Pazzesco Thomas (52), Embiid batte Gallinari!

Notte pazzesca a Boston con Isaiah Thomas che firma il suo Career-High a quota 52 punti di cui 29 nel 4° periodo per battere Miami, Triple-Doppie per James Harden e Kevin Durant, Indiana batte Chicago, Embiid batte il Gallo di misura!

REGULAR SEASON

Indiana Pacers – Chicago Bulls 111-101
IND: George 32, Young 17, Turner 15, Robinson III 12 (10 rimb)
CHI: Butler 25, Gibson 10, Wade 20, McDermott 10, Carter-Williams 12, Felicio 12 (12 rimb)

Ad Indianapolis i Pacers battono i Bulls col solito Paul George (32 punti, 11 nel 4° periodo) protagonista con la serie stagionale che si conclude con un 2-2; le squadre entrano nell’ultimo periodo sul +11 Pacers (84-73) ma a metà frazioni i Bulls ricuciono il distacco con Wade e Rondo in panchina e un gioco da 3 punti di Carter-Williams vale il 95-95, Chicago non riesce a mettere la testa avanti e con un break di 8-2 firmato George-Young vale il +6 (105-99) a 149” dalla fine. Il colpo di grazia arriva a 66” con Wade che sbaglia il floater del possibile -2, Young parte in contropiede e subisce il fallo tattico di Carter-Williams che viene decretato come “Clear To Path”, Indiana metterà 4 punti col fadeaway di PG13 per il +8 (109-101) che manderà i titoli di coda. Rondo tutto il 2° tempo in panchina.

Washington Wizards – Brooklyn Nets 118-95
WAS: Porter 12, Morris 10, Gortat 19 (13 rimb), Wall 19 (14 ass), Smith 10, Burke 27
BKN: Bogdanovic 12, Booker 16, Lopez 11, LeVert 12, Hollis-Jefferson 16

Ai Washington Wizards basta un solido primo tempo per archiviare la pratica Nets con un Trey Burke da 27 punti uscendo dalla panchina: proprio l’ex Jazz è il mattatore dei primi 24’, realizza 20 dei suoi 27 punti, Wall ne piazza 15 su 19 finali e i capitolini vanno negli spogliatoi sul 66-50, vantaggio amministrato nella ripresa.

Boston Celtics – Miami Heat 117-114
BOS: Horford 21, Thomas 52
MIA: Winslow 11, Whiteside 11, Richardson 19, T.Johnson 19, J.Johnson 22, Ellington 14

Al TD Garden di Boston è la notte di Isaiah Thomas, dicasi 52 punti (15/26 dal campo) e super vittoria di misura dei Celtics sugli Heat; si entra negli ultimi 12’ sul +4 Boston (82-8), Thomas decide che è il suo momento, realizzerà 29 dei suoi 52 nonché 29 su 36 di squadra nella frazione! Il momento chiave arriva a 37” dalla fine, sul +2 Celtics (108-106) Thomas sbaglia il tiro da 2, rimbalzo di Jerebko e Thomas stavolta fa un passo indietro sparando la bomba del +5 (111-106) che di fatto segnerà la contesa.

New Orleans Pelicans – New York Knicks 104-92
NOP: Davis 23 (18 rimb), Hield 12, Holiday 12 (11 ass), Evans 16, Moore 12
NYK: Anthonyb26 (13 rimb), Porzigis 21 (12 rimb), ROse 20

Terza sconfitta consecutiva (6^ nelle ultime 8) per i New York Knicks ai quali non bastano i 67 punti del trio Anthony-Porzingis-Rose per espugnare New Orleans; New Orleans comanda si dalla palla a due ma solo ad inizio 4° periodo riesce a trovare la fuga decisiva, sul +8 (83-75) piazza un break di 8-0 chiuso con una tripla di Galloway per il 91-75 con 7’44” da giocare.

