Houston che rimonta, Westbrook 50 Triple-Doppie!

Altra notte e ancore gli Houston Rockets protagonisti, vittoria consecutiva numero 10 arrivata con una pazzesca rimonta a Minnesota, Cleveland e Golden State portano a casa il referto rosa senza problemi, Russell Westbrook sigla la 50esima Tripla-Doppia in carriera, Knicks KO a Denver, Belinelli super contro Atlanta.

REGULAR SEASON

Oklahoma City Thunder – Phoenix Suns 114-101
OKC: Roberson 11, Adams 19, Morrow 11, Westbrook 26 (11 rimb, 22 ass), Kanter 12
PHX: Chandler 10, Booker 31, Bledsoe 12

Russell Westbrook firma la sua 50esima Tripla-Doppia in carriera da 26+11+22 (Career-High per assist) trascinando i Thunder al successo contro Phoenix; partita mai messa in discussione da parte dei padroni di casa già comodamente avanti al riposo lungo sul 54-29 con Westbrook già a quota 12 assist, nel 3° quarto Devin Booker prova la rimonta realizzando 20 dei suoi 32 punti finali ma Russ entrerà in partita con 17 punti, OKC arriverà a toccare anche il +21.

Detroit Pistons – Indiana Pacers 90-105
DET: Harris 13, Caldwell-Pope 20, Drummond 9 (15 rimb), Jackso 19 (10 ass)
IND: George 26, Young 12, Turner 10, Robinson 12 (12 rimb), Teague 19, Miles 10

Bella vittoria di Indiana che vince a Detroit guidata dal solito Paul George; ospiti che vanno al riposo lungo sul +11 (44-55) e aprono il 3° periodo con un parziale di 11-03 spingendosi fino al +19 (47-66) dopo 5’ di gioco, Detroit non rientrerà più in partita finendo anche sul -21 (80-101).

Atlanta Hawks – Charlotte Hornets 99-107
ATL: Millsap 20, Howard 10 (23 rimb), Hardaway Jr. 21, Schroder 12, Bezemore 17
CHA: Williams 19, Zeller 16 (11 rimb), Walker 18 (10 ass), Belinelli 19

Italian Job: Belinelli 19 pt (5/7, 3/4 da 3), 3 rimb, 1 ass, 1 persa in 29’

Tornano a vincere gli Hornets di un sempre più incisivo Marco Belinelli (19 punti in 29’), sbancata la Philips Arena di Atlanta; a 3’52” dalla conclusione Hawks vanno sul -1 (95-94) ma non hanno fatto i conti col Beli, Charlotte sbaglia due volte ma per due volte consecutive si riprende il rimbalzo offensivo e a 3’09” tripla di Marco che darà il via ad un parziale di 11-2 per il +8 (97-105) a 11”.

Cleveland Cavaliers – Los Angeles Lakers 119-108
CLE: James 26, Love 27 (17 rimb), Smith 14, Irving 21 (12 rimb)
LAL: Deng 15, Randle 16, Ingram 9 (10 rimb), Young 32, Clarkson 20, Williams 12

Il trio di Cleveland dice 74 punti e i Cava battono i Lakers (privi di Russell) malgrado i 32 di Nick Young; giallo-viola che se la giocano fino alla fine portandosi sul -3 (108-105) a 3’56” dalla sirena finale ma poi andranno nel pallone per 2’49” e Cleveland ne approfitterà con un break di 9-0 (James 6 punti) per il 117-105 a 67” dalla fine.

Minnesota Timberwolves – Houston Rockets 109-110 OT
MIN: Wiggins 13, Towns 41 (15 rimb), LaVine 24, Bjlelica 10
HOU: Ariza 11, Anderson 28, Capela 10, Beverley 6 (10 rimb), Harden 28 (13 ass), Gordon 20

Houston vince la 10ima consecutive con James Harden ad un soffio dalla 7^ Tripla-Doppia stagionale (28+9+13) ma soprattutto vince in rimonta a Minnesota malgrado la pazzesca prestazione di Karl-Anthony Towns (41+15); Rockets che entrano nell’ultima frazione sotto di 13 (80-67), sono a -12 a 2′ dalla fine e a 36” dalla fine sembra fatta per Minnie perché il punteggio recita 95-89 ma non per i cecchini di coach D’Antoni!
Tripla di Anderson assistita da Harden per il -3 (95-92) a 33”, LaVine prima e Wiggins poi si mangiano in 18” il canestro del KO e a 6” ancora Harden la passa a Trevor Ariza per la bomba del 95-95! Ultio tiro di Wiggins non va segno e quindi Overtime!
Nell’extra-time è Eric Gordon che uccide la partita, sua la bomba a 44” dalla fine per il +4 (101-105), Houston tirerà 6/8 dalla lunetta tremando solo a 3” dopo l’1/2 di Harden per il 109-111 ma LaVine perderà palla. Per Harden 10 punti su 28 nell’overtime.

