Kings thriller sui Warriors, Love stende NY!

I Sacramento Kings riescono ad avere la meglio sui Warriors dopo un tempo supplementare con DeMarcus Cousins da quasi Tripla-Doppia, Cleveland vince due volte a New York con Kevin Love protagonista, record per Popovich, bene Washington, Indiana e super Whiteside per Miami.

REGULAR SEASON

Washington Wizards – New Orleans Pelicans 105-91
WAS: Porter 12, Morris 18, Gortat 12 (17 rimb), Beal 12, Wall 24 (13 ass), Oubre Jr. 10
NOP: Jones 15, Davis 25 (10 rimb), Holiday 13 (10 rimb), Evans 15

Washington esplode nell’ultimo quarto, piega New Orleans e firma la 17esima vittoria consecutiva in casa; Pelicans che entrano negli ultimi 12’ avanti 80-83 ma da quel momento calerà il sipario, Washington forzerà gli avversari a soli 8 punti (3/21 dal campo) in tutto il periodo realizzando a sua volta 25 punti!

Atlanta Hawks – Orlando Magic 113-86
ATL: Hardaway Jr. 21, Millsap 21, Howard 11 (13 rimb), Schroder 17 (10 ass), Delaney 12
ORL: Gordon 16, Payton 12, Green 12

Agli Atlanta Hawks invece basta un solido primo tempo per archiviare la pratica Magic; al suono dell sirena del 2° quarto i falchi vanno negli spogliatoi sul 65-39 con ben 4 giocatori in doppia-cifra e un signor 65% dal campo contro il 31% degli ospiti.

Indiana Pacers – Detroit Pistons 105-84
IND: George 21, Allen 18 (11 rimb), Turner 13, Teague 13, Jefferson 13
DET: Morris 19, Leuer 14, Drummond 13

Ad Indianapolis invece è il secondo tempo che fa la differenza in favore dei Pacers alla loro 6^ vittoria consecutiva; Pistons avanti 56-58 all’intervallo, nella ripresa i Pacers cambiano marcia realizzando 49 punti contro i 26 degli avversari rei di 9/30 dal campo in 24’, il tutto senza chiedere tanto a Paul George (7 punti nel 2° tempo).

Miami Heat – Philadelphia 76ers 102-125
MIA: Whitesode 30 (20 rimb), Waiters 21, Dragic 16, T.Johnson 16, J.Johnson 10, Ellington 11
PHI: Ilyasova 21, Henderson 12, McConnell 11, Holmes 12, Rodriguez 10

Senza Joel Embiid per i Miami Heat è tutto facile battere i Sixers con il miglior Hassan Whiteside della stagione dal 30+20, vittoria consecutiva n°10; match finito già dopo i primi 12’ con i padroni di casa sul 32-17 e Whiteside già in doppia-doppia con 17 punti e 11 rimbalzi!

New York Knicks – Cleveland Cavaliers 104-111
NYK: Anthony 17, Jennings 23 (10 ass), Hernangomez 16
CLE: James 32 (10 ass), Love 23 (16 rimb), Thompson 12, Korver 11, Frye 14

Al Madison Square Garden i Cavaliers (senza Irving) devono vincerla due volte contro i Knicks con il rientrante Kevin Love (23+16) decisivo nel finale; prima parte di gara di assoluto dominio Cavs che toccheranno anche il +27 per chiudere sul 45-64 al riposo lungo con LeBron James a quota 19 punti. Nella ripresa sistematico calo dei campioni in carica, NY ci crede e arriverà fino al -5 (101-106) con 59” da giocare, James però piazza il suo 10° assist per la bomba di K-Love a 44” per il +8 che manderà i titoli di coda.
Per James anche un altro traguardo, il più giovane di sempre a raggiungere quota 28 mila punti in carriera.

Utah Jazz – Charlotte Hornets 105-98
UTA: Hayward 33, Gobert 8 (15 rimb), Hill 25, Exum 11, Johnson 18
CHA: Williams 16 (12 rimb), Kaminsky 15, Batum 11, Walker 18, Lamb 12, Belinelli 13

Italian Job: Belinelli 13 pt (1/3, 3/6, 2/2), 2 rimb, 1 persa in 23’

Charlotte mette a dura prova i Jazz che però escono nel finale e vincono grazie anche ai 33 punti di Gordon Hayward; ospiti avanti 73-82 ad inizio dell’ultimo quarto per via i un ottimo 3° da 38-21; Utah però non ci sta, Hayward realizza 12 dei suoi 33 ma soprattutto Utah piazza un terrificante break di 23-6 con boma di Joe Johnson a 59” per il 103-96!

