Sorpresa Pacers! Solito Harden e che Lakers!

NBA Sundays che vede LeBron James subito riprendersi il 6° posto in solitaria nella graduatoria All-Time delle Triple-Doppie con tanto di vittoria, crollano ancora i Clippers sconfitti dai Pacers, Dallas torna a vincere, solito Harden-Show e bella vittoria di personalità dei Lakers sui Atlanta.

REGULAR SEASON

Philadelphia 76ers – Cleveland Cavaliers 108-112
PHI: Ilyasova 13, Embiid 22, Henderson 13, Rodriguez 12, Okafor 14, Saric 10, Stauskas 11
CLE: James 26 (10 rimb, 13 ass), Love 25 (11 rimb), Thompson 12 (12 rimb), Irving 39

Primo match dell’NBA Sundays con i Cleveland Cavaliers che vincono in rimonta e alla distanza a Philadelphia con LeBron James da Tripla-Doppia (26+10+13) e Kyrie Irving da 39 punti; Philly gioca bene ed entra nell’ultimo quarto avanti 81-77, Cleveland alza il ritmo, si porta avanti e sul +1 piazza un break di 10-2 con Kyrie autore di 5 punti per il +9 (91-100) a 4’20” dalla conclusione. Nel finale Phila ci proverà ma Cleveland difenderà il vantaggio.

Phoenix Suns – Denver Nuggets 114-120
PHX: Tucker 21, Chandler 10 (15 rimb), Booker 30, Bledsoe 35, Knight 11, Len 5 (10 rimb)
DEN: Chandler 25, Faried 14, Nelson 21, Mudiay 19, Jokic 12 (11 rimb)

Italian Job: Gallinari DNP

Ancora senza Danilo Gallinari Denver comunque porta a casa la vittoria sul campo dei Suns trascinata da Wilson Chandler, vani i 65 punti combinati dal duo Booker-Bledsoe; Nuggets scappano nel 2° quarto da 34-15 per il +20 (43-63) al riposo lungo, Phoenix però non si scoraggerà, rimonta fino al -3 (83-86) ad inizio 4° periodo ma Denver sarà brava a reagire. Break di 12-3 per l nuovo +12 (86-98) a 7’47” dalla conclusione con tanto di scintille tra Chandler e Faried.

Brooklyn Nets – Sacramento Kings 105-122
BKN: Bogdanovic 13, Lopez 17, Kilpatrick 22, Whitehead 11, Hamilton 6 (10 rimb)
SAC: Gay 22, Cousins 37 (11 rimb), Collison 18, Lawson 13

Sacramento c’è sul campo dei Nets trascinata dal solito DeMarcus Cousins da 37+11; primo tempo in totale equilibrio con i Nets avanti 59-58, nel 3 quarto sale in cattedra Cousins, realizza 18 dei suoi 37 punti, Sacramento tira col 61% dal campo contro il 33% dei padroni di casa costretti anche a 7 perse, il parziale dei 12’ reciterà 34-18 Kings per il +15 (77-92) e partita in ghiaccio.

Orlando Magic – Milwaukee Bucks 96-104
ORL: Ibaka 19, Fournier 27, Augustin 11, Vucevic 17 (16 rimb), Payton 16
MIL: Antetokounmpo 18, Henson 20, Brogdon 12, Beasley 13, Monroe 11

Milwaukee passa ad Orlando con un Gianni Antetokounmpo da quasi Tripla-Doppia (18+); partita decisa nella seconda metà del 4° periodo, Vucevic porta sul -2 i suoi con la tripla dell’86-88, i Bucks risponderanno con un 13-4 per il +11 (90-101) a 3’01”.

Indiana Pacers – Los Angeles Clippers 91-70
IND: Robinson 17, Young 11, Turner 17 (11 rimb), Jefferson 16, Stuckey 12, Teague 7 (10 ass)
LAC: Griffin 16, Jordan 8 (14 rimb), Paul 13, Crawford 12

Seconda sconfitta consecutiva per i Los Angeles Clippers che stavolta cadono ad Indianapolis contro i Pacers (privi di Paul George); ospiti mai in partita, sempre all’inseguimento, dopo i primi 24’ +10 Pacers (50-40), nella ripresa i padroni di casa sfrutteranno i troppi errori dei Clippers e con un parziale di 12-2 nella prima metà del 3° toccheranno il +18 (62-44) per non girarsi più. I Clips chidueranno col 31% dal campo e solo 11 assist a referto contro i 26 dei Pacers che ha avuto in Glen Robinson III e Myles Turner i Go-To-Guys della serata.

