NFL Playoffs 2017: analisi dei Championship!

Penultimo atto dei Playoffs NFL con i Championship che decreteranno quali saranno le due franchigie che si contenderanno il 51° Super Bowl in quel di Houston il 5 febbraio: Patriots-Steelers promette scintille, sfida a 5 stelle ad Atlanta tra Matt Ryan e Aaron Rodgers. Qui l’analisi dei Championship 2017.

AFC Championship Logo

New England Patriots (#1) Pittsburgh Steelers (#3)
(Gillette Stadium, domenica 0:40)

Asur Illustrations - Patriots - Steelers - NFL - Championship 2017L’espressione furba con cui Bill Belichick ha liquidato la domanda su Antonio Brown (e il suo sciagurato video) la dice lunga sulla sicurezza che si vive nell’ambiente Patriots alla vigilia del Championships contro gli Steelers. New England arriva alla finale di Conference senza Rob Gronkowski (per il tight end si vocifera anche di un possibile addio a fine stagione), ma la qualità dell’attacco guidato da Brady risiede principalmente nel variare le soluzioni offensive adattandosi perfettamente agli schemi proposti dagli avversari. La chiave sembra risiedere, in ogni caso, nella capacità dei Patriots di poter far correre l’ovale: nella partita di regular season LaGarrette Blount corse per oltre 120 yards firmando due touchdown e se New England riuscisse a stabilire un gioco di corse simile (magari con Dion Lewis), il compito di Tom Brady potrebbe risultare più facile. L’ex Michigan non ha convinto contro i Texans (due volte intercettato) e sebbene la difesa degli Steelers non valga quella di Houston (soprattutto nelle secondarie), è anche vero che James Harrison & Co. sono saliti paurosamente di livello recentemente e non vanno assolutamente sottovalutati. Sul fronte Steelers sembra sgonfiarsi la polemica legata al video pubblicato da Antonio Brown dopo la vittoria con i Chiefs: il wide receiver aveva pensato bene di andare in “diretta” su Internet mentre coach Tomlin arringava i suoi giocatori dopo il successo a Kansas City. Tomlin, che in privato avrà sicuramente fatto sentire la sua voce, ha cercato di insabbiare la cosa il prima possibile per non creare ulteriori distrazioni: la squadra è sostanzialmente al completo, la difesa ha ripreso a farsi sentire (specie in linea) e davanti le tre B (Ben, Brown e Bell) promettono di bussare spesso alle porte della End-Zone di New England.

Fattore tattico: Se gli Steelers riuscissero a riproporre un running di livello assoluto come contro i Chiefs, (e ricordiamoci che il back up di Bell, Williams, sarebbe comodamente titolare in almeno metà delle franchigie NFL) il controllo del cronometro sarebbe assicurato e con esso la possibilità di tenere fuori dal campo il più possibile Tom Brady. In una partita potenzialmente equilibrata, questo fattore potrebbe essere quello decisivo per le sorti della contesa.

Key Players
PIT: Le’ Veon Bell (RB). Partita con i Chiefs ha ribadito lo stato di forma pazzesco di Le’Veon Bell, l’ex Michigan State si è messo sulle spalle l’attacco dei giallo-neri e con 170 yards (su 30 portate) ha piallato ogni speranza di Kansas City.
NE: Tom Brady (QB). A differenza di Bell, Brady non ha impressionato contro i Texans, incappando in due pericolosi intercetti. Da parte del #12 servirà una prova più convincente perchè, a differenza di Houston, Pittsburgh avrà meno problemi a mettere punti sul tabellone

NFC Championship Logo

Atlanta Falcons (#2) – Green Bay Packers (#4)
(Georgia Dome, domenica 21:05)

Asur Illustrations - Falcons - Packers - NFL - Championship 2017Negli occhi degli aficionados della palla ovale c’è ancora il lancio con cui Aaron Rodgers ha trovato Cook per il guadagno da oltre 30 yards che ha deciso la partita con i Cowboys: il gesto atletico e tecnico dell’ex Cal ha solo ribadito il talento sconfinato del #12 gialloverde che si candida, ora, ad un vero duello fra candidati MVP contro Matt Ryan. Se poi anche Jordy Nelson dovesse recuperare miracolosamente dall’infortunio alle costole (ma forse questa opzione rimane aperta solo per rubare attimi di preparazione al coaching staff dei Falcons) allora l’arsenale a disposizione di Rodgers sarebbe completo.
Dal punto di vista difensivo (e con un reparto di secondarie falcidiato dagli infortuni), i gialloverdi si troveranno davanti un attacco altrettanto micidiale come quello di Atlanta. La squadra della Georgia è apparsa a tratti inarrestabile e, dopo un primo quarto di studio, è venuta a capo anche della difesa di Seattle nel Divisional di sabato scorso. Una curiosità della partita è rappresentata dal confronto fra il defensive end dei Packers Clay Matthews e suo cugino Jake Matthews, left tackle dei Falcons: una delle chiavi della partita potrebbe essere proprio questa “questione di famiglia”.

Fattore tattico: La difesa delle secondarie dei Packers su Julio Jones potrebbe essere il fattore chiave della partita: l’ex Alabama è fuori categoria e pensare di cancellarlo dal campo è pura utopia per le incerottate secondarie dei Packers. La necessità di continui raddoppi su Jones potrebbe esporre le secondarie di Green Bay ad un lunghissimo pomeriggio di sofferenza

Key Players
ATL: Matt Ryan (QB). Matty Ice ha davanti a se l’occasione della vita e dal probabile vincitore del premio di MVP ci si aspetta una prestazione super per trascinare i Falcons all’agognato Superbowl.
GB: Ty Montgomery (RB).L’ex wide receiver trasformato in running back ha sorpreso tutti per la costanza e le yards guadagnate sul terreno negli ultimi tempi. Ad Atlanta servirà anche il suo mattoncino

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B