Love notte da urlo, Golden State dice 149!

Notte prima del giorno del ringraziamento e quasi tutte in campo con Cleveland che batte Portland grazie alla notte da favola di Kevin Love (40 punti, 34 nel 1°…quarto!), Golden State massacra i Lakers, Toronto espugna Houston Grizzlies con 2OT per battere i Sixers, New Orleans c’è con i 45 di Anthony Davis!

REGULAR-SEASON

Philadelphia 76ers – Memphis Grizzlies 99-104 2OT
PHI: Covington 19 (10 rimb), Ilyasova 22 (12 rimb), Embiid 12 (11 rimb), Stauskas 10, Baylss 18
MEM: Green 10 (11 rimb), Gasol 27, Conley 25, Randolph 11

Ci sono voluti ben 2 overtime ai Memphis Grizzlies per avere la meglio sui Philadelphia 76ers grazie ai 52 punti del duo Gasol-Conley; Sixers che si mangiano le mani perchè a 11” dalla conclusione dei regolamentari Convington fa 1/2 dalla lunetta per l’86-86, Marc Gasol sbaglierà la tripla della vittoria e tutti al supplementare.
Primo Extra-Time e stavolta sono i SIxers che agguantano la parità a 43” dalla fine con la bomba del 91-91 firmata Bayless il quale avrà anche l’ultimo tiro a 25” dalla sirena dopo la persa di Conley ma anche qui niente da fare, 2° overtime!
Memphis parte bene piazzando subito un 4-0 per il 91-95 che di fatto segnerà l’esito della partita, Phila inizierà tardi a rimontare e Memphis amminstrerà il vantaggio fino alla fine.

Charlotte Hornets – San Antonio Spurs 114-119
CHA: Kidd-Gilchrist 10, Williams 10, Hibbert 10, Batum 13, Walker 26, Kaminsky 13, Hawes 11, Belinelli 12
SAS: Leonard 30, Aldridge 23, Green 16, Parker 11, Bertnas 11

Italian Job: Belinelli 12 pt (4/6, 1/5, 1/2), 4 rimb (1 off), 1 ass in 20’

San Antonio passa a Charlotte trascinata dal duo Leonard-Aldridge con Tony Parker decisivo malgrado gli 8 giocatori in doppia-cifra dei padroni di casa; partita tirata fino alla fine, gli Spurs scappano sul +6 (102-08) grazie ad un break di 7-0 a 3’33” dalla fine ma Charlotte non molla e si porta sul -1 (110-111) a 50” dalla sirena finale. Aldridge va in lunetta ma non è preciso (110-112) a 34” e palla Hornets, Marvin Williams perde palla e Tony Parker gliela farà pagare cara, tripla del +5 (110-1159 a 22”.

Orlando Magic – Phoenix Suns 87-92
ORL: Vucevic 21 (13 rimb), Fournier 25, Augustin 12
PHX: Booker 11, Chriss 10, Len 17 (12 rimb), Knight 12, Bledsoe 16, Tucker 10

Tornano a vincere i Phoenix Suns che espugnano in volata Orlando con qualche brivido nel finale; momento chiave della partita a 5’08” dal termine, sul -1 Magic (75-76) Eric Bledsoe si infiamma con 5 punti consecutivi dando via ad un break di 8-1 per il +8 (76-84) con 2’42” da giocare. Phoenix alzerà la mani da manubrio facendo arrivare i Magic fino al -3 (85-88) con 18” da giocare ma un 2/2 di Bledsoe manderà i titoli di coda.

Cleveland Cavaliers – Portland Trail Blazers 137-125
CLE: James 31 (10 rimb, 13 ass), Love 30, Irving 20, Frye 14
POR: Harkless 11, Plumlee 19, McCollum 13, Lillard 40 (11 ass)

Notte delle non difese a Cleveland, i Cavs hanno la meglio sui Trail Blazers con Tripla-Doppia di LeBron James (31+10+13), 20ello di Kyrie Irving ma soprattutto Kevin Love dice 40 di cui 34 nel solo 1° quarto (2° Record All-Time per punti in singola frazione); Cleveland domina i primo tempo ma soprattutto il 1° periodo chiudendolo sul 46-31 con 34 punti (11/14 dal campo) di Love e 7 assist di James, al riposo lungo campioni in carica avanti 81-60 con James già in Doppia-Doppia con gli assist e Love fermo ancora a 34. Per Portland non ci sarà più niente da fare malgrado il 40ello di Damian Lillard.

Indiana Pacers – Atlanta Hawks 85-96
IND: George 18, Youn 24, Ellis 19, Teague 11
ATL: Millsap 18 (11 rimb), Howard 23 (20 rimb), Muscala 13, Delaney 13

Superba notte anche per Dwight Howard (23+20) con gli Hawks che vincono ad Indianapolis; match deciso a cavallo tra il 3° e 4° periodo, Indiana è sul -6 (66-72) a 2” dalla sirena, arrivano 2 liberi di Delaney dai quali nascerà un parziale di 16-2 Hawks per il +20 (68-88) a 6’51” dalla conclusione.

Brooklyn Nets – Boston Celtics 92-111
BKN: Booker 18 (12 rimb), Lopez 13, Kilpatrick 23, Harris 12
BOS: Crowder 15, Horford 17, Bradley 22, Thomas 23, Olynyk 10, Jerebko 10

Boston fatica un tempo poi esce nella ripresa e batte i Brooklyn Nets com 45 punti del duo Thomas-Bradley; Brooklyn rimonta dal -14 della prima frazione andando al riposo lungo sotto appena di 2 (49-51), i Celtics si riprenderanno e con un 3° quarto da 28-17 (8 punti a testa per Thomas e Horford) ri-scapperanno via per non girarsi più.