Houston Rockets – Los Angeles Clippers 140-116
HOU: Ariza 18, Beverley 15, Harde 30 (13 rimb, 10 ass), Harrell 29, Gordon 19, Brewer 10
LAC: Johnson 10, Jordan 20, Felton 26, Anderson 10, Speights 15

Passeggiata per gli Houston Rockets sugli acciaccati Clippers (senza Paul) con James Harden che sigla la 7^ Tripla-Doppia stagionale (30+13+10); il “Barba” mette subito le cose in chiaro nei primi 12’ realizzando 17 dei suoi 30 punti finali per il +14 Houston (37-23), L.A non si scoraggia e le squadre entrano nel 4° periodo con Houston avanti solo di 8 (108-100). Le energie per rimontare però abbandonano i Clippers che negli ultimi 12’ tireranno col 28% contro il 59% degli avversari trascinati da Montrezl Harrel (13 punti), 32-18 l’ultima frazione in favore dei ragazzi di D’Antoni.

Minnesota Timberwolves – Milwaukee Bucks 116-99
MIN: Wiggins 31, Towns 18 (16 rimb), LaVine 24, Muhammad 22, Bjelica 10
MIL: Antetokounmpo 25, Parker 20, Brogdon 11, Beasley 12

Andrew Wiggins batte Jabari Parker nella sfida tra T-Wolves e Bucks; Minnesota prende subito le redini del match dopo un 1° quarto da 34-21, Milwaukee torna in scia ma sulla fine del 3° quarto è costretta a gettare la pugna subendo un parziale di 10-3 per il +16 (85-69) con 50” da giocare. Minnei toccherà anche il +19.

Atlanta Hawks – Detroit Pistons 105-98
ATL: Millsap 26, Howard 10 (15 rimb), Bazemore 10, Schroder 17, Korver 22
DET: Harris 14, Leuer 22, Drummond 15 (15 rimb), Cadlwell-Pope 12, Jackson 20

Paul Millsap trascina gli Atlanta Hawks contro i Detroit Pistons; a 3’32” dalla conclusione Detroit si porta sul -5 (95-90) ma prima un turnover di di Reggie Jackson e poi la tripla mancata da Harris condanneranno i Pistons, Atlanta non perdonerà e piazzerà un 4-0 firmato Howard-Millsap per il +9 a 73” dalla sirena finale.

San Antonio Spurs – Portland Trail Blazers 110-94
SAS: Gasol 10, Green 18, Parker 18, Ginobili 14, Simmons 19
POR: Harkless 12, Crabbe 11, McCollum 29

Malgrado l’assenza di Kawhi Leonard i San Antonio Spurs battono i Portland Trail Blazers col solito copione; Portland fa al riposo lungo avanti 47-52, nel 2° tempo gli Spurs concederanno solo 41 punti agli ospiti rifilandogliene 63 col 57% dal campo.

Denver Nuggets – Philadelphia 76ers 122-124
DEN: Gallinari 18, Chandler 10, Jokic 25, Harris 17, Mudiay 22, Barton 11, Nelson 11
PHI: Covington 19, Ilyasova 23 (13 rimb), Embiid 23, Stauskas 10, McCOnnell 17, Saric 13

Italian Job: Gallinari 18 pt (3/6, 1/5, 9/9), 5 rimb (1 off), 2 ass, 1 persa in 29’

Tornano a vincere i Philadelphia 76er che espugnano con un finale thriller il Pepsi Center di Colorado con Joel Embiid protagonista; a 49” dalla fine punteggio sul 117-117, Phila scappa sul +3 con un 3/4 ai liberi di Embiid a 15” dalla fine, Gallinari tiene in vita i suoi con la schiacciata del -1 (119-120) a 10”, fallo sistematico sul Covington che non trema dalla lunetta per il +3 (119-122) a 8”.
Phila se la gioca all’europea commettendo subito fallo su Mudiay il quale mette il 1°, sbaglia apposta il secondo ma il rimbalzo sarà del solito Joel Embiid.

Golden State Warriors – Dallas Mavericks 108-99
GSW: Durant 19 (11 rimb, 10 ass), Green 13, Thompson 29, Curry 14
DAL: Barnes 25, Nowitzki 11, Matthews 14, Williams 11, Powell 10 (13 rimb), Curry 11

Tripla-Doppia (prima stagionale) per Kevin Durant con Golden State che demolisce Dallas riposandosi nell’ultimo quarto; solito dominio dei padroni che dopo aver chiuso il riposo lungo avanti 49-48 chiudono i conti nel 3° grazie a 17 punti di Klay Thompson (su 29 finali) per andare sul +22 (91-69). Golden State toccherà anche il +25 prima di alzare il piede dall’acceleratore.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Vi aspetto tutti alle 17 qui sul sito!

