Utah piega i Cavs, colpo Bucks, che Harden!

Notte NBA ricca di colpi di scena come Cleveland che cade male in casa degli Utah Jazz, James Harden altra Tripla-Doppia, Milwaukee senza Antetokounmpo vince niente meno che a San Antonio mentre John Wall decide il match contro i Bulls. Vittorie facili per Hawks, Blazers e Warriors contro Miami.

REGULAR SEASON

Washington Wizards – Chicago Bulls 101-99
WAS: Porter 11, Morris 19, Gortat 10 (12 rimb), Beal 19, Wall 26 (14 ass)
CHI: Gibson 10 (12 rimb), Lopez 14, Carter-Williams 14, Valentine 19, Rondo 12, Portis 13

Washington batte i Bulls privi di Butler e Wade ma lo fa solo nel finale e in rimonta grazie ad una prodezza firmata John Wall; a 57” dalla conclusione Robin Lopez fa 2/2 dalla lunetta per il 97-99 Chicago, Wall prima pareggia a 47” e poi, dopo un errore di Carter-Williams, spara il fadeaway del sorpasso con 5” sul cronometro! Ultimo tiro per gli ospiti nelle mani di McDermott che sbaglierà la tripla della vittoria.

Toronto Raptors – Boston Celtics 114-106
TOR: Carroll 11, Valanciunas 18 (23 rimb), DeRozan 41 (13 rimb), Lowry 24
BOS: Horford 14, Smart 16, Thomas 27, Olynyk 13, Green 14

Vittoria importante per i Toronto Raptors che battono i Boston Celtics trascinati dai 41 punti di DeMar DeRozan e dalla doppia-doppia di Jonas Valanciunas (18+23); finale in volata con le squadre sul 104-104 a 2’23” dopo un layup de solito Thomas, Toronto cambia marcia e trova il break decisivo piazzando 8 punti (4 a testa per DeRozan e Valanciunas) e scappando sul 112-104 a 33”.

Houston Rockets – Charlotte Hornets 121-114
HOU: Ariza 16, Anderson 13, Harrell 14, Harden 30 (15 rimb, 10 ass), Nene 10, Brewer 15
CHA: Williams 16, Lamb 11, Walker 25 (10 ass), Belinelli 15, Hawes 16, Kaminsky 22

Italian Job: Belinelli 15 pt (3/4, 3/9 d 3), 3 rimb, 6 ass, 3 perse in 28’

Altra superba notte di James Harden che firma l’11esima Tripla-Doppia stagionale trascinando i Rockets al 9° successo consecutivo, stavolta battuti gli Hornets; primo tempo sontuoso per i ragazzi di coach D’Antoni che al riposo lungo conducono 67-47 con Harden a quota 22 punti (su 40 finali) con 7 rimbalzi e 6 assist. Charlotte però non molla e dal -20 arriva fino al +1 (110-111) dopo una boman di Kaminsky a 2’27” dalla conclusione! Houston si riaccende con una bomab di Anderson che darà vita al parziale finale di 11-3 per i Rockets.

San Antonio Spurs – Milwaukee Bucks 107-109
SAS: Leonard 30, Lee 10, Gasol 6 (11 rimb), Green 14, Parker 14, Bertans 11, Simmons 14
MIL: Parker 22, Brogdon 17, Beasley 28, Monroe 14

Giannis Antetokounmpo gioca appena 9’ con 0 punti a referto ma i Bucks sbancano di misura San Antonio trascinati da un super Mike Beasley da 28 punti e con Malcolm Brogson eroe nel finale; a 80” dalla sirena finale Danny Green realizza la tripa del +2 Spurs (107-105), contro-risposta del rookie Bucks per il 107-108 Bucks con 68” da giocare. Sbaglia Gasol, sbaglia Beasley, sbaglia Bertans e a 7” Brogdon va in lunetta, non è perfetto e il suo 1/2 lascia ancora una chance agli Spurs che vanno da Ginobili ma l’argentino sbaglierà la tripla della vittoria.

Utah Jazz – Cleveland Cavaliers 100-92
UTA: Hayward 28, Favors 12, Gobert 11 (14 rimb), Hood 18, Hill 13, Leyles 12
CLE: James 29, Love 12, Thompson 12 (12 rimb), Irving 20

Esordio amaro per Kyle Korver con i Cavaliers, 17’ e 2 punti per l’x Hawks nella sconfitta esterna dei campioni sul campo degli Utah Jazz di Gordon Hayward; Utah scappa via grazie ad un 2° periodo da 27-12 complice il 21% dal campo dei Cavs che al riposo lungo sono sotto 56-41. Quel 2° quarto condizionerà la gara perché Cleveland inseguirà senza mai riuscire a stare in scia, arriveranno massimo sul -6 (96-90) a 2’30” dalla fine.

Brooklyn Nets – Atlanta Hawks 97-117
BKN: Bogdanovic 16, Hollis-Jefferson 10, Lopez 20, Kilpatrick 14, LeVert 11
ATL: Sefolosha 10, Millsap 14, Howard 14 (16 rimb), Schroder 19 (10 ass), Humphroes 13, Delaney 12

Los Angeles Lakers – Portland Trail Blazers 87-108
LAL: Deng 14, Randle 6 (10 rimb), Ingram 11, Williams 10
POR: Harkless 14, Aminu 8 (15 rimb), Plumlee 11, McCollum 25, Lillard 20

Golden State Warriors – Miami Heat 107-95
GSW: Durant 28, Green 13, Curry 24, Clark 10
MIA: Whiteside 28 (20 rimb), Dragic 17, T.Johnson 18, J.Johnson 14

Sacramento Kings – Detroit Pistons 100-94
SAC: Gay 11, Tolliver 17, Cousins 24 (13 rimb), Temple 11, Koufos 12
DET: Harris 18, Drummond 9 (12 rimb), Caldwell-Pope 21, Jackson 19

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • michele

    questione amletica eheheh….il punto è che se ricostruisci dando via DMC ( trade con giocatori e scelte in controparte, tanking etc) i casi sono due: o hai la fortuna di pescare un giannis o un porzingis ( che da soli comunque non bastano) oppure rischi di fare la fine di Orlando: dall’addio di Howard sono passati 5 anni, ma sono ancora al punto di partenza, tanti beì giocatorini, speranze e promesse ma nessuno che sposti davvero.

  • mad-mel

    Ci pensano alle finals dare i fischi giusti a lebron…ehehe..

  • mad-mel

    Io ci metto anche Mark Gasol. Stravedo per lui.
    E memphis sta viaggiando alla grande.

  • Michael Philips

    quest’anno Marc sta piacendo anche a me.
    Però al livello di Cousins non lo vedo. Poi che Demarcus abbia una marea di difetti e lacune tecnico-mentali non ci piove. Ma sono pur sempre 28+10+4 ad allacciata di scarpe, col 38% da 3.
    Poi il 45% dal campo mi infastidisce, perché lui è un cazzo di bisonte e dovrebbe segnare minimo col 50%, però insomma, non si può avere tutto.