Phoenix Suns – Milwaukee Bucks 112-137
PHX: Warren 10, Chriss 27, Chandler 5 (13 rimb), Booker 31, Bledsoe 13, Tucker 13
MIL: Antetokounmpo 30 (12 rimb), Parker 18, Henson 15, Monroe 13, Teletovic 19, Brogdon 13

Milwaukee risorge in quel di Phoenix col solito Giannis Antetokounmpo da 30+12+6 in una partita fortemente indirizzata dopo i primi 12’; il greco ne realizza 18 dei suoi 30 nel 1° quarto trascinando i Bucks sul 25-45, Phoenix abbozzerà una rimonta chiudendo il primo tempo sotto di 8 (66-74) ma Milwaukee non cederà e nell’ultima frazione ristaccherà nuovamente i padroni di casa.

San Antonio Spurs – Denver Nuggets 121-97
SAS: Leonard 19, Aldridge 12, Parker 18, Ginobili 18, Mills 10, Simmons 18
DEN: Chandler 10, Jokic 11, Murray 20

Italian Job: Gallinari DNP

Notte di festa a San Antonio, battuti i Nuggets senza difficoltà e record per coach Gregg Popovich, superato al 1° posto Jerry Sloan per vittorie All-Time con la stessa franchigia, 1,128! Denver tiene botta nel primo tempo (56-50), ma come da prassi gli Spur cambiano marcia e piazzano un 3° quarto da 35-22 Con Leonard da 12 e Mills da 10 punti.

Minnesota Timberwolves – Memphis Grizzlies 99-107
MIN: Wiggins 23, Dieng 2 (13 rimb), Toens 27 (16 rimb), Rubio 14, Muhammad 11, Jones 10
MEM: Ennis III 13, Green 29, Conley 20, Carter 11, Daniels 11

Notte da dimenticare per i Timberwolves, prima della partita perdono per tutta la stagione Zach LaVine (ACL ginocchio sinistro), poi di fanno batter in rimonta da Grizzlies privi di Marc Gasol; 1° quarto super per Minnie che vola sul 31-15, Memphis risponde con un 2° periodo da 33-17 per andare negli spogliatoi sul 48-48. Il break decisivo arriverà a 4’23” dalla fine del match, sul +3 Memphis piazza un 11-0 con JaMychal Green autore di ben 8 punti consecutivi per il +12 (4-96) a 1’59”.

Sacramento Kings – Golden State Warriors 109-106 OT
SAC: Cousins 32 (12 rimb), McLemore 10, Collison 18, Tolliver 11, Barnes 11 (14 rimb), Cauley-Stein 14
GSW: Durant 10, Green 16, Thompson 26, CUrry 35

Partita della notte al Golden 1 Center di Sacramento dove i Kings hanno la meglio sui Warriors dopo un tempo supplementare con DeMarcus Cousins ad un assist dalla Tripla-Doppia (32+12+9); Kings che prima si vedono pareggiare a 57” da Green col layup del 98-98 e poi rischiano di nuovo la beffa sulla sirena ma Klay Thompson non troverà il bersaglio, nel mezzo una tripla sbagliata a testa da Cousins e Curry.
L’Extra-Tie vede subito i Kings piazzare un break in apertura di 7-0 per il 105-98, Golden State però non molla e arriva sul -1 (107-106) a 41” con la schiacciata di Green, Kings nel panico, Cousins sbaglia ma i Warriors non lo puniscono perché CUrry per due volte consecutive, soprattutto la seconda dove da solo sbaglierà il layup, non troverà il canestro e a 3” Darren Collison conquista il rimbalzo, va in lunetta e fa 2/2 per il +3.
Ci sono ancora 3” da giocare, Golden State va da Draymond Green ma neanche per lui c’è fortuna.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Un giocatore come LaVine qst tipo di infortunio potrebbe essere devastante…

  • gasp

    Mamma mia Booker, appena vent’anni ed è già un realizzatore sopraffino, segni di onnipotenza nel secondo quarto…

  • michele

    gli infortuni sono le vere sciagure di questo sport, con buona pace di chi frigna perché non si riesce a trovare il decimo uomo della rotazione….forza zach!

  • michele

    decimo assist di James degno di Brady, visto che siamo sotto superbowl. Curry ha invece voluto emulare il courtney lee delle finals 2009 ehehehhe