Detroit Pistons – Miami Heat 107-84
DET: Harris 17, Drummond 18 (15 rimb), Caldwell-Pope 22, Udrih 12, Leuer 11
MIA: Waiters 11, T.Johnson 17, McGruder 12, J.Johnson 15

Partita mai in discussione al Palace di Detroit con i Pinstons di Andre Drummond (18+15) sempre in controllo contro i poveri Heat; alla sirena del 3° quarto il tabellone recita 86-64 Detroit con Drummond già in doppia-doppia e Caldwell-Pope autore di tutti i suoi 22 punti con un buon 50% di squadra dal campo.

Houston Rockets – Toronto Raptors 102-115
HOU: Ariza 11, Anderson 13, Capela 12, Beverley 10 (10 rimb), Harden 29 (15 ass, 12 perse)
TOR: Carroll 20, Valanciunas 15 (16 rimb), DeRozan 24, Lowry 17, Joseph 17, Ross 14

Bella vittoria fuori casa per i Toronto Raptors che sbancano Houston superando anche la particolare Tripla-Doppia di James Harden (29+15+12 perse); partita decisa dall’ottimo 2° periodo dei canadesi, dopo il +4 del 1° quarto (20-24) Torono spinge sull’acceleratore con Jonas Valanciunas autore di 11 dei suoi 15 punti finali e grazie anche alle 7 perse di Houston, il parziale reciterà 30-19 Toronto per il +15 (39-54) dell’intervallo, il tutto con un Harden sottotono da 7 punti e 6 perse. Houston non rintrerà più in partita.

Dallas Mavericks – Los Angeles Clippers 104-124
DAL: Barnes 22, Nowitzki 10, Bogut 4 (12 rimb), Matthews 18, Gibson 11, Anderson 12
LAC: Griffin 12, Jordan 16, Redick 10, Paul 18, Crawford 15, Rivers 22, Speights 16

Tutto facile per i Los Angeles Clippers che anche a Dallas nel giorno del ritorno di Sirk Nowitzki recitano lo stesso copione, partita fatta e finita nel 1° tempo con ala fine 7 giocatori in doppia-cifra a referto; riposo lungo con Clippers avanti 68-45, Paul dice 14 su 18 finali, 61% dal campo con un signor 9/14 da 3, 15 assist e 21 rimbalzi.

Utah Jazz – Denver Nuggets 108-83
UTA: Hayward 22, Gobert 19 (13 rimb), Hill 22, Hood 16
DEN: Chandler 13, Murray 23, Faried 8 (10 rimb)

Italian Job: Gallinari DNP

Gli Utah Jazz sfruttano la serataccia del quintetto Nuggets (23 punti!) e si porta a casa il referto rosa; dopo aver chiuso i primi 24’ avanti 53-47 i padroni di casa chiudono le danze nel 3° periodo, 31-14 il parziale con 11 punti di Gobert e il 52% dal campo contro il 21% degli ospiti, +23 (84-61) e titoli di coda.

New Orleans Pelicans – Minnesota Timberwolves 117-96
NOP: Davis 45 (10 rimb), Moore 12, Frazier 11, Joes 17
MIN: Wiggins 12, Dineg 13, Towns 9 (11 rimb), LaVine 26, Muhammad 11

New Orleans è tornata e vince ancora (4^ W consecutiva), battuti i T-Wolves con Anthony Davis da 45 punti (21 nel 1° quarto) e 10 rimbalzi; anche qui il 3° quarto decisivo, primo tempo chiuso sul +3 (53-50) per i padroni di casa che poi prenderanno il largo nella ripresa, 3^ frazione dal 36-18 con Davis scatenato da 13 punti e Minnesota costretta al 28% dal campo, dal +3 al +21 (89-68). Altra notte fredda per Andrew Wiggins, 2/19 dal campo!

Golden State Warriors – Los Angeles Lakers 149-106
GSW: Durant 28, Green 5 (11 ass), Thompson 26, Curry 31, Clark 21
LAL: Ingram 16, Mozgov 12, Williams 16, Clarkson 16

Luke Walton torna per la prima volta ad Oakland e i i Warriors prendono a pesci in faccia i suoi Lakers (privi di Russell per 2 settimane e seza Randle) con 149 punti di cui 85 firmati dal trio Durant-Thompson-Curry; match già finito all 1^ sirena sul 41-26 Warriors con Thompson e Curry da 26 punti in due, 62% dal campo, 60% da 3, 13 assist…Lakers tramortiti.

Sacramento Kings – Oklahoma City Thunder 116-101
SAC: Gay 17, Cousins 36 (13 rimb), Collison 21, Koufos 9 (10 rimb)
OKC: Roberson 10, Adams 11, Oladipo 18, Westbrook 31 (11 rimb), Kanter 10

DeMarcus Cousins (36+13) si mangia gli Oklahoma City Thunder con il solo Russell Westbrook che sfiora la Tripla-Doppia (31+13+9); Kings che trovano il break decisivo nella seconda metà del 3° quarto, avanti di 6 (71-65) piazzano 7 punti consecutivi scappando sul +13 (78-65), vantaggio che poi gestiranno fino alla fine senza, miracolo, farsi rimontare

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B