Westbrook-Harden botta e risposta, ok Cavs

Botta e risposta nella notte NBA tra Russell Westbrook e James Harden a suon di Triple-Doppie con quella del Barba superlativa, Triple-Doppie rispettivamente 16esima e 8ava della stagione ed entrambi vincenti, Cleveland passa a Charlotte senza Irving, Milwaukee si conferma incubo dei Bulls!

REGULAR SEASON

Sacramento Kings – Memphis Grizzlies 98-112
SAC: Barnes 20, Cousins 26, Collison 16, Tolliver 16
MEM: Green 18, Allen 11, Conley 22, Randolph 14, Carter 14, Daniels 11

Memphis vince a Sacramento malgrado un Marc Gasol da 0/6 dal campo; dopo aver chiuso il 1° tempo avanti 45-50 i Grizzlies trovano ad inizio ripresa il parziale per scappare via, break di 9-0 per andare sul +15 (49-64) e non girarsi più, Memphis toccherà anche il +22!

Chicago Bulls – Milwaukee Bucks 96-116
CHI: Butler 26, Gibson 11, Lopez 12 (11 rimb), McDermott 13, Mirotic 10
MIL: Antetokounmpo 35, Parker 27, Brogdon 15 (11 rimb, 12 ass), Monroe 15 (12 rimb)

I Milwaukee Bucks si confermano bestia nera dei Chicago Bulls (senza Rondo, sospeso) battendoli per la terza volta su 3 partite, il duo Antetokounmpo-Parker protagonista ma c’è pure la Tripla-Doppia del rookie Malcolm Brogdon (15+11+12); match è equilibrato per 3 quarti con gli sopiti che entrano nell’ultima frazione avanti solo 7680, poi il crollo dei Bulls!
Milwaukee piazza un break di 10-0 ad inizio 4° portandosi sul +11 (79-90) e non si girerà più, dominerà il quarto 36-20 con Antetokounmpo autore di 14 dei suoi 35 punti finali e il 68% di squadra contro il tragico 33% (6/18) dei padroni di casa.

Charlotte Hornets – Cleveland Cavaliers 109-121
CHA: Kidd-Gilchrist 12, Williams 10, Batum 13, Walker 37, Kaminsky 15
CLE: James 32, Love 28 (10 rimb), Thompson 11, McRae 20, Felder 13

Italian Job: Belinelli DNP

Kyrie Irving si prende una notte di riposo ma Cleveland non sbanda, James e Love combinano per 60 punti con Jordan McRae che ne mette 20 partendo proprio al posto di “Uncle Drew”, vani i 37 di Kemba Walker; LeBron pare forte realizzando 17 dei suoi 32 nel 1° quarto portando i Cavs sul 28-35 alla prima sirena, nel2° quarto è il turno di Kevin Love con 15 dei suoi 28 finali per allungare il vantaggio sul +12 (59-71). Cleveland amministrerà il vantaggio nel secondo tempo.

Houston Rockets – New York Knicks 129-122
HOU: Ariza 14, Anderson 25, Harrell 13, Harden 53 (16 rimb, 17 ass), Hordon 15
NYK: Thomas 11, Noah 15 (16 rimb), Jennings 32, Rose 21, Holiday 15, Kuzminskas 14, Hernangomaz 3 (10 rimb)

James Harden realizza la seconda Tripla-Doppia consecutiva (53+16+17) tirando 9/16 da 3 punti, battuti i New York Knicks (senza Porzingis) di Brandon Jennings visto la pessima prestazione di Carmelo Anthony (3/11 dal campo per 7 punti); NY sta in partita e a 4’17” dalla conclusione un tap-in di Noah vale il -3 (114-111), Harden gioca d’astuzia e conquista un fallo di Holiday su tiro da 3, no tremerà dando vita ad un break di 13-2 chiuso con 2 bombe di Anderson e dello stesso Harden per il +14 (127-113) a 1’16” dalla conclusione. Per Harden anche un record, pareggia Wilt Chamberlain per la Tripla-Doppia con più punti realizzati di sempre.

Utah Jazz – Phoenix Suns 91-86
UTA: Hayward 18, Gobert 18 (18 rimb), Hood 13
PHX: Booker 20, Chandler 8 (11 rimb), Bledsoe 19, Barbosa 12

Vittoria in rimonta e in volata per gli Utah Jazz contro i Suns con Rudy Gobert protagonista; a 5’ dalla fine i Suns mettono la testa avanti sull’83-84 dopo un canestro di Bledsoe, Utah risponderà con un 6-0 firmato Hayward e Gobert (4 punti consecutivi) per il +5 (89-84) a 1’46”. Finale caotico perché i Suns sbaglieranno sia il potenziale canestro del -2 a 1’06” e poi la potenziale tripla del pareggio con Booker a 5” mentre i Jazz erano nel pallone. Due liberi di Hayward a 3” chiuderanno la contesa.

