Wade salva Chicago, Cavs KO, Sacramento vola!

Chicago torna a vincere e lo fa col solito Dwyane Wade in un match che si stava complicando, Toronto espugna Portland (senza Lillard), Detroit esce alla distanza contro i Cavs (senza James), Randy Foye condanna sulla sirena Charlotte e Sacramento vince ancora!

REGULAR SEASON

Washington Wizards – Milwaukee Bucks 107-102
WAS: Porter 32 (13 rimb), Morris 18, Gortat 4 (12 rimb), Beal 22, Wall 18 (16 ass)
MIL: Antetokounmpo 22 (12 rimb), Parker 14, Snell 20, Dellavedova 8 (11 ass), Monroe 16

Vittoria in volata per i Washington Wizards contro Milwaukee con Otto Porter Jr. protagonista nel finale; a 70” dalla fine Milwaukee sui porta sul -1 (101-100), tripla di Porter per il +4 a 49” a non è finita, Wall va per chiuderla dalla lunetta ma fa 1/2 per il +3 (105-102) a 13” lasciando un’ultima chance ai Bucks, ma la bomba di Tony Snell non troverà il bersaglio a 7”.

Orlando Magic – Memphis Grizzlies 112-102
ORL: Gordon 30, Ibaka 16, Biyombo 10 (12 rimb), Meeks 13, Augustin 10, Payton 16, Vucevic 13
MEM: Gasol 11, Allen 10, Conley 17, Ennis 11

Orlando manda 7 giocatori in doppia-cifra a referto e batte Memphis; padroni di casa dominanti nei primi 24’, al riposo lungo il tabellone luminoso dell’Amway Arena recita 68-43 Magic rei del 57% dal campo con già 4 giocatori in doppia-cifra. Vantagio poi amministrato nel secondo tempo.

Brooklyn Nets – Charlotte Hornets 120-118
BKN: Lopez 21, Booker 3 (12 rimb), Kilpatrick 23, Lin 17, Bogdanovic 26, Hollis-Jefferson 10
CHA: Kidd-Gilchrist 12 (10 rimb), Zeller 15, Batum 24, Walker 15, Lamb 17, Kaminsky 13

Italian Job: Belinelli DNP

Rady Foye realizza solo 3 punti ma sono quelli decideranno la partita tra Nets e Hornets nel finale; a 3” dalla sirena finale, sul +1 Nets (117-116), Trevor Booker stoppa Kemba Walker ma sbuca Cody Zeller che realizza il Tap-In del sorpasso Hornets! Ultimo tiro per i padroni di casa, rimessa dal lato effettuata da Bogdanovic che serve Foye il quale, con Walker addosso, spara la bomba sulla sirena he regala il successo ai Nets!

Detroit Pistons – Cleveland Cavaliers 106-90
DET: Leuer 13, Morris 15, Drummond 11 (17 rimb), Caldwell-Pope 18, Jackson 13, Harris 21
CLE: Love 17 (14 rimb), Thompson 7 (10 rimb), Irving 18, Shumpert 11, Felder 11, Frye 11

Patita senza storia a Detroit con i Pistons che battono i Cavs privi di LeBron James; Detroit comanda per tutta la partita ma solo sul finire del 3° quarto riesce a trovare la fuga, break di 14-3 per il +125 (79-64) con i Cavs che alzeranno bandiera bianca.

Chicago Bulls – Indiana Pacers 90-85
CHI: Butler 16, Gibson 10, Lopez 8 (12 rimb), Wade 21, Mirotic 20, Grant 10
IND: George 14, Young 12, Turner 16, Jefferson 11, Brooks 19

Tornano a vincere i Chicago Bulls e lo fanno contro gli storici rivali degli Indiana Pacers grazie al solito Dwyane Wade e ai 20 punti uscendo dalla panchina di Nikola Mirotic; Bulls che dominano il 1° tempo arrivando anche a toccare il +16 ma Indiana non molla e a 45” dalla sirena finale George spara la bomba del -1 (86-85)!
A togliere le castagne dal fuoco per i Bulls ci pensando prima Mirotic col canestro del +3 a 21” e poi Wade perché George sbaglia la tripla del pareggio, i Pacers conquistando il rimbalzo offensivo e D-Wade scipperà Brooks andando a schiacciare per il 90-85 finale!