Dallas Mavericks – New Orleans Pelicans 91-81
DAL: Barnes 23, Bogut 5 (14 rimb), Matthews 21, Curry 10, Anderson 14
NOP: Davis 36 (13 rimb), Holiday 17

Anthony Davis dice 36+13 ma sono i Dallas Mavericks che tornano a ridere, vittoria casalinga con Harrison Barnes eroe nel 4° periodo; match combattuto con ben 20 situazioni di parità e 18 cambi di leadership. a 4’ dalla conclusione New Orleans non molla sul -3 (78-75) ma non ha fatto i conti con l’ex Warriors, 4 punti consecutivi per Barnes per il +7 (82-75) a 3’17” dalla fine che di fatto segneranno l’incontro. Per Barnes 11 punti su 23 finali nell’ultima frazione.

Portland Trail Blazers – Houston Rockets 114-130
POR: Harkless 18, Plumlee 11, McCollum 28, Lillard 27, Turner 15
HOU: Ariza 18, Anderson 14, Capela 21, Harden 38 (10 ass), Gordon 26

James Harden è troppo per la difesa dei Trail Blazers, Doppia-Doppia da 38+10 assist e referto rosa strappato al MODA Center per i Rockets; match equilibrato e combattuto, le due squadre entrano negli ultimi 12’ sul 93-96 per Houston, Portland sta in scia fino a 8’ dalla fine (100-104) perché poi arriverà il break di 7-0 Rockets per la fuga sul +11 (100-111). Nel 4° periodo 10 punti per Harden, 52% dal campo di squadra e 34 punti contro 21 di Portland nelle mani del solo Lillard.

Los Angeles Lakers – Atlanta Hawks 109-94
LAL: Young 17, Nance Jr. 12 (10 rimb), Clarkson 18, Williams 21
ATL: Bazemore 21, Howard 19, Korver 10, Schroder 11, Muscala 10

Bella vittoria in rimonta dei Los Angeles Lakers che, malgrado l’assenza del duo Russell-Young, superano gli Atlanta Hawks col trio Young-Clarkson-Williams (56 punti); Atlanta parte forte e dopo i primi 12’ è sul 21-32, reazione giallo-viola immediata con un 2° quarto da 35-16 (Young 12 punti su 17 finali) per il +8 (56-48). L’ultimo quarto è territorio di Lou Williams, realizzerà 13 dei suoi 21 punti di cui9 nel break di 16-2 nei primi 6’ di frazione per il 102-84!

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • brazzz

    buona prestazione sixers..mi ripeto,ma questi con simmons(se è quel che pare,e dopo un minimo di ambientamento)sono da po subito a est…

  • Michael Philips

    io credo che già così i sixers potrebbero fare molto meglio se solo embiid non avesse i minuti contati ogni gara. Quando c’è lui in campo gli avversari hanno paura ad attaccare il ferro(e hanno ragione, piazza 2.4 stoppate in 20 minuti) e in attacco la sua presenza è un problema anche a 7 metri dal ferro.
    Quando entra okafor si vede che magari i punti non mancano, ma gli avversari banchettano nel pitturato.

    Da gennaio credo che embiid avrà un aumento del minutaggio, da 22 a circa 27-28 a sera, e poi con l’esordio di simmons allora inizieremo a vedere per davvero il loro potenziale.
    Se Joel resta sano a phila hanno ufficialmente svoltato.

  • brazzz

    sperem

  • Shady

    CLE entra in campo col tacchino amcora da digerire è complice una PHI agguerrita rischia seriamente di perdere, poi in parte LeBron e soprattutto irving (19 4q) alla fine evitano la sconfitta

    LBJ sta raggiungendo livelli di plamaking assurdi, ora come ora forse solo paul gli è superiore, ma se da sempre è stato bravo a passarla adesso gestisce la palla come i migliori play

  • misterwolf

    i clippers sono i clippers….
    mi aspettavo una sfuriata da irving , eccomi accontentato

    cmq dopo le partenze a tutta di clippers,hawks,hornetts raptors tutto sta tornando alla normalita
    i pacers deludono ma stanno sempre la

  • Michael Philips

    io credo che sia molto più semplice di così: lebron sta tirando meno, e la sta passando di più. E ad oggi nei cavs un love sta trasformando in assist molti più passaggi rispetto agli ultimi due anni. Dati alla mano Love sta segnando con gli stessi ritmi dell’ultimo anno ai wolves.
    Lebron oggi può anche segnare meno e passarla ancora di più, ma probabilmente se avesse avuto meno obblighi realizzativi anche in passato lui avrebbe avuto meno punti e molti più assist.

  • lorenzo tonelli

    Grazie luke

  • mad-mel

    Lebron deve solo giocare sette gare alla morte. Fino a giugno può giocare in scioltezza in qst modo che fa solo che bene alla squadra.

  • gasp

    Giocando alla Magic?

  • Michael Philips

    sì alla fine Magic è arrivato nella lega e si è trovato in squadra una macchina da punti come jabbar e un ventellista come wilkes, quindi comunque non ha mai avuto bisogno di segnare molto.

