NFL Tuesday 19: Recap della Week #16!

  1. Tanti i temi che hanno animato la week 16 della Stagione NFL: gravi infortuni paralizzano le chances di successo di alcuni team, altre franchigie raggiungono la post-season e i campioni in carica vanno in vacanza prima del lecito. E poi ci sarebbero i Browns…

NFL WEEK #16

NFL - Risultati - Week #16 - 2016Della giocata dell’anno di Antonio Brown che consente agli Steelers di superare i Ravens parleremo nell’approfondimento qui sotto e decidiamo di regalare la copertina ai Cleveland Browns. Il team di coach Hue Jackson batte sul proprio campo San Diego e interrompe la maledizione stagionale che sembrava destinata a durare in eterno. A dare una mano ai Browns ci pensa il mezzo suicidio dei Chargers che falliscono due field goal nei minuti finali della partita. Per i tifosi in arancione arriva quindi la soddisfazione di una vittoria che previene i Browns dall’entrare nella parte sbagliata della Storia, lasciando i Detroit Lions del 2008 come gli unici a completare una stagione da 0-16.

Detto della maledizione spezzata da Cleveland, diamo il giusto spazio ad un’altra franchigia che risorge dopo un lungo periodo di digiuno: per la prima volta dal 2008 i Miami Dolphins accedono alla post-season NFL: sono le 209 yards su corsa di uno scatenato Jay Ajayi a trascinare la franchigia della Florida sul campo dei Buffalo Bills e a consegnare al giovane Adam Gase un ticket per Gennaio nel su primo anno da Head Coach.

Il quadro delle partecipanti ai playoff è completato dai Kansas City Chiefs che, schiantando i Denver Broncos all’Arrowehead Stadium, conquistano un biglietto per i playoff e condannano i campioni in carica ad un inglorioso finale di stagione. Ad aggiungere la beffa al danno, il coache dei Chiefs, Andy Reid, si prende il lusso, a risultato già acquisito, di far lanciare un touchdown pass al suo (enorme) defensive tackle Dontari Poe che beffa così la forte difesa dei Broncos e diventa così il giocatore NFL più pesante di sempre ad aver lanciato un touchdown.
L’ultimo posto è conquistato dagli Houston Texans che, in una partita dimenticabile, battono i deludenti Cincinnati Bengals e, approfittando del tracollo dei Tennessee Titans contro i Jacksonville Jaguars (il qb dei Titans, Marcus Mariota, si frattura la gamba durante la partita), tagliano il traguardo con una settimana d’anticipo.

Segnaliamo, in chiusura di analisi della AFC, il gravissimo infortunio che toglie di mezzo il quarterback degli Oakland Raiders Derek Carr. Nel match vinto con gli Indianapolis Colts, il talento ex Fresno State candidato al premio di MVP stagionale, subisce un sacks da Trent Cole, gira male la gamba nel cadere e si frattura il perone. Per i nero-argento la frittata è fatta e la post season assume contorni ben diversi da quelli sperati.

Se il quadro delle partecipanti ai playoff in AFC è già definito, in NFC sono ancora 4 le squadre che si contendono gli ultimi due posti al sole ad una settimana dalla fine della Regular Season. Con Cowboys, Seahawks e Atlanta Hawks già qualificati, sono Detroit, Green Bay, Washington e Tampa Bay ad inseguire la terra promessa.

In Wisconsin Aaron Rodgers ribadisce il suo stellare stato di forma e demolisce i Minnesota Vikings preparando i gialloverdi allo showdown finale con i Detroit Lions per la conquista della NFC North in programma il primo giorno del 2017 a Detroit. Purtroppo per i Lions, il coach dei Dallas Cowboys fa giocare tutti i titolari e dopo una prima metà di gara equilibrata, i ‘Boys prendono il largo schiantando gli ospiti. Aggrappati alla speranza di un posto al sole rimangono anche i Washington Redskins che, intercettando ben cinque volte il qb dei Bears Matt Barkley, vincono contro Chicago in maniera piuttosto agevole, rimandando il verdetto sulla qualificazione alla post season all’ultima partita con i già qualificati New York Giants (indolore il ko sul campo dei Philadelphia Eagles).