Oklahoma City Thunder – Los Angeles Clippers 114-88
OKC: Adams 11, Oladipo 15, Westbrook 17 (12 rimb, 14 ass), Kanter 23, Abrines 12
LAC: Rivers 14, Speights 18, Bass 18

Tripla-Doppia stagionale n°16 per Russell Westbrook () che trascina i suoi Thunder contro i martoriati Clippers; partita già finita dopo i primi 12’ con OKC avanti 33-12, al riposo lungo il punteggio alla Chesapeake Arena reciterà 69-40 con Westbrook già in Tripla-Doppia (11+10+12)!!! Oklahoma City toccherà anche il +35 nell’arco della partita.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • lorenzo tonelli

    Non mi da l’idea di essere in grado di crearsi un piazzato dentro l’area..e dentro non va spesso e con continuità..

  • Hanamichi Sakuragi

    L’mvp di curry è stato sacrosanto e per la stagione che ha fatto e per quello che hanno fatto l’anno scorso gli altri suoi avversari.. è stato sacrosanto avvenne anche che sia stato unanime perché ha giocato in maniera spaventosa con un fisico ai limiti del ridicolo, che certo non hanno un Westbrook né un harden . È stato unanime non tanto x meriti suoi quanto x demeriti alteri altrui.. basta vedere leonard, che se non ricordo male è arrivato secondo o terzo l’anno scorso, quest’anno giocando più o meno agli stessi livelli è nei 10. inoltre l’mvp l’ha ottenuto giocando praticamente meno di mezz’ora in una squadra che ha battuto il record dei Bulls per cui la frecciatina la ritengo assolutamente fuori luogo. Poi ai po ha fatto cagare e oggi, come hanno spiegato gli altri è sceso di considerazione.
    Infine sul confronto harden vs Thompson.. l’anno scorso era un discorso che ci poteva stare mentre invece quest’anno per come sta giocando il barba, che è lontanissimo da come giocava l’anno scorso, non più

  • Hanamichi Sakuragi

    Complimenti Michele

  • sconocchini

    anche con il senno di allora la trade harden fu definita una follia. e il fatto che non avessero provato a tradare durante era ritenuto un buon indizio del fatto che non sarebbe partito. poco da dire, hanno accannato.

  • Michael Philips

    “Se uno prende Thompson e prova a inserirlo nelle restanti 29 franchigie avra’ una percentuale maggiore a confronto di Harden”

    eppure non hai alcuna prova per confermare questo.
    L’unico è harden che ha giocato in due team diversi, ruoli diversi, e pure ai rockets è passato attraverso stili di gioco agli antipodi. Il suo rendimento lo ha sempre dato.

    Quello che non sappiamo è cosa farebbe klay fuori dal contesto dei warriors.

  • 8gld

    Se prendo Thompson, anche se non si è’ spostato, riesco a collocarlo meglio…Klay fuori dal contesto Warriors rimarrebbe una “pregevole manovalanza”, una guardia pura.
    Puntellando la mia franchigia prima con un play e poi con un pivot se mi chiedessero se voglio Thompson o Harden a due andrei sul primo anche se questo è’ una “pregevole manovalanza” e l’altro è’ un atleta da paragonare con i primi violini. Non ho alcuna prova perché’ Thompson a diversita’ di Harden si adatta meglio, non ha dovuto spostarsi per trovare il suo posto. Harden per trovare la sua dimensione ha rinunciato a quattro anni ad alti livelli, anni dove poteva giocarsi l’anello. Anni persi anche dietro a un ruolo non suo.
    Ora è’ libero di esprimersi ma poteva attendere.
    Per te meglio Harden, io a due vado con Klay.

  • 8gld

    Ps: con Thompson a due potrei anche pensare di prendere Harden a uno…non è’ un primo violino ma, per caratteristiche, Klay lo trovo un atleta molto funzionale. Non è’ un primo violino alla Harden, quest’ultimo richiede molte più’ attenzioni nel costruire una squadra, ma una guardia pura che tende a giocare un basket pulito, utile.

  • Lorenzo Escriva

    ora però non diciamo che harden è meglio di magic….ahahhaha ps.infatti ho scritto “però onestamente se fa questo in attacco per me può non difendere.”

  • Hanamichi Sakuragi

    Anche col senno di.allora puntare su ibaka x harden fu una stronzata