New Orleans Pelicans – Dallas Mavericks 111-104
NOP: Hill 10, Cunningham 11, Davis 28 (16 rimb), Hield 14, Holiday 7 (11 ass), Moore 16, Galloway 17
DAL: Barnes 15, Nowitzki 10, Matthews 17, Williams 24, Curry 16

Anthony Davis dice 26+18 e New Orleans batte Dallas nel finale; è proprio il “Monociglio” a decidere la contesa, a 2’50” dalla conclusione i Mavs si portando sul -2 (98-86), Davis si carica sulle spalle la squadra e piazza un personale break di 5-0 per il +7 (103-96) a 1’42”, margine che consentirà ai Pelicans di tenere a distanza Dallas fino alla fine.

Houston Rockets – Phoenix Suns 131-115
HOU: Anderson 15, Ariza 8 (10 rimb), Harrell 14, Beverley 11, Harden 32 (12 ass), Gordon 15, Dekker 12
PHX: Chriss 12, Booker 16, Bledsoe 24, Warren 11, Knight 21, Bender 11 (13 rimb)

James Harden e i suoi Rockets ci impiegano giusto il primo tempo ad archiviare la pratica Suns in una sfolgorante vittoria; al riposo lungo i giocatori di D’Antoni sono avanti 69-43 con Harden autore di 15 dei suoi 32 punti finali, nel secondo tempo Houston arriverà a toccare anche il +34 col “Barba” che realizzerà 7 assist.

Minnesota Timberwolves – Atlanta Hawks 104-90
MIN: Wiggins 21, Dieng 14, Towns 22 (11 rimb), LaVine 21, RUbio 3 (10 ass), Muhammad 12
ATL: Sefolosha 13, Howard 20 (12 rimb), Humphries 12

Il duo Wiggins-Towns trascina i Timberwolves alla vittoria casalinga contro gli Hawk del rientrante Howard; match deciso dal 3° quarto, dopo essere andati al riposo sul +9 (54-45) i T-Wolves dominano al terza frazione 35-20 con Wiggins autore di 12 dei suoi 21 punti finali e un ottimo 61% dal campo contro il 40% degli avversari, dal +9 al +24 (89-65) e partita in ghiaccio.

Portland Trail Blazers – Toronto Raptors 91-95
POR: Harkless 10, Plumlee 13 (15 rimb), McCollum 29, Napier 10
TOR: Valanciunas 12 (12 rimb), DeRozan 20 (10 rimb), Lowry 27, Patterson 15

Quarta vittoria consecutiva per i Toronto Raptors, seconda nel tour ad Ovest e stavolta i quel di Portland contro i Trail Blazers privi di Damian Lillard; finale in volata con McCollum che spara la tripla del -2 Portland (89-91) a 49”, DeRozan prova a rispondergli con la stessa moneta, sbaglia ma si prende il rimbalzo a 17” dalla fine. Dopo il time-out Raptors arriveranno 2 liberi per Corey Joseph per il +4 che di fatto decideranno la partita insieme all’altro 2/2 di DeRozan a 11” per il 91-95 finale.

Los Angeles Clippers – Denver Nuggets 102-106
LAC: Jordan 12 (11 rimb), Crawford 24, Rivers 19, Felton 10, Bass 11
DEN: Gallinari 23 (11 rimb), Jokic 24 (10 rimb), Harris 10, Barton 23

Italian Job: Gallinari 23 pt (3/7, 2/5, 11/12), 11 rimb (1 off), 1 ass, 2 perse, 3 rec in 37’

Danilo Gallinari e Nikola Jokic trascinano i Nuggets al successo sui Clippers privi anche di JJ Redick; Denver scappa via nel 2° quarto (40-23) per andare al riposo lungo avanti di 17 (63-46) col Gallo autore di 15 punti, sembra fatta ma i Clippers non mollano, rimontano e a 52” dalla fine sono sul -1 (100-99)!
Barton segna il canestro del +3, Speights sbaglia la potenziale bomba del -1 a 27” e il Gallo chiuderà i conti con un 2/2 a 16” per il +5 (104-99).

