Booker piega gli Spurs, bene Chicago con Butler

NBA ancora in Messico, ancora con i Phoenix Suns ma stavolta sono loro a vincere sugli Spurs grazie ai 39 di Devin Booker, Chicago risorge col ritorno di Butler, derby di L.A facilmente ai Lakers, Washington batte Phila senza Embiid.

REGULAR SEASON

Los Angeles Clippers – Los Angeles Lakers 113-97
LAC: Rivers 15, Jordan 24 (21 rimb), Redick 10, Paul 20 (13 ass), Felton 15
LAL: Young 11, Williams 13, Clarkson 21, Ingram 14

Derby di Los Angeles che va nuovamente ai Clippers che ci hanno impiegato giusto il 1° tempo per aver la meglio sui giallo-viola, DeAndre Jordan chiude con 12/13 dal campo e 21 rimbalzi; 58-39 Clips con DeAndre Jordan già in Doppia-Doppia (12+10) e un Chris Paul già a quota 7 assist su 13 finali, per i Lakers un desolante 38% dal campo con 16/42 dal campo.

Chicago Bulls – New Orleans Pelicans 107-99
CHI: Butler 28, Gibson 15 (16 rimb), Lopez 6 (10 rimb), Wade 22, Carter-Williams 11
NOP: Hill 10, Favis 36 (14 rimb), Holiday 1 (12 ass), Moore 16, Evans 14

Torna Jimmy Butler (28 punti) e Chicago supera in casa i Pelicans di Anthony Davis; ospiti che sono in partita sul -1 (81-80) subito ad inizio 4° periodo, Chicago però scappa via e lo fa con Dwyane Wade, il #2 realizza 7 punti nel break di 10-2 Bulls per il +9 (91-82) a 7’32” da giocare. Chicago amministrerà il vantaggio fino alla fine con Wade che registrerà 17 punti (su 22 finali) nell’ultimo periodo.

NBA Global Games Mexico City 🇲🇽

Phoenix Suns – San Antonio Spurs 108-105
PHX: Warren 12, Booker 39, Chandler 8 (15 rimb), Bledsoe 17 (10 ass)
SAS: Leonard 38, Aldridge 13, Gasol 3 (10 rimb), Parker 14, Ginobili 16

Secondo Global Game in terra messicana con ancora i Phoenix Suns protagonisti ma stavolta vincenti in rimonta e di misura contro i San Antonio Spurs con ancora Devin Booker protagonista (39 punti); a 1’52” dalla conclusione Spurs avanti 102-103 dopo una bomba del solito Leonard ma sarà Leonard che perderà una sanguinosa palla a 1’21” consentendo a Booker di mettere i due liberi del contro-sorpasso sul 104-103 a 1’08”.
L’esterno dei Suns è caldo, Bledsoe scippa Ginobili e serve il figlio di Melvin per la schiacciata del 106-103 a 52”, nel finale sarà decisivo il 2/2 dalla lunetta di Tucker a 4” per il +3 (108-105) anche perché poi gli Spurs andranno in lunetta con Gasol che sbaglierà entrambi i tiri.

Washington Wizards – Philadelphia 76ers 109-93
WAS: Porter Jr. 10, Morris 14, Gortat 12 (10 rimb), Beal 20, Wall 25
PHI: Ilyasova 18, Okafor 26, Luwawa-Cabarrot 12

I Washington Wizards della “House Of Guards” Wall-Beal fermano la striscia di 3 vittorie consecutive dei Sixers (Embiid fermo per riposo) grazie ad un superbo 3° quarto; Phila parte bene tanto che nel primo tempo tocca anche il +12, al riposo lungo però le squadre vanno negli spogliatoi sul 56-56. Alla ripresa c’è solo una squadra in campo e sono i capitolini, 30-15 reciterà la 3^ frazione con Wall autore di 11 punti e Sixers limitati al 28% dal campo, Washington scapperà sull’86-71 per non girarsi più.

Utah Jazz – Orlando Magic 114-107
UTA: Hayward 23, Favors 17, Gobert 19 (19 rimb), Hood 14, Hill 14
ORL: Gordon 21, Ibaka 13, Vucevic 15, Meeks 12, Payton 28, Green 11

A Salt Lake City match tirato tra Jazz e Magic he ah visto trionfare i padroni di casa solo nel finale e in rimonta; a 3’54” dalla sirena finale sono i Magic a dirigere le operazioni sul 97-102 con la chance di allungare ma una persa di Vucevic scaturirà un fallo di Gordon su tiro da 3 di Hayward dando vita ad un parziale di 13-0 Jazz chiuso con la bomba di Joe Ingles a 1’07” per il 110-102 Utah!

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Altra chicca:
    The performance of the Rockets’ bench is nothing new. Since Dec. 1, the Rockets have outscored teams by more than four more points per 100 possessions with Harden on the bench than when he has been in the game.
    Boooom

  • ILTG6

    Di Paul si parla poco perché non è spettacolare come altre pg ma per efficienza rimane al top della lega: oltre ai 18pt aggionge in rapporto ass/to da paura 9.8 ass, 2.4! To. Il tutto in 31 minuti.

    Sorprendente Butler mentre Lowry non è una sorpresa, è il giocatore più importante della 5 squadra della lega: difende, perde poche palle, da via un buon numero di assist (7 ) ma soprattutto segna 22.5 punti con il 45% da 3, l’attacco dei Raptors numeri alla mano è uno dei migliori di sempre e tanto passa da lui

  • michele

    beh pero’ il massimo dei wolves nell’era Love fu il 40-42 del 2014, distanti diverse W dai playoff…..Davis trascino’ i Pelicans alla post season l’anno dopo con 45W..ok, non moltissima ma la differenza c’è.

