NFL Tuesday 19: Recap della Week #12!

Stiamo entrando nel rush finale di questa stagione NFL con la Week #12 che ha regalato grandi emozioni a partire da Oakland dove i Raiders battono in rimonta i Panthers con Derek Carr infortunato, Denver beffata all’overtime dai silenziosi ma pungenti Chiefs, Tom Brady fa 200 vittorie, colpo Tampa-Bay contro Seattle!

NFL WEEK #12

NFL - Risultati - Week #12 - 2016E sono 200. E se siamo sicuri che la cifra tonda raggiunta da Tom Brady (record NFL di Peyton Manning eguagliato) sia inevitabilmente destinata a salire, va detto che l’ex Michigan fatica più del dovuto per la seconda settimana consecutiva e deve ringraziare alcune amnesie dei New York Jets se riesce a condurre i Patriots alla W. Nella stessa AFC East, Buffalo e Miami superano rispettivamente Jacksonville e San Francisco e rimangono all’inseguimento delle “lepri” della AFC West per un posto wild card.

Allargando l’orizzonte alle altre Division della AFC va sottolineata la vittoria dei Baltimore Ravens che condannano ad un gennaio di vacanze i Cincinnati Bengals e all’esonero coach Marvin Lewis. La franchigia del Maryland, partita a fari spenti in questa stagione, può contare su una delle migliori difese della Lega e darà filo da torcere agli Steelers fino a fine stagione (da segnarsi sul calendario la partita del 25 dicembre dell’Heinz Field, giorno in cui lo spirito natalizio potrebbe essere assente giustificato…).

Se nella South la vittoria di Tennessee sui Bears rilancia le ambizioni di Marcus Mariota e i suoi Titans  che approfittano dell’ennesimo scivolone dei Texans (regolati a domicilio dai Chargers), nella West accade veramente di tutto. La partita fra Chiefs e Broncos (vedi sotto) e quella fra Raiders e Panthers regalano emozioni e colpi di scena a non finire, confermando come questa sia senza dubbio la division più divertente e valida dell’intera Lega.
In particolare i Raiders volano sul 24-7 a fine primo tempo annichilendo Cam Newton & Co. Mai sottovalutare, però, il cuore dei (vice) campioni che, rientrati in campo, cancellano dal campo Oakland e segnano 25 punti consecutivi e sembrano avere in mano la partita. Con le spalle al muro e con un dito dolorante, Derek Carr riesce comunque a guidare i Raiders ai due drive decisivi che ribaltando di nuovo la situazione consegnando la W ai nero-argento

Trasferendoci in NFC, va sottolineata la conferma di alcune posizioni a ridosso dei Dallas Cowboys. Washington e New York Giants confermano l’ottimo momento di forma e consolidano il ruolo di aspiranti wild card mentre nella NFC South, a ridosso degli Atlanta Falcons (vittoriosi sui Cardinals) salgono le quotazioni di due outsider. I New Orleans Saints schiantano anche i Rams nonostante la discreta del qb di Los Angeles, Jared Goff, alla prima da titolare dopo essere stato scelto con il #1 all’ultimo draft e i Tampa Bay Buccaneers mettono la museruola a Russell Wilson e i Seahawks rilanciando le ambizioni della franchigia della Florida.

Nel posticipo del lunedì Green Bay interrompe l’inquietante striscia negativa, prende l’ultimo treno per la corsa ai playoff e si pone all’inseguimento di Lions e Vikings per la vittoria nella NFC North

PROTAGONISTI

Justin Houston, OLB, Kansas City Chiefs
Houston fa ballare la samba a tutta la linea offensiva dei Denver Broncos provocando tre sacks sul povero quarterback Trevor Siemian. Come se non bastasse provoca anche un fumble, registra tre hits sullo stesso qb e si esibisce in ben dieci tackles

Von Miller, OLB, Denver Broncos
Ispirato dalla prova di Justin Houston dall’altro lato della barricata, Von Miller scalda i motori in per il finale di stagione con una prova da tre sacks, quattro hits e ben nove tackles

Khalil Mack, DE, Oakland Raiders
La difesa dei Raiders soffre di paurosi cali di concentrazione (si veda l’incredibile “buco” sul touchdown di Ted Ginn Jr dei Carolina Panthers) ma chi non perde un colpo è l’ex University of Buffalo. Mack diventa il primo giocatore dal 2009 (dall’epoca di un certo Charles Woodson) a registrare in una partita un sack, un intercetto, a segnare un touchdown, a forzare un fumble e a ricoprirne uno. Scusate se è poco…

MATCH OF THE WEEK

Denver Broncos – Kansas City Chiefs 27-30

Non hanno un quarterback superstar, non hanno un running back da 150 yards a botta e non hanno neanche su un wide receiver superstar in grado di catalizzare l’attenzione delle intere secondarie avversarie. E non ricevono neanche l’attenzione nazionale che meriterebbero. Ma tutto questo importa poco ai Kansas City Chiefs che, anche quest’anno, si rivelano essere la sorpresa (?) dell’annata della palla ovale, rilanciando le proprie fiches in ottica playoff.
A Denver, contro una delle migliori difese della Lega e contro un quarterback che sfodera la miglior partita della sua breve carriera, i Chiefs agguantano una vittoria a pochi secondi dalla fine dell’overtime. E dire che il lancio con cui Siemian 20 su 34 per 368 yards e 3 td) aveva trovato Fowler per il 24-16 Broncos a tre minuti dalla fine sembrava aver chiuso qualsiasi discorso. E invece Smith (26 su 44 per 220 yards e 1td) guidava il drive che, con il brivido finale di una decisione arbitrale al limite, consegnava il pareggio ai Chiefs a tempo scaduto. In overtime, dopo una serie di field goal realizzati dalle due squadr, era la conclusione del kicker Cairo Santos a decidere l’esito della contesa (fra l’altro il calcio dell’affidabile del kicker dei Chiefs colpiva il palo prima di entrare).
I Chiefs confermano di essere un’autentica mina vagante e lanciano la sfida ai Raiders per la vittoria divisionale ed un possibile first round bye.

Next Week

Minnesota-Dallas (TNF)
Atlanta-Kansas City
New England-Los Angeles
New Orleans-Detroit
Jacksonville-Denver
Green Bay-Houston
Cincinnati-Philadelphia
Baltimore-Miami
Chicago-San Francisco
Oakland-Buffalo
Pittsburgh-New York Giants
Arizona-Washington
San Diego-Tampa Bay
Seattle-Carolina
New York Jets-Indianapolis (MNF)

BYE
Cleveland & Tennessee

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G