Clarkson 20
SAS: Leonard 23 (12 rimb), Aldridge 23, Gasol 16, Green 10, Parker 16, Mills 11, Ginobili 10

San Antonio vince la 7ima partita su 7 in trasferta battendo i Lakers grazie ai 46 punti del duo Leonard-Aldridge; Spurs sempre in controllo delle operazioni, nel 3° quarto si fanno rimontare dal +13 finendo sul 64-64 a 7’52” dalla fine, nessun problema, break di 21-6 (9 di Tony Parker) per il +15 (70-75) e pratica Lakers nuovamente in ghiaccio. Inoltre, con questa vittoria, Gregg Popovich si porta al 7° posto All-Time nella classifica vittorie degli allenatori con 1,099 vittorie (superato Larry Brown).

Sacramento Kings – Los Angeles Clippers 115-121
SAC: Cousins 38 813 rimb), Lawson 18, Collison 16, Barnes 15
LAC: Griffin 29, Jordan 16 (12 rimb), Redick 26, Paul 11 (12 rimb), Rivers 12

Altra vittoria flash per i Los Angeles Clippers di un Chris Paul ad un passo dalla Tripla-Doppia (11+9+12) in quel di Sacramento; pronti via e subito 26-40 per i Clippers alla prima sirena con 15 punti di Blake Griffin e 14 di J.J Redick, al riposo lungo match già ai titoli di coda sul +19 (54-73).

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • lorenzo tonelli

    Pian piano gst migliora in difesa…durant deve fare uno step mentale come giocatore e capire che se vuole vincere non basta fare canestro o andare nella squadra più forte..deve rompersi il culo in tutti i fondamentali del gioco ogni singola partita…peccato aver subito un break dopo essere rientrati e da parker che è stracotto

  • The Big Sleep

    Per quanto si è visto finora, la svolta offensiva che Bird ha voluto dare ai suoi Pacers non sta dando i frutti sperati; finora sono, insieme ai Mavs, la squadra che mi ha deluso di più.

  • The Big Sleep

    Charlotte-Atlanta è una sfida tra due squadre che non fanno sognare, ma sono solide realtà (semicit.); purtroppo per loro, resteranno sempre a un all star dal diventare contender: che belle che sarebbero state se KD avesse scelto una di loro due!

  • misterwolf

    boston e blazers hanno qualche problemino
    i warriors invece molto meglio del previsto
    i pacers inizio a pensare che ci vorra veramente molto piu tempo del previsto per sfruttare al meglio le potenzialita della squadra

    P.S. ma irving 11/15 per 25 punti e 11 assist in 29 minuti possibile che sia sempre l’effetto lebron ….
    deve fare un altro step mentale quest’anno altrimenti alle finals vedra festeggiare sempre gli altri….

  • michele

    Boston andrà valutata quando torneranno i due titolari assenti da dieci partite…al completo hanno vinto sul campo dei giustamente osannati hornets e penso siano all’altezza del nutrito plotone di squadre che inseguono col binocolo i cavs. Molto male comunque in difesa, a prescindere da quello.

  • mad-mel

    Fino l’anno scorso simpatizzavo per i warriors. Franchigia costruita con scelte perfette al draft, un sistema di gioco presso che perfetto ecc…Anche i modi di fare di Green mi piacevano e anche qualche scenetta di curry…
    Ma quest’anno sono peggio del circo. Ieri contro Boston mille esultanze…gesti ecc……mi verrebbe da definirli pagliacci( la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato Pachulia….)
    Li aspetto ai po e soprattutto alle finals se ci arrivano…li la musica sarà ben diversa…vedremo se avranno voglia di fare ste esultanze anche in quei momenti…

    Ma Deandre Jordan ha perso preso?

  • Portland, ho paura che qualche giocatore abbia finito i jolly…e sia sazio dopo la Free-Agency

  • Michael Philips

    Come atteggiamento in campo quest’anno sono assolutamente identici all’anno scorso, solo con un durant in più a fare le facce gasate ecc…
    Non capisco com’è che prima andavano bene e ora no.
    Anzi c’è uno speights in meno che aveva il brutto vizio di ridere in faccia agli avversari tutto il tempo.

    Comunque credo proprio che questa trasformazione sia dovuta a Kerr. Prima del suo arrivo era un team spettacolare ma più serio, anche nelle vittorie. Poi con kerr curry, klay, green e pure iguodala hanno letteralmente iniziato a fare le scenette in campo. I compagni quindi sono andati dietro a loro.

    Che ha fatto pachulia?

  • mad-mel

    Scenetta dopo un semplice tiretto con piedi a terra da 4 metri.
    Guarda lo scorso anno la densità era molto più bassa. Cmq vabbè discorsi sterili.

  • gasp

    Io direi oltre ai Pacers e ai Mavs anche i Wizards

  • Michael Philips

    Westbrook già durante questa stagione sicuramente supererà LeBron James nella top 10 delle triple doppie in carriera.
    https://uploads.disquscdn.com/images/a9ebda6685fe1b2ffc7ebae572ac07c13910ae876a4aad79cbf56ce8510c6ce9.jpg

    Come detto altre volte, pound for pound Westbrook è probabilmente con Jason Kidd il più grande di sempre in questa categoria. Lasciamo stare Big-O e quel basket ricco di numeri gonfiati.

    Lebron avrebbe potuto registrarne molte di più, ma fa meno impressione considerati i mezzi fisici di cui dispone.

  • 8gld

    Giusto equilibrio tra Hornets e Hawks.
    Detroit brutta sconfitta. Male al tiro. Non in questo modo si affrontano i Cavs. Questa notte contro Boston.
    Cavs che quando giocano così’ o li prendi di petto o gli togli ritmo o…arriva la L.
    Male Portland.
    Okc riprende la sua marcia.
    Warriors questa notte contro i Bucks.

  • michele

    “fat lever” sembra il nome di un wrestler eheheh