Sacramento Kings – Philadelphia 76ers 102-100
SAC: Gay 17, Cousins 30, Laeson 12
PHI: Embiid 25, Rodriguez 18, Ilyasova 17, Saric 12

Momento magico per i Sacramento Kings che vincono la 4^ partita consecutiva battendo di misura i 76ers; tanto per cambiare è DeMarcus Cousins l’uomo del match, sua la tripla a 20” dalla conclusione per il sorpasso Sacramento sul 99-97, Ilyasova sbaglia e Temple con 2 liberi darà il +4 (101-97) a 14”.
Kings che sudano freddo quando a 5” dalla fine Cousins fa 1/2 dalla lunetta per il +2 (102-100), Phila non ha Time-Out e Embiid va subito la tiro ma Cousins lo stoppa una prima volta a 2”, la palla torna nelle mani di Embiid che tirerà sulla sirena ma senza fortuna.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Lorenzo Escriva

    onestamente ragazzi avete ragione…però c’è da dire che Paul l’anno scorso c’era e si faceva il culo…cioè non è che ha smesso di giocare o cose così…secondo me non gli va a genio la nuova squadra, non gli va a genio l’allenatore e semplicemente vorrebbe andarsene…comunque ai playoff ha sempre strafatto e credo che da qui ad aprile risorga….spero, mi è sempre stato simpatico…

  • Lorenzo Escriva

    su james non commento perchè son cazzate quelle del lebron toglie potenziale etc…lebron è un grandissimo e si vede quanta differenza fa…su Jefferson per me non conta un cazzo quello che hanno fatto 30 anni fa o chi l’ha fatto…i pistons contro jordan erano degli stronzi e per me quello non è basket…ma d’altro canto dopo le hanno prese e gli sta bene….ora nessuno dice che jefferson è un bastardo o cose così…ho detto che ha fatto una cagata e non va elogiato (come viene fatto in questo e in altri siti) anzi va detto che è un maiale per quello che ha fatto…se era forte difendeva e faceva sbagliare durant con la difesa non con le furbate…semplice…sinceramente a me rich è sempre stato simpatico ma questa non doveva farla perchè le furbate son cose da codardi…cose che proprio non sopporto…comunque non facciamola troppo lunga dai…

  • Michael Philips

    shaq segnava quanto lebron ma non creava nulla eh.
    Guarda le finals.
    Lebron 30pts 11 rimbalzi e 9 assist, più difesa su chiunque, da curry a green klay e anche i lunghi. Shaq era inarginabile in attacco, ma globalmente non ti dava quanto lebron, non ti metteva game winner come lebron, e spesso non poteva stare in campo nei finali visti i suoi problemi ai liberi. Poi si parla di pivot, quindi di un giocatore che doveva essere rifornito e che non aveva la libertà di un kobe o lebron o jordan.
    Ultima cosa, shaq ha dominato un’era senza avere avversari nel suo ruolo, lebron ha dominato un’era ricca di talento proprio nel suo ruolo. La differenza credo stia qui.

  • In Your Weis

    Brazzzz

    Per quello che mi riguarda lo Shaq 2000-2002, forse fino al 2004, è il giocatore più devastante che abbia mai visto, più di James, più di Jordan, più di chiunque. Mai visto uno che da solo costringeva un’intera difesa ad adeguarsi, una cosa fuori dal mondo

    E’ anche vero che O’Neal non ha avuto la continuità di rendimento di LeBron, che ormai dal 2007 è, sostanzialmente, il migliore della Lega, o comunque, uno che non è mai sceso sotto l’eccellenza assoluta

    Su Wade

    Wade è da 3-4 anni un’ottima guardia, uno da 20 a partita, che fa fatica a portare le sue squadre ai playoff, e che resiste tra i primissimi del ruolo anche perchè quello di guardia è un ruolo in forte crisi. Poi lui è fuori da ogni sospetto, nel senso che anche prima di James aveva fatto i botti