  • In Your Weis

    Io ho la massima ammirazione per Magic, ma la verità è che non ha mai avuto il potenziale offensivo di LeBron, sicuro trovarsi con Jabbar, Worthy, Scott e compagnia ha esaltato le sue doti di costruttore di gioco, ma non credo che sarebbe mai stato uno da 27-28 punti a partita neanche giocando in squadre mediocri o nelle quali era l’unico perno

    LeBron è una cosa a se stante, non meglio o peggio, dico solo che è un misto tra Magic, Barkley ed i grandi scorer degli anni ’80

  • michele

    come giudichi il primo mese di Ingram?

  • michele

    beh quando servivano i suoi punti, pero’ si faceva sempre trovare pronto ( finals 87 ad esempio)

  • ILTG6

    Hawks che sembrano involuti sia in difesa che in attacco rispetto ad inizio stagione, Lakers che invece tornano ad avere il 50%, 9-9 grazie sopratutto alla panchina più produttiva della lega.

    Cavs solita partita contro i Sixers, giocano in ciabatte per poi vincere nel finale, è già successo sia quest’anno che l’anno scorso.
    A Cleveland ruotano in 9 normalmente ieri senza Shumpert e Frye James Irving e Smith sono stati in campo più di 40′, considerando che erano Vs i Sixers a novembre, non benissimo…

  • ILTG6

    Se Embiind rimane sano e forma la coppia con Simmons in pratica ai Sixers servono 3 tiratori affidabili(2 buoni a difendere, uno capace di crearsi il tiro dal palleggio0)p er completare il quintetto ed essere competitivi…poi dovranno ragionare per costruirsi una panchina funzionale.

  • Frank Lucas

    Aggiungerei anche Michael Jordan, Valentino Rossi, Crash Bandicoot e Buddha

  • michele

    ..e il ceppo tricologico di Julius Erving….

  • lorenzo tonelli

    Guarda…della ncaa non so veramente niente..però come avevo già detto da una seconda scelta ti aspetti un certo tipo di impatto anche se non l’avevo mai visto giocare ..vero che ingram è un rachitico del cazzo è Walton che ne sa un miliardo più di me. .. se ritiene di gestirlo così è sicuramente la cosa giusta e per ora i risultati..che non mi aspettavo così buoni gli danno ragione

  • Shady

    piccolo pensiero su okafor: su di lui avevo grandi aspettative per le sue qualità offensive che invece non riesce a mettere a pieno in pratica risultando spesso poco incisivo, cosa che pare ancora più grave contando che si dovrebbe gestire da solo l’attacco con embiid. inoltre se l’anno scorso sulla fase difensiva si poteva chiudere un occhio dato che era un rookie, quest’anno mi sembra che si stia trasformando in un buco nero stile kanter

  • michele

    su lakersland sono convinti sia il nuovo Durant eheheheh….sicuramente fa bene Luke a gestirlo con calma, anche per non bruciarlo ( l’altro giorno coi warriors ha giocoforza dovuto giocare parecchio e ha tirato una mattonata dietro l’altra, non è ancora pronto,anche fisicamente )

  • ILTG6

    Secondo me positivo, non mette grandi numeri ma qualche partita in doppia cifra, uscendo dalla panchina, l’ha fatta.
    Se lo vedi giocare noti che non vuole stra fare ma si impegna per fare la giocata giusta anche in difesa o con l’extra pass.
    Io per lui vedo un grande futuro: se mette su massa al punto giusto ha le qualità per essere un attaccante completissimo e un buon difensore

  • In Your Weis

    Effettivamente ho dimenticato Putin

  • lorenzo tonelli

    Convinti loro..io spero lo diventi anche se ne dubito visto che durant si vedeva da subito cosa era..però per adesso va bene così…

  • Michael Philips

    eh appunto.

  • Michael Philips

    Magic quando è servito ha sempre segnato e non poco. Magari non ti poteva fare 30 a sera, ma pur senza avere un jumper mortifero sapeva segnare molto bene nel pitturato. Se avesse fatto meno assist e più tiri avrebbe forse chiuso anche con 23-24 pts di media e 8-9 assist invece che 19+12.

    Il potenziale offensivo di lebron non lo aveva, ma perché pure lì, non ha mai avuto bisogno di inventarsi mille modi diversi per segnare.

    Io ad esempio credo che se chris paul facesse una stagione giocando come una guardia, quindi pochi assist e tiri su tiri, beh avrebbe 27-28 pts nelle mani, senza problemi, ma non è il suo mestiere.

  • Frank Lucas

    😀

  • gasp

    C’è il periodo 80-87 che la prima opzione offensiva dei Lakers era ovviamente Jabbar, poi da quell’anno in poi il 33 per motivi anagrafici lasciò le redini offensive a Magic

  • michele

    mi ricordo anche 41 punti in gara 5 contro phoenix, l’ultima gara di riley come head coach dei lagunari

  • Hanamichi Sakuragi

    si ma i movimenti in post di magic… lebron se li sogna.. e quando ha giocato da ala grande a fine carriera e fuori condizione.. ne metteva cmq una quindicina se non ricordo male

  • Michael Philips

    quali movimenti in post?