  • mad-mel

    Beh il PER di Curry lo scorso anno era qualcosa di allucinante.
    La prima parte di stagione è stato qualcosa di alieno.

  • michele

    beh almeno per i dubs simpatizzerai ancora dai, o ti ha deluso la vicenda durant? e di Harden che dici? il tuo pensiero è reclamato su tutto lo scibile NBA!!!

  • low profile

    Scesi di brutto, loro KD e pure il Golden gate bridge. Vabbè meglio che il ponte non scenda troppo che ci scappa la strage.

    Dubito che il mio pensiero sia così reclamato ma su harden al momento dico che:
    A) Dovesse vincere l’mvp non ci vedrei niente di male, anzi.
    B) Quel suo tipo di basket non porterà mai successo nella post season.

    L’uomo giusto per l’ex baffo. Ma d’altronde lui è il barba. Matrimonio made in heaven, per usare un termine tanto caro al nostro Flavione nazionale

  • michele

    e dei celtics che te ne pare? cmq è una notizia la fine del tuo idillio per i dubs!!! cmq bisogna ricordare che sei stato il primo a vedere le stimmate del campione in Giannis, vedi che il tuo pensiero è importante? 🙂

  • michele

    se sta bene Paul è ancora il play puro per eccellenza della lega (curry, RW e Harden ovviamente straordinari ma non sono play puri).

  • low profile

    Ho avuto culo ehehe

    Sui Celtics penso quello che pensano tutti, ottimo gruppo, eccellente allenatore, un nanetto che fa innamorare ma che per colpe non sue non può essere il corner stone di una squadra da titolo. Manca il Durant dell situazione, anche se per me anche qualcosa meno. Magari la Butler connection vi porta in dote l’ottimo Hayward. Potrebbe bastare.
    Un Cousins potrebbe essere un rischio. Così per fare un esempio

  • Michael Philips

    per fare il precisino, ci tengo a dire che con love in campo i wolves ebbero 39-38 di record!!!

    E i pelicans del 2015 avevano ryan anderson e gordon che, sarà un caso, ma stanno facendo bene anche ai rockets, poi evans era ancora un giocatore.

  • michele

    speriamo anche nella scelta dei nets di giugno, si parla bene di questo draft 🙂

  • gasp

    Paul e i Clippers li aspettiamo ad aprile, visto che il nostro è considerato giustamente un top della Lega ma non ha mai superato il secondo turno…

  • Barone birra

    Bentornato Low profile adesso vorrei tornasse anche nitrorob ,sai che spasso sapere le sue idee riguardo le triple doppie di Russ. Ma chi mi manca di più è il biografo di mj con le sue statistiche. Stanotte Wade ha dimostrato anche a 35 anni che quando sta bene può vincere ancora da solo :idolo. Paul dimostra ancora di essere il giocatore che sposta di più nella Lega dopo LeBron. Senza di lui figuracce a ripetizione con lui 6 w di fila e senza Griffin.

  • ILTG6

    Thomas sarà anche limitato fisicamente ma mi sembra chiaro che abbia qualcosa dentro che lo può portare a fare cose importanti anche in post season, per quello che sta dando e l’approccio che ha non lo scambierei mai, Hayward andrebbe benissimo ma un max per lui non lo spenderei fossi in Ainge, hanno Crowder a 7 mln che sta facendo una signora stagione, devono andare su un lungo, un 4 o un 5 da affiancare a Horford

  • Michael Philips

    Comunque Devin Booker è dato come 198cm, ma a vederlo in campo vicino a Danny Green e Leonard per me non li raggiunge manco col tacco a spillo.

  • Michael Philips

    Stanno letteralmente vincendo col solo attacco. Gordon sesto uomo dell’anno e poi alcuni carneadi come Capela e Harrell stanno rendendo molto bene.

    Non lo vedo un sistema adatto ai playoffs, anche perché se qualcuno(chi ha detto memphis?) li costringe a rallentare, allora sono guai.

  • low profile

    Assolutamente, con quel temperamento IT ha tutto per essere un animale da plyaoffs. Dico solo che i limiti fisici ci sono e non gli permettono di fare pentole e coperchi nella post season. Ma mai parlato di trade, mi riferivo ovviamente a delle aggiunte e nella nba moderna non sono così convinto che avere il go to guy tra i lunghi sia chissà quale vantaggio. Devono coprirsi a rimbalzo e nella protezione del ferro visto che Horford a parte c’è il vuoto pneumatico ma per quella roba li ne trovi di role player specializzati, non devi per forza prendere il lungo dominante. Ben venga poi se ce la fai.
    Dicevo Hayward perchè sa giocare a basket, conosce il coach e ha quel suo modo di fare la differenza che non eclissa i compagni e in un ottimo gruppo come questo con appunto quel nano che ha il fuoco dentro potrebbe essere un fit perfetto. Ma il vil denaro la fa da padrone e semmai mirasse al max dei max oltre a non volerglielo dare tu, ci sarebbe UTAH con più disponibilità ancora.

  • Hanamichi Sakuragi

    Ciao!!!!!!

  • michele

    torna Lavine e Minnie perde….http://m.memegen.com/qklpy5.jpg

  • Hanamichi Sakuragi

    Ho letto un articolo che spiega proprio quello che ha detto lp..il più forte attaccante avverso, marcato da leonard, gira largo in modo da tirare fuori leonard dalla fase difensiva e lasciare i 4 scarsoni a difendere da soli..da qui spiegato, in parte, il falso minus di leonard

  • In Your Weis

    Beh ovviamente non è stata una mia scelta lavorare ad Ankara, mi hanno spedito qui altrimenti col cazzo…

  • gasp

    Puoi linkarlo?