  • michele

    Paul George legge il sito e i commenti. Applausi per il piccolo grande uomo di Seattle, in prophet Isaiah we trust!

  • misterwolf

    rondo e carter williams sono un castigo divino

    sono sempre piu convinto che tra harden e westbrook la differenza la fara il record di squadra, ma non è da escludere uno scontro al primo turno P.o. …

  • michele

    cancer-williams, storico calembour del sito ( MP o low profile, non ricordo esattamente) eheheheh

  • gasp

    I Bulls sono stati costruiti da cani ma ehi, è colpa di Hoiberg che non ha dato un’ identità alla squadra…

  • In Your Wais

    Dubito che nella NBA esista un giocatore con più palle e determinazione, pound per pound, di I.Thomas. Quel ragazzo è uno spettacolo, continuo a pensare che non vai lontano se lui è il tuo 1° violino, ma tanto di cappello al suo cuore

    Finora 6 giocatori hanno realizzato un 50ello in questa stagione, AD, Klay, Wall, Westbrook, Thomas e Cousins…se non erro il record di giocatori diversi con almeno 50 punti in una stagione è 7, se è così mi sa che siamo molto vicini a superarlo

  • In Your Wais

    So che non è un commento molto tecnico, ma posso dire che la Top 10 actions di stanotte è una ficata?

  • Isaiah quando va On-Fire credo non abbia eguali anche perché può segnare in qualunque modo e qualunque posizione, PAZZESCO!

  • Rondo con o senza non si vee la differenza, MCW fa il solito casino però qualcosa di dà (11+8 ieri)…finirà che Wade giocherà Playmaker

  • Il poster di Wiggins se la gioca con l’assist di Harden

  • Loco Dice

    Ma il record di Detroit da quando è rientrato Reggie Jackson?
    Non si perde occasione per sottolineare il record di Memphis con Conley in campo, mi piacerebbe sapere quello dei Pistons da quando è rientrato il loro leader. A naso direi piuttosto negativo

  • Te lo dico subito: 5-9

  • Michael Philips

    sì ma 29 pts andavano benissimo anche in totale, non nel solo quarto periodo.
    Thomas ha dei momenti in cui proprio non lo fermi, e a vedere il rendimento stagionale(27.7, 45% dal campo e 90% ai liberi) direi che questi momenti capitano molto spesso.

    Ora ricalco la mano:

    Thomas, 175cm, tira con il .450% dal campo.

    Harden, 195cm, il .448%
    George, 206cm, il .447%

    Wiggins, 203cm, il .447%
    Westbrook, 191m, il .430%
    Cousins, 211cm, il .458%
    Butler, 201cm, il .453%
    Anthony, 203cm, il .425%

    Lo stesso Iverson faticava al tiro con % basse, in alcune stagioni anche sotto il 40%.

  • Michael Philips

    Deandre Jordan
    20+13 con 9/11 dal campo e………..2/2 ai liberi!!!!!!!!!!!!!

  • mad-mel

    Sarà da ridere qst estate. Voglio vedere che contratto pretenderà isiah e cosa faranno i celtics.
    Potrebbe essere anche un go to guy, però i celtics devono trovare qualcosa di serio in ala piccola e guardia.

  • michele

    Tu pensa al contratto che avete dato a Noah eheheh…cmq ne parlavo proprio l’altro giorno, sarà un grosso problema. Thomas è stato un colpaccio geniale di Ainge, arrivato come un paria ed è diventato un all star ( anche grazie a Stevens che gli ha dato fin da subito fiducia), ovvio che meriti come minimo lo stesso trattamento di Horford. Ma potrebbe benissimo andarsene, se arrivasse un offertona alla Conley. Bradley e Crowder sono due giocatori seri, specialmente il primo……alla fine il “problema” è sempre il solito, fosse arrivato durant un quintetto thomas-bradley-crowder-durant-horford sarebbe stato da titolo. Cosi’ invece Ainge è rimasto un po’ col cerino in mano e adesso dovrà ridisegnare tutto.

  • Michael Philips

    io credo che se i celtics avessero tutti i giocatori del roster in vendita, Bradley sarebbe il più richiesto.

  • Hanamichi Sakuragi

    Io credo che quelli di durant e harden siano quasi scontati