Speranze ridotte al lumicino per i Tampa Bay Buccaneers cui costa carissima la sconfitta con i New Orleans Saints: per Jameis Winston & Co. rimane comunque l’ottima stagione appena giocata

PROTAGONISTI

Jay Ajayi, RB, Miami Dolphins. Con il qb Ryan Tannehill fuori fino a fine stagione per infortunio è ancora una volta il running back ex Boise State a mettersi sulle spalle tutto l’attacco dei Miami Dolphins. 32 corse, 206 yards e 1 td sono sufficienti per staccare, dopo otto anni, il biglietto playoff per la franchigia della Florida

Adam Thielen, WR, Minnesota Vikings. La stagione dei Minnesota Vikings, cominciata alla grande, si conclude miseramente sul prato del Lambeau Field di Green Bay. Una nota positiva è però la prestazione di Adam Thielen che, contro i Packers, ammassa 202 yards su 12 ricezioni segnando anche 2 td e risultando imprendibile per i cornerback di Green Bay

Aaron Rodgers, QB, Green Bay Packers. “28 su 38 per 347 yards 4 td” e la sensazione che il Rodgers dei tempi migliori sia definitivamente tornato. Le critiche e le perplessità di inizio stagione sono del tutto spazzate via. Con i Vikings l’ex Cal passeggia sul velluto per tutta la partita coinvolgendo tutti i propri ricevitori.

 

MATCH OF THE WEEK

Pittsburgh Steelers – Baltimore Ravens 31-27

Ci si aspettava una battaglia fra Ravens e Steelers. E’ battaglia è stata. Il 7-6 dei primi due quarti (frutto di una poderosa prova delle due difese) caratterizza, però, solo una parte della contesa. Dal terzo quarto sono fuochi d’artificio a tutti i livelli. Il field goal con cui ad inizio quarto quarto Justin Tucker porta avanti 20-10 i Baltimore Ravens sembra far pendere la bilancia al team di coach John Harbaugh che, fino a quel momento ha ammanettato il micidiale attacco degli Steelers.Con le spalle al muro e con la situazione playoff semi compromessa, Pittsburgh trova nei suoi assi offensivi la risposta a tutti i problemi. I due touchdown con cui LeVeon Bell perfora la difesa dei nero viola ribaltano la situazione e fissano il punteggio sul 24-20 per i padroni di casa. Heinz Field è un calderone ribollente e per i Ravens sembra essere passato il treno per un incredibile colpaccio. Sembra, appunto.

Joe Flacco non si perde d’animo e con un lungo drive (quasi sei minuti) porta Baltimore ai confini della endzone di Pittsburgh: la corsa di Juszczyk firma il touchdown per i Ravens con poco più di un minuto dalla fine. La beffa è servita e per gli Steelers la speranza di ribaltare tutto è legata al suo quarterback: Roethlisberger non tradisce, e incastra una serie di lanci che confonde le secondarie di Baltimore e issa a sole 4 yards dalla endzone avversaria a poco più di dieci secondi dalla sirena finale. Con quel tempo sul cronometro c’è tempo per un unico, singolo lancio (prima di andare con l’eventuale field goal del pareggio): Big Ben decide di affidarsi alla sua freccia preferita e trova sul breve Antonio Brown che, ricevuto l’ovale, riesce nello stretto ad allungarsi quel tanto che basta per segnare la metà del sorpasso a pochissimi secondi dalla fine. Game, set, match.
Gli Steelers confermano di essere micidiali a livello offensivo (il trio Roethlisberger, Bell, Brown è il migliore della Lega a livello di combo QB, RB, WR) ed entrano ai playoff come l’unica vera minaccia per i favoritissimi New England Patriots.

.

Next Week 

Cincinnati-Baltimore
Tennessee-Houston
Tampa Bay-Carolina
Pittsburgh-Cleveland
Philadelphia-Dallas
New York Jets-Buffalo
Minnesota-Chicago
Indianapolis-Jacksonville
Miami-New England
San Diego-Kansas City
Los Angeles-Arizona
Denver-Oakland
Washington-New York Giants
San Francisco-Seattle
Atlanta-New Orleans
Detroit-Green Bay

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL.

Nickname: Fabio G