Denver Nuggets – New York Knicks 127-114
DEN: Gallinari 13, Chandler 12, Jokic 10, Harris 16, Mudiay 22, Faried 25, Barton 17
NYK: Anthony 29, Porzingis 22, Lee 10, Jennings 14, Hernangomez 17 (10 rimb), Holiday 10

Italian Job: Gallinari 13 pt (2/2, 2/7, 3/4), 2 rimb, 3 ass in 27’

Torna Carmelo Anthony am non bastano i suoi 29 punti ai Knicks per evitare il KO nella sua ex città, Denver vince mandando ben 7 giocatori in doppia-cifra; Nuggets sempre in controllo del match sin dalla palla a due, nel 3° quarto arriva lo strappo decisivo che poterà i padroni di casa dal +8 al +16 grazie ad un break di 8-0 (6 punti di Kenneth Faried) per l’85-69.

Golden State Warriors – Portland Trail Blazers 135-90
GSW: Durant 34 (11 rimb), Green 3 (12 rimb, 13 ass), Thompson 16, Curry 19, McGee 11, Clark 23
POR: Harkless 17, McCollum 10, Lillard 20

Ai Golden State Warriors bastano i primi 12’ per archiviare la pratica Portland Trail Blazers; pronti via 39-21 Golden State con 13 punti a testa per Kevin Durant e Stephen Curry, 56% dal campo di squadra con “solo” 8 assist, al riposo lungo il vantaggio sarà di 25 punti (70-45) con KD già a quota 21 punti su 34 finali.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • In Your Weis

    Il modo in cui i TWolves gestiscono le partite è scandaloso, perdere dopo essere stati a +9 con meno di 1′ da giocare. E’ una squadra che necessita disperatamente qualche veterano, perchè quei ragazzi vanno in apnea quando bisogna mantenere la calma

    Per il resto, tra Westbrook ed Harden davvero la corsa all’MVP di quest’anno è di un livello straordinario, specie pensando che gente come LeBron, KD o altri neanche entrano nel discorso, pure se stanno avendo annate eccellenti

  • misterwolf

    credo che chiunque dei due non vincera l’Mvp sara un peccato, se poi lo vince qualcun’altro solo per un record di squadra migliore…per me sarebbe scandaloso.

    sui rockets e d’antoni i miei dubbi nei p.o. rimangono tutti.sia chiaro sono sorpreso dei risultati immediati raggiunti in questa r.s. ma ricordo come nei suns molti giocatori non eccelsi hanno avuto sempre le migliori statistiche della carriera e poi nei p.o. tutto sia cambiato.
    io sti rockets li vedo sconfitti gia dai grizzlies al primo turno , c’è qualche giocatore con un talento funzionale per il gioco di d’antoni per il resto c’è “solo” un harden in versione onnipotenza mai vista fin ‘ora

  • ILTG6

    Oltre ad Harden e Gordon mi sta convincendo la difesa: hanno Beverly, Ariza e Capela che nella loro metà campo ci sanno fare e nei rivali di partita aiuta.
    Harden sembra avere affiatamento con il resto del gruppo cosa che in passato non gli era riconosciuta

  • gasp

    Molto discontinui I ragazzini dal Minnesota, qui si rischia di buttare (se non è già stato fatto) l’ennesima stagione partita con ottimi presupposti ma finita sempre nella mediocrità… Un pò come nei Kings

  • In Your Weis

    Beh non mi pare che i Suns di D’Antoni si sciogliessero nei playoff, finali di Conference 2005 e 2006 (le seconde senza Stat), un’altra grande battaglia con gli Spurs nel 2007, con cazzi e squalifiche che tutti ricordiamo…insomma non sono i Warriors di Don Nelson

    Ciò non toglie che questi Rockets sono secondo me un gruppo da talento davvero mediocre, e questo valorizza ancora di più il lavoro del coach e del Barba…ma vederli fuori presto nei playoff non mi sorprenderebbe molto

  • misterwolf

    i suns di d’antoni ti davano sempre l’idea che ad un certo punto avrebbero perso
    le due finali di conference perse col fattore campo

    forse l’anno in cui realmente avrebbero potuto è il 2007 ma poi è successo il caos
    la pallacanestro moderna deve molto a d’antoni,e sia chiaro che ha grandi meriti con questi rockets
    ma sono diffidente in chiave p.o.