    Ma queste curiose teorie per cui James succhia l’energia dai compagni o cose del genere…maddai, non è più facile ammettere che Irving, Bosh, Love per quanto talentuosi non hanno semplicemente questo impatto sui risultati di una franchigia? Poi non significa siano scarsi, tutt’altro, solo che quando hai LeBron a catalizzare tutta la pressione, ed a pulire dove gli altri fanno casino, ed a darti sempre una chance di vittoria, credo diventi tutto più facile

    Comunque mi fermo qui, sono discorsi assurdi, com’è assurdo che ancora si metta in dubbio questo ragazzo, o non se ne ammetta l’enormità, invece di infilarsi in teorie astruse per le quali rende i compagni dipendenti o schiavi

  • In Your Weis

    Boh, se vuoi farti il sangue amaro fai tu, io non capisco questa animosità. Il fallo di Jefferson è involontario, sei gli arbitri non fischiano colpa loro, chiamare maiale o codardo uno perchè gli arbitri sbagliano, tra l’altro su un fallo del tutto innocente e senza pericolo per chi lo subisce, mi pare del tutto fuori luogo

    Poi ognuno si sceglie i nemici che preferisce

  • lorenzo tonelli

    Di doping c’è ne in qualsiasi sport…però son curioso di leggerlo comunque..non credo che in Nba si prenda meno ormone della crescita o testosterone che in nfl o mlb

  • sconocchini

    sei ingeneroso con cousins. in questo momento, che piaccia o no ai suoi detrattori, cousins sta abbondantemente sopra davis, antetokoumpo e anche kryie.

  • Michael Philips

    in effetti me lo ero dimenticato…e l’ho appena accennato solo dopo.

    sopra davis in base a cosa esattamente?

  • Michael Philips

    Sì ma fino a quando non escono fuori nomi e prove le chiacchiere stanno a zero.

    Pure Karl che dice che “è ovvio che nell’nba c’è il doping” senza ovviamente fare mezzo nome, o mostrare prove serie, allora a che serve? fino a qui vale quanto le dicerie che si sentono da anni accompagnate da teorie bizzarre.

    Armstrong era stato fermato da giovane, poi pur vincendo ha sempre avuto una gigantesca ombra di sospetto sulle spalle.

    Karl parla di giocatori che vanno in germania, e il più celebre è Kobe. Ora dico, fai il nome no? Perché no invece? perché sono congetture e ripeto, dette così senza alcuna spiegazione sembrano più calunnie che altro. Calunnie verso ignoti poi.

  • gasp

    Abbondantemente no… come al solito se connettesse il cervello non ci sarebbe alcun dubbio sulla tua affermazione

  • Lorenzo Escriva

    bah…nessuna animosità non capisco perchè continui su questa linea…ha fatto una cagata e è inutile che si faccia pubblicità della sua furbata…gli arbitri han fatto poco l’altra sera….comunque non credo di doverne parlare più…a me non piace quello stile…ognuno potrà avere la sua opinione credo…

  • lorenzo tonelli

    Le chiacchiere stanno a zero ma c’è anche prescindere da nomi o no…armstrong faceva direttamente prima..finanziava l uci con donazioni per ricattare il presidente…però la velocità media è aumentata ancora..

  • lilin

    No dai sopra davis io non lo vedo proprio…difesa non inizia nemmeno il discorso…uomo squadra davis e pellicans molto piu scarsi. Offensivamente diversi ma ugualmente efficaci

  • Hanamichi Sakuragi

    X me non l’ha fatto a posta, cmq fmb a parti invertite non avresti elogiato il worrior autore del fallo…stile porcate di green

  • Hanamichi Sakuragi

    Che shaq saltasse i finali perché sbagliava i liberi è un po’ revisionismo storico..magari era fuori x falli.

  • Che stress…

  • Hanamichi Sakuragi

    te tocca… passi non essere superpartes in fondo piace anche a te.. ma se elogi le furbate (e ripeto per me è involontaria) poi non puoi aspettarti che nessuno te lo faccia notare